Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 653 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Rigetto o accoglimento parziale dell'opposizione

Dispositivo dell'art. 653 Codice di procedura civile

Se l'opposizione è rigettata con sentenza passata in giudicato (1) o provvisoriamente esecutiva (2), oppure è dichiarata con ordinanza l'estinzione (3) del processo, il decreto, che non ne sia già munito, acquista efficacia esecutiva. Se l'opposizione è accolta solo in parte, il titolo esecutivo è costituito esclusivamente dalla sentenza (4), ma gli atti di esecuzione già compiuti in base al decreto conservano i loro effetti nei limiti della somma o della quantità ridotta (5).

Con la sentenza che rigetta totalmente o in parte l'opposizione avverso il decreto ingiuntivo emesso sulla base dei titoli aventi efficacia esecutiva in base alle vigenti disposizioni, il giudice liquida anche le spese e gli onorari del decreto ingiuntivo(6).

Note

(1) Il rigetto dell'opposizione può avvenire per ragioni di merito, attinenti cioè alla fondatezza della domanda oppure per ragioni di rito, ovvero processuali, come accade per l'inammissibilità o l'incompetenza funzionale del giudice adito.
(2) E' bene precisare che nel caso in cui il rigetto dell'opposizione avvenga con sentenza passata in giudicato, la sentenza non si sostituisce al decreto che continua ad essere il titolo esecutivo in forza del quale il creditore può procedere ad esecuzione forzata è l'efficacia esecutiva, essendo conseguenza del passaggio in giudicato del decreto, deriva dalla legge, e non richiede dichiarazioni. Diversamente, se il rigetto avviene in base ad una sentenza provvisoriamente esecutiva si verifica un caso analogo a quello previsto dall'art. 648.
(3) Inoltre, il decreto acquista efficacia esecutiva se viene dichiarata con ordinanza l'estinzione del giudizio, ovvero la sua cessazione anticipata che ne impedisce la prosecuzione per inattività delle parti o per rinuncia agli atti del giudizio. Si precisa, inoltre, che nel caso di estinzione per rinuncia agli atti del giudizio, il giudice dovrà anche dichiarare la cessazione della materia del contendere.
(4) L'orientamento giurisprudenziale prevalente ritiene che solamente nell'ipotesi in cui ci sia il rigetto totale dell'opposizione la sentenza non si sostituisce al decreto ingiuntivo impugnato, che resta l'unico titolo esecutivo.
Diversamente, nell'ipotesi del rigetto parziale, il titolo esecutivo è costituito dalla sentenza, restando però validi ed efficaci gli atti compiuti sulla base del decreto, fino alla concorrenza della quantità o somma ridotta.
(5) Secondo la giurisprudenza più recente, quando il debitore ha adempiuto in tutto o in parte il credito dopo l'emanazione del decreto ingiuntivo, l'opposizione deve essere accolta e il decreto ingiuntivo deve essere revocato, salva la regolamentazione delle spese.
(6) Tale ultimo comma è stato aggiunto dalla L. 10-5-1976, n. 358 e successivamente dichiarato incostituzionale dalla Consulta con sentenza 31 dicembre 1986, n. 303, per contrasto con gli articoli 3 e 24 Cost., nella parte in cui non consente la liquidazione delle spese e competenze all'istante che abbia gia' a proprio favore un titolo esecutivo.

Massime relative all'art. 653 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 20868/2017

L’accoglimento dell’opposizione a decreto ingiuntivo comporta la definitiva caducazione del provvedimento monitorio, sicché l’eventuale riforma della sentenza di primo grado da parte del giudice d’appello – anche ove impropriamente conclusa con un dispositivo con il quale si “conferma” lo stesso - non determina la “riviviscenza” del decreto ingiuntivo già revocato, che, pertanto, non può costituire titolo per iniziare o proseguire l'esecuzione forzata.

Cass. civ. n. 4672/2017

In tema di riscossione degli oneri condominiali, non costituisce motivo di revoca dell'ingiunzione, ottenuta sulla base della delibera di approvazione di una spesa, la mancata approvazione del relativo stato di riparto, atteso che le spese deliberate dall'assemblea si ripartiscono tra i condomini secondo le tabelle millesimali, ai sensi dell'art. 1123 c.c., cosicchè ricorrono le condizioni di liquidità ed esigibilità del credito che consentono al condominio di richiederne il pagamento con procedura monitoria nei confronti del singolo condomino.

