Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 609 ter Codice penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Circostanze aggravanti

Dispositivo dell'art. 609 ter Codice penale

(1)La pena stabilita dall'articolo 609 bis è aumentata di un terzo se i fatti ivi previsti sono commessi:

  1. 1) nei confronti di persona della quale il colpevole sia l'ascendente, il genitore, anche adottivo, o il tutore(2);
  2. 2) con l'uso di armi o di sostanze alcoliche, narcotiche o stupefacenti o di altri strumenti o sostanze gravemente lesivi della salute della persona offesa;
  3. 3) da persona travisata o che simuli la qualità di pubblico ufficiale o di incaricato di pubblico servizio;
  4. 4) su persona comunque sottoposta a limitazioni della libertà personale;
  5. 5) nei confronti di persona che non ha compiuto gli anni diciotto;
  6. 5-bis) all’interno o nelle immediate vicinanze di istituto d’istruzione o di formazione frequentato dalla persona offesa(3);
  7. 5-ter) nei confronti di donna in stato di gravidanza(4);
  8. 5-quater) nei confronti di persona della quale il colpevole sia il coniuge, anche separato o divorziato, ovvero colui che alla stessa persona è o è stato legato da relazione affettiva, anche senza convivenza(4);
  9. 5-quinquies) se il reato è commesso da persona che fa parte di un'associazione per delinquere e al fine di agevolarne l'attività(5);
  10. 5-sexies) se il reato è commesso con violenze gravi o se dal fatto deriva al minore, a causa della reiterazione delle condotte, un pregiudizio grave.

La pena stabilita dall'articolo 609 bis è aumentata della metà se i fatti ivi previsti sono commessi nei confronti di persona che non ha compiuto gli anni quattordici. La pena è raddoppiata se i fatti di cui all'articolo 609 bis sono commessi nei confronti di persona che non ha compiuto gli anni dieci(6).

Note

(1) Il presente articolo è stato aggiunto dalla l. 15 febbraio 1996, n. 66.
(2) Tale numero è stato modificato dall'art. 13 comma 2 lett. a) della L. 19 luglio 2019 n. 69.
(3) Tale numero è stato inserito dall'art. 3, comma 23, della l. 15 luglio 2009, n. 94.
(4) Tale numero è stato inserito dall’art. 1, comma 2, del d.l. 14 agosto 2013, n. 93, convertito, con modificazioni, dalla l. 15 ottobre 2013, n. 119.
(5) Tale numero è stato inserito dall’art. 1, comma 2, del d.l.gs. 4 marzo 2014, n. 39.
(6) Tale comma è stato modificato dall'art. 13 comma 2 lett. b) della L. 19 luglio 2019 n. 69.

Ratio Legis

Nel momento in cui è stata riformulata la materia penale sessuale, il legislatore ha voluto inasprire il trattamento sanzionatorio previsto per le condotte particolarmente lesive della libertà sessuale della persona.

Spiegazione dell'art. 609 ter Codice penale

La norma in esame codifica una serie di circostanze aggravanti specifiche del delitto di violenza sessuale di cui all'articolo 609 bis, accomunate dal fatto di aumentare il disvalore sociale della condotta lesiva della libertà sessuale della vittima. Mentre alcune aggravanti si caratterizzano per la particolare modalità della condotta, particolarmente grave o insidiosa, altre concentrano la maggiore gravità del fatto sulle caratteristiche della persona offesa.

Massime relative all'art. 609 ter Codice penale

Cass. pen. n. 46592/2017

In tema di violenza sessuale su minori, la valutazione sull'attendibilità delle dichiarazioni rese dalla vittima deve tenere conto non solo della loro intrinseca coerenza, ma anche di tutte le altre circostanze concretamene idonee ad influire su tale giudizio, ivi inclusa la verifica sull'incidenza di plurime audizioni della persona offesa in punto di usura della fonte dichiarativa.

Cass. pen. n. 46453/2017

In tema di reati sessuali, il principio del "favor rei", per cui, nel dubbio sulla data di commissione del reato, è esclusa l'applicabilità dell'aggravante della minore età di anni dieci prevista dall'articolo 609-ter, comma secondo cod. pen., opera solo in caso d' incertezza assoluta sulla data della commissione del reato, non eliminabile attraverso deduzioni logiche.

Cass. pen. n. 46766/2011

Le circostanze aggravanti previste, rispettivamente, dall'art. 609 ter, comma primo, n. 1, c.p. (violenza sessuale commessa ai danni di minore infraquattordicenne) e dall'art. 609 ter, comma primo, n. 5, c.p. (violenza sessuale commessa dal reo legato da rapporto di parentela con la vittima infrasedicenne), sono equipollenti per quanto riguarda la misura dell'aumento di pena.

