Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1119 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Indivisibilità

Dispositivo dell'art. 1119 Codice civile

Le parti comuni dell'edificio non sono soggette a divisione, a meno che la divisione possa farsi senza rendere più incomodo l'uso (1) della cosa a ciascun condomino e con il consenso di tutti i partecipanti al condominio (2).

Note

(1) La maggiore o minore comodità di uso, secondo la giurisprudenza, va valutata, oltre che con riferimento all'originaria consistenza ed estimazione della cosa comune, considerata nella sua funzionalità piuttosto che nella sua materialità, anche attraverso il raffronto fra le utilità che i singoli condomini ritraevano da esse e le utilità che ne ricaverebbero dopo la divisione.
(2) Le parole "e con il consenso di tutti i partecipanti al condominio" sono state aggiunte dall’art. 4, L. 11 dicembre 2012, n. 220, in vigore dal 17 giugno 2013.
Dopo la riforma, quindi, la divisione delle cose comuni richiede sempre il consenso unanime dei condomini.

Spiegazione dell'art. 1119 Codice civile

Indivisibilità normale delle parti comuni

La comunione delle parti dell'edificio prevista dall' art. 1117 del c.c. è determinata dall'essenza stessa delle parti o dalla loro naturale destinazione. Si comprende, quindi, come tali parti siano state dichiarate non soggette a divisione, in quanto dividendosi non assolverebbero più la loro funzione. È stata prevista una eccezione soltanto per il caso in cui la divisione possa farsi, rendendo non solo possibile l'uso della cosa a ciascun condomino, ma rendendolo ugualmente comodo come nello stato di indivisione.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

526 Le cose che, se il contrario non risulta dal titolo, formano oggetto di proprietà comune sono indicate — ma l'elenco non ha carattere tassativo — nell'art. 1117 del c.c.: esse sono dichiarate indivisibili, a meno che la divisione possa farsi senza rendere a ciascun condomino più incomodo l'uso della cosa (art. 1119 del c.c.). Il diritto di ciascun condomino sulle cose comuni, sempre che il titolo non disponga altrimenti, è proporzionato al valore del piano o porzione di piano che gli appartiene (art. 1118 del c.c., primo comma). Si determina in tal modo un criterio unico per tutte le cose comuni, innovando al R. decreto-legge 15 gennaio 1934, n. 56, convertito nella legge 10 gennaio 1935, n. 8, sulla disciplina, dei rapporti di condominio delle case, il quale (art. 5), relativamente al suolo, ai locali della portineria, ai cortili, alle terrazze, ai giardini e ad altre cose comuni, disponeva che si tenesse pure conto della natura e della destinazione della cosa e, sussidiariamente, perfino dell'uso: la semplificazione della disciplina offre anche il vantaggio di renderne più agevole l'applicazione. E' precluso al condomino di sottrarsi al contributo per la conservazione delle cose che sono oggetto di proprietà comune mediante rinuncia al suo diritto sulle cose stesse (art. 1118, secondo comma), salvo, naturalmente, che la rinuncia sia consentita dagli altri partecipanti.

Massime relative all'art. 1119 Codice civile

Cass. civ. n. 867/2012

In tema di condominio di edifici, poiché l'uso delle cose comuni è in funzione del godimento delle parti di proprietà esclusiva, la maggiore o minore comodità di uso, cui fa riferimento l'art. 1119 c.c. ai fini della divisibilità delle cose stesse, va valutata, oltre che con riferimento all'originaria consistenza ed estimazione della cosa comune, considerata nella sua funzionalità piuttosto che nella sua materialità, anche attraverso il raffronto fra le utilità che i singoli condomini ritraevano da esse e le utilità che ne ricaverebbero dopo la divisione. (Nella specie, in applicazione dell'enunciato principio, la S.C. ha confermato la sentenza di merito la quale, con motivazione ritenuta congrua, aveva disposto lo scioglimento del condominio relativamente al giardino circostante l'edificio, alla soffitta ed allo scantinato della casa, e deciso di non procedere, invece, alla divisione della terrazza comune).

