Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1602 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Effetti dell'opponibilità della locazione al terzo acquirente

Dispositivo dell'art. 1602 Codice civile

Il terzo acquirente tenuto a rispettare la locazione [1603] subentra, dal giorno del suo acquisto (1), nei diritti e nelle obbligazioni derivanti dal contratto di locazione (2).

Note

(1) Cioè da quando l'acquisto, a qualsiasi titolo sia compiuto (v. 1599 c.c.), produce i propri effetti, senza che sia necessario il consenso del conduttore.
(2) Si tratta dei diritti e delle obbligazioni che sorgono dopo il trasferimento o che, sorti prima, permangono. Ad esempio, il diritto a percepire i canoni che maturano dopo la cessione.

Ratio Legis

Nel caso di cessione dell'immobile ad un terzo vi è una surrogazione nella posizione di locatore: pertanto, il terzo acquista i medesimi diritti ed obblighi che aveva il cedente.

Spiegazione dell'art. 1602 Codice civile

Posizione giuridica del terzo acquirente

L'acquirente, come è tenuto a rispettare il contratto di locazione in corso, così subentra in tutti i diritti che contro il conduttore competono al precedente locatore, in particolare al diritto alla riconsegna della cosa ed al risarcimento dei danni quando ricorrono.
Negli articoli 1599 e 1600 sono stati esaminati i casi in cui il conduttore può invocare il rispetto delle locazioni anteriori al trasferimento. Dette norme sono dettate nell'interesse del conduttore, ma se il terzo acquirente decide di rispettare la locazione anteriore al suo acquisto per tutta la sua durata, il conduttore deve sottostare a veder continuata la locazione medesima. Dal testo stesso di quegli articoli risulta che il terzo acquirente è in facoltà di disconoscere le locazioni o di ridurle alla durata stabilita dalla legge, facoltà alla quale ha ben il diritto di rinunciare. Né potrebbe sostenersi che in tal caso il conduttore rimane estraneo al contratto di alienazione, perché anche l'acquirente era estraneo al contratto di locazione, eppure può far valere la facoltà che il locatore si sia riservata, di sciogliere la locazione in caso di vendita.
La questione, ad ogni modo,è risolta dal legislatore ed il terzo acquirente, subentrando nella posizione giuridica del locatore, potrà invocare dal conduttore l'osservanza di tutti gli obblighi che a lui facevano carico nei confronti del locatore originario, quale corrispettivo dell'onere che su di sè grava di rispettare le obbligazioni del locatore.

Relazione al Libro delle Obbligazioni

(Relazione del Guardasigilli al Progetto Ministeriale - Libro delle Obbligazioni 1941)

417 Infine ho chiarito nell'articolo 457 quali siano gli effetti dell'opponibilità al terzo acquirente del contratto di locazione. Il chiarimento si ricollega alle questioni insorte cerca il significato dell'inciso dell'articolo 1597 cod. civ. "stare alla locazione".
Come è noto mentre ad alcuni si sostiene che devono rispettarsi soltanto i patti inerenti alla cosa, al tempo e al prezzo opinione più accreditata vuole che tutti i propri contenuti nel contratto di locazione avente data certa se non rispettata dall'acquirente: si eccettuano, s'intende, quelle meramente personali al locatore.
Si è accolta quest'ultima opinione, che è sembrata più coerente alla natura del mutamento soggettivo operatosi nel rapporto locativo a seguito dell'alienazione. Questo mutamento implica surrogazione di diritto in un rapporto bilaterale, donde vi è trasferimento di diritti e di obblighi: trasferimento riferito a tutto il contenuto del rapporto e non a una parte soltanto di esso.
Obbligazione personale al locatore che non si trasferisce all'acquirente è quella di restituire la cauzione essa infatti è un debito che presuppone la consegna della cosa a colui che deve restituire; perciò soltanto se l'ha avuta dal locatore l'acquirente può essere tenuto a rimetterla al conduttore, tranne che l'acquirente abbia assunto un obbligo specifico verso il locatore per quanto non abbia avuto consegnato anche l'importo della cauzione.

Massime relative all'art. 1602 Codice civile

Cass. civ. n. 12883/2012

L'acquirente di un immobile locato a terzi, in quanto cessionario "ex lege" del contratto di locazione e di tutti i diritti e le facoltà da esso scaturenti, è pienamente legittimato ad intimare al conduttore lo sfratto, a nulla rilevando né che la morosità fosse maturata prima della vendita dell'immobile, né che prima di tale momento la locazione fosse cessata per scadenza del termine.

