Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1977 Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 31/01/2024]

Nozione

Dispositivo dell'art. 1977 Codice Civile

(1)La cessione dei beni ai creditori è il contratto col quale il debitore(2) incarica i suoi creditori o alcuni di essi di liquidare tutte o alcune sue attività e di ripartirne tra loro il ricavato in soddisfacimento dei loro crediti [1982; 160 n. 2, 181 n. 3, 182, 186 l.f.](3)(4).

Note

(1) Si tratta di un contratto consensuale, ad effetti obbligatori (1376 c.c.) che richiede la forma scritta per la validità della stipula (1978 c.c.).
(2) La norma si riferisce al concetto di debitore in generale e, quindi, tale è, ad esempio, anche il fideiussore.
(3) Strutturalmente, quindi, il contratto di cessione di beni ai creditori configura un'ipotesi di mandato (1703 c.c.) conferito anche nell'interesse del creditore mandatario (v. 1723, 2 c.c.).
(4) Si vedano gli articoli 160, 182 e 186 del R.D. 16 marzo 1942, n. 267, Legge fallimentare, che disciplinano il concordato preventivo mediante cessione dei beni.

Ratio Legis

La fattispecie in esame soddisfa l'interesse di entrambe le parti ad estinguere il debito in modo rapido: in particolare, atteso che il debito è certo e che il debitore, quindi, non potrebbe contestarlo nel merito, ciò che si evita è la lungaggine del processo esecutivo (2910 ss. c.c.).

Brocardi

Bonorum cessio
Procurator in rem suam

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 1977 Codice Civile

Cass. civ. n. 17060/2007

L'art. 2941 n. 6 del codice civile che dispone la sospensione della prescrizione tra le persone i cui beni siano sottoposti per legge o per provvedimento del giudice all'amministrazione altrui e quelle da cui l'amministrazione è esercitata non è applicabile estensivamente ai rapporti tra debitore e creditori del concordato preventivo con cessione dei beni perché la titolarità dell'amministrazione dei beni ceduti spetta esclusivamente al liquidatore che la esercita non in nome o per conto dei creditori ma nel rispetto delle direttive impartite dal tribunale. (Cassa senza rinvio, App. Brescia, 7 Maggio 2004).

Cass. civ. n. 5306/1999

La cessione dei beni proposta con la istanza di concordato preventivo non si perfeziona già con il deposito di essa o — quantomeno — con il decreto di ammissione assecondato dalla pubblicità prevista dall'art. 166 della legge fallimentare, e neppure con la sentenza di omologazione del concordato, dovendosi invece l'istituto in questione ricondurre, sia pure con le caratteristiche proprie di un procedimento complesso ed articolato, alla figura generale della cessione dei beni ai creditori prevista dall'art. 1977 c.c., la quale si sostanzia in un mandato irrevocabile a gestire e liquidare i beni del debitore, senza alcuna efficacia traslativa alla proprietà, e con il quale si conferisce agli organi della procedura la legittimazione a disporre dei beni dell'imprenditore al fine di soddisfare il ceto creditorio.

Cass. civ. n. 5177/1990

Con il contratto di cessione dei beni ai creditori viene attribuito ai cessionari soltanto un potere di disposizione finalizzato alla liquidazione ed al riparto per cui il debitore cedente conserva la titolarità e l'esercizio diretto delle azioni relative alle attività cedute, che può espletare anche nei rapporti interni della cessione, senza che l'esercizio di tali azioni comporti la necessità del litisconsorzio dei creditori cessionari.

Cass. civ. n. 531/1990

Colui che ha stipulato la cessione di propri beni ai creditori non può invocare, ai fini della risoluzione per eccessiva onerosità di una vendita compiuta dal liquidatore di quei beni, il proprio stato di bisogno come conseguenza automatica della situazione di difficoltà in cui versa, atteso che la cessione dei beni ai creditori non postula di per sé, l'esistenza di uno stato di bisogno del cedente, potendo determinare il debitore alla cessione anche considerazioni opportunistiche o di calcolo, quale l'intento di ricavare dalla cessione dei beni un risultato più vantaggioso di quello correlato all'assoggettamento dello stesso a plurime azioni esecutive.

Cass. civ. n. 4135/1981

Il contratto previsto dall'art. 1977 c.c. — che, anche se non attua immediatamente una solutio , ha una funzione solutoria, attenendo la sua causa al soddisfacimento dei crediti — è caratterizzato dall'intento, comune al cedente ed ai cessionari, di liquidare, in tutto o in parte, il patrimonio del debitore, al fine di ripartirne il ricavato fra i creditori. Pertanto, ai fini della configurabilità di tale contratto, non è sufficiente che il debitore dichiari di mettere i suoi beni a disposizione dei creditori, ma occorre che il debitore medesimo — mediante una inequivoca manifestazione di volontà (l'accertamento della cui sussistenza costituisce un giudizio di fatto riservato al giudice del merito) — conferisca ai creditori un mandato a liquidare i suoi beni e soddisfarsi con il ricavato di tale liquidazione.