Cass. civ. n. 7667/1995

In tema di condominio di edifici, poiché l'uso delle cose comuni è in funzione del godimento delle parti di proprietà esclusiva, la maggiore o minore comodità di uso cui fa riferimento l'art. 1119 c.c. ai fini della divisibilità delle cose stesse, va valutata oltre che con riferimento alla originaria consistenza ed estimazione della cosa comune, considerata nella sua funzionalità piuttosto che nella sua materialità, anche attraverso il raffronto fra le utilità che i singoli condomini ritraevano da esse e le utilità che ne ricaverebbero dopo la divisione. (Nella specie il progetto di divisione di una terrazza comune avrebbe privato il condomino assegnatario di una porzione, della veduta sul mare consentitagli nella permanenza dello stato di indivisione).

Cass. civ. n. 2257/1982

L'art. 1119 c.c. non stabilisce l'indivisibilità assoluta delle parti comuni di un edificio in condominio, ma tale indivisibilità subordina all'esigenza di non rendere più incomodo l'uso della cosa comune a ciascun condomino, cioè all'esigenza che non si alteri lo stato, e, quindi, il pacifico godimento delle parti di uso comune.

Cass. civ. n. 937/1982

Al fine di stabilire la divisibilità o meno di un'area comune a due fabbricati appartenenti a diversi proprietari e destinata all'accesso ai fabbricati stessi in due porzioni distinte da attribuire in proprietà esclusiva a ciascuna delle parti, il giudice del merito deve tenere conto della diminuzione del valore complessivo dell'area a seguito della divisione, nonché degli effetti di tale divisione sull'efficienza, funzionalità e comodità dell'accesso ai fabbricati, mentre è irrilevante ai predetti fini la deduzione di frequenti dissidi fra le parti che rendevano impossibile l'uso comune dell'area. Il giudice, poi, al fine di rendere possibile la divisione non può mai imporre a carico di uno o di entrambi i condividenti l'obbligo di procedere a modifiche o variazioni della consistenza, ubicazione o conformazione dei fabbricati, trattandosi di beni non compresi (ed insuscettibili di essere attratti) nell'oggetto della divisione, circoscritta alla sola area comune, che non può incidere sulla struttura dei fabbricati né comportare l'imposizione di oneri o limitazioni al contenuto dei diritti precedentemente esercitati o comunque spettanti sui medesimi.

