Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2253 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Conferimenti

Dispositivo dell'art. 2253 Codice civile

Il socio è obbligato a eseguire i conferimenti (1) suscettibile di valutazione economica determinati nel contratto sociale [2247, 2286, 2295, n.5].

Se i conferimenti non sono determinati (2), si presume che i soci siano obbligati a conferire, in parti uguali tra loro, quanto è necessario per il conseguimento dell'oggetto sociale [2282, 2295 n.5].

Note

(1) E' dato da ogni utilità suscettibile di valutazione economica (denaro, prestazione d'opera, proprietà o altri diritti di godimento su beni mobili o immobili, obblighi di fare o non fare, ecc. ecc.) che ciascun socio si obbliga a conferire alla società al fine di costituire il patrimonio necessario per il suo funzionamento della stessa.
(2) Per la società semplice vige la presunzione di eguale obbligo di conferimento del socio e di eguale partecipazione del medesimo alla società, salvo patto contrario.

Ratio Legis

Il versamento in conto capitale determina una uscita pecuniaria dal patrimonio del socio che entra a far parte del patrimonio della società, da usare solo in conformità alla volontà sociale.
La presunzione di eguale obbligo di conferimento in parti uguali implica la presunzione di eguale partecipazione di ciascun socio alla società che è comunque indipendente dall'effettivo conferimento. La mancata attribuzione dello stesso può dar luogo solo ad azioni dirette a costringere il socio moroso all'adempimento.

Spiegazione dell'art. 2253 Codice civile

La disciplina dei conferimenti

I conferimenti sono le prestazioni alle quali si obbligano le parti del contratto di società e ne costituiscono uno degli elementi essenziali. Nelle società di persone, la valutazione dei conferimenti è rimessa alla volontà dei soci, i quali possono discrezionalmente sopravvalutare o sottovalutare il loro apporto.
Gli apporti dei soci svolgono la funzione di fornire gli strumenti per l'esercizio dell'attività sociale ed è possibile conferire, nella società di persone, qualsiasi entità suscettibile di valutazione economica che sia utile per il conseguimento dell'oggetto sociale.
Il conferimento costituisce il presupposto della partecipazione sociale: a seguito del conferimento il conferente acquisisce la qualifica di socio.

Tra i beni e i diritti che possono esseri oggetto di conferimenti si annoverano:
- il denaro: che costituisce la principale tipologia di apporto dei soci;
- la proprietà: il conferimento di beni in proprietà è previsto dall'art. 2254 del c.c., che ne disciplina il profilo della garanzia;
- i crediti: possono essere oggetti di conferimento sia i crediti pecuniari che i crediti aventi ad oggetto prestazioni di opere o servizi;
- i diritti di godimento reali o personali: possono essere oggetto di conferimento anche i diritti di godimento, come ad esempio l'usufrutto o l'uso di un bene, un diritto di locazione;
- i contratti: è ammissibile il conferimento di un contratto, in cui la prestazione della controparte non sia ancora eseguita;
- l'opera: si ha il conferimento d'opera quando il socio si obbliga a svolgere una determinata attività manuale o intellettuale a fovore della società;
- l'azienda: può essere conferito anche il godimento o la proprietà dell'azienda o di un ramo della stessa.



Massime relative all'art. 2253 Codice civile

Cass. civ. n. 2536/2016

I conferimenti di beni in natura dei soci fondatori integrano negozi traslativi diretti in favore della società, sia essa personale o di capitali, la quale, pertanto, nella veste di parte acquirente, è l'unico necessario e legittimo contraddittore della domanda volta a renderli inopponibili, salvo l'interesse dei primi all'intervento adesivo in ragione dell'affidamento riposto nel conferimento in natura, soprattutto se riguardi un bene essenziale all'attività sociale la cui eventuale perdita, per effetto dell'azione esecutiva del creditore particolare, ponga a rischio la stessa esistenza della società.

