Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2016 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Procedura d'ammortamento

Dispositivo dell'art. 2016 Codice civile

In caso di smarrimento, sottrazione o distruzione del titolo, il possessore (1) può farne denunzia (2) al debitore e chiedere l'ammortamento del titolo con ricorso al presidente del tribunale del luogo in cui il titolo è pagabile (3).

Il ricorso deve indicare i requisiti essenziali del titolo e, se si tratta di titolo in bianco [2009, 2011 2], quelli sufficienti a identificarlo.

Il presidente del tribunale, premessi gli opportuni accertamenti sulla verità dei fatti e sul diritto del possessore (4), pronunzia con decreto l'ammortamento e autorizza il pagamento del titolo dopo trenta giorni dalla data di pubblicazione del decreto nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica, purché nel frattempo non sia fatta opposizione dal detentore. Se alla data della pubblicazione il titolo non è ancora scaduto, il termine per il pagamento decorre dalla data della scadenza.

Il decreto deve essere notificato al debitore e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica a cura del ricorrente.

Nonostante la denunzia, il pagamento fatto al detentore prima della notificazione del decreto libera il debitore [89 l.camb.; 69 l.ass.].

Note

(1) Cioè colui che lamenta lo smarrimento, la sottrazione ad opera di terzi o la distruzione del titolo.
(2) La denuncia al debitore può essere fatta con qualsiasi forma. Inoltre, essa costituisce solo una facoltà del possessore pertanto se questi omette di provvedervi non può essergli addebitata alcuna responsabilità a titolo contrattuale nel caso in cui dalla circolazione del titolo derivi un danno al debitore.
(3) Ad esempio, il luogo in cui vi è una filiale della banca che ha emesso l'assegno bancario. A differenza della denuncia al debitore, che è libera, al tribunale deve essere presentato un ricorso, secondo la relativa disciplina (125 c.p.c.).
(4) Il tribunale svolge un accertamento sia in fatto, verificando che il titolo sia stato, effettivamente, smarrito, sottratto o distrutto, che in diritto, in ordine alla legittimazione del denunciante.

Ratio Legis

La procedura di ammortamento è volta a bilanciare due opposte esigenze, da un lato quella di colui che ha perso il possesso ad ottenere un titolo equivalente al fine di esercitare il relativo diritto o farlo ulteriormente circolare, dall'altro quella di garantire la certezza dei traffici, in particolare dalla possibilità che circoli un titolo invalido e che i terzi debitori, confidando nella sua validità, adempiano.
Si noti che l'ultimo comma è dettato al fine di garantire la certezza dei traffici giuridici visto che fino al momento in cui il tribunale non decide, con certezza, l'ammortamento il debitore è liberato anche se paga al detentore.

Spiegazione dell'art. 2016 Codice civile

La c.d. procedura di ammortamento di titolo all’ordine (richiami): a) presupposti

La c.d. procedura di ammortamento di titolo all’ordine è essenzialmente conforme alla c.d. procedura di ammortamento della cambiale (artt. 89 e segg. Legge Camb.), e, come si è già detto, si risolve in una forma speciale di processo per pubblici proclami, che, nei casi di smarrimento, sottrazione o distruzione di tale titolo, comporta il suo annullamento e dei relativi diritti cartolari, sia la concessione di un duplicato ed il pagamento a favore del richiedente (artt.2016 e 2019).

a) Dunque presupposti di tale procedura sono lo smarrimento o la sottrazione o distruzione di un titolo all’ordine (art. 2016, comma 1), concetti giuridici già determinati sopra.


b) Soggetto attivo del diritto all’ammortamento

D'altra parte, soggetto attivo del diritto all'ammortamento, e del rap­porto correlativo, — è il possessore (qualificato) del titolo all ordine, il quale [possessore] sia stato vittima dello smarrimento, o della sottrazione, della distruzione (art. 2016, 1 comma); e può essere anche il giratari per masso o a titolo di pegno, come quello che è attivamente legittimato all'e­sercizio dei diritti cartolari . Infine, si insegna esattamente, in materia cambiaria, e tale opinione è applicabile anche in materia di titoli all'ordine in generale, — che « la procedura di ammorta­mento può essere messa in moto altresì da chi aveva il diritto ad avere il pos­sesso anche senza averlo avuto materialmente, e, quindi, dal prenditore o dal giratario designato, ma che non abbia ancora il possesso del titolo smarrito, sottratto o distrutto ».


c) Denuncia al debitore dello smarrimento, della sottrazione o della distruzione del titolo

A tenore dell'art. 2016, 1 comma cit., « in caso di smarrimento, sottrazione o distruzione del titolo, il possessore pub farne denunzia al debitore »; ma l'esercizio di tale facoltà, che non è, evidentemente, subordinato ad al­cuna formalità, non importa che un « semplice e non necessario avvertimento ». Tanto è ciò vero che l'ultimo comma dello stesso art. 2016, dispone ca­tegoricamente che « non ostante la denunzia, il pagamento fatto al detentore prima della notificazione del decreto [del Presidente del Tribunale] libera il debitore ».