Cass. civ. n. 4806/1978

Nel condominio edilizio, le parti comuni dell'edificio possono essere divise purché la divisione possa farsi senza rendere più incomodo a ciascun condomino l'uso della proprietà singola servita dalla dividenda parte comune, in quanto ne sia resa meno facile la diretta fruizione ovvero venga ridotta l'utilità ricavabile dal bene condominiale in funzione della proprietà individuale. (Nella specie, la Corte ha confermato la sentenza del merito, con cui era stato dichiarato indivisibile un cortile, destinato, dopo la divisione, a fabbricarvi autorimesse, in considerazione delle limitazioni di luce e delle immissioni moleste che ne sarebbero derivate agli appartamenti dei piani inferiori nonché dell'impossibilità di destinare il cortile stesso a giardino).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 1119 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Gianfranco B. chiede
lunedì 11/06/2018 - Piemonte
“In seguito alla morte di una signora ereditai un alloggio al primo piano di una casa. Un altro alloggio situato al primo piano in posizione speculare al mio fu lasciato in eredita' ad una cugina della defunta. I due alloggi hanno in comune la scala ed il corridoio di accesso dove sono sistemati i contatori - Inoltre in comunione risulta essere anche la caldaia del riscaldamento posta nello scantinato, la quale viene alimentata a gasolio da un serbatoio posto nel giardino presso lo scantinato .- Vi sono sempre discussioni per il pagamento delle spese - Il marito della cugina ha rivolto nei miei confronti minacce di violenza e di danni alle cose, puntualmente denunciate .- Posso chiedere lo scioglimento della conproprieta' e come devo agire - Io acquisterei volentieri la sua proprieta' e venderei volentieri la mia pur di togliermi da questa insostenibile situazione .-
Consulenza legale i 19/06/2018
La comunione ordinaria disciplinata dagli artt. 1100 e ss. del c.c., si verifica quando più soggetti sono contitolari della proprietà su un bene o di altri diritti reali. Il legislatore ritiene tale fattispecie come un impedimento alla normale circolazione del bene, e pertanto all’art. 1111 del c.c., dispone come principio generale che ogni partecipante possa sempre richiedere lo scioglimento della comunione.
Il condominio è una particolare forma di comunione, disciplinata dagli artt. 1117 e ss. del c.c., che viene posta in essere per il solo fatto che in un edificio, vi siano parti in proprietà esclusiva, e parti in proprietà comune a tutti i proprietari, volte a rendere più comodo e meno gravoso il godimento e l’utilizzo delle singole unità abitative.
Se la comunione ordinaria è una fattispecie che può porsi in essere anche per la volontà degli stessi partecipanti (si pensi al caso di una coppia convivente che acquista in ragione di una metà ciascuno un immobile),il condominio viene definita una comunione forzosa, che si realizza necessariamente per disposizione di legge a prescindere dalla volontà dei singoli condomini. Proprio per questo motivo i commi 2° e 3°dell’art. 1118 del c.c. dispongono che il partecipante al condominio non può rinunziare al suo diritto sulle cose comuni e sottrarsi al pagamento degli oneri condominiali.
Il successivo art. 1119 del c.c. dispone, inoltre, contrariamente a quanto disposto dall’art.1111 del c.c. per la comunione ordinaria, che le parti comuni dell’edificio non sono suscettibili di divisone.
L’ unica deroga a questo importante principio, è la possibilità di procedere alla divisione quando questa non rechi pregiudizio all’ uso delle parti comuni, e sia fatto con il consenso di tutti i condomini.
I servizi e i beni comuni elencati nel quesito (riscaldamento, scale, corridoio e contatori elettrici), non sono di certo suscettibili di divisione, in quanto il farlo comporterebbe un totale sventramento e modifica dell’intero edificio.
Motivo per cui l’unico modo per l’autore del quesito di liberarsi della comunione condominiale e dello scomodo vicino è quello di porre in vendita la propria unità abitativa e andarsene da un’altra parte. Non esistono, d’altro canto, nel nostro ordinamento degli istituti che costringano una persona a porre in vendita forzatamente il proprio immobile, per fare in modo di appianare liti condominiali; delle disposizioni di legge di tal fatta, sarebbero altamente incostituzionali. Nulla vieta che l’autore del quesito, in alternativa alla vendita della propria unità abitativa, faccia una offerta in libero mercato al suo vicino molesto per l’acquisto dell’appartamento da lui abitato.


Gian L. P. chiede
martedì 07/02/2017 - Piemonte
“COME SCIOGLIERE UN CONDOMINIO ?
Condominio costituito dai precedenti Proprietari nel 1981,
relativo a villetta di villeggiatura con TRE Condomini :
Tizio con 367 millesimi ;
Caio con 304 millesimi e coniugato con
Sempronia proprietaria titolare di 330 millesimi
ed anche nominata AMMINISTRATORE anche grazie anche ai millesimi del marito CAIO.
NB ! Situazione di predominio quasi assoluto sia di millesimi sia di “teste” dei Coniugi Caio e Sempronia , per cui Tizio si trova perennemente in minoranza e deve soggiacere alle spicciole prevaricazioni assembleari (convocazioni, o.d.g., non-accoglimento aprioristico di eccezioni e/o proposte, redazione verbali, etc. etc. )
Sia soprattutto subire delibere importanti – specie per spese straordinarie – che gravano comunque su di Lui anche se assolutamente contrario.
NB! La comunione condominiale è tranquillamente divisibile – è composta da sei unità immobiliari - ognuna con un Proprietario unico – e quindi è già divisa fra i vari Proprietari.
Si richiede se sussista la possibilità di sciogliere il Condominio e quale sia la miglior procedure percorribile.