Cass. civ. n. 2758/2012

L'erogazione di somme, che a vario titolo i soci effettuano alle società da loro partecipate, può avvenire a titolo di mutuo, con il conseguente obbligo per la società di restituire la somma ricevuta ad una determinata scadenza, oppure di versamento destinato ad essere iscritto non tra i debiti, ma a confluire in apposita riserva "in conto capitale", o altre simili denominazioni, il quale dunque non dà luogo ad un credito esigibile, se non per effetto dello scioglimento della società e nei limiti dell'eventuale attivo del bilancio di liquidazione, ed è più simile al capitale di rischio che a quello di credito, connotandosi proprio per la postergazione della sua restituzione al soddisfacimento dei creditori sociali e per la posizione del socio quale "residual claimant". La qualificazione, nell'uno o nell'altro senso, dipende dall'esame della volontà negoziale delle parti, dovendo trarsi la relativa prova, di cui è onerato il socio attore in restituzione, non tanto dalla denominazione dell'erogazione contenuta nelle scritture contabili della società, quanto dal modo in cui il rapporto è stato attuato in concreto, dalle finalità pratiche cui esso appare essere diretto e dagli interessi che vi sono sottesi. (Nella specie, la C.S. ha cassato la sentenza impugnata, la quale, dopo avere riferito la circostanza secondo cui l'accordo di finanziamento, intervenuto fra i soci, prevedeva il rimborso solo dopo il ripianamento dei debiti e la messa in liquidazione della società, aveva poi qualificato i versamenti come erogazione di capitale di credito, anziché di rischio, senza considerare inoltre come fosse del tutto irrilevante l'eventuale preferenza di un socio rispetto al rimborso di altri analoghi versamenti operati da altri soci).

Cass. civ. n. 7692/2006

I versamenti operati dai soci in conto capitale (o con altra analoga dizione indicati), pur non incrementando immediatamente il capitale sociale, e pur non attribuendo alle relative somme la condizione giuridica propria del capitale (onde non occorre che siano conseguenti ad una specifica deliberazione assembleare di aumento dello stesso), hanno tuttavia una causa che, di norma, è diversa da quella del mutuo ed è assimilabile a quella del capitale di rischio. Essi, pertanto, non danno luogo a crediti esigibili nel corso della vita della società, e possono essere chiesti dai soci in restituzione solo per effetto dello scioglimento della società, e nei limiti dell'eventuale residuo attivo del bilancio di liquidazione. Ciò non esclude, tuttavia, che tra la società ed i soci possa viceversa essere convenuta l'erogazione di capitale di credito, anziché di rischio, e che i soci possano effettuare versamenti in favore della società a titolo di mutuo (con o senza interessi), riservandosi in tal modo il diritto alla restituzione anche durante la vita della società. Fermo restando che è a carico dell'attore l'onere di fornire la prova del titolo posto a fondamento della domanda, stabilire se, in concreto, un determinato versamento tragga origine da un mutuo, o se invece sia stato effettuato quale apporto del socio al patrimonio dell'impresa collettiva, è questione di interpretazione della volontà delle parti, riservata al giudice di merito, il cui apprezzamento non è censurabile in cassazione, se non per violazione delle norme giuridiche che disciplinano l'interpretazione della volontà negoziale o per eventuali carenze o vizi logici della motivazione che quell'accertamento sorregge.

In tema di società, ai fini della ricostruzione dell'intento perseguito dai soci attraverso gli apporti finanziari effettuati in favore della società, il riferimento alla denominazione con cui gli stessi sono stati annotati nella contabilità sociale non è di per sé sufficiente, in difetto di più specifiche indicazioni circa la natura e le condizioni del finanziamento, per qualificare il conferimento come versamento in conto capitale, anziché a titolo di mutuo, stante anche la varietà e la relativa imprecisione che sovente caratterizzano tali denominazioni ed annotazioni contabili. Poiché, peraltro, i conferimenti in conto capitale concorrono a costituire una riserva di patrimonio netto, mentre i versamenti a titolo di mutuo vanno iscritti tra i debiti, la circostanza che nel bilancio della società, a suo tempo approvato dai soci, quei versamenti risultino collocati in una voce di debito, è certamente un elemento dal quale il giudice può trarre argomento per ricostruire la natura dell'operazione finanziaria, soprattutto qualora detta collocazione si accompagni a considerazioni ulteriori, desunte dal tenore di clausole statutarie o dalle finalità pratiche al cui perseguimento il finanziamento appare preordinato.

Cass. civ. n. 9209/2001

L'accoglimento della domanda con la quale il socio di una società di capitali chieda la condanna della società a restituirgli somma da lui in precedenza versate alla società medesima richiede la prova che detto versamento sia stato eseguito per un titolo che giustifichi la pretesa di restituzione: prova che deve essere tratta non tanto dalla denominazione con la quale il versamento è stato registrato nelle scritture contabili della società, quanto soprattutto dal modo in cui concretamente è stato attuato il rapporto, dalle finalità pratiche cui esso appare essere diretto e dagli interessi che vi sono sottesi. È questione di interpretazione della volontà negoziale delle parti stabilite se l'indicato versamento tragga origine da un rapporto di mutuo o se invece esso sia stato effettuato a titolo di apporto del socio al patrimonio di rischio dell'impresa collettiva; nel qual ultimo caso il diritto alla restituzione, prima e al di fuori del procedimento di liquidazione della società, sussiste solo qualora il conferimento sia stato risolutivamente condizionato alla mancata successiva deliberazione assembleare di aumento del capitale nominale della società e tale deliberazione non sia intervenuta entro il termine stabilito dalle parti o fissato dal giudice.

