Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 784 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Donazione a nascituri

Dispositivo dell'art. 784 Codice civile

La donazione può essere fatta anche a favore di chi è soltanto concepito [462 c.c.], ovvero a favore dei figli di una determinata persona vivente al tempo della donazione, benché non ancora concepiti [463, 785 c.c.].

L'accettazione della donazione a favore di nascituri, benché non concepiti è regolata dalle disposizioni degli articoli 320 e 321 (1).

Salvo diversa disposizione del donante, l'amministrazione dei beni donati spetta al donante o ai suoi eredi (2), i quali possono essere obbligati a prestare idonea garanzia [1179 c.c.]. I frutti maturati prima della nascita sono riservati al donatario se la donazione è fatta a favore di un nascituro già concepito (3). Se è fatta a favore di un non concepito, i frutti sono riservati al donante sino al momento della nascita del donatario (4) [785 c. 3 c.c.].

Note

(1) Ai sensi dell'art. 320 del c.c., l'accettazione spetta ai genitori congiuntamente o a quello di essi che esercita in via esclusiva la potestà genitoriale, previa autorizzazione del giudice tutelare. Ove i genitori non possano o non vogliano accettare l'eredità, può essere nominato un curatore speciale (v. art. 321 del c.c.).
(2) La donazione fatta al nascituro è sottoposta alla condizione sospensiva della nascita. Prima che tale evento si verifichi, la proprietà del bene donato è del donante, motivo per cui spetta a questo l'amministrazione del bene.
(3) Al verificarsi della nascita, il donatario si considera tale ex tunc.
(4) Diversamente da quanto previsto per l'ipotesi precedente, la donazione fatta a favore di un non concepito non ha efficacia retroattiva ma opera ex nunc e i frutti fino ad allora prodotti dal bene rimangono del donante.

Ratio Legis

Similmente a quanto previsto in tema di istituzione di erede, anche le donazioni possono essere fatte a favore di soggetti che al momento dell'atto sono concepiti o non ancora concepiti purchè figli di una persona vivente.

Brocardi

Concepturus
Nasciturus
Nasciturus pro iam nato habetur quotiens de eius commodo agitur

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

377 Ho soppresso il 2° comma dell'art. 321 del progetto, cui corrisponde l'art. 784 del c.c., poiché l'art. 321 del codice stabilisce quali persone e con quali forme possano accettare le donazioni fatte ai figli nati o nascituri.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo