Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Dizionario Giuridico

Elementi accidentali del negozio

Che cosa significa "Elementi accidentali del negozio"?

Sono clausole accessorie al negozio giuridico, attraverso le quali le parti imprimono una rilevanza giuridica a quelli che altrimenti rimarrebbero nell'alveo dei motivi individuali. Al contrario degli elementi essenziali, richiesti a pena di nullità (art. 1325 del c.c.), gli elementi accidentali sono rimessi alla volontà delle parti. Tuttavia, quando inseriti nell'accordo delle parti, essi ne costituiscono parte integrante e vanno ad incidere sugli effetti del negozio giuridico.
Gli elementi accidentali sono:
- la condizione: è un fatto (naturale o causato dall'uomo) futuro ed incerto al cui verificarsi è subordinato l'inizio (cd. c. sospensiva) o la cessazione (cd. c. risolutiva) dell'efficacia del negozio(art. 1353 del c.c.);
- il termine: è un evento futuro (cioè non ancora verificatosi) e certo a partire dal quale (dies a quo o termine iniziale) o fino al quale (dies ad quem o termine finale) il negozio produrrà effetti;
- l'onere (o modus): è una limitazione posta da colui che compie un atto a titolo gratuito, in relazione al quale si impone un peso in capo al beneficiario di una attribuzione patrimoniale. L'onere non è espressamente disciplinato dal legislatore, ma si riscontra in diverse norme. Lo troviamo nella donazione all'art. 793 del c.c. e nel testamento all'art. 587 del c.c.. Secondo la dottrina, il modus è applicabile a tutti i negozi a titolo gratuito, quale ad esempio il contratto di comodato.

L'apposizione di elementi accidentali non è consentita indistintamente per qualsiasi negozio. Il modus non può essere apposto se non a negozi a titolo gratuito; la condizione e il termine non possono essere inseriti nel regolamento di negozi giuridici puri, o actus legitimi, quali il matrimonio, l'accettazione e la rinunzia all'eredità; l'istituzione di erede può essere fatta sotto condizione, ma non a termine (semel heres, semper heres); nella cambiale è normale un termine iniziale, ma non è applicabile la condizione.

Gli elementi accidentali del negozio non vanno confusi con i c.d. elementi naturali, naturalia negotii, che sono, invece, norme dispositive, che discendono naturalmente dal tipo di contratto concluso, ma derogabili dalle parti. Tipico elemento naturale del contratto di compravendita è la garanzia per i vizi e per l'evizione (artt. 1495 ss. c.c.).

"Elementi accidentali del negozio" nelle consulenze legali

Vedi tutte le consulenze

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.