Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 158 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n.1443)

Nullità derivante dalla costituzione del giudice

Dispositivo dell'art. 158 Codice di procedura civile

La nullità derivante da vizi relativi alla costituzione del giudice (1) o all'intervento del pubblico ministero (2) è insanabile e deve essere rilevata d'ufficio, salva la disposizione dell'articolo 161 (3).

Note

(1) I vizi relativi alla costituzione del giudice si riferiscono ai limiti del potere di giudicare del giudice, ovvero se e come il giudice possa giudicare su una determinata questione. La dottrina rilevante ritiene che la nozione di costituzione del giudice possa essere ricavata dalla disciplina prevista dall'art. 178 c.p.p., che indica le ipotesi di nullità per vizi di costituzione del giudice penale. Tipici esempi sono rappresentati dalla violazione delle norme sulla nomina e sulle altre condizioni di capacità del giudice stabilite dall'ordinamento giudiziario (si pensi al caso della nullità degli atti compiuti dal giudice temporaneamente privo di funzioni giurisdizionali o trasferito presso altro ufficio). Anche il mancato rispetto delle disposizioni sul numero dei giudici necessario per costituire i collegi e delle regole del codice di rito sulla legittimazione del giudice sono esempi di vizi di costituzione dell'organo giudicante. Infine, un ulteriore esempio è rappresentato dall'ipotesi di nullità della sentenza pronunciata da un giudice diverso da quello di fronte al quale le parti hanno precisato le loro conclusioni.
(2) La norma si riferisce in tal caso alla violazione dell'obbligo di intervento del P.M. nelle cause in cui è espressamente previsto come obbligatorio (si cfr. art. 70 del c.p.c.).
(3) Per nullità insanabili a cui la norma si riferisce si deve intendere l'insieme delle nullità assolute che la legge qualifica espressamente insanabili. Tuttavia, l'insanabilità qui dedotta deve essere intesa nel senso che si tratta di una insanabilità solo entro il grado di giudizio nel quale le nullità si sono verificate. Infatti, in seguito alla pronuncia della sentenza le nullità devono essere fatte valere con i mezzi di impugnazione, altrimenti vengono sanate dal passaggio in giudicato della sentenza (art.161).

Ratio Legis

La norma in commento prevede un'ipotesi di nullità assoluta riguardante la posizione del giudice nell'ambito del processo civile o l'intervento, nel processo del pubblico ministero.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

0 

Massime relative all'art. 158 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 19741/2014

L'asserito difetto di "potestas iudicandi" dell'organo giurisdizionale, perché ritenuto istituito con norma tacciata di illegittimità costituzionale, non integra una questione di giurisdizione bensì, nel caso in cui trovi accoglimento la relativa eccezione di illegittimità costituzionale, un vizio di costituzione del giudice, rilevabile ai sensi degli artt. 158 cod. proc. civ. e 161 cod. proc. civ.
(Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 19741 del 19 settembre 2014)

Cass. civ. n. 3420/2014

Le dimissioni del giudice di pace sono efficaci, con conseguente cessazione dalle funzioni, solo dal momento in cui sia intervenuta l'accettazione delle stesse da parte della P.A., da adottarsi, previa deliberazione del Consiglio Superiore della magistratura, con decreto del Presidente della Repubblica. Ne consegue che è esistente ed efficace la sentenza pronunciata dal giudice di pace dopo la presentazione delle dimissioni ma prima dell'adozione dei suddetti provvedimenti.
(Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 3420 del 14 febbraio 2014)

Cass. civ. n. 26938/2013

La sentenza pronunciata da un giudice monocratico diverso da quello dinanzi al quale sono state precisate le conclusioni è affetta da nullità per vizio di costituzione del giudice, ai sensi dell'art. 158 cod. proc. civ., con la conseguenza che, da un lato, il vizio può essere fatto valere nei limiti e secondo le regole proprie dei mezzi di impugnazione ai sensi dell'art. 161, primo comma, cod. proc. civ. - sicché resta sanato in difetto di impugnazione - mentre, dall'altro, l'emersione del vizio in sede di appello non consente la rimessione della causa al primo giudice, ai sensi dell'art. 354 cod. proc. civ.
(Cassazione civile, Sez. Unite, sentenza n. 26938 del 2 dicembre 2013)

