Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 58 Codice del consumo

(D.lgs. 6 settembre 2005, n. 206)

[Aggiornato al 29/04/2022]

Effetti dell'esercizio del diritto di recesso sui contratti accessori

Dispositivo dell'art. 58 Codice del consumo

1. Fatto salvo quanto previsto dal decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni, in materia di contratti di credito ai consumatori, se il consumatore esercita il suo diritto di recesso da un contratto a distanza o concluso fuori dei locali commerciali a norma degli articoli da 52 a 57, eventuali contratti accessori sono risolti di diritto, senza costi per il consumatore, ad eccezione di quelli previsti dall'articolo 56, comma 2, e dall'articolo 57.

Spiegazione dell'art. 58 Codice del consumo

Il venir meno, a seguito del corretto esercizio del diritto di recesso, della sorte del contratto principale, produce i suoi effetti anche sui contratti ad esso collegati per accessorietà, in virtù del c.d. principio simul stabunt simul cadent.
La norma in esame, infatti, stabilisce espressamente che l’esercizio del recesso dal contratto a distanza o da quello negoziato fuori dai locali commerciali porta a ritenere risolti di diritto anche gli eventuali contratti accessori, aggiungendo senza che da ciò ne possano derivare costi per il consumatore, salvo che per i costi già previsti dalle norme in tema di obblighi del professionista e del consumatore conseguenti all’esercizio del recesso.

Scopo di questa norma è ovviamente quello di non creare ostacoli o costi anche indiretti per l’esercizio del diritto di recesso, dipendenti dai rapporti contrattuali collegati con quello principale.
Tra le ipotesi che fuoriescono dal principio di gratuità, inoltre, la norma prevede i costi di cui al comma 2 dell’art. 56 e quelli di cui all’art. 57 del codice consumo, ossia:
a) i costi supplementari per modalità di consegna più costose rispetto a quelle ordinarie e meno costose predisposte dal professionista (art. 56 comma 2);
b) i costi diretti per la restituzione dei beni, salvo che il professionista non abbia assunto l’onere di sostenerle egli stesso o salvo il caso in cui abbia omesso di informare il consumatore del fatto che tali costi sono a suo esclusivo carico (art. 57 comma 1);
c) i costi eventualmente derivanti da una diminuzione del valore dei beni conseguente ad un loro utilizzo in maniera diversa da quella necessaria per stabilirne natura, caratteristiche e funzionamento (art. 57 comma 2);
d) in caso di contratti per la prestazione di servizi o fornitura di acqua, gas o elettricità messi in vendita in volume o quantità indeterminati o teleriscaldamento, per i quali il consumatore abbia richiesto l’inizio della prestazione durante il periodo di recesso quattordicinale, i costi proporzionali alla quantità di servizio fornito fino alla data in cui il professionista è stato informato dell’esercizio del diritto di c.d. recesso da ripensamento (art. 57 comma 3).

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!