Cass. pen. n. 29603/2011

Il delitto di violenza sessuale, aggravato dalla circostanza speciale dell'uso di sostanze alcoliche, narcotiche o stupefacenti gravemente lesive della salute della persona offesa assorbe quello di procurata incapacità mediante somministrazione di sostanze stupefacenti. (Fattispecie nella quale erano stati contestati entrambi i reati ad un soggetto che aveva costretto alcune donne al compimento di atti sessuali, ponendole in condizioni di incapacità mediante somministrazione di un caffè mescolato con narcotici).

Cass. pen. n. 11243/2010

Il genitore esercente la potestà sul figlio minore vittima di abusi sessuali commessi dal coniuge risponde del reato se, venuto a conoscenza di detti abusi, ove omette un intervento diretto a impedire l'evento. (Nella specie, relativa ad abusi sessuali commessi dal padre ai danni della figlia minore e personalmente constatati dalla madre, la Corte ha affermato che l'obbligo di intervento imponeva a quest'ultima di denunciare il marito).

Cass. pen. n. 49586/2009

La circostanza aggravante della violenza sessuale "su persona comunque sottoposta a limitazioni della libertà personale" include anche le ipotesi nelle quali lo stato del soggetto passivo non discenda da un potere pubblicistico ed abbia natura illecita comprensiva del sequestro di persona.

Cass. pen. n. 37068/2009

È configurabile l'aggravante prevista dall'art. 61, n. 9 c.p. (nella specie, abuso dei poteri o violazione dei doveri inerenti alla qualità di ministro del culto) anche se il reato non sia stato commesso nella sfera tipica e ristretta delle funzioni e dei servizi propri del ministero sacerdotale, in quanto è sufficiente, da un lato, che a facilitarlo siano serviti l'autorità ed il prestigio connessi alla qualità di sacerdote e, dall'altro, che vi sia stata violazione dei doveri anche generici nascenti da tale qualità. (Fattispecie in tema di violenza sessuale commessa da sacerdote).

Cass. pen. n. 2119/2009

Con riferimento al reato di violenza sessuale nei confronti di minore infraquattordicenne, la posizione di convivenza dell'imputato con la madre del minore stesso può rappresentare presupposto dell'"abuso di autorità".

Cass. pen. n. 19725/2008

In tema di violenza sessuale in danno di minori, la circostanza aggravante della minorata difesa è compatibile con quella della minore età a condizione che il reo non si limiti solo ad approfittare della minore età della vittima, in quanto mentre l'aggravante speciale prescinde dalle modalità dell'azione, quella comune riguarda proprio tali modalità. (Fattispecie nella quale è stata ritenuta la compatibilità delle due aggravanti, avendo il reo approfittato della gracilità fisica delle vittime, circostanza fattuale apprezzata ai fini dell'aggravante di cui all'art. 61, n. 5, c.p. ).

Cass. pen. n. 18360/2008

In tema di violenza sessuale, è configurabile l'aggravante speciale di cui all'art. 609 ter, comma primo, n. 2, c.p. (aver commesso il fatto con l'uso di sostanze narcotiche ) quando lo stato di incoscienza della vittima sia stato provocato mediante la somministrazione di farmaci anestetici allo scopo di consentire all'agente di porre in essere la condotta vietata. (Fattispecie di violenza sessuale posta in essere da medico anestesista e consistita nel denudare, toccare e fotografare gli organi sessuali di alcune pazienti mentre si trovavano in stato di incoscienza )

Cass. pen. n. 4730/2008

Il genitore esercente la potestà sui figli minori, in quanto investito di una posizione di garanzia in ordine al corretto comportamento sessuale dei figli minori, ha l'obbligo di impedire che costoro compiano atti di violenza sessuale, per cui risponde penalmente, ai sensi dell'art. 40, comma secondo, c.p., di tali atti, quando sussistano le condizioni costituite: a) dalla conoscenza o conoscibilità dell'evento; b) dalla conoscenza o riconoscibilità dell'azione doverosa incombente sul «garante»; c) dalla possibilità oggettiva di impedire l'evento. (Nella specie, in applicazione di tali principi, la Corte ha ritenuto legittima l'affermazione di responsabilità dell'imputato il quale, oltre ad avere egli stesso compiuto atti di violenza sessuale sui figli minori, aveva anche consentito che alcuni di costoro commettessero analoghi atti su altri fratelli e su estranei).