Cass. civ. n. 17834/2013

La nullità derivante da vizio di costituzione del giudice (nella specie, per avere il giudice istruttore del procedimento di insinuazione tardiva al passivo assunto il provvedimento di sospensione del giudizio, in luogo del collegio), ancorché assoluta e rilevabile d'ufficio, non si sottrae, ai sensi dell'art. 158 c.p.c. (che fa espressamente salva la disposizione del successivo art. 161), al principio di conversione delle cause di nullità in motivi d'impugnazione, con la conseguenza che la mancata, tempestiva denuncia del vizio "de quo" comporta la necessità di farlo valere attraverso lo strumento (e secondo le regole, i limiti e le preclusioni) dell'impugnazione, così che la mancata denuncia di detta nullità in sede di gravame comporta l'impossibilità di rilevarla ed, in definitiva, la sua sanatoria.
(Cassazione civile, Sez. VI, sentenza n. 17834 del 22 luglio 2013)

Cass. civ. n. 4410/2011

Il giudice di pace, che eserciti le funzioni giurisdizionali dopo la scadenza del mandato e nelle more della riconferma, prima della immissione in possesso per l'espletamento del successivo incarico, pone in essere un'attività giurisdizionale in carenza di "potestas judicandi" che produce la nullità assoluta del procedimento e si estende alla sentenza conseguente, ai sensi dell'art. 159, primo comma, cod. proc. civ., anche se emessa dopo la nuova immissione in possesso, giacché la conferma nell'incarico costituisce l'atto finale di un nuovo procedimento paraconcorsuale, privo di collegamento con l'originario provvedimento di nomina.
(Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 4410 del 23 febbraio 2011)

Cass. civ. n. 5414/2004

La partecipazione alla decisione di un magistrato privo della potestas iudicandi, per ragioni inerenti alla sua qualità o nomina, determina vizio di costituzione del giudice, ai sensi dell'art. 158 c.p.c., e quindi nullità deducibile a norma dell'art. 161 del codice medesimo, non difetto di giurisdizione, ravvisabile nella distinta ipotesi di radicale diversità di struttura e conseguenziale non identificabilità del collegio giudicante con quello delineato dalla legge (nella fattispecie, la Suprema Corte, in applicazione dell'enunciato principio, ha ritenuto che configurasse denuncia di vizio di costituzione del giudice, e non di difetto di giurisdizione, il motivo di ricorso avverso la decisione della Giunta speciale per le espropriazioni presso la Corte di appello di Napoli, fondato sulla circostanza che la pronuncia era stata emessa nella composizione prevista dall'art. 17 del D.L.vo n. 219 del 1919, dichiarato illegittimo dalla Corte costituzionale con sentenza n. 393 del 2002).
(Cassazione civile, Sez. Unite, sentenza n. 5414 del 17 marzo 2004)

Cass. civ. n. 14669/2003

La nullità derivante da vizio di costituzione del giudice, ancorché assoluta e rilevabile d'ufficio, non si sottrae, ai sensi dell'art. 158 c.p.c. (che fa espressamente salva la disposizione del successivo art. 161), al principio di conversione delle cause di nullità in motivi d'impugnazione, con la conseguenza che la mancata, tempestiva denuncia del vizio de qua comporta la necessità di farlo valere attraverso lo strumento (e secondo le regole, i limiti e le preclusioni) dell'impugnazione. così che la mancata denuncia di detta nullità in sede di gravame comporta l'impossibilità di rilevarla e, in definitiva, la sua sanatoria. (Ricorso per cassazione relativo a sentenza emessa dalla Giunta speciale per le espropriazioni presso la Corte d'Appello di Napoli pronunciata nella composizione prevista dall'art. 17 D.L.vo 27 febbraio 1919, n. 219, dichiarato illegittimo dalla Corte costituzionale con la sentenza n. 393 del 2002).
(Cassazione civile, Sez. Unite, sentenza n. 14669 del 2 ottobre 2003)

