Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 579 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Persone ammesse agli incanti

Dispositivo dell'art. 579 Codice di procedura civile

Salvo quanto è disposto nell'articolo seguente, ognuno, eccetto il debitore, è ammesso a fare offerte all'incanto(1).

Le offerte debbono essere fatte personalmente o a mezzo di mandatario munito di procura speciale.

I procuratori legali possono fare offerte per persone da nominare(2).

Note

(1) Il primo comma della norma in analisi ribadisce il divieto per il debitore di presentare offerte d'acquisto dell'immobile all'incanto. Il divieto si estende anche all'eventuale accordo tra il debitore ed il terzo incaricato dal debitore stesso di acquistare per suo conto l'immobile, poichè tale accordo configura un negozio diretto ad aggirare il divieto gravante sul debitore di effettuare offerte all'incanto.
(2) Nel caso in cui l'offerta venga proposta a mezzo di mandatario è necessario che nella procura sia individuato esattamente il bene che si vuole acquistare.
Se l'offerta è proposta a mezzo di avvocato, questo può fare l'offerta per persona da nominare o anche a proprio nome. Nella prima ipotesi, la mancata effettuazione della nomina da parte dell'avvocato che si è reso aggiudicatario per persona da nominare comporta il definitivo perfezionamento della stessa a nome dell'avvocato.
L'avvocato che ha assunto la qualità di offerente per persona da nominare, partecipando alla vendita, può impugnare in proprio e non nella qualità assunta, il provvedimento di aggiudicazione del bene in favore di altri.

Massime relative all'art. 579 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 3518/1994

La norma di cui all'art. 579, terzo comma, c.p.c., mentre attribuisce solo ai procuratori legali, e non ad altri, la legittimazione a fare offerte per persona da nominare nella vendita all'incanto disposta dal giudice dell'esecuzione, non esclude che gli stessi procuratori possono fare offerte in proprio, comportando, nel primo caso, l'inottemperanza all'obbligo di dichiarazione di nomina non la nullità dell'aggiudicazione bensì la definitività di questa a norma del procuratore stesso a norma del secondo comma dell'art. 583 c.p.c.

Cass. civ. n. 2606/1985

In tema di vendita all'incanto di beni acquisiti al fallimento, il principio, secondo il quale le offerte, ivi incluse quelle in aumento del sesto, devono essere effettuate personalmente (artt. 579 e 584 c.p.c., applicabili in forza del richiamo dell'art. 105 della legge fallimentare), è rivolto a consentire all'ufficio la possibilità di identificare il soggetto autore della dichiarazione. L'inosservanza di quel principio, pertanto, non spiega effetti invalidanti, quando la suddetta esigenza risulti ugualmente assicurata (nella specie, trattandosi di offerta consegnata direttamente al curatore, durante uno sciopero dei cancellieri, e poi depositato in cancelleria da un incaricato del curatore medesimo).

Cass. civ. n. 5526/1982

La norma del primo comma dell'art. 579 c.p.c., per la quale, nel sistema di vendita forzata all'incanto, soltanto il debitore esecutato non è ammesso a fare offerte, è di carattere eccezionale e pertanto, non è analogicamente applicabile ad altre ipotesi. In tale sistema, inoltre, poiché il prezzo di acquisto è determinato oggettivamente dalla gara, è privo di rilievo il contrasto (comunque non deducibile dall'esecutato) fra l'interesse del creditore pignorante e dei creditori intervenuti alla realizzazione del maggior prezzo e l'interesse degli offerenti all'acquisto al minor prezzo.

Cass. civ. n. 1814/1982

In tema di espropriazione immobiliare non è affetta da nullità perché contra legem, la convenzione stipulata prima dell'incanto con la quale le parti stabiliscono che una sola di esse concorra, a spese comuni, all'asta del bene espropriato, con l'impegno di trasferire all'altra parte, in caso di aggiudicazione, la metà di detto bene, in quanto la legge, come non vieta che ad un incanto concorrano congiuntamente due o più soggetti, in vista di un comune interesse all'acquisto, così non vieta che uno od alcuni di costoro diano mandato ad uno dei cointeressati di partecipare all'asta anche in loro nome o nel loro interesse.

Cass. civ. n. 605/1982

In tema di espropriazione forzata immobiliare, la previsione dell'art. 579 c.p.c. denegativa per il debitore esecutato dalla legittimazione di fare offerte all'incanto — che non integra un divieto dell'acquisto da parte del debitore — costituendo norma eccezionale rispetto alla regola stabilita dallo stesso art. 579 per la quale la legittimazione all'offerta compete ad «ognuno», non può trovare applicazione analogica per altre ipotesi od a altri soggetti non considerati in detta norma, neppure con riguardo al coniuge del debitore — ancorché sussista tra i coniugi il regime di comunione legale dei beni previsto dagli artt. 177 e ss. c.c. — sicché questi rientrando nell'ampia e onnicomprensiva categoria delineata dal richiamato art. 579 c.p.c., è ammesso a fare offerte per l'incanto ed offerta di aumento del sesto dopo la aggiudicazione, senza che rilevi il fatto che, per volontà della legge, l'effetto traslativo del bene — operato direttamente soltanto in capo a lui quale offerente aggiudicatario — si ripercuota per la metà nel patrimonio del debitore esecutato.