Cass. civ. n. 9408/2011

Il diritto del conduttore all'indennità per la perdita dell'avviamento commerciale sorge per effetto ed al momento della cessazione del contratto di locazione. Da ciò consegue che se l'immobile locato viene venduto dopo la comunicazione della disdetta da parte del locatore alienante, ma prima della prevista data di cessazione del rapporto, obbligato al pagamento della suddetta indennità è, ai sensi dell'art. 1602 c.c., l'acquirente dell'immobile locato.

Cass. civ. n. 11895/2008

In tema di locazione, il trasferimento a titolo particolare della cosa locata comporta, sul piano sostanziale, in base all'art. 1599 c.c., il subentro nella posizione del locatore dell'acquirente all'alienante nel rapporto locatizio e produce, sul piano processuale, gli effetti previsti e disciplinati dall'art. 111 c.p.c. ; peraltro, il principio stabilito dall'art. 1602 c.c., che fissa al momento dell'acquisto del bene locato il subingresso dell'acquirente nei diritti e negli obblighi derivanti dal contratto di locazione, esclude per implicito che il fenomeno successorio ex art. 1599 c.c. del trasferimento a titolo particolare della cosa locata possa avere effetto retroattivo. Ne consegue che l'acquirente dell'immobile locato, pur subentrando in tutti i diritti e gli obblighi correlati alla prosecuzione del rapporto di locazione, deve considerarsi terzo rispetto agli obblighi già perfezionatisi ed esauritisi a favore e a carico delle parti originarie fino al giorno del suo acquisto (Nella specie, la S.C. ha cassato la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, ha rigettato la domanda di rilascio per occupazione senza titolo proposta dall'acquirente del bene nei confronti del ricorrente, ritenendo sussistente il contrasto tra la decisione impugnata e quella, passata in giudicato, che, nella causa intentata nei confronti dello stesso ricorrente dall'alienante, aveva accertato il diritto del predetto a succedere nel contratto di locazione ex art. 6 della legge 392 del 1978 ).

Cass. civ. n. 674/2005

In mancanza di una contraria volontà dei contraenti, la vendita dell'immobile locato determina la surrogazione, nel rapporto di locazione, del terzo acquirente che subentra nei diritti e nelle obbligazioni del venditore locatore senza necessità del consenso del conduttore, con la conseguenza che quest'ultimo è tenuto, di regola, a pagare i canoni all'acquirente, nuovo locatore, dalla data in cui riceve la comunicazione della vendita dell'immobile in una qualsiasi forma idonea, in applicazione analogica dell'art. 1264 c.c. in tema di cessione dei crediti.

Cass. civ. n. 8329/2001

Il principio stabilito in materia di locazione dall'art. 1602 c.c. che fissa nel momento dell'acquisto del bene locato il subingresso dell'acquirente nei diritti e negli obblighi derivanti dal contratto di locazione, esclude per implicito che il fenomeno successorio ex art. 1599 c.c. del trasferimento a titolo particolare della cosa locata (che si verifica anche a seguito di espropriazione forzata dei beni ai sensi dell'art. 2923 c.c.) possa avere effetto retroattivo e comporta, invece, che il rapporto di locazione viene a scindersi in due periodi distinti, rispetto a ciascuno dei quali l'unico contratto spiega i suoi effetti nei confronti di colui che in quel periodo ha la qualità di locatore.

Cass. civ. n. 6598/1991

La tolleranza del precedente proprietario non esclude il diritto dell'acquirente dell'immobile subentrato nel rapporto di locazione, ai sensi dell'art. 1602 c.c., di far valere le pregresse violazioni delle obbligazioni contrattuali del conduttore, quando queste perdurino anche dopo il trasferimento o abbiano determinato una situazione di fatto diversa e contraria a quella presupposta e regolata dal contratto.

Cass. civ. n. 300/1991

Il conduttore di immobile destinato ad uso diverso da quello di abitazione, il quale, a seguito della violazione del diritto di prelazione di cui è titolare abbia esercitato il riscatto, è tenuto a corrispondere il canone di locazione al terzo acquirente (il quale è subentrato nella medesima posizione del locatore alienante, in conformità al principio generale enunciato dall'art. 1602 c.c.) in pendenza del relativo giudizio, al cui esito favorevole soltanto consegue l'acquisto della proprietà dell'immobile locato.

Cass. civ. n. 254/1991

L'acquirente dell'immobile locato, pur subentrando in tutti i diritti e gli obblighi correlati alla prosecuzione del rapporto di locazione, deve considerarsi terzo rispetto ai diritti ed agli obblighi già perfezionatisi ed esauritisi a favore ed a carico delle parti originarie fino al giorno del suo acquisto.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo