Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 819 ter Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Rapporti tra arbitri e autorità giudiziaria

Dispositivo dell'art. 819 ter Codice di procedura civile

La competenza degli arbitri non è esclusa dalla pendenza della stessa causa davanti al giudice, né dalla connessione tra la controversia ad essi deferita ed una causa pendente davanti al giudice(1). La sentenza, con la quale il giudice afferma o nega la propria competenza in relazione a una convenzione d'arbitrato, è impugnabile a norma degli articoli 42 e 43. L'eccezione di incompetenza del giudice in ragione della convenzione di arbitrato deve essere proposta, a pena di decadenza, nella comparsa di risposta. La mancata proposizione dell'eccezione esclude la competenza arbitrale limitatamente alla controversia decisa in quel giudizio(2).

Nei rapporti tra arbitrato e processo non si applicano regole corrispondenti agli articoli 44, 45, 48, 50 e 295(4).

In pendenza del procedimento arbitrale non possono essere proposte domande giudiziali aventi ad oggetto l'invalidità o inefficacia della convenzione d'arbitrato(3).

Note

(1) La norma in esame, novellata dal d.lgs. 40/2006, indica che i rapporti tra il collegio arbitrale e l'autorità giudiziaria si pongono sul piano della questione di competenza.
(2) Secondo la nuova formulazione, che in sostanza riprende la precedente, la competenza degli arbitri non è esclusa nè in caso di connessione tra la controversia a loro deferita e una causa pendente innanzi il giudice ordinario nè in caso di pendenza davanti al giudice della stessa causa. L'eventuale eccezione di incompetenza deve essere sollevata a pena di decadenza nella comparsa di risposta.
(3) Infine, l'ultimo comma precisa che durante la pendenza del procedimento arbitrale è preclusa la possibilità di proporre davanti al giudice ordinario domande giudiziali aventi ad oggetto l'invalidità o l'inefficacia della convenzione di arbitrato.
(4) La Corte Costituzionale, con sentenza 19 luglio 2013, n. 223, ha dichiarato costituzionalmente illegittimo tale comma nella parte in cui esclude l’ applicabilità, ai rapporti tra arbitrato e processo, di regole corrispondenti all’articolo 50 del codice di procedura civile.

Massime relative all'art. 819 ter Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 23473/2017

La statuizione di un collegio arbitrale, che pronunci sulla propria competenza a decidere la controversia sottopostagli, non è impugnabile con il regolamento di competenza, sia alla stregua della novella introdotta dal d.l.vo n. 40 del 2006, sia nel regime previgente, emergendo chiaramente dal tenore letterale dell'art. 819 ter c.p.c. che il legislatore, ne ha consentito l'utilizzo esclusivamente avverso la pronuncia del medesimo tenore resa da un giudice ordinario.

Cass. civ. n. 14649/2017

In presenza di una clausola compromissoria di arbitrato estero, l'eccezione di compromesso, attesa la natura giurisdizionale e sostitutiva della funzione del giudice ordinario da attribuirsi all'arbitrato rituale in conseguenza delle disciplina complessivamente ricavabile dalla l. n. 5 del 1994 e dal d.lgs. n. 40 del 2006, deve ricomprendersi, a pieno titolo, nel novero di quelle di rito, dando così luogo ad una questione di giurisdizione e rendendo ammissibile il regolamento preventivo di cui all'art. 41 c.p.c., precisandosi, peraltro, che il difetto di giurisdizione nascente dalla presenza di una clausola compromissoria siffatta può essere rilevato in qualsiasi stato e grado del processo, a condizione che il convenuto non abbia espressamente o tacitamente accettato la giurisdizione italiana, e dunque solo qualora questi, nel suo primo atto difensivo, ne abbia eccepito la carenza.

Cass. civ. n. 21213/2014

La sentenza dichiarativa dell'improponibilità della domanda, perché devoluta alla cognizione degli arbitri, non vincola questi ultimi quanto alla giuridica esistenza ed alla validità della clausola compromissoria, spettando ad essi di verificare la regolarità della loro investitura ad opera dei contraenti. Ne consegue che il giudicato derivante dall'omessa impugnazione di quella statuizione è meramente formale, preclusivo della riproposizione della medesima questione davanti al giudice dello stesso processo, ma non in un diverso giudizio promosso dalle parti dinanzi ad altra autorità giudiziaria, né spiega efficacia vincolante nel successivo procedimento arbitrale, che non è la prosecuzione di quello originariamente instaurato, ma costituisce una definizione negoziale della lite, la cui previsione comporta l'improponibilità suddetta per effetto della rinuncia delle parti alla giurisdizione.

