Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 12 Codice penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Riconoscimento delle sentenze penali straniere

Dispositivo dell'art. 12 Codice penale

Alla sentenza penale straniera pronunciata per un delitto può essere dato riconoscimento [730c.p.p. ]:

  1. 1) per stabilire la recidiva o un altro effetto penale della condanna, ovvero per dichiarare l'abitualità o la professionalità nel reato o la tendenza a delinquere;
  2. 2) quando la condanna importerebbe, secondo la legge italiana, una pena accessoria (1);
  3. 3) quando, secondo la legge italiana, si dovrebbe sottoporre la persona condannata o prosciolta, che si trova nel territorio dello Stato, a misure di sicurezza personali;
  4. 4) quando la sentenza straniera porta condanna alle restituzioni o al risarcimento del danno [185], ovvero deve, comunque, esser fatta valere in giudizio nel territorio dello Stato, agli effetti delle restituzioni o del risarcimento del danno, o ad altri effetti civili [185-198; c.p.p. 741].

Per farsi luogo al riconoscimento, la sentenza deve essere stata pronunciata dall'autorità giudiziaria di uno Stato estero col quale esiste trattato di estradizione. Se questo non esiste, la sentenza estera può essere egualmente ammessa a riconoscimento nello Stato, qualora il Ministro della giustizia ne faccia richiesta. Tale richiesta non occorre se viene fatta istanza per il riconoscimento agli effetti indicati nel numero 4 (2) (3).

Note

(1) Per quanto riguarda la disciplina speciale degli stupefacenti si rimanda all' art. 85, comma 2, d.P.R. n. 309/1990.
(2) Relativamente ai rapporti tra amnistia (v. 151) e riconoscimento, quest'ultimo è ammissibile solo in relazione ad una sentenza di condanna relaiva a un delitto sottoposto nel nostro Stato o in quello estero ad amnistia che lasci sussistere gli effetti penali (si parla di c.d. amnistia impropria).
(3) Le condizioni e i presupposti del riconoscimento sono ulteriormente previsti negli articoli 730 e 732 c.p.p.

Ratio Legis

In tale sede il legislatore affronta il tema del riconoscimento delle sentenze penali straniere.
L'ordinamento italiano accoglie la regola generale dell'ineseguibilità delle sentenze penali straniere. Tale regola non ha valore assoluto e sono pertanto ammesse deroghe, qualora gistificate. Si tratta dei casi in cui la pronuncia comporta conseguenze a carico del condannato suscettibili di essere realizzate nel nostro ordinamento, per uno dei fini secondari previsti tassativamente nella norma in esame e rispondenti per lo più all'esigenza di meglio adeguare il diritto penale italiano alla personalità etico-criminologica del delinquente, salva l'ipotesi di cui al n. 4), che prende in considerazione gli effetti civilistici della sentenza. Si ricordi che il riconoscimento è comunque subordinato, oltre all'irrevocabilità, al ricorrere della doppia incriminabilità ed al rispetto, in sede di emanazione, dei principi di civiltà giuridica.
Infine si tenga conto del fatto che il principio di ineseguibilità dei giudicati penali stranieri ha subito nel tempo delle attenuazioni per effetto di convenzioni internazionali (v. Convenzione europea sulla validità internazionale dei giudizi repressivi resa esecutiva in Italia con la legge 16 maggio 1977, n. 305).

Spiegazione dell'art. 12 Codice penale

Al di là di quanto previsto dall'Accordo di Schengen per il riconoscimento delle sentenze degli Stati membri, alla sentenza penale straniera (passata in giudicato) può essere dato riconoscimento non ai fini dell'esecuzione in Italia della pena stricto sensu intesa, quanto piuttosto per dare esecuzione a misure e pene accessorie alla pena decisa con sentenza in uno Stato estero, ovvero quando viene in rilievo il diritto di chiedere un'azione di condanna civile in Italia per un fatto commesso all'estero.
In conseguenza di quanto detto, il riconoscimento della sentenza straniera, non determinando l'esecuzione in Italia della relativa pena, non è impedito dall'estinzione di essa per decorso della prescrizione.

