Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 78 Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 31/08/2021]

Affinità

Dispositivo dell'art. 78 Codice Civile

L'affinità è il vincolo tra un coniuge e i parenti dell'altro coniuge [76].

Nella linea e nel grado [75, 76] in cui taluno è parente di uno dei coniugi, egli è affine dell'altro coniuge.

L'affinità non cessa per la morte, anche senza prole, del coniuge da cui deriva, salvo che per alcuni effetti specialmente determinati [434 n. 2]. Cessa se il matrimonio è dichiarato nullo [117 ss.], salvi gli effetti di cui all'articolo 87 n. 4 [117 ss.].

Ratio Legis

Il rapporto di affinità è il vincolo intercorrente tra un coniuge e i parenti dell'altro coniuge, e rispecchia nella linea e nel grado il rapporto di parentela che sussiste tra l'altro coniuge ed i suoi parenti. Non si estende agli affini di ciascun coniuge (ossia, ad es., tra i rispettivi suoceri dei coniugi).

Brocardi

Adfines inter se non sunt adfines
Adfines sunt viri et uxoris cognati
Adfinitas
Adfinitas est civile vinculum ex nuptiis sponsalibusve descendens
Adfinitas in coniuge superstite non deletur
Gradus adfinitatis nulli sunt
Inter consanguineos viri et uxoris nulla adfinitas contrahitur
Tot sunt gradus in cognatione, quot sunt generationes

Spiegazione dell'art. 78 Codice Civile

L'affinità nasce con il matrimonio dei coniugi, e riflette nella linea e nel grado il rapporto di parentela: così, come tra padre e figlio esiste un rapporto di parentela di primo grado, tra padre e moglie del figlio esiste rapporto di affinità di primo grado (in linea retta).

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

84 Era stato formulato il voto che nell'art. 77, il quale stabilisce il limite della parentela fino al sesto grado, anziché dire "salvo che per alcuni effetti specialmente determinati", si usasse l'espressione "salvo che per alcuni effetti non sia determinato un limite diverso", ritenendosi che la formula del progetto fosse equivoca, giacché sembra che la disposizione limitativa della parentela al sesto grado cada tosto che si stabiliscano certi determinati effetti. Tale preoccupazione non è sembrata fondata. E' evidente, infatti, che la limitazione della parentela al sesto grado vien meno solo in relazione agli effetti che siano specialmente determinati dalla legge. D'altra parte la formula proposta avrebbe potuto far dubitare, parlando di "limite diverso", che ci si riferisse a un limite minore, il che è da escludere. Pertanto è rimasto immutato il testo del progetto definitivo. E' stato accolto, invece, l'emendamento formale proposto per il terzo comma dell'art. 78 del c.c. per determinare con maggiore chiarezza che sono salvi gli effetti previsti dalla norma ivi richiamata (art. 87 del c.c., n. 4).

Notizie giuridiche correlate all'articolo

Tesi di laurea correlate all'articolo

Modelli di documenti correlati all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 78 Codice Civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Ferrante R. chiede
mercoledì 12/08/2020 - Campania
“La figlia della sorella della moglie (cognata) si può definire nipote, affine o senza nessun rappoorto neppure di affinità
Consulenza legale i 19/08/2020
La figlia della sorella della moglie si qualifica giuridicamente come “affine in linea collaterale di terzo grado del marito” e “nipote”, ossia “parente in linea collaterale di terzo grado” della moglie.

Ciò lo si ricava leggendo l’art. 78 c.c., il quale dà proprio la nozione di affinità, definendo tale il vincolo che lega un coniuge con i parenti dell’altro coniuge.

In particolare, il secondo comma di tale norma precisa che “Nella linea e nel grado in cui taluno è parente di uno dei coniugi, egli è affine dell’altro coniuge”.

Pertanto la prima operazione da compiere è quella di stabilire quale rapporto di parentela sussiste tra la propria moglie e la figlia della sorella.
Trattasi di un rapporto di parentela di terzo grado in linea collaterale, in quanto dalla figlia si sale alla madre (un grado), poi alla nonna materna (secondo grado) per poi ridiscendere alla sorella della madre (terzo grado).
Parenti in linea collaterale di terzo grado sono proprio quelli che, in linguaggio non giuridico, si definiscono “nipoti”.

A questo punto, applicando il secondo comma dell’art. 78 c.c., si avrà che la nipote della moglie sarà anche affine in linea collaterale di terzo grado del di lei marito.