Cass. civ. n. 17908/2014

È inammissibile l'appello avverso la decisione del tribunale declinatoria della propria competenza a favore degli arbitri rituali, poiché l'attività di questi ultimi ha natura giurisdizionale e sostitutiva della funzione del giudice ordinario, sicché la relativa questione può essere fatta valere solo con regolamento di competenza.

Cass. civ. n. 24153/2013

L'attività degli arbitri rituali, anche alla stregua della disciplina complessivamente ricavabile dalla legge 5 gennaio 1994, n. 5 e dal d.l.vo 2 febbraio 2006, n. 40, ha natura giurisdizionale e sostitutiva della funzione del giudice ordinario, sicché lo stabilire se una controversia spetti alla cognizione dei primi o del secondo si configura come questione di competenza, mentre il sancire se una lite appartenga alla competenza giurisdizionale del giudice ordinario e, in tale ambito, a quella sostitutiva degli arbitri rituali, ovvero a quella del giudice amministrativo o contabile, dà luogo ad una questione di giurisdizione.

Cass. civ. n. 3826/2013

In tema di arbitrato, il primo periodo dell'art. 819 ter, primo comma, c.p.c., nel prevedere che la competenza degli arbitri non è esclusa dalla connessione tra la controversia ad essi deferita ed una causa pendente davanti al giudice ordinario, implica, in riferimento all'ipotesi in cui sia stata proposta una pluralità di domande, da un lato che la sussistenza della competenza arbitrale deve essere verificata con specifico riguardo a ciascuna di esse, non potendosi devolvere agli arbitri (o al giudice ordinario) l'intera controversia in virtù del mero vincolo di connessione, dall'altro che l'eccezione d'incompetenza dev'essere sollevata con specifico riferimento alla domanda o alle domande per le quali è prospettabile la dedotta incompetenza. (Nella specie il convenuto, con la comparsa di costituzione, aveva fatto valere l'efficacia della clausola compromissoria contenuta nel contratto di locazione finanziaria con riferimento alle sole domande avanzate dall'attrice in via surrogatoria, astenendosi dal sollevare la medesima eccezione in ordine alle domande proposte dall'attrice "jure proprio"; la S.C., in applicazione dell'anzidetto principio, ha conseguentemente escluso che il giudice potesse d'ufficio estendere la dichiarazione di improponibilità a tutte le domande, non potendosi invocare né il vincolo di connessione esistente tra le stesse, né il principio di ragionevole durata del processo).

Cass. civ. n. 22002/2012

L'art. 819 ter, comma secondo, c.p.c., laddove afferma che "nei rapporti tra arbitrato e processo" non si applica l'art. 50 c.p.c., riguarda solo il caso in cui siano gli arbitri ad escludere la loro competenza ed a riconoscere quella del giudice ordinario. Allorquando, invece, sia il giudice togato a dichiarare la propria incompetenza a beneficio di quella degli arbitri, oppure sia la Corte di cassazione, adita con riferimento ad una pronuncia affermativa della competenza del giudice ordinario, a dichiarare la competenza degli arbitri oppure a rigettare, per ragioni di rito o di merito, l'istanza di regolamento contro una pronuncia declinatoria, è possibile la riassunzione dinanzi agli arbitri nel termine fissato o, in mancanza, in quello previsto dall'art. 50 c.p.c., con salvezza dell'effetto interruttivo cd. istantaneo della prescrizione ai sensi dell'art. 2943 comma 3, c.c., e di quello permanente, di cui all'art. 2945, comma 2, dello stesso codice.

Cass. civ. n. 15890/2012

La proposizione dell'eccezione di incompetenza del giudice ordinario, in ragione dell'esistenza di una clausola compromissoria, non richiede formule sacramentali, né l'individuazione di specifici criteri di competenza, essendo sufficiente la deduzione della sussistenza della convenzione d'arbitrato.

