Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 785 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Donazione in riguardo di matrimonio

Dispositivo dell'art. 785 Codice civile

La donazione fatta in riguardo di un determinato futuro matrimonio (1), sia dagli sposi tra loro, sia da altri a favore di uno o di entrambi gli sposi (2) o dei figli nascituri da questi [784 c.c.], si perfeziona senza bisogno che sia accettata (3), ma non produce effetto finché non segua il matrimonio [805 c.c.].

L'annullamento del matrimonio [117 c.c.] importa la nullità [1418 c.c.] della donazione (4). Restano tuttavia salvi i diritti acquistati dai terzi di buona fede [1445 c.c.] tra il giorno del matrimonio e il passaggio in giudicato della sentenza che dichiara la nullità del matrimonio. Il coniuge di buona fede non è tenuto a restituire i frutti percepiti anteriormente alla domanda di annullamento del matrimonio.

La donazione in favore di figli nascituri rimane efficace per i figli rispetto ai quali si verificano gli effetti del matrimonio putativo [128 c.c.].

Note

(1) La donazione obnuziale è valida solo se riferita ad uno specifico matrimonio in relazione al quale gli sposi possano essere individuabili. La donazione fatta in vista di un generico matrimonio non rientra nella previsione in commento.
(2) Se la donazione è fatta da uno dei due coniugi, donatario sarà l'altro sposo; se il donante è un terzo i beneficiari della liberalità possono essere entrambi i futuri coniugi o solo uno di essi.
(3) La donazione obnuziale resta valida in caso di separazione personale e di divorzio.
(4) L'annullamento del matrimonio ha effetto retroattivo. Pertanto la donazione si considera come se mai fosse stata fatta, e sorge in capo ai donatari l'obbligo di restituire i beni ricevuti, con le seguenti eccezioni:
a) nel caso di coniuge di buona fede (che non era cioè a conoscenza del vizio che ha causato l'annullamento del suo matrimonio), questi non deve restituire i frutti da lui percepiti prima della domanda di annullamento del matrimonio;
b) nel caso in cui i donatari abbiano trasferito il bene donato ad altre persone (terzi), queste non devono restituire il bene al donante, se al momento del trasferimento erano in buona fede;
c) nel caso di donazione fatta ai figli nascituri, la donazione rimane valida ed efficace anche dopo l'annullamento del matrimonio nel caso in cui ricorrano gli estremi del matrimonio putativo (v. art. 128 del c.c.).

Ratio Legis

La donazione obnuziale si perfeziona a prescindere dall'accettazione del donatario. La dottrina maggioritaria, pertanto, ritiene che l'istituto in esame vada qualificato quale negozio giuridico unilaterale. La donazione è efficace a partire dal momento in cui giunge a conoscenza del destinatario, il quale può rifiutarla entro il termine previsto dalla natura dell'affare o dagli usi.

Brocardi

Donatio ante nuptias

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 785 Codice civile

Cass. civ. n. 15873/2006

Ai sensi dell'art. 785 c.c. la donazione obnuziale, essendo un negozio formale e tipico caratterizzato dall'espressa menzione nell'atto pubblico delle finalità dell'attribuzione patrimoniale, eseguita da uno degli sposi o da un terzo in riguardo di un futuro, «determinato», matrimonio, è incompatibile con l'istituto della donazione indiretta, in cui lo spirito di liberalità viene perseguito mediante il compimento di atti diversi da quelli previsti dall'art. 769 c.c.; infatti, la precisa connotazione della causa negoziale, che deve espressamente risultare dal contesto dell'atto, non può rinvenirsi nell'ambito di una fattispecie indiretta, nella quale la finalità suddetta, ancorché in concreto perseguita, può rilevare solo quale motivo finale degli atti di disposizione patrimoniale fra loro collegati ma non anche quale elemento tipizzante del contratto, chiaramente delineato dal legislatore nei suoi requisiti di forma e di sostanza, in vista del particolare regime di perfezionamento, efficacia e caducazione che lo contraddistingue dalle altre donazioni.

