Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 424 Codice penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n.1398)

Danneggiamento seguito da incendio

Dispositivo dell'art. 424 Codice penale

Chiunque, al di fuori delle ipotesi previste nell'articolo 423 bis (1) al solo scopo di danneggiare [635] la cosa altrui, appicca il fuoco a una cosa propria (2) o altrui è punito, se dal fatto sorge il pericolo di un incendio (3), con la reclusione da sei mesi a due anni.

Se segue l'incendio(3), si applicano le disposizioni dell'articolo 423, ma la pena è ridotta da un terzo alla metà [425, 449].

Se al fuoco appiccato a boschi, selve e foreste, ovvero vivai forestali destinati al rimboschimento, segue incendio, si applicano le pene previste dall'articolo 423 bis.

Note

(1) Nel caso di incendio boschivo si rimanda a quanto previsto dall'art. 423 bis.
(2) Per cosa propria si intendendono quei beni di cui l'agente è titolare del diritto di proprietà e non quindi di altro diritto reale.
(3) Il pericolo di incendio e il prodursi dell'incendio, previsti rispettivamente ai commi 1 e 2, sono da considerarsi delle condizioni di punibilità (v. 44). Qualora non si verifichino si applicheranno le fattispecie di danneggiamento o tentativo di danneggiamento.

Ratio Legis

Il legislatore ha voluto qui punire le condotte dirette a danneggiare beni altrui, attuate con un mezzo particolarmente pericoloso come il fuoco.

Spiegazione dell'art. 424 Codice penale

I delitti contro l'incolumità pubblica sono tutti contraddistinti dalla diffusività del danno, tale da minacciare un numero indeterminato di persone, non individuabili a priori.

Viene dunque a configurarsi un doppio livello di indeterminatezza, riguardante sia il raggio d'azione degli effetti della condotta, sia le persone offese.

La forte anticipazione della soglia del penalmente rilevante viene giustificata dalla natura stessa dei reati contro la pubblica incolumità, in grado di colpire sia la collettività che il singolo individuo (reati plurioffensivi), motivo per il quale la dottrina più avanzata ha descritto i delitti in esame come la proiezione superindividuale di beni individuali.

Nella norma in esame l'anticipazione della tutela è ancora più pregnante, dato che viene punita la condotta di chi causi un pericolo di incendio.

Per motivi di politica criminale si vuole dunque evitare che venga usato a scopo di danneggiamento un mezzo altamente insidioso come il fuoco.

La prima condotta disciplinata è rappresentata da chi, al solo scopo di danneggiare la cosa altrui, appicchi un fuoco a cosa propria o altrui, determinando un pericolo di incendio (pericolo da accertare in concreto). Il pericolo di incendio è solo condizione obiettiva di punibilità e pertanto non è necessario che rientri nell'elemento soggettivo dell'agente.

Lo stesso vale per il secondo comma, ovvero nel caso in cui l'incendio si verifichi. In tal caso si applica quanto disposto dall'art. 423, e la diminuzione di pena deriva dal fatto che l'intento del colpevole era quello di danneggiare una cosa altrui e non determinare un pericolo per la pubblica incolumità.

Per quanto riguarda l'incendio, esso deve presentare i caratteri della vastità, della rapida propagazione e della difficoltà di spegnimento delle fiamme.

Massime relative all'art. 424 Codice penale

Cass. pen. n. 17558/2017

Non è configurabile il tentativo nel delitto di danneggiamento seguito da incendio, previsto dall'art. 424 cod. pen., trattandosi di fattispecie di pericolo per la cui punibilità è necessario che sia sorto quanto meno il pericolo di un incendio, condizione quest'ultima sufficiente per integrare la consumazione del delitto, in assenza della quale, invece, il fatto è qualificabile come danneggiamento, nella forma consumata o tentata.

Cass. pen. n. 35769/2010

Ai fini della sussistenza del reato di danneggiamento seguito da incendio è necessario che la condotta dell'agente determini un pericolo di incendio e, cioè, la probabilità che il fuoco evolva in un vero e proprio incendio, la quale deve essere desunta dalla situazione di fatto con riferimento alle dimensioni del fuoco in relazione all'oggetto del danneggiamento.