Cass. civ. n. 17019/2011

Ai sensi dell'art. 819 ter, ultimo comma, c.p.c., così come novellato dall'art. 22 del d.l.vo 2 febbraio 2006, n. 40, in pendenza del procedimento arbitrale non possono proporsi all'autorità giudiziaria domande aventi ad oggetto l'invalidità o inefficacia della convenzione d'arbitrato, dovendosi ritenere, per converso, che possa essere proposta una domanda giudiziale intesa ad ottenere la declaratoria della invalidità o dell'inefficacia della convenzione, quando non sia stata introdotta una controversia davanti agli arbitri sulla base della convenzione stessa. L'invalidità o l'inefficacia della convenzione d'arbitrato può essere invocata davanti all'autorità giudiziaria con autonoma domanda di accertamento, o unitamente alla domanda relativa al rapporto cui la clausola compromissoria troverebbe applicazione, ovvero, ancora, in via di controeccezione proposta dalla parte attrice, allorché la parte convenuta abbia eccepito l'esistenza della clausola compromissoria invocando la competenza arbitrale. Ove avverso la decisione del giudice di merito, affermativa o negativa della competenza arbitrale, venga proposto regolamento di competenza, detto giudizio compete alla Corte di cassazione, nell'ambito dei poteri di statuizione sulla competenza.

La sentenza con la quale il tribunale adito, ignorando la qualificazione dei rapporti di competenza tra arbitri e autorità giudiziaria, data dell'art. 819 ter c.p.c., dichiari improponibile la domanda, dev'essere intesa come pronuncia declinatoria della competenza a favore degli arbitri ed è pertanto impugnabile con il regolamento necessario di competenza.

Cass. civ. n. 24082/2010

In tema di competenza, a norma dell'articolo 819 ter, secondo comma, c.p.c., a fronte di una statuizione che nega la competenza arbitrale è ammesso il solo regolamento di competenza necessario o facoltativo, ma non anche quello d'ufficio; ne consegue che, ove sia intervenuta una pronuncia che, negando la competenza arbitrale, affermi quella del giudice ordinario e ad un tempo dichiari la competenza territoriale, di altro giudice, quest'ultimo può contestare con il regolamento di ufficio il criterio attributivo della competenza per territorio ma non anche porre nuovamente in discussione la questione della competenza arbitrale.

Cass. civ. n. 19047/2010

In tema di arbitrato, la disciplina sull'impugnabilità con regolamento di competenza, necessario o facoltativo (artt. 42 e 43 c.p.c.), della sentenza del giudice di merito affermativa o negatoria della propria competenza sulla convenzione di arbitrato, recata dal nuovo testo dell'art. 819 ter c.p.c. (introdotto dall'art. 22 del d.l.vo 2 febbraio 2006, n. 40), trova applicazione soltanto in relazione a sentenze pronunciate con riferimento a procedimenti arbitrali iniziati successivamente alla data del 2 marzo 2006, disponendo in tal senso, con formulazione letterale inequivoca, la norma transitoria dettata dall'art. 27, comma 4, dell'anzidetto d.l.vo n. 40, dovendosi, pertanto, escludere che l'operatività della nuova disciplina possa ancorarsi a momenti diversi, quale quello dell'inizio del giudizio dinanzi al giudice ordinario nel quale si pone la questione di deferibilità agli arbitri della controversia ovvero quello della data di pubblicazione della sentenza del medesimo giudice che risolve la questione di competenza. (Principio di diritto enunciato in sede di regolamento di competenza avente ad oggetto sentenza pronunciata in controversia attinente a domande di arbitrato proposte prima del 2 marzo 2006).