Consulenza legale i 13/02/2017
Il codice civile si occupa della divisione del condominio (negli edifici) agli articoli 61cc e 62 delle sue disposizioni di attuazione e della divisibilità delle parti comuni all’art. 1119.
Le due problematiche vanno infatti tenute ben distinte.

Lo scioglimento del condominio, infatti, è assolutamente possibile e legittimo, ed è deciso a maggioranza dell’assemblea oppure dall’Autorità giudiziaria, come stabilisce l’art. 61 delle disposizioni attuative al codice civile: “Qualora un edificio o un gruppo di edifici appartenenti per piani o porzioni di piano a proprietari diversi si possa dividere in parti che abbiano le caratteristiche di edifici autonomi, il condominio può essere sciolto e i comproprietari di ciascuna parte possono costituirsi in condominio separato.
Lo scioglimento è deliberato dall'assemblea con la maggioranza prescritta dal secondo comma dell'articolo 1136 del codice, o è disposto dall'autorità giudiziaria su domanda di almeno un terzo dei comproprietari di quella parte dell'edificio della quale si chiede la separazione”.
Il successivo articolo 62 disp. att. cod. civ. aggiunge poi: “La disposizione del primo comma dell'articolo precedente si applica anche se restano in comune con gli originari partecipanti alcune delle cose indicate dall'articolo 1117 del codice.
Qualora la divisione non possa attuarsi senza modificare lo stato delle cose e occorrano opere per la sistemazione diversa dei locali o delle dipendenze tra i condomini, lo scioglimento del condominio deve essere deliberato dall'assemblea con la maggioranza prescritta dal quinto comma dell'articolo 1136 del codice stesso.

Il procedimento per sciogliere il condominio è quindi semplice, poiché passa attraverso un’ordinaria assemblea (condominio) condominiale e non necessita dell’unanimità ma della sola maggioranza dei condomini. Esulando (a quel che pare dalla descrizione dello stato di fatto) l’ipotesi in esame da quella di cui all’art. 62 disp. att. cod. civ, sarà una sufficiente la maggioranza di cui al secondo e non al quinto comma del citato articolo 1136, ovvero un numero di voti che rappresenti almeno un terzo del valore dell’edificio.
Qualora, come si potrebbe verificare nel caso di specie, non si riuscisse a raggiungere una maggioranza, verrebbe in soccorso l’art. 1105 cod. civ. sull’amministrazione della cosa comune “Se non si prendono i provvedimenti necessari per l'amministrazione della cosa comune o non si forma una maggioranza, ovvero se la deliberazione adottata non viene eseguita, ciascun partecipante può ricorrere alla autorità giudiziaria”.

Il problema si pone diversamente, invece, per quanto riguarda le parti comuni, sulle quali dispone il citato art. 1119 cod. civ.: “Le parti comuni, di norma, sono indivisibili a meno che tale divisione possa essere operata senza che ne consegua un uso più incomodo a ciascun condomino.”(Cassazione civile, sez. II, 28/03/2012, n. 4978).
La regola posta dalla norma è quella dell’indivisibilità, perché è escluso che una parte dei condomini possa imporre agli altri, contro la loro volontà, una divisione parziale di aree o locali comuni.
Neppure è consentito che lo faccia il Giudice, su domanda di alcuni condomini, perché si tratterebbe di indebita interferenza nella sfera di autonomia dei privati.
E’ invece possibile che tutti i condomini, all’unanimità, convengano di dividere la cosa comune anche con sacrificio di uno o più di essi.

