Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 705 Codice Civile 2020

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 30/06/2020]

Apposizione di sigilli e inventario

Dispositivo dell'art. 705 Codice Civile 2020

(1)L'esecutore testamentario fa apporre i sigilli [752 ss. c.c.] quando tra i chiamati all'eredità vi sono minori [2 c.c.], assenti [48 ss. c.c.], interdetti(2) [414 c.c.] o persone giuridiche [11 c.c.](3).

Egli in tal caso fa redigere l'inventario dei beni dell'eredità in presenza dei chiamati all'eredità o dei loro rappresentanti, o dopo averli invitati [769 ss. c.p.c.].

Note

(1) Stante la funzione dell'apposizione dei sigilli e della redazione dell'inventario, nessun effetto avrebbe la disposizione mediante la quale il testatore preveda la dispensa per l'esecutore da tali incombenti
(2) Ci si riferisce alla sola interdizione giudiziale e non anche a quella legale, che consiste in una sanzione accessoria all'ergastolo o alla reclusione non inferiore a cinque anni (v. art. 32 del c.p.).
(3) La disposizione si applica anche agli inabilitati (v. art. 415 del c.c.), agli scomparsi e più in generale in presenza di persone momentaneamente lontane dal luogo in cui si è aperta la successione.

Ratio Legis

Mediante l'inventario si evita la dispersione o la sottrazione di beni ereditari, facilitando il controllo degli interessati sul rendiconto (v. art. 709 del c.c.).

Spiegazione dell'art. 705 Codice Civile 2020

L'articolo, nella prima parte, è identico all’art. #908#, prima parte, del vecchio codice del 1865. La disposizione è logicamente connessa al potere di vigilanza, che spetta all’esecutore, abbia o no l’amministrazione ed il possesso della massa ereditaria. La norma, peraltro, impone l’obbligo di far apporre i sigilli soltanto nel caso in cui la qualità delle persone chiamate all’eredità esiga una particolare protezione. Ciò non toglie che, da un lato, l’esecutore, sempre in base ai suoi poteri di vigilanza affinché la volontà del testatore sia esattamente attuata, possa richiedere facoltativamente l’apposizione dei sigilli anche quando non si verifichino le ipotesi previste dalla legge; e che, dall'altro, non sia tenuto all’obbligo, quando il provvedimento relativo sia stato già chiesto ed attuato da altri interessati.
Quanto al secondo comma, è da notare che, sia nel progetto della Commissione reale che in quello definitivo del Guardasigilli, quanto alla redazione dell'inventario, non si leggeva la frase “in tal caso”: questa è stata inserita nell’art. 705 del codice attuale, in seguito a proposta della Commissione delle Assemblee legislative. Data la formulazione definitiva, è, perciò, indubitabile che l’obbligo dell’inventario sia limitato al caso preveduto dal primo comma, quando, cioè, tra gli eredi vi sono minori, assenti, interdetti o persone giuridiche. Sotto la vigenza del 1865, invece, mancando un’espressa limitazione, la disposizione dell’art. #908#, comma 2, era stata intesa nel senso che l’esecutore dovesse compilare l’inventario in tutti i casi, vi fossero o no, tra i chiamati, persone incapaci. Su questo punto, quindi, il codice in vigore ha introdotto un'innovazione rispetto a quello precedente, ma di questa innovazione non se ne conoscono le ragioni, non essendosene fatto cenno né dalla Commissione delle Assemblee legislative, né nella relazione al Re Imperatore.
Resta da aggiungere, coerentemente a quanto si è rilevato commentando la prima parte dell’articolo, che l’esecutore è sempre in facoltà di far compilare l'inventario, anche fuori dell’obbligo di legge, e che, se la redazione dell’inventario è stata già chiesta ad istanza di altri interessati, l’esecutore non è tenuto a farne compilare un altro per suo conto, salvo il diritto di assistere alla redazione del primo. Così pure, l’esecutore non è tenuto a ripeterlo se l'inventario è stato già compilato, salvo il diritto alle eventuali rettifiche ed aggiunte.
In relazione al vecchio codice del 1865, mentre generalmente si ammetteva che il testatore non potesse esonerare l’esecutore dall’obbligo di far apporre i sigilli, dati i particolari interessi da tutelare, si discuteva invece se potesse dispensarlo dall’obbligo di far compilare l’inventario. L’opinione prevalente era negativa, e sembra che questa soluzione, a maggior ragione, debba seguirsi anche rispetto al nuovo codice, perché, dipendendo la compilazione obbligatoria dell'inventario dalla presenza, fra gli eredi, di persone fisiche incapaci o di persone giuridiche, essa è una particolare garanzia che, nel sistema, è diretta, di regola, a meglio tutelare gli interessi delle persone anzidette.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!