Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2563 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n.262)

Ditta

Dispositivo dell'art. 2563 Codice civile

L'imprenditore ha diritto all'uso esclusivo [2196, n. 3, 2569, 2577, 2584, 2592, 2598] della ditta [2561] da lui prescelta (1).

La ditta, comunque sia formata, deve contenere almeno il cognome [6, 7] o la sigla dell'imprenditore, salvo quanto è disposto all'articolo 2565 [2292] (2).

Note

(1) La ditta è un bene immateriale costituito dal nome sotto il quale l'imprenditore svolge la propria attività.
(2) Il secondo comma prescrive che la ditta debba contenere il cognome o la sigla dell'imprenditore. Tale previsione va letta in combinato con l'art. 2564, e dunque allorchè la ditta sia uguale o simile a quella usata da altro imprenditore e ciò possa determinare confusione, la stessa dovrà essere integrata o modificata con indicazioni idonee a differenziarla.

Ratio Legis

Il concetto di ditta individua genericamente e unitariamente il nome sotto il quale l'imprenditore esercita l'impresa. Esso va distinto da altri due segni distintivi che contraddistinguono ogni attività imprenditoriale e sono:
- il marchio (v. 2569) che contraddistingue una specifica attività o branca di attività tra quelle esercitate dall'impresa;
- l'insegna (v.2568) che identifica un bene aziendale presso il quale o mediante il quale un prodotto viene posto in commercio.

Massime relative all'art. 2563 Codice civile

Cass. civ. n. 6283/2016

In tema di ditta individuale, l'aggiunta di elementi di fantasia nel segno distintivo non esclude la possibilità, per l'imprenditore, di indicare anche una presunta qualità sociale dell'impresa per caratterizzarla e distinguerla dalle altre, senza che ciò implichi anche la sua effettività e, quindi, l'esistenza reale di un sodalizio, ove questo non venga riscontrato sulla base di elementi formali, desumibili dal registro delle imprese, o da indici fattuali che, in base al principio dell'apparenza, facciano presumere l'esistenza di una gestione societaria dell'impresa.

Cass. civ. n. 16283/2009

Nell'ambito della ditta, il nome ed il patronimico devono essere utilizzati esclusivamente in funzione identificativa della titolarità dell'impresa e non come elementi distintivi della ditta stessa, a tutela dei quali vige il principio della priorità dell'uso. Ne consegue che, quando il patronimico costituisca il cuore della denominazione di altra ditta già operante nel medesimo settore commerciale, l'inclusione del nome e del patronimico nella ditta, richiesti dall'art. 2563, secondo comma, c. c., non possono svolgere una funzione caratterizzante, ma devono essere inseriti nel contesto di ulteriori indicazioni idonee a prevenire il rischio di confusione. A tal fine, non costituisce idoneo elemento distintivo la mera aggiunta, in diretta continuità lessicale con il patronimico, della categoria di prodotti commercializzati. (Nella fattispecie, la Corte, confermando la sentenza di secondo grado, ha ritenuto insufficiente al fine di escludere al confusione la mera indicazione, accanto al patronimico, della parola "gioielli").

Cass. civ. n. 977/2007

La ditta individuale coincide con la persona fisica titolare di essa e, perciò, non costituisce un soggetto giuridico autonomo, sia sotto l'aspetto sostanziale che sotto quello processuale, senza che, perciò, nell'ambito delle opposizioni esecutive proposte dalla ditta individuale, possa ritenersi configurabile un'ipotesi di litisconsorzio necessario nei confronti del titolare di essa. (Nella specie, la S.C., alla stregua dell'enunciato principio, ha cassato con rinvio l'impugnata sentenza con la quale era stata dichiarata la nullità della sentenza di primo grado sull'erroneo presupposto della violazione dell'art. 102 c.p.c. per mancata partecipazione del titolare di una ditta individuale, ritenuto quale litisconsorte necessario in un giudizio di opposizione all'esecuzione avverso un preavviso di rilascio intentato dalla stessa ditta, dovendo, in contrario, rilevarsi che la decisione del primo giudice era, in effetti, da ritenersi emessa nei confronti del suo titolare).

Cass. civ. n. 23073/2006

La ditta è un bene immateriale costituito dal nome sotto il quale l'imprenditore svolge la propria attività, non un soggetto di diritto — persona fisica o giuridica che sia — od anche soltanto centro autonomo d'imputazione d'interessi; onde, sebbene l'individuazione dell'imprenditore attraverso la sua ditta piuttosto che attraverso il suo nome personale (questo, comunque, nella prima sempre necessariamente contenuto o rappresentato per sigla, ex art. 2563, secondo comma, c.c.) possa egualmente aver luogo in modo giuridicamente efficace, non è tuttavia corretta l'indicazione della ditta quale intestataria di atti giuridici — sostanziali e/o processuali che siano — l'imputazione dei quali va, in ogni caso, effettuata in capo alla persona fisica titolare della ditta. Pertanto il mandato difensivo rilasciato ad un legale dal titolare di una ditta è del tutto inidoneo a consentire al medesimo legale la rappresentanza processuale del successivo titolare della stessa ditta.