Cass. pen. n. 45645/2003

Il delitto di violenza sessuale aggravata dalla circostanza che la persona era «comunque sottoposta a limitazioni della libertà personale» non assorbe quello di sequestro di persona, perchè non rappresenta un reato complesso, per la sussistenza del quale è necessario che l'astratta formulazione della fattispecie incriminatrice faccia riferimento - o come elemento costitutivo o come circostanza aggravante - ad un fatto che costituisca di per sè reato. La descrizione legislativa dell'aggravante di cui al n. 4 dell'art. 609 ter c.p. non presenta, invece, tale caratteristica: essa include non solo la condizione di vittima di un sequestro di persona, ma una pluralità di situazioni, anche prive di rilevanza penale (ad esempio, lo stato di detenzione, o quello di ricovero presso una struttura ospedaliera con restrizioni, ovvero l'accidentale restrizione della libertà di locomozione all'interno di un edificio).

Cass. pen. n. 34793/2001

In caso di procedimento per il reato di violenza sessuale in danno di un figlio minore degli anni dieci, risulta legittimo il provvedimento di sospensione dall'esercizio della potestà genitoriale, venendo tale misura ad incidere sull'esercizio di quegli stessi poteri in relazione ai quali l'abuso appare perpetrato, ed avvalendosi dei quali non solo potrebbe verificarsi una reiterazione di analoghe condotte, ma altresì porsi in essere comportamenti idonei ad influire sulla genuina acquisizione della prova nel successivo iter processuale.

Cass. pen. n. 5081/1999

La circostanza aggravante prevista dall'art. 609 ter, comma primo n. 1 c.p., prevedendo l'aumento di un quinto della pena prevista dall'art. 609 bis stesso codice, non può essere considerata come circostanza ad effetto speciale e, conseguentemente, di essa non può tenersi conto ai fini della determinazione della competenza. (Fattispecie relativa a concorso di sequestro di persona di cui all'art. 605 c.p. e tentativo di violenza sessuale aggravata previsto dagli artt. 56, 609 bis e 609 ter c.p., in ordine alla quale è stato ritenuto più grave, ai fini della competenza per territorio, il sequestro). Non risultano precedenti.

Cass. pen. n. 8855/1996

In tema di violenza sessuale, la diminuente secondo cui «nei casi di minore gravità la pena è diminuita in misura non eccedente i due terzi», benché collocata nell'art. 609 bis c.p. (introdotto dall'art. 3 legge 15 febbraio 1996, n. 66: norme contro la violenza sessuale), per la sua intrinseca valenza e per essere riferita alla fattispecie-base del nuovo reato (di «violenza sessuale») è astrattamente riferibile (e quindi applicabile) anche alle ipotesi circostanziate dell'art. 609 ter e concorre ai fini della determinazione in concreto della pena, con l'attenuante generica di cui all'art. 62 bis c.p. (Nella specie la S.C., nell'annullare, ex art. 2 c.p. con riferimento alla sopravvenuta legge n. 66 del 1996, sentenza di condanna per il reato aggravato di atti di libidine violenti commessi in danno di bambina di tre anni e mezzo, ha demandato al giudice del rinvio di valutare, in concreto, quale sia, nella presente vicenda, la legge più favorevole, considerando, soprattutto, che la nuova legge, per il suo peculiare contenuto, non opera automaticamente in maniera più favorevole nei confronti della normativa pregressa — vigente al tempo del commesso reato — ma fa dipendere tale risultato eventuale da un giudizio affidato ai poteri discrezionali del giudice ed alla verifica di determinati presupposti).

Notizie giuridiche correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo

  • I confini della repressione penale della pornografia minorile. La tutela dell'immagine sessuale del minore fra esigenze di protezione e istanze di autonomia

    Editore: Giappichelli
    Collana: Itinerari di diritto penale. Monografie
    Pagine: 688
    Data di pubblicazione: aprile 2019
    Prezzo: 83,00 -5% 78,85 €
    "Lo studio concerne la disciplina di due diversi fenomeni che, per la comunanza di alcuni elementi, tendono ad intrecciarsi e sovrapporsi. Ci riferiamo alle varie condotte connesse al mercato pedopornografico e al recente fenomeno di auto-produzione di immagini pornografiche ad opera dello stesso minore rappresentato, o di produzione con il suo consenso, e alla diffusione delle medesime". (continua)
  • La violenza sulle donne nel quadro della violazione dei diritti umani e della protezione del testimone vulnerabile

    Editore: Aracne
    Collana: Diritto. Prospettive
    Pagine: 644
    Data di pubblicazione: novembre 2014
    Prezzo: 32 €