Cass. civ. n. 5410/1989

Per aversi donazione in riguardo di matrimonio (cosiddetta donazione obnuziale) è necessario che l'atto faccia riferimento ad un matrimonio bene individuato, cosicché è da escludere che rientri nello schema di cui all'art. 785 c.c. l'attribuzione patrimoniale fatta nella prospettiva soltanto generica del matrimonio. (In applicazione del suddetto principio la S.C. ha ritenuto che correttamente il giudice del merito aveva escluso che ricorressero gli estremi della donazione obnuziale con riferimento ad una pluralità di atti di liberalità tra due persone che avevano convissuto more uxorio, avendo rilevato che la convivenza more uxorio protrattasi per circa venti anni e la reiterazione degli atti di liberalità erano inconciliabili, sotto il profilo logico, con la determinatezza del matrimonio richiesta dall'art. 785 cit.).

Cass. civ. n. 904/1976

Il capoverso dell'art. 785 c.c., secondo cui l'annullamento del matrimonio importa la nullità della donazione obnuziale, non si applica in caso di divorzio. Infatti, mentre l'annullamento del matrimonio fa cadere la liberalità poiché elide la sua condizione sospensiva, altrettanto non può dirsi del divorzio, che non elide, ma anzi presuppone l'esistenza di un matrimonio validamente celebrato, determinandone solo l'inefficacia sopravvenuta.

Cass. civ. n. 945/1973

La donazione obnuziale non va confusa con le convenzioni matrimoniali, in quanto la prima si perfeziona con la dichiarazione del donante, attribuisce la proprietà dei beni e non è destinata a sopportare i pesi del matrimonio come le seconde, che inoltre si costituiscono con la prestazione del consenso di tutte le parti legittimate all'atto ed hanno ad oggetto la sola regolamentazione di beni. La donazione obnuziale è atto a titolo gratuito, unico elemento determinante dell'attribuzione patrimoniale essendo l'animus donandi. Nella donazione obnuziale, l'attribuzione patrimoniale è collegata geneticamente e funzionalmente con il matrimonio del quale, pertanto, segué le sorti, nel senso che tanto se questo non viene celebrato, tanto se viene annullato, l'attribuzione è nulla assolutamente ed il donante è ripristinato nella titolarità della proprietà del bene donato, come se questo non fosse stato mai trasferito. A tal fine egli può esperire o l'azione, personale e prescrittibile, di restituzione, oppure l'azione imprescrittibile e reale di rivendicazione o infine quella, anch'essa imprescrittibile, di mero accertamento della sua proprietà.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 785 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Antonio B. chiede
martedì 25/06/2019 - Liguria
“Buon giorno
Vi espongo il mio quesito .
Sofia , la figlia di mia moglie che ho cresciuto dall’età di 11 anni , convive , senza essere sposata , con un “uomo” dal quale ha avuto 3 figli ( 3-5-9 anni) .
Nell’ agosto 2018 lui ha comprato una casa dove si sono trasferiti a vivere e mi disse che gliene avrebbe intestato una quota .
Non potendo aiutarli con denaro nell’acquisto io gli donai alcuni pezzi di antiquariato in pietra e legno tipo colonne e fregi che sono stati murati nelle pareti dell’ abitazione e un cancello carrabile antico in ferro ribattuto per l’ingresso di casa ; mentre mia moglie la cucina , dei mobili antichi , cornici e un tappeto .
A marzo 2019 mia figlia scopre che lui ha una amante . Messo alle strette conferma di averla ma dice anche che non se ne vuole andare di casa, anzi che deve andarsene lei , cosa impossibile con 3 bambini piccoli e ha detto anche che vuole mettere in vendita la casa .
E’ così che solo adesso veniamo anche a sapere che non le ha mai intestato la quota di casa che aveva promesso di interstarle.
Vorrei chiedervi :
1) SE e come posso chiedere che mi vengano pagate le cose che sono state donate in buona fede ad una persona indegna e senza alcun titolo . Cose che non voglio che restino in una casa di sua proprietà . Peraltro vorrei che ci fossero pagate e i soldi recuperati fossero versati su un libretto o cc. intestato ai nipoti da aprire alla maggior età.
2) Non ultimo vi chiedo come potrei dimostrare il valore delle cose donate e che arrivano da una mia precedente attività di antiquario e delle quali non ho più alcuna fattura perché sono passati 20 anni dal loro acquisto . (Chiaramente , come ex antiquario , potrei redigere una perizia ma non so quanto possa avere valore ) .In ogni modo quantificati in circa 30.000 euro

Resto in attesa di un vostro parere giuridico e consigli o istruzioni sul da farsi e le eventuali probabilità di successo in caso di causa legale.

