Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 477 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Efficacia del titolo esecutivo contro gli eredi

Dispositivo dell'art. 477 Codice di procedura civile

Il titolo esecutivo contro il defunto ha efficacia contro gli eredi, ma si può loro notificare il precetto soltanto dopo dieci giorni dalla notificazione del titolo [479 2, 480] (1)(2).

Entro un anno dalla morte, la notificazione può farsi agli eredi collettivamente e impersonalmente, nell'ultimo domicilio del defunto.

Note

(1) La norma indica l'ipotesi in cui il titolo esecutivo ha efficacia nei confronti degli eredi, in conseguenza dell'accettazione dell'eredità. Si ha quindi un'ipotesi di ampliamento della portata soggettiva del titolo esecutivo rispetto all'indicazione letterale del titolo stesso.
(2) Secondo l'opinione dottrinale prevalente è esclusa l'estensione della efficacia del titolo nei confronti del successore a titolo particolare, vista la non configurabilità di una successione del legatario nel debito. Nel caso in cui il decesso sia avvenuto dopo la formazione del titolo, ma prima della sua notifica, la norma impone che tra la notifica agli eredi del titolo e del precetto intercorra il termine minimo di dieci giorni, per dare agli stessi la possibilità di venire a conoscenza dell'esistenza del titolo garantendo un tempo minimo per adempiere spontaneamente o apprestare eventuali difese (v. 475).

Massime relative all'art. 477 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 14653/2015

La nullità del precetto, e del conseguente pignoramento, nei confronti degli eredi del debitore deceduto, per mancato rispetto dell'art. 477, comma 1, c.p.c., è conseguenza di una irregolarità formale del procedimento seguito dal creditore, per avere egli disatteso un onere imposto a garanzia della legittimità dell'azione esecutiva nei confronti degli eredi del debitore, e non una condizione di esistenza del diritto ad agire "in executivis", sicché l'opposizione fondata su di essa, riguardando il "quomodo" e non l'"an" dell'esecuzione forzata, va qualificata come opposizione agli atti esecutivi.

Cass. civ. n. 20680/2009

In materia di esecuzione forzata, la notifica in forma agevolata del titolo esecutivo e del precetto agli eredi, che l'art. 477 c.p.c. consente di compiere, entro un anno dalla morte, collettivamente ed impersonalmente nell'ultimo domicilio del defunto - sulla base della presunzione di sussistenza di un rapporto di fatto con tale domicilio - non può essere utilizzata oltre il periodo stabilito dalla legge o al difuori dei casi espressamente previsti, e ciò in ragione del carattere eccezionale della predetta disposizione; ne consegue che siffatta notifica non può estendersi al pignoramento, vero e proprio atto di esecuzione che, in quanto tale, va indirizzato specificamente a colui che vi è soggetto.

Cass. civ. n. 25003/2008

L'art. 477 c.p.c. non impone alcun obbligo di notificare nuovamente il titolo esecutivo ed il precetto agli eredi di una persona defunta alla quale siano già stati notificati sia l'uno che l'altro. Tale obbligo sussiste, invece, se alla persona poi defunta non sia stato notificato nè l'uno nè l'altro, oppure sia stato notificato solo il titolo esecutivo e non anche il precetto.

Cass. civ. n. 9365/2000

La morte del debitore sopravvenuta dopo che allo stesso è stato notificato il precetto comporta che per iniziare il processo esecutivo contro l'erede gli si deve nuovamente notificare il titolo esecutivo ed il precetto. Ove il creditore inizi l'esecuzione senza rinnovare la notifica del titolo esecutivo e del precetto, è onere del debitore proporre opposizione agli atti esecutivi per far valere tale omissione e non può il giudice dell'opposizione esaminare la questione d'ufficio.