Cass. civ. n. 8428/2014

Il pagamento della somma ingiunta comporta che il giudice dell'opposizione, revocato il decreto ingiuntivo, debba regolare le spese processuali, anche per la fase monitoria, secondo il principio della soccombenza virtuale, valutando la fondatezza dei motivi di opposizione con riferimento alla data di emissione del decreto.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 653 Codice di procedura civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Stefano L. chiede
lunedì 27/05/2013 - Toscana
“Buongiorno,
vorrei porre una richiesta in relazione alla risposta della Vs. redazione al quesito n. 2413 (richiesto il 14 febbraio 2011) relativamente all' art. 653 c.p.c.. Vorrei sapere quali sono le sentenze che statuiscono la condanna alle spese della fase monitoria anche in caso di revoca del decreto ingiuntivo opposto poichè Voi avete risposto dicendo che "Tuttavia, si è precisato che l'accoglimento parziale, se implica la revoca del d.i., non comporta il venir meno della condanna dell'ingiunto al pagamento delle spese nella fase monitoria".
Grazie mille.”
Consulenza legale i 04/06/2013
La risposta al quesito proposto richiede alcune precisazioni.
Quando il decreto ingiuntivo è formalmente revocato?
Lo è, espressamente, quando l'opposizione viene totalmente accolta: in tal caso, è evidente che non vi può essere pronuncia di condanna dell'ingiunto (opponente vittorioso) alle spese della fase monitoria.
In caso di accoglimento parziale dell'opposizione, invece, l'art. 653 c.p.c. ci dice che il titolo esecutivo è costituito solo dalla sentenza ma non disciplina la sorte del decreto ingiuntivo. E' bene precisare che si ha ipotesi di accoglimento parziale ove l'autorità giudicante abbia ritenuto parzialmente fondata l'impugnativa dell'opponente, ad esempio reputando che la somma il cui pagamento venne ingiunto con decreto non sia dovuta interamente, ma solo in parte. Ancora, si ha accoglimento parziale quando la sentenza nel giudizio di opposizione esclude solo le spese liquidate nel decreto, confermandolo nel resto (Cass. 101/1985).

Il giudice che intenda accogliere parzialmente l'opposizione, secondo parte della giurisprudenza non è tenuto a pronunciare esplicitamente la revoca del d.i. (v. Cass. 3646/1989); secondo altre pronunce più recenti, invece, il giudicante dovrebbe revocare integralmente il d.i. (v. Cass. 15186/2004). Secondo Cass. civ. Sez. III, 23 settembre 2004, n. 19126, "la disposizione contenuta nell'art. 653, secondo comma, cod. proc. civ., "se l'opposizione è accolta solo in parte, il titolo esecutivo è costituito esclusivamente dalla sentenza" - comporta che l'accoglimento, anche parziale, dell'opposizione, impone la revoca del decreto, con conseguente caducazione anche delle spese con tale provvedimento liquidate. Ciò tuttavia non toglie che se l'accoglimento dell'opposizione è determinato dall'adempimento totale sopravvenuto all'emanazione del decreto e non conflittuale - caso ricorrente quest'ultimo se l'opponente ha adempiuto, ma persiste nella propria linea difensiva - ma permanga contrasto sull'onere delle spese, poichè al momento dell'emanazione (art. 634 cod. proc.civ.) il decreto era giusto e valido, il giudice deve provvedere sulle stesse, anche della fase monitoria, secondo il principio della soccombenza virtuale".

Pertanto, nei casi di parziale accoglimento dell'opposizione, la revoca formale del d.i. è eventuale (anche se molto probabile), ma resta fermo che il titolo esecutivo sarà in ogni caso la sentenza, ai sensi dell'articolo in commento.

Fatta questa doverosa premessa, si ribadisce che la giurisprudenza di legittimità ha in più occasioni sostenuto che "l'accoglimento parziale dell'opposizione avverso il decreto ingiuntivo, sebbene implichi la revoca dello stesso, non comporta necessariamente il venir meno della condanna dell'ingiunto, poi opponente, al pagamento delle spese della fase monitoria e di quelle attinenti all'esecuzione provvisoria del decreto, le une e le altre potendo essere legittimamente poste a carico del debitore, con riferimento ai limiti della somma definitivamente attribuita al creditore" (Cassazione civile , sez. III, sentenza 13.07.2007 n° 15725).

Quindi è la sentenza che conclude il giudizio di opposizione a statuire sulle spese della fase monitoria, potendole ridefinire o anche compensare.
La stessa pronuncia sopra citata (Cass. 19126/2004) ribadisce il concetto più volte stabilito dalla Suprema Corte, secondo il quale "la fase sommaria è soltanto un antecedente necessario di quella a cognizione piena, introdotta con l'opposizione a decreto ingiuntivo, e che pertanto, stante l'unicità del processo, l'onere delle spese è regolato secondo i principi comuni, in base all'esito finale del giudizio di opposizione e alla complessiva valutazione dello svolgimento di esso (Cass. 14.10.63 n. 2736; Cass. 27.6.64 n. 1711; Cass. 24.4.69 n. 1338; Cass. 2.12.72 n. 3488), ed è dunque esclusa la possibilità di un'autonoma pronuncia sulla legittimità dell'ingiunzione di pagamento agli effetti dell'incidenza delle spese della sola fase monitoria (Cass. 3.5.67 n. 849, 28.9.94 n. 7892)".