Tuttavia, quest'ultima norma dev'essere collegata e coordinata coi precedenti artt. 1992 e 2008, per cui il pagamento, per essere valido, deve essere fatto al possessore qualificato del titolo, ed altresì «senza dolo o colpa grave».

Onde la medesima norma [art. 2016, ult. comma], come il corrispon­dente art. 8g, uit. comma Legge camb., «significa soltanto questo: che un pagamento che sia valido, ossia liberatorio, a norma di legge, tale rimane se fatto prima della notificazione del decreto di ammortamento, ancorchè chi paga avesse ricevuto notizia della denuncia della perdita del titolo e della presentazione di un ricorso per l'ammortamento, perchè tale conoscenza non basta, da sola, a costituirlo nè in dolo, nè in colpa grave ».


d) Ricorso al Presidente del Tribunale

Il possessore qualificato del titolo all'ordine smarrito, sottratto o distrutto, — mentre, nel suo interesse, ha, come si è rilevato testè (n. 3), —la facoltà di denunzia al debitore, — per conseguire l'ammortamento, ha il in cui arre di domandarlo, «con ricorso al Presidente del Tribunale del luogo il titolo è pagabile» (art. 2016, 1 comma cit.).

Tale ricorso deve contenere gli elementi necessari e sufficienti per la identificazione del titolo ammortizzando, cioè, di regola, « deve indicare i requisiti essenziali del titolo» (art. 2016, 2 comma). Se si tratta di titolo in bianco, presuppone il medesimo criterio di massima sopra formulato, ma, non potendo stabilire a priori gli elementi di identificazione, si limita a statuire che il ricorrente indichi i requisiti del titolo « sufficienti a identificarlo » (art. 2016, 2 comma cit.).


Decreto di pronuncia dell’ammortamento

Il Presidente del Tribunale investito della procedura di ammor­tamento deve premettere alla sua pronuncia gli opportuni accertamenti sulla verità dei fatti e sul diritto del possessore» (art. 2016, 3 comma); — accertamenti che sono necessariamente sommarii, ed in cui i documenti prodotti e le altre prove offerte dal ricorrente potranno eventualmente essere integrate da informazioni assunte d'ufficio.

Se il risultato di tali accertamenti è positivo, ossia favorevole alla istanza del ricorrente; — il Presidente del Tribunale pronunzia con decreto l'ammor­tamento e autorizza il pagamento del titolo dopo trenta giorni dalla data di pubblicazione del decreto nella Gazzetta Ufficiale, purchè nel frattempo non sia fatta opposizione dal detentore. Se alla data della pubblicazione il titolo non è ancora scaduto, il termine per il pagamento decorre dalla data della scadenza. Il decreto deve essere notificato al debitore e pubblicato nella Gaz­zetta Ufficiale a cura del ricorrente» (art. 2016, 30 e 40 comma).


f) Decreto di rigetto istanza del ricorrente

Se il risultato dei detti accertamenti, invece, è negativo, ossia sfavorevole alla istanza del ricorrente, — il Presidente del Tribunale emette decreto di rigetto della medesima, istanza.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 2016 Codice civile

Cass. civ. n. 20469/2008

In tema di ammortamento di un assegno bancario, l'opposizione al relativo decreto pronunciato dal pretore (competente ratione temporis) va proposta nel termine di quindici giorni dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale, ai sensi dell'art. 69 del R.D. n. 1736 del 1933 e non nei trenta giorni di cui all'art. 2016 c.c., disposizione invece riferita alla generalità dei titoli di credito e, in quanto lex posterior generalis, non in grado di derogare alla norma anteriore speciale, in difetto di espressa indicazione normativa.

