Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Diritto d'autore -

Contratti discografici: analisi di un negozio atipico e profili di vessatorietą del "Contratto a 360°"

AUTORE:
ANNO ACCADEMICO: 2019
TIPOLOGIA: Tesi di Laurea Magistrale
ATENEO: Universitą degli Studi di Firenze
FACOLTÀ: Giurisprudenza
ABSTRACT
Il presente elaborato si pone come obiettivo principale quello di inquadrare e comprendere le caratteristiche di una fattispecie contrattuale che, nonostante esista ormai da decenni, non è mai stata oggetto di particolari discipline giuridiche. Tale fattispecie si chiama “contratto discografico” ed è un contratto atipico che può manifestarsi in varie forme e che rappresenta uno dei mezzi principali per regolare i numerosi rapporti giuridici propri del Music Business, una realtà variegata, eterogenea e complessa, guidata soprattutto da usi, prassi e consuetudini.
Nonostante le varie fonti normative, nazionali ed internazionali, che disciplinano numerosi aspetti del mondo dell’arte e della musica, il Music Business risulta essere tuttora un contesto non esente da “ingiustizie” di derivazione contrattuale, che non di rado vanno a discapito dell’artista.
Questa ricerca nasce infatti al fine di chiarire cosa debba intendersi con “contratto discografico” e come può rivelarsi di fatto una “fonte di ingiustizie”, in riferimento ad una particolare fattispecie detta “Contratto a 360°”, tentando di comprendere se l’artista possa essere qualificato contraente “debole” e come ad oggi egli possa rimediare alle situazioni di squilibrio contrattuale con i mezzi offerti dal diritto vigente.
Vista l’assenza di discipline particolari, l’analisi svolta si è basata, oltre che sulle discipline vigenti, sulla prassi del settore, nonché sulle testimonianze di chi opera in prima persona nel Music Business e su fattispecie contrattuali concrete. Ciò che è emerso è l’assenza di tutele adeguate al riequilibrio contrattuale in favore dell’artista. Tale lacuna è una chiara manifestazione dell’esigenza di rinvenire un principio generale che operi a favore di qualunque contraente “debole”, attraverso un intervento normativo che permetta l’avvento di tutele effettive idonee a sanare qualunque situazione di squilibrio contrattuale.

Indice (COMPLETO)Apri

Bibliografia (ESTRATTO)Apri

Tesi (ESTRATTO)Apri