Giorgia chiede
lunedì 14/02/2011 - Veneto

“Buonasera, volevo porre il seguente quesito: ho appreso che secondo una giurisprudenza costante e secondo la dottrina prevalente, la sentenza di accoglimento dell'opposizione al decreto ingiuntivo abbia effetto di "sostituzione" del decreto ingiuntivo ... nel senso che il titolo esecutivo è costituito, da quel momento , esclusivamente dalla sentenza di accoglimento e NON dal decreto ingiuntivo.

Ecco, volevo sapere se questo c.d. "effetto sostitutivo" è valevole sia nel caso della sentenza di accoglimento in toto dell'opposizione sia nel caso di accoglimento parziale ex art. 653 cpc.”

Consulenza legale i 16/02/2011

Nel caso di accoglimento parziale dell'opposizione, il titolo esecutivo risulta costituito solo dalla sentenza, sicché, derivando la nullità dell'ingiunzione ope legis dall'accoglimento parziale dell'opposizione, non è consentito al giudice di questa di confermare il decreto ingiuntivo entro i limiti in cui la statuizione in esso contenuta è stata modificata, né il giudice deve pronunziare esplicitamente e contestualmente la revoca del decreto. Tuttavia, si è precisato che l'accoglimento parziale, se implica la revoca del d.i., non comporta il venir meno della condanna dell'ingiunto al pagamento delle spese nella fase monitoria. Per quanto riguarda, invece, la parte eccedente la somma o la quantità ridotta, sembra potersi ritenere, a seguito della riforma dell'art. 366 del c.p.c., che gli atti già compiuti perdano efficacia dal momento della pubblicazione della sentenza di accoglimento parziale.
Alla sentenza di integrale accoglimento dell'opposizione conseguono l'eliminazione del decreto, con la sua eventuale efficacia esecutiva, e la caducazione degli atti esecutivi compiuti.


Testi per approfondire questo articolo

  • Codice dei procedimenti monitori. Procedimenti di ingiunzione e per convalida di sfratto

    Editore: neldiritto.it
    Collana: I codici del professionista
    Data di pubblicazione: maggio 2013
    Prezzo: 70,00 -5% 66,50 €

    La seconda edizione del codice dei procedimenti monitori (di ingiunzione e di sfratto), notevolmente ampliata e aggiornata, tiene conto dei più recenti interventi normativi e giurisprudenziali, sino a tutto il 2012, oltre che degli spunti critici espressi dalla dottrina su ciascun istituto processuale esaminato.

    Si tratta di uno strumento pensato e indirizzato agli operatori del diritto (giudici e avvocati), che potranno rinvenire nel codice esauriente risposta ai quesiti... (continua)

  • L'esecutività del decreto ingiuntivo

    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria pratica del diritto. Civ. e proc.
    Data di pubblicazione: gennaio 2016
    Prezzo: 45,00 -5% 42,75 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    Il volume analizza l'esecutività del decreto ingiuntivo in tutte le sue possibili esplicazioni, affrontandone i principali problemi pratici e applicativi. Nell'indagine sviluppata convergono profili concernenti, per un verso, la natura spuria del modello monitorio al quale il codice di rito si ispira e, per altro verso, la stessa idoneità di un provvedimento monitorio a fungere in sé da titolo esecutivo. L'elaborazione si snoda nella dicotomia tra fattispecie di... (continua)

  • Il decreto ingiuntivo. Con CD-ROM

    Collana: Legale
    Pagine: 758
    Data di pubblicazione: febbraio 2014
    Prezzo: 78,00 -5% 74,10 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    L'opera, con formulario e giurisprudenza su cd-rom, è aggiornata al cosiddetto Decreto del fare (L. 98-2013). Il testo, ricco di riferimenti dottrinali e giurisprudenziali, approfondisce le varie fasi del procedimento d'ingiunzione fino ad arrivare al procedimento di opposizione al decreto ingiuntivo. Numerose sono le pronunce della giurisprudenza di legittimità e di merito, nonché della Corte Costituzionale, che hanno via via precisato e confermato l'ambito di... (continua)