Cass. civ. n. 4870/2006

La procedura di ammortamento del libretto di deposito bancario ha, come unica funzione, quella di individuare la persona legittimata a riscuotere e non quella di accertare la titolarità del credito, come è reso esplicito da quanto dispongono gli artt. 1836 c.c. e, per i libretti al portatore, gli artt. 7 ss. della legge 30 luglio 1951, n. 948. Ne consegue che la richiesta di ammortamento presentata congiuntamente da due soggetti, con la quale gli stessi si siano dichiarati comproprietari del libretto, non ha il valore probatorio di confessione nel giudizio successivamente intentato da uno dei due soggetti nei confronti dell'altro al fine dell'accertamento della proprietà della somma depositata, ma rappresenta un semplice indizio, che può essere superato dalla prova che detta somma proveniva esclusivamente dal patrimonio dell'attore.

Cass. civ. n. 13513/2002

Ai sensi degli artt. 2016 c.c., 82 (Recte: 89 - N.d.R.) e 102 del R.D. 14 dicembre 1933, n. 1669, legittimato a promuovere la procedura di ammortamento di una cambiale o di un vaglia cambiario è il titolare del credito cartolare, in base al negozio di emissione o di trasmissione, che abbia perso il possesso del titolo, e, quindi, la legittimazione all'esercizio di quel credito, a seguito di smarrimento, sottrazione o distruzione. Pertanto, il trattario della cambiale e l'emittente del vaglia cambiario, così come non sono abilitati a proporre opposizione al decreto di ammortamento (promuovibile solo dal detentore del titolo, a norma degli artt. 2017 c.c. e 90 del R.D. n. 1669 del 1933), sono privi di legittimazione a richiedere il decreto stesso, ancorché abbiano perso il titolo dopo esserne venuti in possesso a seguito di pagamento del debito.

Cass. civ. n. 3027/1995

In caso di smarrimento di un assegno bancario dopo la girata per l'incasso fatta ad una banca dall'intestatario dell'assegno, grava su quest'ultimo, e non sul traente, l'onere di richiedere l'ammortamento del titolo, che costituisce l'unico strumento che garantisce il traente dal non restare esposto ad una richiesta di pagamento a seguito della presentazione, sia pure tardiva, dell'assegno da parte di un terzo in buona fede.

Cass. civ. n. 5744/1993

La legittimazione all'opposizione al decreto di ammortamento compete unicamente al detentore del titolo, non già a tutti gli obbligati risultanti dallo stesso, i quali, dopo la pronunzia del decreto, possono proporre le ordinarie azioni di impugnazione e, in particolare, quella di accertamento negativo per far riconoscere l'inesistenza del titolo ammortizzato. In quest'ultima azione, la difficoltà dell'onere probatorio — consistente nella dimostrazione dell'inesistenza del titolo — non deriva da una particolare efficacia del decreto di ammortamento e non determina, quindi, un'ingiustificata limitazione della tutela degli emittenti-debitori dell'assegno.

Cass. civ. n. 9686/1992

Nel caso di smarrimento di assegno di conto corrente, denunciato dal titolare del conto, l'isttuto di credito che, nella sua qualità di trattario e mandatario, ha pagato l'assegno bancario al possessore, è liberato sinché non viene data la prova della sua malafede e colpa grave, secondo un principio desumibile dell'art. 69 del R.D. 21 dicembre 1933, n. 1736 e dal combinato disposto degli artt. 1176, 1856, 1703, 1710 e 1992 c.c.

Cass. civ. n. 4195/1982

La procedura di ammortamento di una cambiale, prevista dall'art. 102 (Rectius 89 - N.d.R.) della legge cambiaria, è ammessa soltanto a favore del portatore del titolo e nei casi in cui questo sia ancora negoziabile o, comunque, suscettibile di circolazione. Conseguentemente essa non è ammissibile allorché i titoli stessi siano stati protestati a seguito del mancato pagamento da parte dell'obbligato.

Cass. civ. n. 1435/1974

L'opposizione al decreto di ammortamento cambiario può essere proposta solo dal detentore del titolo. Pertanto, non vi è legittimato l'emittente della cambiale che non abbia detta qualità.

Cass. civ. n. 1782/1968

La legittimazione a proporre opposizione al decreto di ammortamento non compete a tutti gli obbligati cambiari, ma unicamente al detentore del titolo. Dopo la pronuncia del decreto di ammortamento il debitore cambiario ha il potere di proporre non solo l'azione di opposizione, purché ne ricorrano le condizioni di legittimazione, ma anche le ordinarie azioni di impugnativa cambiaria e, in particolare, le azioni di accertamento negativo dirette a far riconoscere l'inesistenza o la falsità del titolo ammortizzato. Poiché, al fine di individuare l'azione in concreto proposta, onde applicare le corrispondenti norme di legge, occorre aver riguardo alla sostanza del petitum, in relazione alla causa petendi, nonché a tutte le particolarità della fattispecie, e non limitarsi alle qualificazioni date dalle parti, o alle formulazioni letterali delle loro conclusioni,, allorquando manchi la legittimazione per l'opposizione dell'ammortamento, devesi in linea di massima ritenere che l'azione proposta, ancorché qualificata come opposizione a decreto di ammortamento, sia in realtà un'azione di accertamento negativo, perché è questa l'unica azione esperibile da parte di chi non sia detentore del titolo ammortizzato.

