Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 492 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n.262)

Garanzia

Dispositivo dell'art. 492 Codice civile

(1) Se i creditori o altri aventi interesse lo richiedono [750 c.p.c.] (2), l'erede deve dare idonea garanzia (3) per il valore dei beni mobili [812 c.c.] compresi nell'inventario, per i frutti [820 c.c.] degli immobili e per il prezzo dei medesimi che sopravanzi al pagamento dei creditori ipotecari [1179 c.c.].

Note

(1) Per ottenere la prestazione della garanzia non è necessario dimostrare che l'erede non sia in grado di soddisfare le obbligazioni a cui è tenuto.
(2) Possono richiedere la garanzia i creditori e gli altri soggetti che vi abbiano interesse.
La richiesta fatta soltanto da alcuni di essi giova unicamente a chi l'ha avanzata.
(3) La garanzia prestata può essere di qualsiasi tipo (reale o personale), la scelta spetta all'erede. E' ammessa anche la cauzione.

Ratio Legis

Si vogliono tutelare i creditori e i legatari dell'eredità da eventuali cattive gestioni del patrimonio ereditario ad opera dell'erede beneficiato. In particolare si prevede la prestazione di un'idonea garanzia in relazione a quei beni che per l'erede sono di più facile appropriazione (beni mobili, frutti e denaro).

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

246 L'art. 492 del c.c. obbliga l'erede beneficiato a dare idonee cautele sol che lo richiedano i creditori o i legatari. Si sarebbe voluto far dipendere l'obbligo delle cautele da un apprezzamento discrezionale dell'autorità giudiziaria; ma l'esigenza di difendere il credito nella maniera più energica mi ha indotto a conservare immutata la disposizione, che è riprodotta, del resto, dal codice del 1865.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: è possibile inviare documenti o altro materiale allegandolo ad una email da inviare all'indirizzo info@brocardi.it indicando nell'oggetto il nome con il quale si è richiesto il servizio di consulenza

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!