  • Decreto ingiuntivo
    Manuale con formule. Contiene CD-Rom

    Editore: Giuffrè
    Collana: Manuali con formule
    Data di pubblicazione: gennaio 2013
    Prezzo: 52,00 -5% 49,40 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    Il volume costituisce una guida per il procedimento d'ingiunzione considerato in tutte le sue fasi, da quella a cognizione sommaria sino a quella (eventuale) a cognizione piena che ha luogo con l'inizio del giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo. L'opera oltre a contenere una vasta esposizione aggiornata della produzione giurisprudenziale, nella trattazione sistematica dei singoli argomenti, segue un itinerario improntato ad un percorso ragionato circa le numerose problematiche ed... (continua)

  • Opposizione a decreto ingiuntivo

    Autore: Ianni Giusi
    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria pratica del diritto. Civ. e proc.
    Data di pubblicazione: novembre 2013
    Prezzo: 25,00 -5% 23,75 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    L'opera approfondisce la vasta tematica dell'opposizione a decreto ingiuntivo, con particolare attenzione alle problematiche di ordine pratico destinate a presentarsi nelle aule giudiziarie. Vengono esaminati tutti gli snodi del giudizio di opposizione, dalle modalità di introduzione, all'istruzione, ai possibili esiti definitori. Sono analizzate, inoltre, le principali questioni sottese agli istituti di cui agli artt. 648 e 649 c.p.c., che consentono alle parti del giudizio di... (continua)

  • Il decreto ingiuntivo. Con CD-ROM

    Collana: Serie L. Professionale
    Pagine: 896
    Data di pubblicazione: marzo 2013
    Prezzo: 70,00 -5% 66,50 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    Il procedimento per decreto ingiuntivo rappresenta, come noto, lo strumento più duttile per la definizione rapida ed efficace delle controversie di più semplice decisione. In tempi come gli attuali, in cui le croniche lentezze del processo civile, cui si è cercato, non sembra con fortuna, di ovviare con le numerose riforme del codice di rito poste in essere negli ultimi anni, non consentono di raggiungere la definizione dei procedimenti in tempi rapidi, l'utilizzo del... (continua)

  • Il procedimento monitorio. Decreto ingiuntivo. giudizio di opposizione. Recupero crediti per insoluto su estero

    Editore: CEDAM
    Pagine: 1130
    Data di pubblicazione: marzo 2013
    Prezzo: 90,00 -5% 85,50 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    L’opera ha per oggetto la materia del procedimento monitorio, sviluppata partendo dall’esame del decreto ingiuntivo per giungere alla fase processuale del giudizio di opposizione. Il volume che tratta di una materia di grande interesse pratico ed attualità, si occupa di esaminare in taglio pratico ed operativo tutte le fasi che caratterizzano il procedimento monitorio. Vengono, pertanto, esaminate nel dettaglio aspetti quali la forma della domanda, i provvedimenti... (continua)

  • Decreto ingiuntivo

    Editore: Ipsoa
    Collana: Manuali professionali
    Pagine: 480
    Data di pubblicazione: maggio 2017
    Prezzo: 45,00 -5% 42,75 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    Il volume analizza l'istituto del decreto ingiuntivo sotto tutti gli aspetti procedurali: si parte analizzando il decreto ingiuntivo nei suoi elementi essenziali, con particolare riguardo al decreto ingiuntivo quale titolo esecutivo, alle condizioni di ammissibilità, alla notificazione, all'esecutività provvisoria inaudita altera parte e in pendenza di opposizione, al ricorso ed opposizione, all’eventuale sospensione dell'esecuzione provvisoria, fino alla dichiarazione... (continua)

  • Il decreto ingiuntivo e l'opposizione

    Editore: CEDAM
    Pagine: 534
    Data di pubblicazione: ottobre 2013
    Prezzo: 45 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    “Il decreto ingiuntivo e l’opposizione” è un’opera suddivisa in due parti, la prima redatta da Antonio Valitutti, la seconda da Franco De Stefano, che si pone l’obiettivo di fare il punto, anche con riferimento alla giurisprudenza più recente, sul procedimento monitorio, operandone una complessiva rilettura e sottolineandone le potenzialità deflattive derivanti dalla sua attitudine alla definizione, in tempi rapidi e con efficacia di... (continua)

  • Formulario dei procedimenti monitori (procedimenti d'ingiunzione e per convalida di sfratto)

    Editore: neldiritto.it
    Collana: Formulari
    Data di pubblicazione: maggio 2013
    Prezzo: 45,00 -5% 42,75 €

    Il ricorso per decreto ingiuntivo è il procedimento più comune per il recupero dei crediti: si tratta di un procedimento speciale, caratterizzato dalla sommarietà della cognizione, al pari di quello di sfratto, ampiamente analizzato nel presente volume, che ha lo scopo di essere molto più veloce del giudizio ordinario che, come noto, è molto lento, nonostante i recenti sforzi del legislatore per renderlo più celere. Il presente Formulario,... (continua)