Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 520 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Rinunzia condizionata, a termine o parziale

Dispositivo dell'art. 520 Codice civile

È nulla la rinunzia fatta sotto condizione [1353 ss. c.c.] (1) o a termine [1184 c.c.] (2) o solo per parte [475 c.c.] (3).

Note

(1) Sia sospensiva che risolutiva.
(2) Sia iniziale che finale.
(3) Ossia quando l'erede rinuncia solo ad alcuni beni ma non ad altri, ad una parte dell'intera eredità o ad una quota inferiore rispetto a quella a lui devoluta.

Ratio Legis

Si vuole garantire le certezza e la stabilità nei rapporti giuridici, evitando che vi possano essere dubbi su chi sia l'erede.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 520 Codice civile

Cass. civ. n. 2119/1974

Il negozio unilaterale di rinunzia all'eredità, posto in essere verso un corrispettivo a favore di un coerede, determinando l'attribuzione a favore di quest'ultimo della quota che sarebbe spettata al rinunziante (effetto ulteriore) e non la semplice perdita del diritto all'eredità (effetto tipico del negozio adottato), deve ritenersi negozio indiretto, che, non tendendo ad uno scopo vietato dalla legge, è idoneo a produrre gli effetti voluti dal rinunziante.

Cass. civ. n. 723/1973

L'accertamento della simulazione di una compravendita e della nullità per vizio di forma della dissimulata donazione di un immobile fra padre e figlio, entrambi poi deceduti, può essere chiesta nei confronti dell'erede dell'accipiens da altro figlio del donante ancorché costui, essendo sopravvissuto al donatario, avesse dichiarato di rinunziare all'eredità del medesimo, ivi compreso il suddetto immobile; infatti la rinunzia ai propri diritti da parte del legittimario pretermesso si configura come rifiuto opposto alla offerta di un potere giuridico fatta dalla legge nell'orbita del fenomeno della successione mortis causa e pertanto non è causalmente preordinata al trasferimento o anche soltanto alla dismissione di diritti reali su beni.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 520 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

ANNA chiede
sabato 04/12/2010
“se si rinuncia all'eredità (coniuge separato) si può richiedere la pensione di reversibilità?
La pensione è un diritto comunque acquisito e non rientra nell'eredità?
Grazie”
Consulenza legale i 05/12/2010

La pensione di reversibilità è una forma di tutela previdenziale ed uno strumento necessario per il conseguimento dell'interesse della collettività alla garanzia di quelle minime condizioni economiche e sociali che permettono il godimento effettivo dei diritti civili e politici. Il diritto alla pensione di reversibilità sorto in capo ai superstiti è un diritto che spetta automaticamente iure proprio, e che non è in connessione alcuna con la posizione riconosciuta ai medesimi soggetti quali eredi del defunto, con la conseguenza che tale diritto spetterà anche in caso di rinuncia all'eredità. La Corte Cost. nella sent. n. 286/1987 afferma che "Non vi è alcuna possibilità di perdere il diritto alla pensione di reversibilità presentando formale rinuncia all'eredità. Questo perchè la pensione di reversibilità viene considerata un diritto non ereditabile, ossia primario, cioè legato al sostentamento di chi ne ha, per legge, diritto". Nella forma di tutela della pensione di reversibilità l'evento protetto è la morte, cioè un fatto naturale che crea una situazione di bisogno per i familiari del defunto, i quali sono soggetti protetti dall'ordinamento.


Testi per approfondire questo articolo

  • La rinunzia all'eredità

    Editore: Giuffrè
    Collana: Univ.Roma-Fac. ec. Ist. dir. priv. Atti
    Pagine: 384
    Data di pubblicazione: giugno 2010
    Prezzo: 38,00 -5% 36,10 €

    La rinunzia all'eredità nel procedimento successorio - La struttura della rinunzia all'ereditàSezione I: Perdita e acquisto del potereSezione II: Vicenda modificativo soggettiva del potereSezione III: Struttura dell'atto di rinunziaNatura dell'atto di rinunzia all'ereditàSezione I: Problemi di disciplina e principi di interpretazioneSezione II: Rinunzia all'eredità

    (continua)