Cass. civ. n. 1046/1968

Poiché l'opposizione al decreto di ammortamento tende a far risolvere la questione se il documento (e quindi la legittimazione) spetti all'opponente oppure al convenuto, la struttura del relativo giudizio corrisponde in sostanza — sia pure previa inversione della posizione processuale dei soggetti — a quella di un normale giudizio di rivendicazione nel quale — com'è noto (ex art. 948 c.c.) — costituisce presupposto essenziale che il convenuto sia possessore o detentore della cosa. I contraddittori del procedimento di ammortamento sono, da una parte, il titolare del credito non possessore, vale a dire colui che, essendo creditore in base al negozio di emissione o di trasmissione del titolo, abbia perduto la legittimazione (intesa come la situazione giuridica che opera a vantaggio del possessore del titolo nei confronti del debitore per il solo fatto del possesso secondo la legge di circolazione), e, dall'altra, il possessore non titolare, ossia colui che, pur non essendo creditore in base al negozio di emissione o di trasmissione del precedente titolare, si trovi tuttavia munito della legittimazione ossia nel possesso del titolo in conformità, beninteso, delle norme che ne disciplinano la circolazione e, quindi — trattandosi di titoli all'ordine — in base ad una serie continua di girate, anche se l'ultima sia in bianco.

Cass. civ. n. 1115/1952

Il termine di quindici giorni — indicato nell'art. 69 (secondo capoverso) del R.D. 21 dicembre 1933, n. 1736 per l'opposizione del detentore dell'assegno bancario alla richiesta di ammortamento — è perentorio e, come tale, non è suscettibile di proroga da parte del giudice. Un termine può essere dichiarato perentorio anche senza l'uso di formule sacramentali, qualora la dichiarazione di perentorietà possa essere univocamente dedotta dalla natura del termine stesso posta in relazione con lo scopo che tale termine persegue, con la funzione che esso è destinato ad assolvere e con gli effetti collegati alla sua osservanza. E quando tali statuizioni non siano state rettificate o riformate nei modi ammessi dalla legge. In applicazione di tale principio, resta valida l'opposizione all'ammortamento di un assegno bancario, proposta dopo la scadenza del termine perentorio di quindici giorni, previsto dall'art. 69 del R.D. 21 dicembre 1933, n. 1736; qualora il pretore, nell'emettere il relativo decreto, abbia erroneamente fissato il termine di trenta giorni, uniformandosi alle indicazioni contenute nel ricorso introduttivo della procedura di ammortamento.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Commentario al codice civile. Artt. 1987-2042: Promesse unilaterali. Titoli di credito. Gestione di affari. Indebito. Arricchimento senza causa

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: giugno 2009
    Prezzo: 130,00 -5% 123,50 €

    Le novità legislative e giurisprudenziali di questi ultimi anni, in una materia particolarmente complessa e che appare in continuo movimento, soprattutto per quanto concerne i titoli di credito (le nuove forme di ricchezza mobiliare), la ripetizione dell'indebito, l'arricchimento senza causa.
    Come sempre, al testo di ogni articolo fa seguito nel volume un gioco di finestre iniziali, in cui si evidenzia qual è l'importanza di quella certa norma, anche nei suoi risvolti... (continua)

  • Commentario del codice civile. Delle promesse unilaterali, dei titoli di credito. Artt. 1987- 2027. Leggi collegate

    Pagine: 672
    Data di pubblicazione: novembre 2015
    Prezzo: 100,00 -5% 95,00 €

    Il volume "Dei titoli di credito", coordinato dal prof. Raffaele Lener, è un autorevole commento, articolo per articolo, alla disciplina codicistica regolata dagli artt. 1992- 2027 e alle disposizioni di riferimento contenute nel Testo Unico della Finanza. Nell'opera il professionista trova un'analisi approfondita delle disposizioni di ciascun articolo del codice civile, unitamente ad una panoramica degli spunti più interessanti per la pratica professionale offerti dalla... (continua)

  • Il protesto. Cancellazione, forme di responsabilità e tutela d'urgenza ex art. 700 c.p.c.