Per quanto riguarda le ipotesi di cui al n.1), esse presuppongono lo svolgimento di un nuovo giudizio in Italia ed il riconoscimento serve a valutare la personalità del reo e modulare la pena in conseguenza della pericolosità sociale manifestata, anche in precedenza.

Al n. 2) viene concesso al Giudice di poter applicare pene accessorie, come ad esempio l'interdizione dai pubblici uffici, quando, in conseguenza dell'accertamento in merito alla commissione di un reato, in Italia verrebbe applicata una pena accessoria, la quali, si precisa, consegue automaticamente a determinate sentenze di condanna (art. 28 ss).

L'ipotesi di cui al n. 3) è invece strettamente correlata alla pericolosità sociale del reo, cui in Italia potrebbe seguire l'applicazione di misure di sicurezza. Tali misure, per l'ordinamento italiano, non presuppongono necessariamente una sentenza di condanna, ma sono applicabili in base ad una valutazione del Giudice circa la sola pericolosità del soggetto.

Al n. 4) trattasi invece di ipotesi che permettono alla persona offesa di instaurare efficacemente anche in Italia giudizi atti ad ottenere il risarcimento del danno, la restituzione di beni od altri effetti civili per fatti di reato commessi all'estero.

Per il riconoscimento è necessaria l'esistenza di un apposito trattato di estradizione tra i due Stati interessati. In mancanza è necessaria la richiesta del Ministero della Giustizia, tranne nel caso previsto al n. 4), in cui è sufficiente un'istanza della parte interessata al riconoscimento della sentenza straniera.

Massime relative all'art. 12 Codice penale

Cass. pen. n. 45207/2013

Ai fini delle notificazioni nel procedimento per il riconoscimento di una sentenza penale straniera, è irrilevante l'elezione di domicilio effettuata nel giudizio svolto dinanzi all'Autorità Giudiziaria estera, trovando invece applicazione le generali prescrizioni previste dall'art. 157 cod.proc. pen., che individuano la località dove effettuare la comunicazione nel luogo ove l'imputato ha dimora.

Cass. pen. n. 30831/2013

La pronuncia con cui si provvede al riconoscimento di una sentenza penale straniera deve enunciare espressamente gli effetti che ne conseguono e non può limitarsi a richiamare l'art.12 del codice penale.

Cass. pen. n. 27738/2013

È legittimo il riconoscimento di una sentenza penale straniera anche nella parte relativa a pene accessorie i cui effetti si siano già esauriti. (Fattispecie relativa a riconoscimento di sentenza straniera contenente condanna alla interdizione legale ed alla sospensione della potestà dei genitori "per tutta la durata della pena).

Cass. pen. n. 14440/2013

La sentenza straniera che sia priva di motivazione per effetto dell'espressa rinuncia dell'imputato al diritto di ottenere l'esposizione scritta delle ragioni della decisione può essere riconosciuta, agli effetti di cui all'art. 12, comma primo, nn. 1 e 4, c.p., non essendo contraria ai principi fondamentali dell'ordinamento giuridico italiano. (Nella specie, la sentenza era stata emessa dalla Corte di assise correzionale di Lugano).

Cass. pen. n. 41597/2009

L'imputazione per cui sia intervenuta sentenza penale straniera di condanna, riconosciuta in Italia, non può essere integrata dal giudice dell'esecuzione, neanche "sub specie" di interpretazione del giudicato attraverso il postumo riconoscimento di una circostanza aggravante (ostativa, nella specie, all'applicazione dell'indulto elargito con L. 31 luglio 2006 n. 241).