Cass. civ. n. 9471/2000

Al fine di accertare se il versamento del socio alla società possa ritenersi effettuato per un titolo che ne giustifichi la restituzione al di fuori dell'ipotesi di liquidazione, occorre accertare quale sia stata la reale intenzione dei soggetti (socio e società) tra i quali il rapporto si è instaurato, verificando, secondo le regole interpretative della volontà negoziale, se tra le parti sia intercorso un rapporto di finanziamento inquadrabile nello schema del mutuo, o se sia intervenuto un contratto atipico di conferimento di capitale (inteso come capitale di rischio, in senso economico, e non come capitale nominale, in senso giuridico); in tale attività ermeneutica il giudice di merito può attribuire valore prevalente alla classificazione contabile con cui l'operazione è stata registrata nei libri della società, giacché la considerazione di una pluralità di elementi ermeneuticamente rilevanti non esclude la selezione di essi in base alla rispettiva valenza e quindi la collocazione di uno o alcuni di essi in posizione di preminenza nell'iter formativo del convincimento del giudice, con la conseguenza che deve ritenersi corretta la prevalenza accordata al dato letterale emergente dalla classificazione contabile, ove esso sia esente da lacune o ambiguità. (Fattispecie relativa a società di persone).

Con il versamento in conto capitale, l'entità pecuniaria che ne forma l'oggetto fuoriesce dal patrimonio del soggetto che vi provvede ed entra a far parte del patrimonio della società (dotato di alterità giuridica rispetto al patrimonio dei singoli soci) e può essere utilizzato soltanto in conformità alla volontà sociale determinatasi nei modi previsti dalla legge; ne consegue che per la distrazione di somme costituenti oggetto di tale versamento nelle società di persone, non è sufficiente una determinazione degli amministratori, giacché la volontà riferibile a tale tipo di società è governata dal principio della collegialità e, nell'ambito di questo, dal principio dell'unanimità, con le sole eccezioni previste dalla legge.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Trattato società di persone

    Pagine: 3520
    Data di pubblicazione: novembre 2015
    Prezzo: 180,00 -5% 171,00 €

    Il Trattato approfondisce le disposizioni del codice civile dedicate alle società di persone e alle loro vicende giuridiche, attraverso un commento autorale di alto profilo che coniuga l'analisi degli aspetti di maggior interesse nell'attività professionale, giuridica e notarile, con l'esame degli orientamenti della giurisprudenza e degli spunti più significativi offerti dalla dottrina. L'opera è arricchita da una selezione delle formule di uso frequente... (continua)

  • Le nuove società di persone. Con e-book

    Editore: Zanichelli
    Collana: Dottrina Casi Sistemi
    Pagine: 704
    Data di pubblicazione: giugno 2014
    Prezzo: 120,00 -5% 114,00 €

    Le società di persone, anche dopo la riforma del 2003, continuano a rappresentare una realtà giuridica ed economica di rilievo nel panorama delle imprese collettive.

    Le innovazioni introdotte nel 2003 concernono, come è noto, le società di capitali e le cooperative: tuttavia, in alcuni casi direttamente, in molte ipotesi in via indiretta, hanno profondamente inciso sulla disciplina della società a base personale e sulla sua interpretazione, tanto... (continua)

  • La società in nome collettivo

    Editore: Giuffrè
    Collana: Trattati
    Data di pubblicazione: maggio 2015
    Prezzo: 90,00 -5% 85,50 €

    La collocazione nel codice civile, al centro tra le società di persone, rende la società in nome collettivo innanzitutto soggetto giuridico, centro di imputazione di situazioni attive e passive, ma non consente di attribuirle natura di persona giuridica, per l'assoluta preminenza delle caratteristiche (e delle facoltà) dei soci che vi partecipano. E rimane l'abilitazione all'esercizio di impresa commerciale, innestata sulla base strutturale dell'art. 2247 c.c.,... (continua)

  • Le società
    Le società in generale. Le società di persone

    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: dicembre 2015
    Prezzo: 22,00 -5% 20,90 €
  • Le nuove società di persone. Con e-book

    Editore: Zanichelli
    Collana: Dottrina Casi Sistemi
    Pagine: 704
    Data di pubblicazione: luglio 2014
    Prezzo: 124,00 -5% 117,80 €

    Le società di persone, anche dopo la riforma del 2003, continuano a rappresentare una realtà giuridica ed economica di rilievo nel panorama delle imprese collettive. Le innovazioni introdotte nel 2003 concernono, come è noto, le società di capitali e le cooperative: tuttavia, in alcuni casi direttamente, in molte ipotesi in via indiretta, hanno profondamente inciso sulla disciplina della società a base personale e sulla sua interpretazione, tanto da poter... (continua)