    Editore: Giuffrè
    Collana: Fatto & diritto
    Data di pubblicazione: dicembre 2012
    Prezzo: 30,00 -5% 28,50 €
    Categorie: Protesto

    Il volume, giunto alla terza edizione, illustra alla luce dell'evoluzione normativa e giurisprudenziale, per mezzo di un costante confronto critico con la giurisprudenza, il protesto per mancato pagamento e l'illegittima o erronea levata del protesto. Diffusi approfondimenti sono dedicati al registro informatico dei protesti e all'articolata disciplina in materia di cancellazione dei protesti cambiari (nonché riabilitazione del debitore protestato), esplorata anche nei suoi rapporti... (continua)

  • Protesto cambiario e responsabilità del pubblico ufficiale

    Editore: CEDAM
    Data di pubblicazione: dicembre 2009
    Prezzo: 20,00 -5% 19,00 €
    Categorie: Protesto

    Il volume, giunto alla sua seconda edizione, si colloca in una materia, quella del diritto bancario, assai fluttuante all’interno di uno scenario monetario e finanziario in evoluzione e complessificazione.
    Il testo offre spunti di attualizzazione di concetti solo apparentemente datati ed ha il merito di far riflettere il lettore sulla ratio di certe norme in materia di protesto cambiario che svelano i differenti approcci dei vari Stati, europei ed extraeuropei, alla... (continua)

  • Diritto commerciale
    Impresa, contratti, titoli di credito, fallimento

    Editore: Zanichelli
    Pagine: 372
    Data di pubblicazione: settembre 2017
    Prezzo: 47,00 -5% 44,65 €
    Il Corso di diritto commerciale è stato ideato e realizzato per gli studenti universitari delle facoltà ove si insegna il diritto commerciale. Mira a fornire agli studenti una preparazione essenziale e aggiornata su tutte le articolazioni del diritto commerciale basata non solo sulle nozioni, ma anche su un approccio critico che li aiuti a comprendere la collocazione dei singoli istituti nella cornice del sistema e nel contesto della prospettiva storica dell’evoluzione... (continua)
  • Strumenti di credito e mezzi di pagamento. Cambiali, assegni, carte di credito, moneta elettronica

    Editore: Giappichelli
    Collana: Argomento del diritto
    Data di pubblicazione: giugno 2011
    Prezzo: 62 €
    Categorie: Assegno, Cambiale

    La circolazione di assegni e cambiali costituisce tuttora nella moderna economia di scambio un fenomeno rilevante nell'ambito degli affari. Nuove norme sono state introdotte negli ultimi anni per la gestione dei titoli di credito allo scopo di ridurre principalmente le conseguenze di un utilizzo improprio o addirittura errato dei titoli. Altri mezzi e strumenti, come le carte di credito e la moneta elettronica, si affacciano, nel panorama della circolazione del denaro, con sempre maggior... (continua)

  • L'assegno

    Editore: Giuffrè
    Collana: Pratica giuridica
    Data di pubblicazione: maggio 2012
    Prezzo: 92,00 -5% 87,40 €
    Categorie: Assegno

    L'opera contiene il commento relativo alla disciplina completa dell'assegno in tutte le sue forme e con riguardo a tutti gli aspetti civilistici, processualcivilistici e penalistici. E' aggiornata con tutte le più recenti novità legislative intervenute (D.Lgs. nn. 138 /11; D.Lgs. n. 150/11; L. n. 214/11) e corredata con la giurisprudenza di legittimità e di merito più rilevante sulla materia.

    (continua)
  • L'assegno e la cambiale. Con CD-ROM

    Autore: Cirillo Bruno
    Collana: Casi risolti nel diritto
    Pagine: 308
    Data di pubblicazione: marzo 2013
    Prezzo: 32,00 -5% 30,40 €
    Categorie: Assegno, Cambiale

    L'opera, con formulario e giurisprudenza, affronta le tematiche relative alla gestione dell'assegno e della cambiale con dettaglio e specificità. Nello scenario attuale, quale quello della crisi aziendale e delle difficoltà nel reperimento di fonti di liquidità, diventa quanto mai attuale questo approfondimento incentrato sui titoli di credito, dal momento che l'assegno rappresenta, ancora oggi, un diffusissimo strumento di pagamento e la cambiale assolve ad una... (continua)

  • Coobligazione cambiaria e solidarietà disuguale

    Collana: Univ. Camerino
    Pagine: 488
    Data di pubblicazione: settembre 2013
    Prezzo: 55 €
    Categorie: Cambiale