Cass. pen. n. 38278/2004

Poiché il riconoscimento delle sentenze penali straniere avviene su richiesta del P.G. presso la Corte d'appello che ha l'obbligo di specificare espressamente gli effetti per i quali è domandato, ne deriva che, se la richiesta viene formulata agli effetti previsti dall'art. 12 c.p.p., la parte non può chiederne l'utilizzo ai fini di procedere al cumulo giuridico, peraltro di competenza esclusiva del P.M.

Cass. pen. n. 12953/2004

Poiché nell'ordinamento italiano non vige il principio del ne bis in idem internazionale, la sentenza penale emessa in un Paese extra-europeo nei confronti di un cittadino italiano non impedisce la rinnovazione del giudizio in Italia per lo stesso fatto, sempre che il cittadino si trovi nel territorio italiano ed il Ministro della giustizia ne faccia richiesta ai sensi dell'art. 11, comma secondo c.p. Il pregresso riconoscimento della sentenza penale straniera sullo stesso fatto — eventualmente richiesto dal Ministro della giustizia nel caso in cui non esista trattato di estradizione con lo Stato estero ex art. 12, comma secondo, c.p. — non preclude il possibile esercizio dell'azione penale in Italia, in quanto l'istituto del riconoscimento non comporta il recepimento integrale della decisione straniera, ma produce i limitati effetti tassativamente indicati e non è in relazione di alternatività od incompatibilità con la rinnovazione del giudizio, soprattutto quando il Ministro della giustizia non abbia potuto esercitare contestualmente — per circostanze oggettive — l'eventuale opzione tra i due istituti. (Nel caso all'esame della S.C., il riconoscimento della sentenza penale emessa dalla Corte Suprema del Sud Africa era stato richiesto quando l'imputato si trovava ancora all'estero per l'espiazione della pena colà inflittagli, mentre le condizioni per richiedere il rinnovamento del giudizio, per il delitto di omicidio volontario commesso all'estero, erano divenute sussistenti solo in seguito al suo rientro in Italia).

Cass. pen. n. 46323/2003

Non è applicabile in executivis la continuazione tra reato giudicato in Italia e reato giudicato all'estero, previo riconoscimento della relativa sentenza penale straniera, producendo quest'ultimo nell'ordinamento nazionale i soli effetti indicati nell'art. 12 c.p., tra i quali non è compreso, neanche sub specie di effetto penale della condanna ai sensi del primo comma n. 1 del citato articolo, il regime del reato continuato, che presuppone un giudizio di merito e, quindi, il riferimento a categorie di diritto sostanziale (reati e pene) che si qualificano soltanto in ragione del diritto interno.

Cass. pen. n. 3876/1996

Ai fini della revoca di benefici già concessi (sospensione condizionale o indulto), si deve tenere conto anche delle condanne riportate all'estero, se riconosciute in Italia.

Cass. pen. n. 1077/1996

Poiché il termine sentenza contenuto nella formulazione dell'art. 12 c.p. riguarda qualsiasi provvedimento decisorio su un'accusa penale assunta da un'autorità giudiziaria straniera, una volta intervenuto il riconoscimento della sentenza straniera, il quale ha natura costitutiva, da tale momento ed automaticamente, senza alcun condizionamento quanto al tipo di procedimento seguito presso lo Stato estero si producono nell'ordinamento nazionale gli effetti previsti dalla legge, in relazione ai quali il riconoscimento è stato richiesto, secondo la tassativa catalogazione di cui all'art. 12 citato. Poiché tra tali effetti rientra l'applicabilità dell'art. 29, comma 1, c.p., la sentenza straniera riconosciuta costituisce presupposto per l'applicazione della pena accessoria. (Nella fattispecie, il ricorrente aveva dedotto che, riguardando il riconoscimento una sentenza pronunciata dall'autorità giudiziaria spagnola con rito cosiddetto abbreviato, consistente nell'applicazione della pena concordata tra accusa e difesa, del tutto omologo a quello disciplinato dall'art. 444 c.p.p., non era consentita l'applicazione nei suoi confronti della pena accessoria dell'interdizione perpetua dai pubblici uffici).