Cass. civ. n. 178/2008

Nel giudizio arbitrale, le sole questioni pregiudiziali sottratte alla competenza degli arbitri sono quelle di cui all'art. 806 c.p.c. (prevedente le materie indisponibili o altre fissate per legge), per cui nell'ipotesi di contemporanea pendenza della medesima causa davanti all'autorità giudiziaria e ad un collegio arbitrale, non opera la litispendenza, nè può invocarsi la sospensione necessaria di cui all'art. 295 c.p.c., poiché la competenza di uno dei giudici, escludendo quella dell'altro ed avendo carattere esclusivo e inderogabile, va risolta con l'affermazione o la negazione della competenza del giudice adito, in relazione all'esistenza, al contenuto e ai limiti di validità del compromesso o della clausola compromissoria; la mancata sospensione non è invero prevista come causa di nullità del lodo, mancando la stessa possibilità di un conflitto di giudicati, poiché il rapporto di pregiudizialità tra due liti, che impone al giudice la predetta sospensione, ricorre solo quando la decisione della prima influenzi la pronuncia che deve essere resa sulla seconda.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 819 ter Codice di procedura civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Gianluca V. chiede
mercoledì 17/07/2019 - Calabria
“Il richiedente, titolare di un ristorante, ha sottoscritto una polizza incendi. Il locale è andato distrutto a causa di un incendio. La compagnia ass.va sta facendo di tutto per ostacolare il pagamento dell'indennizzo. Il legale ha presentato ricorso per ATP con udienza fissata a settembre per conferimento incarico CTU al fine di chiedere al CTU di ricostruire la dinamica dell'incendio e di quantificare i danni. Nel frattempo il perito di parte ha consigliato di ricorrere alla procedura di arbitrato prevista in polizza. Pertanto, è stata depositata in Trib. istanza per la nomina del terzo arbitro. Il Presidente del Trib. ha già nominato il terzo perito il quale, sentito telefonicamente dal ns perito, ha fatto capire che riconoscerà l'indennizzo a favore del contraente (quindi in commissione ci saranno due voti su tre favorevoli al riconoscimento dell'indennizzo). Nei prossimi giorni dovrebbe riunirsi la commissione che, dunque, sarà composta da tre periti (il primo per l'assicurato, il secondo per la compagnia, il terzo già nominato dal Trib). Il legale della compagnia ass.va, nel frattempo costituitasi in giudizio nel ricorso per ATP, dice che il verbale della commissione sarà nullo perché adottato in pendenza di ATP. Naturalmente il contraente assicurato, una volta ricevuto il verbale che certificherà la spettanza dell'indennizzo assicurativo, subito dopo provvederà a rinunciare all'accertamento tecnico preventivo.
In questo caso il legale del contraente assicurato deve fare una istanza di rinuncia agli atti ex art. 306 cpc? L'accettazione della rinuncia da parte della compagnia assicurativa è necessaria? E se invece la compagnia non accettasse la rinuncia al ricorso da parte dell'assicurato chiedendo al giudice di andare avanti nel giudizio di ATP? Grazie”
Consulenza legale i 26/07/2019
La materia trova disciplina nell’art. 819 ter c.p.c..
La norma dice espressamente che la competenza del Collegio Arbitrale non è esclusa dalla pendenza della medesima controversia davanti al Giudice Ordinario.
Pertanto, la statuizione degli Arbitri non sarà nulla per il solo fatto che precedentemente è stata proposta la stessa domanda avanti al Giudice ordinario.

L’eccezione di arbitrato o “di compromesso” (ovvero un’eccezione relativa alla competenza, con la quale si porta all’attenzione del Giudice che c’è una clausola compromissoria con cui le parti hanno stabilito pattiziamente il ricorso all’arbitrato) non può essere sollevata d’ufficio (dal Giudice di propria iniziativa) ma va proposta dalla parte interessata a pena di decadenza in comparsa di risposta (Cass. civ. Sez. VI - 1 Ordinanza, 06/11/2015, n. 22748).

Dal quesito emerge come nessuna delle parti in pendenza di giudizio (ATP) abbia sollevato l’eccezione di arbitrato: in base alla predetta norma, la mancata tempestiva proposizione dell’eccezione, purtroppo, esclude la competenza arbitrale (limitatamente, ovvio, alla controversia decisa in quel giudizio).
Tra l’altro, esiste addirittura un filone giurisprudenziale che ritiene che integri una implicita rinuncia alla clausola compromissoria (quindi al ricorso agli arbitri) anche l’aver proposto la domanda in sede ordinaria: nel caso di specie, quindi, la proposizione dell’ATP prima ed al posto dell’arbitrato, potrebbe essere interpretata dal Giudice come una volontà implicita di rinunciare all’arbitrato da parte del danneggiato.