Marco L. chiede
martedì 16/10/2018 - Emilia-Romagna
“Salve ho bisogno di un chiarimento sull'argomento eredità.
Spiego la mia situazione, ho i genitori naturali divorziati. Mio padre si è rifatto una vita costruendosi una casa e si è sposato in seguito con una persona A., la quale ha avuto in precedenza da l'ex marito due figli.
Ora questa persona A. è deceduta, qualora mio padre dovesse non esserci più che cosa succederebbe all'eredità sua e alla casa in sostanza? Dovrei dividere l'eredità con i figli di A.?”
Consulenza legale i 22/10/2018
Prima di rispondere è forse opportuno chiarire la distinzione tra parentela ed affinità.

La parentela è il vincolo tra persone che discendono da uno stesso “stipite” (soggetto, in parole semplici, che si ha in comune risalendo all’indietro nell’albero genealogico).
Per costituire un rapporto di parentela è sufficiente e necessaria la consanguineità, ovvero rileva la sola discendenza biologica (non ha più importanza, infatti, che la filiazione sia avvenuta all’interno del matrimonio o meno).
Unica eccezione alla regola è l’adozione di persone minori di età: in tale ultimo caso, anche se manca il vincolo di sangue, la parentela si consegue ugualmente; se l’adozione, invece, riguarda persone maggiorenni la parentela è esclusa.

L’affinità è invece il vincolo che unisce un coniuge ed i parenti dell’altro coniuge (ad esempio la sorella della moglie, ovvero la cognata, sarà affine del marito).

Chiarita la distinzione tra parentela ed affinità, torniamo al caso di specie, nel quale chi pone il quesito è parente (precisamente il figlio) del padre divorziato ma non della defunta moglie di quest’ultimo.
I figli della deceduta, rispetto al marito attualmente in vita (padre di chi pone il quesito), non sono parenti ma solo affini: la conseguenza è che essi non parteciperanno in alcun modo della sua eredità.
L’unico parente del marito vedovo è il figlio, che ha posto il quesito, al quale solo andranno l’eredità paterna e quindi la casa, che non dovrà dividere in alcun modo con i figli della defunta donna.

Ciò, beninteso, se la casa era intestata solo al padre: se, al contrario, la casa dovesse essere stata intestata anche alla defunta moglie, è evidente che gli eredi di quest’ultima (i suoi figli) beneficeranno – per effetto della successione materna - della quota di proprietà dell’immobile che faceva capo alla loro madre e quindi, quando anche il marito morirà, il suo figlio naturale non potrà che ereditare l'immobile solo nella quota di cui il padre era titolare in vita (il resto essendo già stato ereditato dai figli della defunta).


Daniele chiede
mercoledì 21/11/2012 - Lombardia
“Salve, mi permetto di domandare:
il nipote del coniuge, quindi il figlio del fratello, è affine di terzo grado?
Si utilizzano i gradi anche per gli affini?

Grazie per la cortese attenzione.”
Consulenza legale i 28/11/2012

Sì, il grado è il terzo ai sensi dell'art. 76 del c.c. che disciplina il computo dei gradi. L'affinità viene definita quale vincolo tra un coniuge ed i parenti dell'altro coniuge e viene intesa quale riflesso della parentela poiché nella linea e nel grado in cui taluno è parente d'uno dei coniugi, egli è affine dell'altro coniuge (art. 78 del c.c.).

Pertanto, nell'affinità i gradi verranno computati allo stesso modo di quanto è prescritto per la parentela.


Vittorio P. chiede
mercoledì 26/01/2011
“Il vincolo di affinità si considera "sospeso" con la separazione legale, o si estingue solo con il divorzio?
Grazie per l'attenzione e la cortese risposta.”
Consulenza legale i 28/01/2011

Il vincolo di affinità tra un coniuge e i parenti dell'altro coniuge non cade con la pronuncia di scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio (divorzio), bensì solo quando venga dichiarata la nullità del matrimonio, e quindi la sua invalidità originaria (art. 78 del c.c.).

A maggior ragione, nessuna caducazione o "sospensione" consegue alla separazione tra i coniugi.

L'effetto più rilevante è la permanenza dell'obbligo alimentare tra affini, che resta disciplinato dall'art. 434 del c.c..


Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

Idee regalo per avvocati e cultori del diritto