Si riportano di seguito alcune pronunce in materia: “In materia di condominio, in deroga alla disciplina della comunione ordinaria vige la regola della indivisibilità delle parti comuni dell'edificio posta dall'art. 1119 c.c. Ad impedire la divisione è sufficiente che essa pregiudichi il godimento di alcuni condomini ovvero renda più incomodo il godimento delle cose” (Tribunale Roma, 21/03/2006, n. 6581); e “In tema di condominio di edifici, poiché l'uso delle cose comuni è in funzione del godimento delle parti di proprietà esclusiva, la maggiore o minore comodità di uso, cui fa riferimento l'art. 1119 c.c. ai fini della divisibilità delle cose stesse, va valutata, oltre che con riferimento all'originaria consistenza ed estimazione della cosa comune, considerata nella sua funzionalità piuttosto che nella sua materialità, anche attraverso il raffronto fra le utilità che i singoli condomini ritraevano da esse e le utilità che ne ricaverebbero dopo la divisione. (Nella specie, in applicazione dell'enunciato principio, la S.C. ha confermato la sentenza di merito la quale, con motivazione ritenuta congrua, aveva disposto lo scioglimento del condominio relativamente al giardino circostante l'edificio, alla soffitta ed allo scantinato della casa, e deciso di non procedere, invece, alla divisione della terrazza comune).” (Cassazione civile, sez. II, 23/01/2012, n. 867; conforme Tribunale Padova, sez. II, 06/09/2000, n. 1381).

Testi per approfondire questo articolo

  • Trattario di diritto civile. Comunione e condominio

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: aprile 2014
    Prezzo: 124,00 -5% 117,80 €

    Il "Trattario": un nuovo modello editoriale per valorizzare al meglio le opportunità e per sfuggire agli inconvenienti che sono propri dei due generi più diffusi nella tradizione letteraria del diritto privato, il Trattato e il Commentario. Ogni capitolo dell'opera si apre con rubriche (Inquadramento, Novità, Applicazioni, Profili processuali, Quesiti e soluzioni) che semplificano punto per punto l'approccio al testo, a beneficio del lettore. Segue il Commento di... (continua)

  • Commentario del codice civile. Della proprietà. Artt. 1100-1172

    Data di pubblicazione: luglio 2013
    Prezzo: 100,00 -5% 95,00 €

    Il modulo “Della Proprietà” è un autorevole commento articolo per articolo della disciplina normativa codicistica in tema di proprietà e contiene anche il commento alle più importanti normative speciali.

    L’Opera, coordinata dai Proff.i Iannarelli e Macario e divisa in 4 volumi (Primo volume: 810-868 – Secondo volume: 869-1099 – Terzo volume: 1110-1172 – Quarto volume: Leggi Collegate), è commentata da accademici... (continua)

  • La prelazione nelle comunioni

    Data di pubblicazione: settembre 2010
    Prezzo: 36 €

    La rilettura in chiave promozionale della prelazione ereditaria conduce a superare antiche contrapposizioni alle quali l’istituto è rimasto ancorato in nome di una assoluta quanto astratta libertà di disposizione che non trova riscontro nei principi del sistema vigente. La prelazione non si contrappone all’autonomia negoziale ma la valorizza orientandola alla massima attuazione della solidarietà costituzionale, secondo la vocazione sociale connaturata alla... (continua)

  • Il procedimento di divisione a domanda congiunta

    Editore: Giuffrè
    Collana: Officina. Civile e processo
    Pagine: 78
    Data di pubblicazione: aprile 2014
    Prezzo: 18,00 -5% 17,10 €

    Tra gli argomenti trattati: Presupposti per la proposizione del ricorso ex art. 791-bis c.p.c. Soggetti delegabili per l'espletamento delle operazioni di divisione. Rapporti fra mediazione obbligatoria e controversie divisorie. Opposizione alla vendita e/o al progetto di divisione. Adempimenti successivi all'approvazione del progetto di divisione.

    (continua)
  • La comunione in generale

    Collana: Trattato dir. civ. Cons. naz. notariato
    Pagine: 224
    Data di pubblicazione: febbraio 2014
    Prezzo: 27 €

    Lo studio della contitolarità dei diritti reali nella sua configurazione di comunione ordinaria (caratterizzata dai due elementi inderogabili della organizzazione in quote singolarmente alienabili e della soggezione a scioglimento) consente di osservare le diverse comunioni tipiche a regime speciale con uno sguardo d'insieme e di individuare tra di esse collegamenti, affinità, differenze. L'argomento impone un'attenzione ai precedenti storici senza la quale risulta difficile... (continua)