Ciò detto, non basterà – e con ciò si risponde alla domanda principale - per evitare la pronuncia vincolante del Giudice ordinario, una rinuncia agli atti da parte del ricorrente qualora la controparte non la accetti.
A nulla rileva infatti, a tal proposito, che il procedimento in questione sia di natura preventiva (un ATP): le regole sulla rinuncia agli atti del giudizio (art. 306 c.p.c.) valgono in generale per qualsiasi procedimento civile che preveda un contraddittorio.
Anche nel caso in esame si tratta dunque, è vero, di un procedimento snello nei tempi e nelle forme ma che comunque prevede, dopo la domanda introduttiva, la costituzione della controparte, costituzione che è già avvenuta.
L’accettazione della rinuncia è, purtroppo, necessaria, altrimenti la causa prosegue fino alla pronuncia nel merito da parte del Giudice ordinario, pronuncia che, lo ripetiamo, è vincolante.

Quando la legge parla di eccezioni da formularsi a pena di decadenza entro un determinato termine intende dire che il termine in questione è perentorio.
Nel caso più specifico dell’eccezione di compromesso, se questa viene sollevata la competenza “torna” agli arbitri mentre se non viene sollevata rimane in capo al Giudice, dal momento che le parti, rimanendo inerti, hanno dimostrato chiaramente che non avevano alcun interesse ad “utilizzare” la formula arbitrale: “L'eccezione di compromesso ha carattere processuale ed integra una questione di competenza che non ha natura inderogabile, così da giustificarne il rilievo d'ufficio ex art. 38, comma 3, c.p.c., atteso che essa si fonda unicamente sulla volontà delle parti, le quali sono libere di scegliere se affidare o meno la controversia agli arbitri. Ne consegue che, anche nel procedimento sommario di cognizione, tale eccezione deve essere formulata dalla parte interessata, a pena di decadenza, nella comparsa di risposta e nel termine fissato dall'art. 702 bis bis, comma 4, c.p.c.” (Cass. civ. Sez. VI - 3 Ord., 05/06/2019, n. 15300).

E ciò diversamente da quando, invece, la medesima eccezione di incompetenza venga sollevata in sede di arbitrato: se, cioè, in quest’ultima sede non viene sollevata l’eccezione relativa alla carenza di potere decisionale degli arbitri, ciò comunque non preclude alle parti il ricorso al procedimento ordinario.

Nel caso in cui l’eccezione di compromesso venga utilmente sollevata, il giudizio “si trasferirà” in capo agli arbitri: “L'adesione all'eccezione di compromesso proposta dal convenuto comporta, ai sensi degli artt. 38 e 50 c.p.c., la riassunzione del giudizio innanzi agli arbitri con salvezza degli effetti sostanziali e processuali della domanda e la sottrazione al giudice del potere di decidere sulle spese processuali della fase svoltasi innanzi a lui.” (Tribunale Bologna Sez. spec. in materia di imprese Ord., 11/05/2016).


Testi per approfondire questo articolo

  • La compromettibilità in arbitrato secondo l'ordinamento italiano

    Editore: Giuffrè
    Collana: Univ. Insubria-Fac. di giurisprudenza
    Data di pubblicazione: luglio 2018
    Prezzo: 55,00 -5% 52,25 €
    Categorie: Arbitrato
  • L'arbitrato di prosecuzione. Approfondimenti e soluzioni operative per il procedimento arbitrale previsto dal d.l. 132/2014

    Collana: La nuova procedura civile
    Pagine: 173
    Data di pubblicazione: giugno 2016
    Prezzo: 20,00 -5% 19,00 €
    Categorie: Arbitrato
    Il testo esamina l'istituto dell'arbitrato di prosecuzione introdotto dal d.l. 132/2014, così come convertito con Legge 162/2014, analizzandone compiutamente la disciplina normativa alla luce dell'esperienza che dottrina e giurisprudenza hanno sviluppato in relazione all'istituito arbitrale di cui agli artt, 806 e ss. L'esame della nuova forma arbitrale, da collocarsi all'interno degli strumenti di a.d.r., è avvenuta sulla scorta di riflessioni personali dell'autore e con la... (continua)
  • L' arbitrato