Distinti saluti

Consulenza legale i 01/07/2019
Nella realtà sociale del nostro paese le famiglie di fatto stanno assumendo un ruolo sempre più significativo.
Tuttavia, in Italia, l’assenza di un legame matrimoniale che unisce due persone conviventi, esclude nella famiglia di fatto la sussistenza di quelli che sono i reciproci diritti e doveri caratteristici del rapporto tra marito e moglie, ovvero quelli sanciti dal codice civile, anche se la coppia acquisisce dei diritti legali sia a livello reciproco sia nei confronti della società (ne sono un esempio: l’esercizio della responsabilità genitoriale nei confronti dei figli riconosciuti dalla coppia; la facoltà di subentrare nel contratto di affitto intestato al partner se costui venga a mancare; l’accesso alle prestazioni dello stato sociale, come l’assegnazione di una casa popolare; la possibilità di accogliere in affido un minore privo di una famiglia in modo temporaneo; la tutela possessoria della casa nella quale la coppia convive; il diritto al risarcimento del danno subito dal partner se, ad esempio, resta vittima di un incidente mortale o di un omicidio, e così via).

Sotto il profilo patrimoniale, che è quello che qui ci interessa, uno strumento utile viene offerto dal Consiglio Nazionale del Notariato il quale, nell’intento di fornire una certa tutela alle coppie di conviventi, ha elaborato la possibilità di far sottoscrivere agli stessi dei veri e propri contratti di convivenza riconosciuti dalla legge (legge n. 76/2016), in grado di regolare gli aspetti patrimoniali relativi sia alla convivenza che all’eventuale separazione.
Viene sostanzialmente trasfuso per iscritto cosa succede con la casa, il mantenimento, i beni, il testamento, nell’ipotesi in cui il rapporto di convivenza venga cessare.
Poiché tali clausole sono contenute in un contratto c.d. di convivenza, ricevuto da un notaio nella forma dell’atto pubblico o della scrittura privata autenticata, acquisiscono pieno valore legale ad ogni effetto di legge, ivi compreso quello all’eventuale diritto di restituzione in ordine a determinati beni.

Purtroppo si tratta di soluzioni a cui non si pensa mai durante un rapporto di convivenza, non riflettendo i partner sul fatto che la loro unione possa un giorno terminare, essere interrotta dalla sopravvenienza di una crisi irreversibile, che, purtroppo, andrà a modificare anche la reciproca disponibilità psicologica.
E così si finisce per cointestarsi conti correnti nei quali far confluire le risorse economiche di entrambi, che vengono utilizzate per i fini più diversi, o ancora di più, intestare case a nome di uno solo dei due (malgrado gli sforzi economici appartengano ad entrambi oppure sia soltanto uno dei due a farsi carico del pagamento dei ratei di mutuo relativi all’immobile di proprietà dell’altro).

Altre situazioni lasciate nell’ombra riguardano i regali di un certo valore che i conviventi si sono scambiati l’un l’altro, oppure i soldi spesi per i mobili o per la ristrutturazione, a beneficio dell’appartamento intestato al destinatario delle elargizioni, ipotesi queste ricorrenti nel caso di specie.
Si tratta di questioni di cui i giudici vengono sempre più spesso investiti ed al ricorrere delle quali l’unico modo per prevenire eventuali decisioni di segno negativo è quello di fare ricorso, prima del momento patologico, alla redazione di una convenzione del tipo di quella sopra vista.


In mancanza di ciò, un’utile guida per stabilire “se” e “come” muoversi la si può rinvenire in una recente decisione della Corte di Cassazione, e precisamente l’ordinanza n. 14732 del 7 giugno 2018.
Con tale ordinanza la S.C. si pronuncia sulle legittime aspettative che, al termine della relazione, la donna (nel caso specifico) può avanzare nei confronti del compagno al fine di recuperare gli arredi della casa, acquistati insieme o separatamente durante la convivenza, i risparmi presenti nel conto corrente cointestato, ecc. (è chiaro che ai beni conferiti da uno solo dei conviventi possano essere assimilati quei beni procurati ad uno di essi per effetto di donazione da parte dei rispettivi familiari).