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 1977 Codice Civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

A. S. chiede
mercoledì 22/02/2023 - Lombardia
“Egregio Avvocato/commercialista

con la cessio-bonorum i beni possono essere ceduti al creditore invece di conferire il mandato di vendita con la facoltà di tenere l'incasso? Quindi il debitore fa la fattura al creditore e viene effettuata una compensazione tra debiti e crediti?
Il contratto deve essere necessariamente registrato?”
Consulenza legale i 01/03/2023
Ai sensi dell’art. 1977 c.c. la cessione di beni ai creditori (cessio bonorum) è il contratto col quale il debitore incarica i suoi creditori o alcuni di essi di liquidare tutte o alcune sue attività e di ripartirne tra loro il ricavato in soddisfacimento dei loro crediti. La cessione dei beni si deve fare per iscritto, sotto pena di nullità. Inoltre, se tra i beni oggetto della cessione vi sono immobili, il contratto deve essere concluso per atto pubblico o scrittura privata autenticata e dovrà essere registrato.

La cessione dei beni costituisce per il debitore un'importante possibilità per evitare gli effetti di una esecuzione forzata. Secondo la normativa italiana, per recuperare un credito scaduto, il creditore può ricorrere alla liquidazione forzata del patrimonio del debitore, tramite esecuzione individuale (nel caso di consumatori o imprese non fallibili) o istanza di fallimento o altre procedure concorsuali (in tutti gli altri casi). Una valida alternativa può essere rappresentata dal ricorso alla cessione dei beni del debitore.
Si ritiene possa essere una soluzione migliorativa degli interessi di entrambe le parti; infattile tempistiche di liquidazione sono più brevi, meno rigide e più formali, evitando le vendite in asta e il ricorso al tribunale, beneficiando anche di un risparmio sui costi di procedura. Inoltre, vi è una maggiore possibilità di ottenere una liquidità maggiore anche a seguito di una minor perdita di valore in asta del bene.

La sottoscrizione del contratto da parte dei creditori limita la possibilità che questi possano compiere azioni esecutive su altri beni del creditore, è necessario infatti che i beni oggetto del contratto siano stati venduti e il riparto sia avvenuto, diversamente, potranno iniziare tali azioni esecutive solo dopo aver risolto il contratto di cessio bonorum (art. 1980 del c.c.).
Inoltre, il debitore ai sensi dell’ art. 1980 del c.c. e art. 1983 del c.c. non può disporre dei beni ceduti ma mantenerne il controllo sull’operato dei creditori.
La caratteristica di questo contratto è che la proprietà dei beni non passa ai creditori, i quali ne hanno solo la disponibilità per poterli vendere e distribuire tra di loro il ricavato (ed eventualmente restituire il residuo al debitore).

Ai sensi dell’art. 166 del codice della crisi d'impresa gli atti estintivi di debiti pecuniari scaduti ed esigibili non effettuati con danaro o con altri mezzi normali di pagamento, se compiuti dopo il deposito della domanda cui è seguita l’apertura della liquidazione giudiziale o nell’anno anteriore sono oggetto di azione revocatoria. La revocatoria fallimentare rappresenta, infatti, il principale strumento di tutela della par condicio creditorum e di rispetto del divieto di alterazione del legittimo ordine dei privilegi.

Nel caso di specie, dato che la Società non è in grado di estinguere il proprio debito con mezzi monetari, utilizzerebbe infatti un mezzo anormale di pagamento effettuando la vendita dei propri beni.

Dall’analisi della bozza di contratto inviatoci si evince come, nel caso in cui la Società venisse dichiarata fallita, la possibilità che vi sia un creditore che chieda l’azione revocatoria su tale vendita sembrerebbe remota visto quanto dichiarato e quindi che non vi siano altri creditori al di fuori della controparte. Tale strada potrebbe essere fattibile a condizione che il creditore sia interessato all’acquisto, visto che in tal caso si tratterebbe di una vendita a tutti gli effetti e non più di cessio bonorum.
Il contratto di vendita sarà nella forma richiesta dall'oggetto della cessione; se beni immobili dovrà essere stipulato in forma di atto pubblico o scrittura privata autenticata ed essere trascritto nei registri immobiliari. Successivamente, si potrà procedere con la compensazione delle partite di credito/debito; in tal caso la forma sarà libera.