Cass. civ. n. 8034/2000

Il concetto di ditta, volto a designare, genericamente ed unitariamente, il nome sotto cui l'imprenditore esercita l'impresa, non ha - salvo che essa venga usata anche come marchio - una diretta attinenza con i prodotti fabbricati o venduti o con i servizi prestati, e si distingue, pertanto, sia dal marchio in generale, sia dal cosiddetto «marchio di servizio» (introdotto in Italia dall'art. 3 della L. n. 1178 del 1959), destinato a contraddistinguere una specifica attività o branca di attività tra quelle esercitate dall'impresa (e dotato di un campo di produzione limitato a tale attività in sé considerata, mentre la ditta è sempre riferibile ad un «complesso» di attività), sia dall'insegna, che non identifica né il prodotto, né l'attività o branca di attività, bensì un bene aziendale presso il quale o mediante il quale un prodotto viene posto in commercio. Ne consegue la facoltà, per l'imprenditore, di disporre di più ditte, e la possibilità, per il medesimo (qualora produca beni o servizi differenziati, destinando ad essi aziende o beni aziendali distinti), di cedere una propria attività unitamente o disgiuntamente all'insegna che contraddistingue i beni interessati, insieme o disgiuntamente ad una sua ditta

Cass. civ. n. 4036/1995

Al fine di verificare se l'uso di un nome altrui, in occasione dell'adozione di una ditta commerciale o di un marchio, possa ritenersi o meno, indebito, deve farsi riferimento alla disciplina specifica che la legge riserva a tali "segni distintivi" nell'ambito del diritto commerciale, non già alla tutela riservata della legge ai diritti della personalità (art. 7 c.c.), con la conseguenza che un provvedimento giudiziario che inibisca ad altri l'uso del proprio nome può essere chiesto solo quando questa utilizzazione si traduca in un uso arbitrario di segni distintivi dell'attività imprenditoriale.

Cass. civ. n. 10521/1994

Analogamente a quanto previsto dall'art. 42 R.D. 21 giugno 1942 n. 629 (legge sul marchio), in base al quale si presume che nell'arco di tre anni di mancata utilizzazione del marchio la sua funzione distintiva si sia a tal punto stemperata da non giustificarne ulteriormente la tutela, l'inattività di una società per un certo arco di tempo (nella specie, cinque anni) fa presumere che la denominazione sociale e la ditta che costituiscono segni distintivi, come tale destinati a suscitare, in chi le percepisce, associazioni di significato che sono legate all'uso costante di quel segno nella sua funzione individuante, e che vengono necessariamente meno ove il segno stesso cessa, per un certo arco di tempo, di essere adoperato abbiano perso la funzione distintiva che era loro propria.

Cass. civ. n. 3604/1990

Anche nell'ipotesi in cui due imprese operino nello stesso mercato, è lecito inserire nella propria ditta una parola che già faccia parte di un marchio di cui sia titolare altro imprenditore (il quale, però, usi una ditta o denominazione sociale in cui non sia presente la stessa parola), ma non è consentito usare quella parola anche come marchio, in funzione di presentazione immediata, o mediata attraverso forme pubblicitarie, dei prodotti o servizi offerti.

Cass. civ. n. 1715/1985

Con riguardo alla ditta, che contenga il prenome ed il cognome dell'imprenditore, qualora detto prenome venga ad assumere, nel corso del tempo, una funzione predominante, indicando e contrassegnando, nell'ambiente della clientela, l'intera impresa, deve riconoscersi all'imprenditore medesimo il diritto di far uso esclusivo di tale prenome, e correlativamente, il diritto di vietare che altri, dell'esercizio di analoga attività, se ne avvalga per la propria ditta o per la propria insegna. Questo principio trova applicazione anche nel caso di cessione dell'azienda, tenuto conto che sia la ditta che l'insegna seguono l'azienda, nei suoi trasferimenti, solo in presenza di uno specifico patto fra il precedente ed il nuovo titolare.