Cass. pen. n. 16295/2010

Il reato di danneggiamento seguito da incendio richiede, come elemento costitutivo, il sorgere di un pericolo di incendio, sicché non è ravvisabile qualora il fuoco appiccato abbia caratteristiche tali che da esso non possa sorgere detto pericolo; in questa eventualità o in quella nella quale chi, nell'appiccare il fuoco alla cosa altrui al solo scopo di danneggiarla, raggiunge l'intento senza cagionare né un incendio né il pericolo di un incendio, è configurabile il reato di danneggiamento. Se, per contro, detto pericolo sorge o se segue l'incendio, il delitto contro il patrimonio diventa più propriamente un delitto contro la pubblica incolumità, e trovano applicazione, rispettivamente, gli articoli 423 e 424 c.p. (Nella specie, in cui l'agente aveva dato fuoco a sterpaglie e a una tenda da sole posta sul balcone di casa altrui e risultava dai verbali d'intervento dei VV.FF., che le fiamme avevano dato luogo a modeste bruciature e che l'evento non rientrava tra quelli soggetti al controllo del Corpo, la Corte ha qualificato il fatto come danneggiamento).

Cass. pen. n. 2252/1996

Ai fini dell'applicazione dell'art. 424, comma 1, c.p., è richiesto non il verificarsi di un incendio, ma soltanto il pericolo, inteso come rilevante probabilità che l'evento in questione si verifichi.

Cass. pen. n. 2098/1994

Per incendio deve intendersi un fuoco distruggitore in atto di notevoli proporzioni e virulenza, che tende a diffondersi e non è agevole estinguere. Allorché tali condizioni ricorrano e l'incendio riguardi la cosa altrui, il pericolo per l'incolumità pubblica è presunto juris et de jure. (Fattispecie in tema di danneggiamento seguito da incendio).

Cass. pen. n. 11648/1989

Il concorso formale tra il delitto di danneggiamento, di cui all'art. 635 c.p., e quello di danneggiamento seguito da incendio, di cui all'art. 424 stesso codice, è giuridicamente impossibile, elidendo quest'ultimo reato il primo, qualora il danneggiamento mediante accensione del fuoco si trasformi in pericolo di incendio o in incendio vero e proprio.

Cass. pen. n. 11688/1986

Il primo comma dell'art. 424 c.p. prevede, rispetto al capoverso, un'ipotesi meno grave che esclude l'evento incendio, cioè esclude l'evento in cui il fuoco assuma i caratteri propri dell'incendio per le proporzioni, la diffusività, la difficoltà di estinzione, ecc., sì da costituire motivo di pericolo per la sicurezza e per l'integrità fisica delle persone.

Cass. pen. n. 11960/1985

Commette il reato di danneggiamento previsto e punito dall'art. 635 c.p. colui che, nell'appiccare il fuoco alla cosa altrui al solo scopo di danneggiarla, raggiunge l'intento senza cagionare un incendio od il pericolo d'incendio, mentre se tale pericolo sorge o se segue l'incendio, il delitto contro il patrimonio diventa più propriamente un delitto contro la pubblica incolumità, secondo le ipotesi di cui all'art. 424 c.p. Ne consegue che se l'agente, infiammando un carburante, appicca il fuoco ad un locale e determini all'interno della serranda metallica, con cui era chiuso, delle fiamme, risponde di danneggiamento seguito da incendio e non già di mero danneggiamento della cosa altrui.

Cass. pen. n. 6313/1984

Perché si realizzi il pericolo per la pubblica incolumità, tutelato dai delitti di incendio doloso o colposo, necessita un incendio di vaste proporzioni che abbia tendenze a diffondersi e sia difficile a spegnersi. Ne consegue che un fuoco che venga domato sul nascere o quando non ha ancora assunto le caratteristiche anzidette può solo dar luogo, se poteva progredire o diffondersi, a reato tentato, configurabile per l'ipotesi dolosa.