Ebbene, esclusa per tale ipotesi l’applicabilità del secondo comma dell’art. 936 del c.c. (norma che disciplina il caso in cui un terzo, senza essere autorizzato o legittimato, esegua, con materiali propri, delle opere su un immobile altrui), la Corte di Cass. ritiene invece esperibile l’azione di indebito arricchimento disciplinata dall’art. 2041 del c.c., azione a cui si attribuisce carattere residuale (nel senso che ad essa può farsi ricorso in assenza di altre e più specifiche azioni).

Trattasi di azione generale avente come presupposto la locupletazione di un soggetto a danno dell'altro, avvenuta senza giusta causa. Ciò comporta che non è consentito invocare la mancanza o l'ingiustizia della causa qualora l'arricchimento sia conseguenza di un contratto, di un atto di liberalità o dell'adempimento di un' obbligazione naturale, mentre sarà possibile configurare l'ingiustizia dell'arricchimento da parte di un convivente more uxorio nei confronti dell'altro in presenza di prestazioni a vantaggio del primo esulanti dal mero adempimento delle obbligazioni nascenti dal rapporto di convivenza, da parametrare sulle condizioni sociali e patrimoniali dei componenti (in tale senso può citarsi Cass. sez. III, 15 maggio 2009, n. 11330).

In altri termini, secondo il costante orientamento della giurisprudenza di legittimità, non può mai configurarsi arricchimento senza causa se lo squilibrio economico a favore di una parte ed a danno dell’altra sia voluto dagli interessati, cioè quando il trasferimento dell'utilità economica trovi giustificazione nel consenso della parte che assuma di essere danneggiata, concretizzandosi in una vera e propria attribuzione patrimoniale a fondo perduto, atta ad avvantaggiare il soggetto che si presume arricchito (per Cass. sez. L, 27 febbraio 1978, n. 1024, la volontaria prestazione esclude l'ingiusto arricchimento, quali che siano per entrambi gli interessati le conseguenze patrimoniali economiche, vantaggiose o svantaggiose, della libera e concorde determinazione della loro volontà).

Da quanto sopra detto, dunque, se ne deve dedurre che, in assenza di un contratto di convivenza, sarà alquanto improbabile che il Giudice investito della controversia possa giungere a disporre che quei beni debbano essere restituiti a chi, in maniera del tutto volontaria e spontanea, ha deciso di donarli in favore di quella famiglia di fatto.
E’ indubbio, infatti, che si sia trattato a tutti gli effetti di una donazione, per la cui validità non è richiesta la forma dell’atto pubblico, ma, avendo ad oggetto beni mobili, è sufficiente la semplice traditio.
In quanto tale, ad essa è applicabile tutta la disciplina dettata dal codice civile per le donazioni, tra cui in particolare l’art. 800 del c.c., rubricato “Cause di revocazione”, a cui si accenna in qualche modo nel quesito.

Tuttavia, se si legge con attenzione il successivo art. 801 del c.c., che disciplina espressamente la revocazione per ingratitudine, ci si rende conto che tale revocazione non può in alcun modo essere applicata nel caso che ci riguarda, non ricorrendo alcuna delle situazioni di ingratitudine ivi previsti.
Ciò deve scoraggiare ulteriormente nell’intraprendere una causa volta ad ottenere la restituzione o il controvalore economico di quei beni, ancor più che non si è in possesso di alcuna prova documentale da cui possa evincersi la legittima provenienza degli stessi.