Cass. civ. n. 7583/1983

La ditta, pur essendo costituita essenzialmente dal nome, dalla sigla o dalla denominazione dell'imprenditore, può comprendere anche indicazioni relative all'attività dell'impresa o parole di fantasia idonee ad accentuarne la forza individualizzante, ed in essa, come nell'insegna, possono essere inserite, quali elementi aggiuntivi o integrativi, anche parole o espressioni di fantasia rappresentative di un marchio altrui, quando, in ragione dell'oggetto dell'impresa o del luogo del suo esercizio, non ne derivi possibilità di confusione con l'attività e i prodotti dell'altra impresa, ad esempio per la limitatezza dei mercati in cui le due imprese rispettivamente operano e per la distanza esistente tra i relativi esercizi commerciali.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Valutazione d'azienda, alcune criticità del processo di stima con particolare riferimento alle PMI

    Editore: Giuffrè
    Collana: quaderni dell'Unione di Vicenza. L'Unione di Vicenza scrive con.
    Data di pubblicazione: settembre 2018
    Prezzo: 8,00 -5% 7,60 €
  • Pubblicità sociale

    Editore: Aracne
    Collana: Diritto. Nuovi casi
    Pagine: 72
    Data di pubblicazione: ottobre 2014
    Prezzo: 6 €
    Categorie: Azienda

    I segni distintivi sono una sorta di biglietto da visita dell'impresa. Essa si manifesta, così, ai terzi. Novità e differenziazione sono i principi che regolano formazione e vita dei segni distintivi e rappresentano, pertanto, la soglia a partire dalla quale l'impresa può far valere il proprio diritto di uso esclusivo. Gli stessi costituiscono entità di rilievo patrimoniale, la cui tutela serve a mantenere integri ed a salvaguardare gli interessi sociali, dei... (continua)

  • Applicazione del d.lgs. 231/2001 e sistemi di controllo. Un'indagine sulle aziende marchigiane di maggiore dimensione

    Editore: Aracne
    Pagine: 88
    Data di pubblicazione: giugno 2018
    Prezzo: 8 €
    Categorie: Azienda
    Il volume contribuisce alla discussione sulla rilevanza del d.lgs. 231/2001 nell'ambito dell'evoluzione della cultura del controllo, in termini di responsabilità amministrativa e di responsabilità sociale d'azienda. A tal fine, sono stati sviluppati approfondimenti, riflessioni e una specifica indagine empirica concernente imprese marchigiane. Nell'insieme, dall'attività di ricerca sono emerse soprattutto conclusioni in termini di: utilità del decreto nello... (continua)
  • Profili civilistici e modelli contrattuali del leasing d'azienda

    Autore: Uda Adele M.
    Collana: Quaderni della Rassegna di dirit. civile
    Pagine: 292
    Data di pubblicazione: febbraio 2014
    Prezzo: 32 €
    Categorie: Azienda

    Leasing e azienda a confronto verso una nuova modalità di circolazione dell'azienda: il leasing d'azienda. Tematica di grandissima attualità per i profili di rilevanza sia giuridica che economica. L'obiettivo principale di tale lavoro e della sottostante attività di ricerca, sia dottrinale sia giurisprudenziale, sia italiana sia straniera, oltre che dell'esame della contrattualistica in uso nella prassi, è rappresentato dall'analisi di una configurazione... (continua)

  • Il trasferimento di azienda nell'ordinamento nazionale e comunitario. Atti dell'incontro di studio (Benevento, 14 novembre 2003)

    Editore: Franco Angeli
    Collana: Economia - Ricerche
    Pagine: 104
    Data di pubblicazione: dicembre 2006
    Prezzo: 8 €
    Questo volume raccoglie gli atti di un seminario organizzato nell'ambito delle attività del Progetto di ricerca nazionale (PRIN 2003/2005) su "Istituzioni locali e contratti collettivi nella riforma del mercato del lavoro", diretto dai professori Mario Rusciano e, per l'unità locale di Benevento, Rosario Santucci. L'incontro di studio si è concentrato sulla disciplina dei trasferimenti di azienda perché tale regolamentazione, nel contesto della così detta "riforma Biagi", si è subito... (continua)
  • Trasferimento di azienda mediante cessione post mortem a corrispettività condizionale

    Collana: Quaderni della Rivista di dirit. impresa
    Pagine: 152
    Data di pubblicazione: novembre 2015
    Prezzo: 18 €

    L'indagine si propone di individuare lo strumento tecnico-giuridico in grado di soddisfare l'esigenza, ricorrente nella pratica degli affari, di disporre dell'azienda come bene di scambio per assicurarsi prestazioni vitalizie di mantenimento e assistenza, allorché occorra preservare il cedente contro il rischio della inattuazione del programma negoziale e, a fronte dell'immediato impegno assunto da quest'ultimo, mantenere disimpegnato il cessionario. Il congegno che emerge come il... (continua)