Cass. pen. n. 4232/1980

In caso di incendio, sia doloso sia colposo, il pericolo per la pubblica incolumità è presunto quando il fuoco venga a svilupparsi su cosa che non sia di esclusiva proprietà dell'agente. Tale presunzione sussiste anche quando l'autore del fatto agisca in cooperazione con il proprietario del bene rispetto al quale si sia sviluppato l'incendio.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo

  • I delitti contro l'ordine e l'incolumità pubblica

    Autore: Marani Simone
    Editore: Giuffrè
    Collana: Fatto & diritto
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 38,00 -5% 36,10 €

    Il testo, aggiornato alle più recenti pronunce della giurisprudenza di legittimità, nonché agli ultimi orientamenti dottrinali, tratta, attraverso l'analisi della normativa contenuta all'interno del nostro Codice Penale e nella legislazione speciale, della tematica dei delitti contro l'ordine pubblico e l'incolumità pubblica.
    L'opera si suddivide in due parti; la prima dedicata ai delitti contro l'ordine pubblico e la seconda in materia di delitti contro... (continua)

  • I delitti contro l'incolumità pubblica
    I delitti di comune pericolo mediante frode

    Editore: CEDAM
    Collana: Trattato diritto penale. Parte speciale
    Data di pubblicazione: giugno 2014
    Prezzo: 75,00 -5% 71,25 €

    Ciascuna figura di reato, doloso o colposo, di comune pericolo mediante frode – nel codice penale o nella normativa complementare – viene ricostruita attraverso analisi accurata della giurisprudenza. Spicca l’approfondimento della normativa extrapenale (nazionale e comunitaria) sulla quale si innestano le norme incriminatrici. L'autore fa chiarezza in ordine alle posizioni di garanzia nella filiera di produzione, distribuzione e controllo di acque, alimenti e medicinali.... (continua)

  • Trattato di diritto penale - Parte speciale Vol. IV: I delitti contro l'incolumità pubblica e in materia di stupefacenti - Materiali (bibliografia - fonti - giurisprudenza)

    Data di pubblicazione: settembre 2010
    Prezzo: 30,00 -5% 28,50 €

    L’opera raccoglie tutto ciò che è citato nel testo del volume “Delitti contro l’incolumità pubblica e in materia di stupefacienti”, il quarto volume del Trattato di Diritto Penale, e nello specifico:- articoli dei codici citati (anche dei codici stranieri)- bibliografia- massime delle sentenze citate- sentenze per esteso citate

    (continua)
  • Trattato di diritto penale
    Parte Speciale: volume IX. Reati contro l'incolumità pubblica. Tomo II: reati di comune pericolo mediante frode

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: gennaio 2013
    Prezzo: 80,00 -5% 76,00 €

    Il volume, che, sul versante dei 'reati contro l'incolumità pubblica', si aggiunge a quello già edito nel 2008 in tema di 'reati di comune pericolo mediante violenza', ha ad oggetto la disciplina dei delitti di comune pericolo mediante frode, ossia di illeciti penali suscettibili di esporre a pericolo la vita o la salute di una pluralità indeterminata di persone, attraverso modalità offensive che si collegano a oggetti materiali normativamente determinati:... (continua)

  • Trattato di diritto penale - Parte speciale Vol. IV: I delitti contro l'incolumità pubblica e in materia di stupefacenti

    Data di pubblicazione: aprile 2010
    Prezzo: 95,00 -5% 90,25 €

    Il volume è un commento articolo per articolo al LIBRO II (dei delitti in particolare) TITOLO VI (dei delitti contro l’incolumità pubblica) del codice penale. Inoltre, l’Opera analizza tutta la legislazione penale speciale in materia di stupefacenti.L'opera è Aggiornata al d.lg. 106/2009 e alla l. 49/2009

    PIANO DELL’OPERA

    SEZIONE I - DEI DELITTI CONTRO L’INCOLUMITA` PUBBLICA (422-452 c.p.) * LINEAMENTI GENERALI DEL CONCETTO DI... (continua)