Cass. civ. n. 2910/1980

A norma dell'art. 579 c.p.c. le offerte all'incanto debbono essere effettuate personalmente o per mezzo di mandatario munito di procura speciale, ricomprendendosi nella prima ipotesi ogni caso in cui la partecipazione dell'offerente è riconducibile ad una sua personale attività. Conseguentemente per le persone giuridiche tale collegamento è desumibile dalla normativa che ne regola il funzionamento e con riguardo alle società dalla preposizione institoria.

Cass. civ. n. 4407/1979

L'art. 579 c.p.c. vieta, con una disposizione di stretta interpretazione, la partecipazione all'asta pubblica del solo debitore esecutato; pertanto, la partecipazione alla predetta asta di un soggetto, nella qualità di persona interposta del coniuge del debitore esecutato, non integra violazione del predetto divieto ove manchi la prova che all'accordo interpositorio — se fittizio — abbia partecipato anche il debitore, ovvero — se reale — sia correlato un mandato, di quest'ultimo al coniuge, per l'acquisto del bene, oggetto dell'esecuzione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 579 Codice di procedura civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Anonimo chiede
venerdì 03/11/2017 - Sicilia
“Buongiorno sono un debitore esecutato da una banca , per un mutuo.mia moglie e' datrice di ipoteca . in questo momento l'immobile e' stato aggiudicato. io ho contestato la procedura perche non hanno fatto partecipare mia moglie all'asta.il giudice alla mia istanza ha risposto che mia moglie oltre ad essere terza datrice di ipoteca e' diventata anche debitrice esecutata perche il condominio con un'ingiunzione di pagamento e' intervenuto utilizzando l'articolo 499 cpc come creditore intervenuto tardivamente .Io ritengo che se il condominio fosse intervenuto con l'uso dell'articolo 524 cpc ossia pignoramento successivo , mia moglie sarebbe diventata debitrice esecutata , ma in questo caso mia moglie e' soggetta ad un solo procedimento instaurato dalla banca ed in questo procedimento mia moglie e' terza datrice di ipoteca . perche e' diventata debitrice esecutata. Grazie”
Consulenza legale i 15/11/2017
Analizzati gli atti di causa, la decisione del giudice di ritenere anche Sua moglie debitrice esecutata è fondata.

Sua moglie è debitrice nei confronti del Condominio della somma di Euro 4.034,45.
Il Condominio, essendosi munito di un valido titolo esecutivo (decreto ingiuntivo) nei confronti di Sua moglie, correttamente è intervenuto nella procedura esecutiva nella quale la stessa era datrice di ipoteca.
Nella espropriazione contro il terzo proprietario, soggetto passivo della espropriazione è sempre il terzo, sicchè possono intervenire anche i creditori personali del terzo, senza bisogno di dover procedere ad un nuovo pignoramento.

L’intervento nella procedura esecutiva disciplinata dagli art. 602 ss c.p.c. non è, infatti, consentito ai creditori del “debitore principale” diversi dal titolare del credito garantito da ipoteca sul bene; possono invece intervenire e, quindi, soddisfarsi sul ricavato della vendita, i creditori del terzo proprietario.

Legittimamente, pertanto, Sua moglie è stata esclusa dalla partecipazione alla procedura di aggiudicazione dell’immobile in quanto anche nei confronti della stessa trova applicazione il divieto di presentare offerte di acquisto dell’immobile pignorato di cui all’art 579 c.p.c. perchè, si ripete, debitrice esecutata per effetto del proprio personale debito nei confronti del Condominio.

Testi per approfondire questo articolo

  • Manuale degli ausiliari dell'esecuzione immobiliare. Stima, custodia e delega nelle operazioni di vendita

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: ottobre 2018
    Prezzo: 99,00 -5% 94,05 €
    L'esecuzione civile è un momento immancabile nella tutela del credito che giustifica la sostituzione dell'ordinamento al debitore inadempiente verso l'attuazione dell'altrui diritto e, dunque, insensibile al «comando» dello Stato. Serie e gravi sono le ripercussioni di questi inadempimenti sull'economia nel suo complesso e sull'efficienza del Sistema Paese. Il legislatore italiano ha, pertanto, riscoperto la centralità della materia ed ha puntato sulle... (continua)