Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 79 Codice di procedura penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

Termine per la costituzione di parte civile

Dispositivo dell'art. 79 Codice di procedura penale

1. La costituzione di parte civile può avvenire per l'udienza preliminare[416 c.p.p.] e, successivamente, fino a che non siano compiuti gli adempimenti previsti dall'articolo 484 [441 2].

2. Il termine previsto dal comma 1 è stabilito a pena di decadenza [173 c.p.p.].

3. Se la costituzione avviene dopo la scadenza del termine previsto dall'articolo 468 comma 1, la parte civile non può avvalersi della facoltà di presentare le liste dei testimoni, periti [220 c.p.p. ss.] o consulenti tecnici [225, 233, 359, 360 c.p.p.].

Ratio Legis

Per potersi costituire in giudicio, la parte civile deve attende che il pubblico ministero eserciti l'azione penale. Non potrà pertanto costituirsi prima che sia stata fissata l'udienza preliminare o, ove essa mancasse, prima dell'udienza filtro davanti al giudice monocratico. Si tratta infatti di una vocatio in iudicium e pertanto è necessaria la presenza di un giudice nel processo.

Spiegazione dell'art. 79 Codice di procedura penale

Il legislatore, al fine di circoscrivere temporalmente la partecipazione eventuale della parte civile, in modo da poter poi far proseguire il processo senza ulteriori accertamenti preliminari, ha stabilito un termine iniziale ed un termine finale entro i quali deve essere depositata la dichiarazione di costituzione di parte civile.

Per quanto concerne il termine iniziale, la costituzione di parte civile deve avvenire per l'udienza preliminare, e quindi non solo durante l'udienza stessa, ma anche prima, a condizione che sia già stata esercitata l'azione penale da parte del pubblico ministero. Di conseguenza, la norma in commento esclude radicalmente che la costituzione di parte civile possa avvenire nella fase delle indagini preliminari. Se non intende attendere la chiusura delle indagini, d'altronde, è sempre facoltà del danneggiato quella di intentare una autonoma causa civile.

Per quanto riguarda invece il termine finale, esso è stabilito con l'accertamento da parte del giudice circa la regolare costituzione delle parti di cui all'articolo 484, a pena di decadenza.

L'unica eccezione al rispetto necessario di tale termine è rappresentato dalle nuove contestazioni di cui agli articoli. art. 516 del c.p.p., 517 e 518.

Pare necessario precisare che non è possibile la rimessione in termini, e questo per via del fatto che il danneggiato non è ancora parte del processo, ma, appunto, lo deve diventare grazie alla tempestiva costituzione di parte civile.

Premesso che la lista dei testimoni, periti o consulenti tecnici deve essere presentata almeno sette giorni prima della data fissata per l'udienza dibattimentale, se la costituzione avviene dopo la scadenza di tale termine, la parte civile decade dal diritto di presentare tale lista.

Massime relative all'art. 79 Codice di procedura penale

Cass. pen. n. 12608/2015

È tardiva la costituzione di parte civile che intervenga nel corso dell'udienza preliminare dopo la conclusione della fase di costituzione delle parti, la pronuncia della ordinanza che dispone il giudizio abbreviato e l'inizio della discussione.

Cass. pen. n. 38982/2013

È inammissibile la costituzione di parte civile che sia avvenuta successivamente al compimento degli adempimenti per la verifica della regolare costituzione delle parti, pur se siano ancora proponibili le questioni previste dall'art. 491 cod. proc. pen., le quali, invece, la presuppongono. (Fattispecie in cui è stata ritenuta l'inammissibilità della costituzione di parte civile effettuata dopo la dichiarazione di contumacia dell'imputato e prima dell'apertura del dibattimento).

Cass. pen. n. 23617/2013

Non è abnorme il provvedimento con cui il G.i.p. consente la costituzione di parte civile all'udienza fissata per decidere sull'opposizione della persona offesa alla richiesta di archiviazione, trattandosi di atto che, pur eccentrico rispetto alla fase processuale in cui é adottato, può essere modificato nelle fasi processuali ulteriori, finendo per non produrre alcun effetto pregiudizievole per le altre parti processuali.