Cass. civ. n. 5884/1999

Il titolo esecutivo formatosi in un giudizio (anche monitorio) tra il creditore di una società di persone e la società è efficace anche contro il socio illimitatamente responsabile della società stessa, poiché nei riguardi di tale socio si configura una situazione non diversa da quella che, secondo l'art. 477 primo comma c.p.c., consente di porre in esecuzione il titolo in confronto di soggetti diversi dalla persona contro cui è stato formato, tenuto conto che dall'esistenza dell'obbligazione sociale deriva necessariamente la responsabilità di detto socio. Il soggetto minacciato dall'esecuzione in qualità di socio illimitatamente responsabile e sulla base del titolo esecutivo formatosi contro la società - del quale gli va fatta la notifica - attraverso l'opposizione all'esecuzione può, tuttavia, contestare la sua qualità di socio responsabile delle obbligazioni sociali. (Nell'affermare tali principi la Suprema Corte, nel giudizio di opposizione all'esecuzione promosso dal socio, non avendo quest'ultimo contestato la sua qualità di socio illimitatamente responsabile in veste di accomandatario, ha, in base ad essi, ritenuto irrilevante la questione dal medesimo sollevata in ordine al se il titolo - costituito da un decreto ingiuntivo - si fosse formato contro la società o contro di lui).

Cass. civ. n. 7067/1993

Alla stregua del principio (ricavabile dal primo comma dell'art. 477 c.p.c.), nel caso di titolo esecutivo emesso nei confronti di un determinato debitore, il creditore, il quale intende esercitare l'azione esecutiva nei confronti del successore a titolo universale del detto debitore, deve provvedere alla notificazione del titolo, in forma esecutiva, al successore, anche quando la notificazione di esso sia già stata effettuata nei confronti dell'originario debitore.

Cass. civ. n. 1436/1990

L'ingiunzione fiscale, che sia stata notificata al contribuente, e che, in difetto di tempestiva opposizione, abbia determinato l'incontestabilità dell'accertamento del credito tributario, non perde il valore di titolo esecutivo nei confronti dell'erede, a seguito del sopravvenuto decesso del contribuente, ancorché sia venuta meno la sua efficacia di precetto per decorso del termine di cui all'art. 481 c.p.c. Peraltro, l'azione esecutiva dell'amministrazione contro l'erede resta soggetta alle disposizioni dell'art. 477 c.p.c., e, quindi, esige una nuova notifica del titolo, e poi, dopo almeno dieci giorni, la notifica del precetto.

Cass. civ. n. 4848/1986

A norma dell'art. 477 c.p.c., il titolo esecutivo ha di per sé efficacia nei confronti degli eredi, in conseguenza della accettazione dell'eredità, mentre resta a carico della parte istante il solo onere della previa notifica del titolo all'erede almeno dieci giorni prima della notifica del precetto, che costituisce un'attività esclusivamente processuale, dalla quale decorre il dies a quo per l'ulteriore attività procedimentale. Conseguentemente l'opposizione con la quale gli eredi deducono l'ommissione della preventiva notificazione del titolo esecutivo riguardante il loro dante causa, prescritta dall'art. 477 c.p.c., integra una opposizione agli atti esecutivi.

Cass. civ. n. 1181/1974

L'alternativa tra notificazione separata e notificazione congiunta del titolo in forma esecutiva e del precetto, regolata in via generale dall'art. 479 c.p.c., non opera quando il titolo è costituito da una cambiale, per la quale non è previsto il rilascio in forma esecutiva. In tal caso la legge art. 63 R.D. 14 dicembre 1933, n. 1669 e art. 480 c.p.c. prescrive la notifica del solo precetto, che deve però contenere la trascrizione della cambiale. Tuttavia, se il creditore intende rendere efficace il titolo cambiario nei confronti degli eredi del debitore defunto, la notificazione separata diventa, anche per la cambiale, imprescindibile, perché il primo comma dell'art. 477 c.p.c. impone un intervallo minimo di dieci giorni tra la notificazione del titolo e quella del precetto, escludendo così che possano avvenire insieme, e, più ancora, che possa bastare quella del solo precetto contenente la trascrizione della cambiale. Nel caso di notificazione separata, agli eredi del defunto debitore, della cambiale e del precetto, a norma dell'art. 477 c.p.c., è sufficiente, per la notificazione del titolo, la notificazione di un atto contenente la trascrizione della cambiale, corredata della certificazione dell'ufficiale giudiziario di conformità all'originale.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 477 Codice di procedura civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

MOSCA A. chiede
giovedì 28/12/2017 - Veneto
“Durante l'esecuzione immobiliare in danno alla debitrice, questa decede. gli eredi si erano costituiti in questa procedura, compiendo atti.
Dopo la morte della debitrice gli eredi accettano l'eredità con il beneficio di inventario.
Nelle more dell'inventario scopro un capiente conto corrente bancario della debitrice, devo notificare agli eredi il titolo ed il precetto ex art 477 c.p.c. o non è necessario,
secondo Cass. n. 14653/ 2015 ?