    Il volume affronta l'inquadramento della violenza sulle donne nell'ambito della violazione dei diritti umani, approfondisce gli aspetti della violenza psichica e del fenomeno del femminicidio in generale, con il richiamo alla più recente giurisprudenza della Suprema Corte. L'opera offre una approfondita disamina della Convenzione di Istanbul, della Direttiva Europea n. 29/2012 e soprattutto del decreto legge n. 93/13 convertito nella legge n. 119/13, in tema di violenza di genere.... (continua)

  • Diffamazione e legittimazione dell'intervento penale

    Autore: Gullo Antonio
    Editore: Aracne
    Collana: «I libri» di archivio penale
    Pagine: 232
    Data di pubblicazione: novembre 2013
    Prezzo: 14 €
    Categorie: Diffamazione
  • L'assassinio di Meredith Kercher. Anatomia del processo di Perugia

    Editore: Aracne
    Pagine: 448
    Data di pubblicazione: dicembre 2012
    Prezzo: 25 €
    Categorie: Omicidio

    In una serie di agili volumi dedicati all'avventuroso mondo della cronaca giudiziaria viene presentata una Collana di antologie sugli episodi più enigmatici e più emozionanti dei grandi processi di ieri e di oggi. Di ogni processo abbiamo scelto una ricostruzione di cronaca, facendo precedere l'analisi dei risultati conseguiti da polizia giudiziaria e magistratura da opportuni scritti di cronaca e di informazione arricchiti da notizie e note esplicative e di ricostruzione... (continua)

  • Il corpo delle donne con disabilità. Analisi giuridica intersezionale su violenza, sessualità e diritti riproduttivi

    Editore: Aracne
    Pagine: 476
    Data di pubblicazione: settembre 2018
    Prezzo: 24 €
    Le donne con disabilità sono spesso vittime di discriminazioni multiple, a causa dell'intersezione tra fattore "disabilità" e fattore "genere". Seguendo una prospettiva di tipo intersezionale, il volume parte dall'analisi dei diritti umani delle persone con disabilità, per poi intrecciarsi con le tematiche di genere e i Feminist Disability Studies. L'opera pone in luce i profili di maggiore rilievo costituzionale nella garanzia dei diritti fondamentali delle donne con... (continua)
  • La minaccia. Contributo alla studio delle modalità della condotta penalmente rilevante

    Editore: Aracne
    Collana: «I libri» di archivio penale
    Pagine: 320
    Data di pubblicazione: novembre 2013
    Prezzo: 18 €
    Categorie: Minaccia

    Il concetto di minaccia attraversa l'intera parte speciale del diritto penale. Assieme alla violenza, all'inganno e all'abuso, la minaccia costituisce infatti una delle più classiche modalità della condotta, ricorrente in svariate e centrali figure delittuose (ad es., violenza privata, rapina, estorsione, violenza sessuale, resistenza a pubblico ufficiale). Per quanto il tema indagato sia classico, la prassi mostra non di rado incertezze interpretative sulla nozione... (continua)

  • Aspetti metodologici, giuridici e tecnici nel trattamento di reperti informatici nei casi di pedopornografia

    Editore: Aracne
    Collana: Informatica giuridica
    Pagine: 172
    Data di pubblicazione: ottobre 2018
    Prezzo: 13 €
    L'opera è rivolta a giuristi e informatici che operano nell'ambito della ricerca e in indagini e processi relative al reato di detenzione e divulgazione di materiale pedopornografico, laddove si rende necessario esaminare i sistemi informatici coinvolti al fine di determinare l'effettivo grado di consapevolezza della condotta: si affronta l'esame dei file di log di eMule, uno dei principali strumenti per lo scambio di materiale pedopornografico sulle reti peer-to-peer e si propone un... (continua)
  • Diritto penale. Parte speciale
    Delitti contro la persona

    Editore: CEDAM
    Data di pubblicazione: novembre 2019
    Prezzo: 52,00 -5% 49,40 €
  • Il delitto di rissa (art. 588 c.p.). Teoria e prassi

    Autore: Basile Fabio
    Editore: Aracne
    Pagine: 164
    Data di pubblicazione: marzo 2014
    Prezzo: 12 €
    Categorie: Rissa

    Quante persone ci vogliono per dar luogo ad una rissa: due, tre o addirittura quattro? Per la sussistenza del reato è necessario che sia messo in pericolo anche l'ordine pubblico? E, ancor prima, in che cosa consiste la "rissa" incriminata dall'art. 588 c.p. (posto che tale articolo non ci fornisce alcuna definizione della condotta punita)? Ci si può difendere da un'accusa di rissa invocando la legittima difesa? E se nella rissa taluno rimane ucciso o ferito, a quali... (continua)