Cass. pen. n. 1056/1996

Il riconoscimento di una sentenza straniera non può essere richiesto al fine di eventualmente ottenere l'applicazione dell'istituto della continuazione; invero quest'ultimo, che implica un giudizio di merito bilaterale tra la pronuncia all'estero e quella emanata in Italia, non può considerarsi «altro effetto penale della condanna» rilevante ai fini del suddetto riconoscimento ex art. 12, comma 1, n. 1, c.p

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo

  • Codice penale. Rassegna di giurisprudenza e di dottrina
    La legge penale e le pene. Artt. 1-38

    Editore: Giuffrè
    Collana: Rassegna codice penale
    Data di pubblicazione: luglio 2015
    Prezzo: 57,00 -5% 54,15 €

    La denominazione di "Rassegna di giurisprudenza e di dottrina", con la precedenza data alla parola giurisprudenza, sta a significare che l'intento dell'opera è prevalentemente pratico. Perciò essa è diretta a dare un'informazione puntuale sul significato normativo delle disposizioni del codice penale muovendo dalla giurisprudenza, della quale, quando è utile riporta anche la casistica, mettendo in evidenza i contrasti e le correlate soluzioni offerte, con... (continua)

  • Manuale di diritto penale. Parte generale

    Collana: Manuali
    Pagine: 1818
    Data di pubblicazione: agosto 2018
    Prezzo: 98,00 -5% 93,10 €
    Il manuale: espone, in modo rigoroso e chiaro, le coordinate istituzionali relative ai singoli istituti; illustra la giurisprudenza capace di chiarire le categorie precedentemente declinate; agevola la comprensione degli istituti con schemi sinottici riepilogativi degli argomenti trattati; esamina le più recenti novità legislative: D. Lgs. 1 marzo 2018, n. 21, con cui, tra l'altro, è stato introdotto il nuovo art. 3-bis c.p., rubricato «principio della riserva di... (continua)
  • Lex mitior e giustizia penale

    Editore: Giappichelli
    Collana: Itinerari di diritto penale
    Data di pubblicazione: giugno 2013
    Prezzo: 38,00 -5% 36,10 €
    Categorie: La legge penale

     

    Nel volume l’Autore esamina il principio di retroattività della legge penale più favorevole, che – dopo la sentenza “Scoppola” della Corte Europea del 2009 – è ormai ricondotto allo spettro di tutela dell’articolo 7 Cedu (Convenzione Europea dei diritti dell’Uomo), ed annoverato a pieno titolo fra i diritti fondamentali dell’uomo. L’affermarsi del principio di retroattività in mitius non esclude... (continua)

  • La legge penale. Problemi e prassi applicative

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 33,00 -5% 31,35 €
    Categorie: La legge penale

    L'opera offre un panorama completo, dommatico e giurisprudenziale, della tradizionale prima parte di un Trattato di Diritto Penale, ma che, per struttura, si pone come un testo "autonomamente" fruibile e comunque destinato ad uno studio approfondito della legge penale, e quindi non solo dei principi costituzionali che ne regolano genesi, formulazione, vicende, ambiti operativi, destinatari, rapporti logico-strutturali tra norme, ma anche dei numerosi istituti, categorie e situazioni... (continua)

  • L' abrogazione della norma incriminatrice

    Editore: Jovene
    Collana: Pub. Dip. scienza giuridiche Univ. Roma
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 32,00 -5% 30,40 €
    Categorie: La legge penale
    Argomenti trattati: l'abrogazione delle leggi penali nell'esperienza giuridica; storia e matrici dell'art. 2 C.P. i modelli di riferimento dell'odierna disciplina codicistica della successione di leggi penali; la logica codicistica della successione di leggi penali fondata sulla teoria del fatto concreto. Il suo superamento con l'introduzione del principio costituzionale di irretroattività; il concetto di "abolitio criminis" inteso come abrogazione di una norma incriminatrice; il fenomeno... (continua)