Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2317 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Mancata registrazione

Dispositivo dell'art. 2317 Codice civile

Fino a quando la società non è iscritta nel registro delle imprese [2188, 2200, 2949], ai rapporti fra la società e i terzi si applicano le disposizioni dell'articolo 2297 (1).

Tuttavia per le obbligazioni sociali i soci accomandanti rispondono limitatamente alla loro quota, salvo che abbiano partecipato alle operazioni sociali (2) [33, 38, 41, 2257, 2258, 2267, 2291, 2320, 2331, 2515].

Note

(1) Si applicano cioè le norme sulla società semplice, con la conseguenza che i creditori particolari del socio hanno il diritto di chiedere la liquidazione della sua quota (v. 2270) e i creditori sociali possono agire contro i soci senza la necessità della preventiva escussione del patrimonio sociale (v. 2267-2268).
(2) Per operazione sociale si intende un atto di gestione intrapreso da un socio accomandatario, a cui partecipi un accomandante, determinando per quest'ultimo la perdita del beneficio della responsabilità limitata.

Spiegazione dell'art. 2317 Codice civile

Se l'atto costitutivo (art. 2316) non è depositato, la società diviene irregolare, con conseguente suo assoggettamento alle regole previste per la società semplice (art. 2267). Tuttavia, i soci accomandanti risponderanno solo per la loro quota di partecipazione, salvo che abbiano partecipato alle operazioni sociali, violando il divieto di immistione per loro vigente. In questo caso, tuttavia, permane comunque una differenza tra soci accomandatari ed accomandanti: solo questi ultimi, nel caso abbiano dovuto rispondere illimitatamente, potranno agire in regresso nei confronti della società e dei soci accomandatari.

Massime relative all'art. 2317 Codice civile

Cass. civ. n. 2041/1988

La disposizione dell'art. 2317 c.c. il quale, nelle società in accomandita irregolari, fissa il principio della responsabilità illimitata per le obbligazioni sociali del socio accomandante ove egli abbia partecipato alle operazioni sociali, ancorché vada interpretata in correlazione con l'art. 2320 c.c. il quale nelle società in accomandita regolari sanziona con la perdita della limitazione della responsabilità alla quota di partecipazione la violazione da parte del socio accomandante del divieto di trattare o concludere affari per conto della società e di compiere atti di amministrazione, comporta testualmente che la perdita del beneficio della responsabilità limitata non richiede un atto di autonoma iniziativa negli affari sociali ma può derivare anche dalla partecipazione ad un atto di gestione intrapreso dagli accomandatari, sia con riguardo ad atti di amministrazione interna, sia ad atti di rappresentanza esterna, in funzione del momento in cui l'atto viene ad esistenza, prescindendo dall'affidamento incolpevole del terzo sull'atto di gestione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 2317 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Riccardo chiede
venerdì 19/11/2010

“Gradirei sapere se una società in accomandita semplice (sas), se non iscritta alla camera di commercio, puo incorrere in sanzioni penali e/o amministrative di qualsiasi natura.

Vi ringrazio e distinti saluti”

Consulenza legale i 23/11/2010

La disciplina della s.a.s. irregolare è quella prevista all'art. 2297 del c.c.. Elemento fondamentale della disciplina della società irregolare è, nonostante il richiamo della disciplina della società semplice, l'impossibilità di una limitazione della responsabilità illimitata e solidale, anche per i soci che non hanno la gestione o la rappresentanza sociale. E' però ammesso il patto di limitazione della rappresentanza. Effetto, quindi,della mancata registrazione è l'assoggettamento dell'organismo alla disciplina della società semplice per quanto riguarda i rapporti con i terzi, ferma restando la responsabilità illimitata e solidale di tutti i soci. Ulteriori effetti dello stato di irregolarità sono l'inapplicabilità del termine di prescrizione quinquennale ex art. 2949 del c.c. e l'applicabilità del termine ordinario. Questi gli unici effetti della mancata registrazione.


Testi per approfondire questo articolo

  • Gestione, responsabilità e fallimento nelle società di persone

    Autore: Iozzo Fabio
    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: febbraio 2016
    Prezzo: 46,00 -5% 43,70 €

    L'opera esamina il tema della manifestazione del potere gestorio e della responsabilità nelle società di persone e delle relative ricadute in ambito concorsuale, alla luce anche della riforma, da un lato, del diritto delle società di capitali, con i conseguenti effetti che essa ha determinato sulla disciplina delle società personali, dall'altro lato, del diritto fallimentare, che dal 2005 ad oggi ha introdotto nuove regole; e, avendo riguardo alla procedura di... (continua)

  • La società in nome collettivo

    Editore: Giuffrè
    Collana: Trattati
    Data di pubblicazione: maggio 2015
    Prezzo: 90,00 -5% 85,50 €

    La collocazione nel codice civile, al centro tra le società di persone, rende la società in nome collettivo innanzitutto soggetto giuridico, centro di imputazione di situazioni attive e passive, ma non consente di attribuirle natura di persona giuridica, per l'assoluta preminenza delle caratteristiche (e delle facoltà) dei soci che vi partecipano. E rimane l'abilitazione all'esercizio di impresa commerciale, innestata sulla base strutturale dell'art. 2247 c.c.,... (continua)

  • Le nuove società di persone. Con e-book

    Editore: Zanichelli
    Collana: Dottrina Casi Sistemi
    Pagine: 704
    Data di pubblicazione: giugno 2014
    Prezzo: 120,00 -5% 114,00 €

    Le società di persone, anche dopo la riforma del 2003, continuano a rappresentare una realtà giuridica ed economica di rilievo nel panorama delle imprese collettive.

    Le innovazioni introdotte nel 2003 concernono, come è noto, le società di capitali e le cooperative: tuttavia, in alcuni casi direttamente, in molte ipotesi in via indiretta, hanno profondamente inciso sulla disciplina della società a base personale e sulla sua interpretazione, tanto... (continua)

  • Le nuove società di persone. Con e-book

    Editore: Zanichelli
    Collana: Dottrina Casi Sistemi
    Pagine: 704
    Data di pubblicazione: luglio 2014
    Prezzo: 124,00 -5% 117,80 €

    Le società di persone, anche dopo la riforma del 2003, continuano a rappresentare una realtà giuridica ed economica di rilievo nel panorama delle imprese collettive. Le innovazioni introdotte nel 2003 concernono, come è noto, le società di capitali e le cooperative: tuttavia, in alcuni casi direttamente, in molte ipotesi in via indiretta, hanno profondamente inciso sulla disciplina della società a base personale e sulla sua interpretazione, tanto da poter... (continua)

  • Le società in generale e le società di persone

    Editore: Giuffrè
    Collana: Collana notarile
    Data di pubblicazione: luglio 2016
    Prezzo: 65,00 -5% 61,75 €