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: luglio 2018
    Prezzo: 95,00 -5% 90,25 €
    Categorie: Arbitrato
    L'evoluzione normativa degli ultimi anni si è diretta nel senso di un «sempre più significativo investimento sugli strumenti di risoluzione delle controversie alternativi a quelli giurisdizionali». Il volume dà spazio non solo all'istituto regolato dal codice di procedura civile, ma approfondisce anche le numerose forme di arbitrato speciale; nei diciannove capitoli che lo compongono si offrono le soluzioni per procedere senza errori nelle Alternative Dispute... (continua)
  • Errori cognitivi e arbitrato

    Editore: Il Mulino
    Collana: Percorsi
    Pagine: 328
    Data di pubblicazione: gennaio 2019
    Prezzo: 26,00 -5% 24,70 €
    Categorie: Arbitrato
  • Arbitrato. Commento al titolo VIII del libro IV del Codice di procedura civile. Artt. 806-840

    Editore: Zanichelli
    Collana: Le riforme del diritto italiano
    Data di pubblicazione: ottobre 2016
    Prezzo: 178,00 -5% 169,10 €
    Categorie: Arbitrato
    Dalla seconda edizione di questo libro apparsa nel 2007, vi sono state molte novità. La giurisprudenza e la dottrina hanno offerto notevoli contributi allo sviluppo dell'arbitrato: la stessa Corte costituzionale si è preoccupata di assicurare la sua piena fungibilità rispetto alla giurisdizione statuale, garantendo (seppur a senso unico) la translatio iudicii. Il legislatore, dal canto suo, è intervenuto ripetutamente, per tagliare l'arbitrato su misura, con... (continua)
  • Terzo rapporto annuale sull'arbitrato. Impugnazione e revisione del lodo arbitrale

    Collana: Arbitrare. Quaderni della Corte Nazionale Arbitrale
    Pagine: 153
    Data di pubblicazione: febbraio 2017
    Prezzo: 16,00 -5% 15,20 €
    Categorie: Arbitrato
    Arbitrare. Quaderni della Corte Nazionale Arbitrale è una nuova collana a cura della Corte Nazionale Arbitrale, destinata alla pubblicazione degli atti dei convegni "istituzionali", organizzati dalla Corte. Questo primo volume contiene gli atti del "Rapporto sull'arbitrato", organizzato annualmente a Roma. La prima parte, destinata al confronto fra i rappresentanti delle principali istituzioni arbitrali italiane, contiene gli interventi di: L. Fumagalli, V. Cresta, G. Lepore, R... (continua)
  • L' adjudication. Contributo allo studio di arbitrato e tutela cautelare

    Editore: Giappichelli
    Collana: Biblioteca di diritto processuale civile
    Data di pubblicazione: giugno 2019
    Prezzo: 57,00 -5% 54,15 €
    Categorie: Arbitrato
    Il volume è una monografia italiana dedicata alla Statutory Adjudication, ormai divenuta il mezzo ordinario di risoluzione delle controversie nel settore delle costruzioni, nel Regno Unito e in numerosi altri sistemi di common law. Il successo pratico non è però stato accompagnato da un'adeguata teorizzazione scientifica. È per questo che il volume, nel rivolgersi sia agli operatori professionali che al pubblico accademico, unisce alla dettagliata esposizione della... (continua)
  • La consulenza tecnica nel giudizio arbitrale. Il danno da inadempimento contrattuale

    Editore: Giuffrè
    Collana: Contratti e commercio internazionale
    Data di pubblicazione: ottobre 2016
    Prezzo: 38,00 -5% 36,10 €
  • Guida operativa all'arbitrato

    Pagine: 330
    Data di pubblicazione: dicembre 2018
    Prezzo: 38,00 -5% 36,10 €
    Categorie: Arbitrato
    La riforma dell'arbitrato, attuata con il D. Lgs. 2 febbraio 2006 e la successiva introduzione della mediazione e conciliazione di cui al D. Lgs. 4 marzo 2010, n. 28, hanno delineato le vie extragiudiziarie per la risoluzione delle controversie aventi ad oggetto diritti disponibili. Tali disposizioni si sono aggiunte a quelle introdotte con il D. Lgs. 17 gennaio 2003, n. 5 che agli artt. 34, 35, 36 e 37 dettano norme speciali sull'arbitrato societario che completano il mosaico giuridico della... (continua)