Cass. pen. n. 3205/2013

È legittima la costituzione di parte civile avvenuta in sede di udienza di rinvio - disposto dal giudice per sanare l'irritualità della notifica all'imputato - prima del compimento delle formalità di apertura del dibattimento.

Cass. pen. n. 22512/2011

Non è ammessa la costituzione di parte civile nell'udienza fissata per la richiesta di applicazione della pena, presentata a seguito della emissione del decreto di giudizio immediato a norma dell'art. 456, comma secondo, c.p.p., ed è pertanto illegittima la condanna dell'imputato al pagamento delle spese sostenute dal danneggiato dal reato la cui costituzione sia stata ammessa dal giudice nonostante tale divieto.

Cass. pen. n. 4243/2008

La costituzione di parte civile, avvenuta tempestivamente, è valida ed efficace anche se effettuata davanti al giudice incompetente. (Fattispecie nella quale la Corte ha ritenuto rituale la rinnovazione della costituzione di parte civile davanti al giudice territorialmente competente).

Cass. pen. n. 7802/2002

Nell'udienza prevista per la applicazione della pena nel corso delle indagini preliminari, non è consentita la costituzione di parte civile.

Cass. pen. n. 8880/1998

La costituzione di parte civile è sempre possibile ed è legittimamente compiuta fino a quando non sia avvenuto l'inizio del dibattimento. Nel caso in cui alla prima udienza sia eseguito il controllo della costituzione delle parti ed il giudice, dopo avere dichiarato la contumacia dell'imputato, rinvii il dibattimento per dare modo di sanare la nullità derivante dalla omessa citazione della parte offesa, alla successiva udienza è legittima la costituzione della parte civile, qualora avvenga prima dell'inizio del dibattimento.

Cass. pen. n. 5974/1997

La parte civile non preventivamente individuabile alla quale, per tale ragione, non è stato notificato il decreto di citazione, può richiedere l'acquisizione delle prove nei termini previsti dall'art. 493 comma 3 c.p.p. poiché la costituzione al dibattimento in tempo non più utile per la presentazione della lista testi nei termini previsti dall'art. 468 comma 1 c.p.p. non priva la parte civile del diritto, concesso a tutte le parti, di avvalersi, ove ne ricorrano i presupposti, dell'eccezione prevista dal citato art. 493 comma 3 c.p.p. che sicuramente prevale sulla regola stabilita dall'art. 79 comma 3 c.p.p. secondo la quale la parte civile che si sia costituita tempestivamente, ma dopo il termine previsto dall'art. 468 comma 1 c.p.p., non può valersi della facoltà di presentare le liste dei testimoni, periti o consulenti tecnici.

Cass. pen. n. 390/1997

In caso di rinvio dell'udienza prima dell'apertura del dibattimento, la parte civile conserva la facoltà di presentare la lista testi fino a sette giorni prima della data fissata per la nuova udienza. Infatti la costituzione di parte civile effettuata nel giorno fissato per l'udienza poi rinviata non comporta la decadenza prevista dall'art. 79 comma 3 c.p.p. (fattispecie relativa a giudizio avanti al pretore).

Cass. pen. n. 9301/1996

Qualora la persona offesa si costituisca parte civile nella prima udienza dibattimentale e il difensore dell'imputato sollevi questione concernente tale costituzione, ove il giudice, al termine della discussione sull'eccezione proposta, rilevi una qualche irregolarità nella costituzione di parte civile ed emetta un'ordinanza con la quale, senza dichiarare l'apertura del dibattimento, rinvii ad altra udienza per consentire alla parte civile di regolarizzare la sua posizione, è legittima l'eliminazione dell'irregolarità prima della successiva udienza o nella nuova udienza anteriormente alla dichiarazione di apertura del dibattimento. È da escludere, pertanto, che in tale ipotesi la costituzione di parte civile sia avvenuta oltre il termine di decadenza di cui al combinato disposto degli artt. 79 e 484 c.p.p., che va individuato nella dichiarazione con la quale si dà inizio al dibattimento. (Nella fattispecie, l'imputato aveva tempestivamente eccepito che la parte civile si era personalmente costituita nella prima udienza rilasciando la procura di cui all'art. 100, comma primo, c.p.p. ad un difensore che nello stesso processo aveva assistito e rappresentato l'imputato. Il Pretore, rilevata l'incompatibilità, aveva rinviato ad altra udienza per consentire alla parte civile di costituirsi con altro difensore).