A conclusione delle superiori considerazioni si aggiunga che il nostro ordinamento in un solo caso riconosce al donante la legittimazione ad esercitare tanto un'azione personale di restituzione quanto un'azione reale di rivendica dei beni donati, ovvero nell’ipotesi, prevista dall’art. 785 c.c., della donazione effettuata, sia dagli sposi tra loro, sia da altri a favore di uno o di entrambi gli sposi, in riguardo di un determinato matrimonio futuro.
Tuttavia, come si è accennato all’inizio di questa consulenza (ove si è detto del divario ancora sussistente tra coppie di fatto e coppie coniugate), trattasi di norma che si fonda essenzialmente su un futuro legame matrimoniale, e che in quanto tale non può essere minimamente estesa al rapporto di convivenza tra due soggetti.


Testi per approfondire questo articolo

  • Liberalità indirette. Enunciazione dell'intento liberale quale metodologia operativa

    Editore: Ipsoa
    Collana: Notariato e diritto di famiglia
    Pagine: 432
    Data di pubblicazione: dicembre 2011
    Prezzo: 55,00 -5% 52,25 €
    Categorie: Donazioni

    Il presente volume, analizzando l'evoluzione dottrinale e giurisprudenziale degli ultimi anni in tema di donazioni e atti di liberalità , vuole ridurre le esitazioni che inducono spesso i notai a non evidenziare in un atto l'intento liberale per paura delle conseguenze che questo può comportare sulla stabilità del negozio e sui successivi trasferimenti e cerca di incoraggiare l'applicazione di schemi tipici come l'adempimento del terzo o il contratto in favore del... (continua)

  • Commentario del codice civile. Delle donazioni. Artt. 1769-809

    Pagine: 616
    Data di pubblicazione: marzo 2014
    Prezzo: 100,00 -5% 95,00 €
    Categorie: Donazioni

    Il modulo “Delle Donazioni” è un autorevole commento articolo per articolo della disciplina normativa codicistica in tema di donazioni e contiene anche il commento alle principali norme speciali in materia.

    L’Opera, coordinata dal Prof. Bonilini , è commentata da accademici e professionisti di altissimo livello e si rivela essere un mezzo autorevole ed utile per la pratica quotidiana del notaio, dell’avvocato e del magistrato.

    In... (continua)

  • I contratti di donazione. Con CD-ROM

    Collana: Trattato dei Contratti
    Pagine: 568
    Data di pubblicazione: dicembre 2009
    Prezzo: 65,00 -5% 61,75 €
    Categorie: Donazioni

    L’opera presenta una trattazione molto meticolosa e approfondita di tutti gli istituti previsti dall’ordinamento per i contratti di donazione, concentrando l’analisi sulla ricostruzione del regime giuridico delle fattispecie espressamente delineate dal codice.
    In particolare, dopo avere individuato ed esaminato dettagliatamente il dato normativo, ampio spazio viene riservato allo studio dellaprassi contrattuale attraverso gli apporti offerti dall’elaborazione... (continua)

  • Donazioni, atti gratuiti, patti di famiglia e trusts successorii. Con CD-ROM

    Editore: Zanichelli
    Collana: Dottrina Casi Sistemi
    Pagine: 752
    Data di pubblicazione: luglio 2010
    Prezzo: 125,00 -5% 118,75 €
    Categorie: Donazioni, Trust

    Nella prima parte dell'opera si esaminano le nozioni di atto gratuito liberale e atto gratuito non liberale, la giustificazione non patrimoniale del contratto gratuito atipico, liberalità d'uso e donazioni di modico valore, donazione rimuneratoria, donazione modale, donazione mista, donazioni indirette, il configurarsi della fattispecie nell'ambito della fenomenologia successoria, capacità di donare, conferma delle donazioni nulla, la regola di gratuità degli atti di... (continua)

  • Acquisti in comunione legale e circolazione dei beni di provenienza donativa

    Autore: Patti Filippo
    Editore: Ipsoa
    Pagine: 176
    Data di pubblicazione: giugno 2011
    Prezzo: 30,00 -5% 28,50 €

    Il volume tratta due temi, gli acquisti in regime di comunione legale di beni e la circolazione dei beni di provenienza donativa, entrambi di notevole interesse per i professionisti soprattutto per la necessità di trovare espedienti utili che consentano di arginare situazioni e fenomeni non adeguatamente risolvibili con i mezzi offerti dalla normativa esistente.

    Per ciascun argomento, partendo da un inquadramento generale, si analizzano poi le questioni interpretative ed... (continua)