Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 86 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Libertà di stato

Dispositivo dell'art. 86 Codice civile

Non può contrarre matrimonio chi è vincolato da un matrimonio [65, 68, 102, 116, 117, 124; 562 c.p.](1) o da un'unione civile tra persone dello stesso sesso precedente(2).

Note

(1) Il cosiddetto impedimentum ligaminis, causa di invalidità del matrimonio, concerne ogni precedente m. civilmente valido, con esclusione del m. religioso contratto secondo il diritto canonico e non trascritto nei registri dello stato civile.
(2) Le parole "o da un'unione civile tra persone dello stesso sesso" sono state inserite dall'art. 1, comma 32, della L. 20 maggio 2016, n. 76.

Brocardi

Impedimentum ligaminis

Spiegazione dell'art. 86 Codice civile

L'articolo riproduce, con lievissima modificazione letterale, il cessato art. #56#. Come questo articolo non si riferiva in modo espresso alla validità del matrimonio precedente, o più precisamente alla efficacia civile di esso, così a tale validità od efficacia non si riferisce esplicitamente l'art. 86. Il riferimento non è necessario poiché il vincolo non può sorgere se non da matrimonio valido, a cui la legge riconosce efficacia civile. Ed egualmente, come l'art. 56 non si riferiva, cosi l'art. 86 non si riferisce al modo con cui dev'essere provata la libertà di stato.
Oltre alla vera e propria libertà di stato, abbiamo, per le disposizioni della nuova legge, quella presunta. In forza della disposizione dell'art. 65, divenuta eseguibile la sentenza che dichiara la morte presunta, il coniuge può contrarre nuovo matrimonio.
Cessa, in questo caso, l'efficacia impediente del vincolo del già contratto matrimonio: non ne cessa però l'eventuale efficacia dirimente, poiché l'art. 68 dichiara che il detto matrimonio è nullo qualora la persona della quale fu dichiarata la morte presunta ritorni o ne sia accertata l'esistenza.
In questo caso, però, il matrimonio avrà l'efficacia di matrimonio putativo.

In proposito è da notare:
1) che, ove la persona di cui venne dichiarata la presunta morte non ritorni, l'accertamento che essa esiste dev'essere fatto a norma dell'art. 67;
2) che la nullità del matrimonio non può più essere pronunziata dopo che fosse accertata la morte di detta persona, quand'anche risultasse che essa è morta dopo la celebrazione del nuovo matrimonio, ossia quando il vincolo del precedente matrimonio non era ancora sciolto.
L'impedimento di cui in questo art. 86, è di grandissima importanza, oltre che morale, sociale e politica: attiene alla duplice proprietà essenziale del matrimonio. La violazione di esso non solo produce la nullità del nuovo matrimonio, ma costituisce, ove concorra l'elemento intenzionale, il grave delitto di bigamia (articoli 556 e 557 c.p.).

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Il trattamento economico nella separazione e divorzio. Assegno di mantenimento e divorzile

    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria e pratica del diritto. Lavoro
    Data di pubblicazione: gennaio 2019
    Prezzo: 42,00 -5% 39,90 €
    Categorie: Divorzio, Separazione
    Il volume, giunto alla seconda edizione, approfondisce la controversa materia del mantenimento del coniuge nell'ambito delle procedure di separazione e di scioglimento e cessazione degli effetti civili del matrimonio, tenendo conto dei più recenti orientamenti dottrinali e, in particolare, dell'evoluzione giurisprudenziale che ha interessato il riconoscimento della titolarità dell'assegno divorzile e che ha raggiunto il proprio apice nella pronuncia delle Sezioni Unite della... (continua)
  • Le tutele legali nelle crisi di famiglia

    Collana: I trattati operativi
    Pagine: 1700
    Data di pubblicazione: luglio 2018
    Prezzo: 110,00 -5% 104,50 €
    L'opera si struttura in tre volumi tra loro coordinati, affrontando in modo pragmatico le tematiche relative alla crisi dei rapporti familiari. Nel primo tomo viene esposta con commento dettagliato la disciplina sostanziale. Nel secondo tomo si espone, con risvolti operativi, la disciplina processuale. Nel terzo tomo si propone un pratico formulario editabile e stampabile. Il trattato vuole supportare il lavoro di magistrati, avvocati e altri professionisti coinvolti a vario titolo nelle... (continua)
  • Determinazione dell'assegno di mantenimento. Separazione e divorzio. Con e-book

    Editore: Ipsoa
    Collana: Guide operative
    Data di pubblicazione: dicembre 2018
    Prezzo: 35,00 -5% 33,25 €
    Categorie: Divorzio, Separazione
    Il volume analizza la quantificazione dell'assegno di mantenimento nell'ambito dei procedimenti di separazione e divorzio, alla luce delle più recenti novità. La sentenza SS.UU. n. 18287/2018 della Corte di Cassazione è intervenuta in materia di diritto di famiglia, rivoluzionando una prassi ormai consolidata, superando il dogma per cui l'assegno di mantenimento deve commisurarsi al tenore di vita coniugale. Sono trattati i criteri e i principi che sottendono alla... (continua)
  • Separazione e divorzio. Manuale teorico-pratico con ampia casistica giurisprudenziale e formulario

    Collana: Serie L. Professionale
    Pagine: 560
    Data di pubblicazione: novembre 2018
    Prezzo: 46,00 -5% 43,70 €
    Dopo la sentenza Grilli del 2017, che aveva etichettato i coniugi come persone senza un passato, penalizzando così l'ex coniuge debole (purché economicamente autosufficiente), le Sezioni Unite hanno ripristinato un elementare principio di giustizia, riaffermando, in sede di attribuzione dell'assegno divorzile, il criterio del «tenore di vita goduto in costanza di matrimonio». È stata, così, messa in soffitta l'idea che dopo il divorzio c'è il... (continua)