Cass. pen. n. 1767/1993

L'espressione «la costituzione di parte civile può avvenire per l'udienza preliminare» dettata dall'art. 79 c.p.p. relativamente al termine di costituzione, non significa che il danneggiato debba necessariamente attendere l'udienza preliminare per effettuare la costituzione di parte civile. Essa designa, invece, il termine finale entro il quale deve avvenire la costituzione di parte civile a pena di decadenza, mentre nessuna sanzione processuale è prevista per il mancato rispetto del termine iniziale.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Consulenze legali
relative all'articolo 79 Codice di procedura penale

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Marco M. chiede
mercoledì 13/12/2017 - Lombardia
“Salve,dopo che l'imputato nel processo penale ha fatto ricorso in cassazione quali possibilità per la parte civile?”
Consulenza legale i 14/12/2017
La persona offesa dal reato può far valere il suo diritto ad ottenere il risarcimento del danno derivante da reato all’interno del processo penale costituendosi parte civile ai sensi dell’art. 76 del c.p.p. e ss.

Una volta validamente effettuata, in base al c.d. principio di “immanenza della costituzione di parte civile”, produce i suoi effetti in ogni stato e grado del processo.

La persona offesa, pertanto, una volta costituita parte civile diventa “parte” del processo.

Da ciò deriva che anche alla parte civile costituita spetta la citazione per i gradi ulteriori del giudizio, senza obbligo di rinnovare la costituzione (Cass. Pen., Sez. V, 27/01/2010, n. 3519).

La parte civile, chiaramente, deve rispettare le forme imposte dal codice di procedura penale che regolano la sua partecipazione nel processo penale.

Il riferimento, in particolare, è all’art. art. 100 del c.p.p. del c.p.p. ai sensi del quale la parte civile sta in giudizio a mezzo di un difensore munito di procura speciale, con la conseguenza che la designazione di un nuovo difensore comporta il rilascio di altra procura speciale al legale successivamente designato, a pena di nullità della costituzione.

Una volta ammessa in udienza preliminare o alla prima udienza dibattimentale, inoltre, la costituzione di parte civile non è contestabile nei gradi successivi e non può, pertanto, essere oggetto di impugnazione. Ciò in quanto la questione concernente l'inosservanza delle disposizioni relative alla regolare costituzione della parte civile è preclusa se non proposta subito dopo che sia stato compiuto per la prima volta l'accertamento della costituzione delle parti.

La parte civile, poi, in forza del principio di immanenza sopra indicata, una volta ammessa, ha diritto di partecipare al grado di appello e può ricorrere contro la sentenza di secondo grado anche quando da essa non sia stata impugnata la pronuncia di primo grado o non sia stata proposta impugnazione ammissibile. Ed, infatti, se l'azione civile rimane validamente inserita nel processo penale fino alla sentenza irrevocabile, nessuna limitazione difensiva può incontrare la parte civile costituita.

Pertanto in caso di pronunce sfavorevoli di primo o di secondo grado la parte civile può presentare autonoma impugnazione o affidarsi, sia in appello che in cassazione, agli eventuali gravami del pubblico ministero, mantenendo la facoltà di partecipare e interloquire.

E' bene precisare che in caso di doppia conforme, ovvero di sentenza di appello che conferma la sentenza di assoluzione in primo grado, la parte civile, non avendo proposto appello non può poi proporre ricorso per cassazione. (Cass. Pen., Sez. Sez. VI, n. 2005 del 18 gennaio 2010; Cass. Pen., Sez. VI, n. 49497 del 23 dicembre 2009).

Preme, infine, ricordare che la parte civile può decadere nel caso di revoca espressa o implicita previsti dal comma 2 dell'art. art. 82 del c.p.p. del c.p.p. nel caso di mancata presentazione delle conclusioni nel giudizio di primo grado o di promozione dell'azione davanti al giudice civile.

Per tutti i motivi sopresposti, nel caso di specie, la parte civile può intervenire nel processo innanzi alla Corte di Cassazione e presentare le proprie conclusioni scritte insistendo nella richiesta di risarcimento del danno e chiedendo la rifusione anche delle spese del grado di giudizio.