Consulenza legale i 04/01/2018
E’ certamente corretta la conclusione a cui si perviene nel testo del quesito: non è necessario, in casi come questo, notificare agli eredi titolo esecutivo e precetto ex art. 477 c.p.c.

Scopo di tale norma, infatti, è quello di rendere il titolo esecutivo regolarmente azionabile nei confronti degli eredi, ma ciò per l’ipotesi in cui la morte della parte debitrice sia intervenuta prima dell’inizio di una procedura esecutiva.

Diversa, invece, è l’ipotesi in cui titolo esecutivo e precetto siano già stati notificati al debitore; in particolare, il problema della necessità o meno di notificare nuovamente titolo esecutivo e precetto nel caso di decesso del debitore a cui tali atti siano già stati notificati, è stato affrontato dalla Corte di Cassazione, oltre che nella sentenza n. 14653/2015 (citata nel quesito), anche nella precedente sentenza n. 5200 del 21/04/2000.

Sostiene la S.C. che l’art. 477 c.p.c. non impone alcun obbligo di notificare nuovamente il titolo esecutivo ed il precetto agli eredi di una persona alla quale siano già stati notificati sia l’uno che l’altro.
Tale obbligo sussiste invece se alla persona non sia stato notificato né l’uno né l’altro oppure sia stato notificato solo il titolo esecutivo e non anche il precetto.

Questa tesi giurisprudenziale, peraltro, trova conferma anche in quell’orientamento prevalente in dottrina e secondo cui occorre così distinguere:

a) se il decesso avviene prima della notificazione del precetto al debitore, deve notificarsi di nuovo agli eredi il titolo esecutivo e, dopo dieci giorni, il precetto;
b) se, invece, il decesso avviene dopo la notificazione del precetto, il pignoramento ha luogo in danno degli eredi, ma non è necessario ripetere la notificazione del titolo esecutivo.

In questo caso abbiamo addirittura una procedura esecutiva pendente, il che legittima di valersi, in forza della notifica originaria di titolo esecutivo e precetto, del c.d. cumulo dei mezzi di espropriazione previsto dall’art.483c.p.c.
Pertanto, sarà sufficiente richiedere al funzionario UNEP competente la notifica del pignoramento presso terzi agli eredi ed al terzo (istituto bancario), citando in esso il titolo esecutivo ed il precetto già notificati al debitore nel frattempo deceduto, e producendo sempre al funzionario UNEP l’attestazione, estrapolata dal fascicolo informatico, che è pendente contro lo stesso debitore procedura esecutiva immobiliare.

Si ritiene infine utile osservare che le uniche norme disciplinanti la vicenda successoria in corso di causa sono gli artt. 110 e 111 c.p.c., espressamente dettate per il processo di cognizione.
Ora, se la successione ex latere creditoris non pone particolari problemi di prosecuzione della procedura, più complessa è la tematica del decesso del debitore esecutato, la quale, per opinione condivisa, non comporta tuttavia la conclusione anticipata del processo esecutivo, che, quindi, prosegue.

Ciò avrà come conseguenza che, una volta che i chiamati all’eredità non in possesso dei beni ereditari ne abbiano fatto accettazione espressamente o tacitamente, i medesimi non saranno estromessi dal procedimento e potranno anche valersi dello strumento dell’opposizione ex art. 615 c.p.c.

Nel caso che ci occupa si dice che gli eredi hanno accettato con beneficio di inventario e si sono costituiti nella procedura, il che legittima i medesimi ad avvalersi di tutti gli strumenti che la legge prevede per la tutela dei loro diritti, compreso quello, eventualmente, di chiedere la riduzione del pignoramento successivo.


Testi per approfondire questo articolo