Cass. civ. n. 12207/2003

Se una sentenza viene emessa dal tribunale in composizione non corretta (nel caso di specie, giudice onorario aggregato anziché magistrato togato), non sussiste un vizio attinente alla costituzione del giudice, in quanto non può ritenersi che gli atti del processo siano stati posti in essere da persona estranea all'ufficio del giudice, non investita della funzione esercitata da dette ufficio.
(Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 12207 del 20 agosto 2003)

Cass. civ. n. 10163/2003

La sentenza della Corte costituzionale, dichiarativa della incostituzionalità (in sé o in relazione a talune sue componenti) di un organo giurisdizionale, non comporta l'inefficacia della fase processuale svoltasi innanzi a tale organo (e del provvedimento che l'abbia conclusa), ove intervenga dopo l'esaurimento di essa, salvo che la relativa questione sia stata sollevata prima della conclusione di detta fase ovvero sia stata dedotta come motivo di impugnazione della sentenza, per il profilo del difetto di costituzione del giudice, ai sensi dell'art. 161, primo comma, c.p.c., in relazione all'art. 158 stesso codice. (Enunciando il principio di cui in massima — in relazione alla sentenza n. 393 del 2002 della Corte costituzionale, con cui è stata dichiarata l'illegittimità costituzionale dell'art. 17 del D.L.vo 27 febbraio 1919, n. 219, convertito nella legge 24 agosto 1921, n. 1290, come modificato dall'art. 1 della legge 6 giugno 1935, n. 1131, nella parte in cui prevedeva che facesse parte della Giunta speciale per le espropriazioni presso la Corte d'appello di Napoli l'ingegnere capo dell'Ufficio tecnico erariale di Napoli o un suo delegato, le Sezioni Unite hanno escluso l'influenza di tale declaratoria di illegittimità costituzionale nel processo in corso dinanzi al S.C., non essendo stata la relativa questione prospettata né nella pregressa fase di merito, né in via impugnatoria).
(Cassazione civile, Sez. Unite, sentenza n. 10163 del 26 giugno 2003)

Cass. civ. n. 3074/2003

La nullità derivante da vizio di costituzione del tribunale regionale delle acque pubbliche - conseguente alla declaratoria di illegittimità costituzionale (con la sentenza n. 353 del 2002) dell'art. 138 del R.D.11 dicembre 1933, n. 1775 (Testo unico delle disposizioni di legge sulle acque e gli impianti elettrici) nella pate in cui prevedeva l'aggregazione al detto tribunale di tre funzionari dell'ex genio civile, uno dei quali interveniente nel collegio giudicante -, ancorché assoluta e rilevabile d'ufficio, non si sottrae, ai sensi dell'art. 158 c.p.c. (che fa espressamente salva la disposizione del successivo art. 161), al principio di conversione delle cause di nullità in motivi d'impugnazione, con la conseguenza che, in caso di mancata, tempestiva denuncia del vizio de quo attraverso lo strumento dell'impugnazione, il rilievo della detta nullità resta precluso per tutto l'ulteriore corso del processo.
(Cassazione civile, Sez. Unite, sentenza n. 3074 del 3 marzo 2003)

Cass. civ. n. 10219/2002

La garanzia posta dall'art. 25 Cost., secondo cui nessuno può essere distolto dal giudice naturale precostituito per legge, va riferita alla competenza dell'organo giudiziario nel suo complesso, impersonalmente considerato e non incide sulla concreta composizione dell'organo giudicante, la quale può dare luogo invece a nullità derivante da vizi relativi alla costituzione del giudice, ai sensi dell'art. 158 c.p.c.
(Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 10219 del 15 luglio 2002)

Cass. civ. n. 14006/2001

Il difetto di costituzione del giudice ai sensi dell'art. 158 del codice di rito è ravvisabile unicamente quando gli atti giudiziari siano posti in essere da persone estranee all'ufficio e non investite della funzione esercitata, mentre non è riscontrabile quando si verifichi una sostituzione tra giudici di pari funzione e pari competenza appartenenti al medesimo ufficio giudiziario anche se non siano state osservate al riguardo le disposizioni previste dal c.p.c. ovvero dalle norme sull'ordinamento giudiziario, costituendo l'inosservanza del disposto degli artt. 174 dello stesso codice e 79 delle relative disposizioni di attuazione, in difetto di una espressa sanzione di nullità, una mera irregolarità di carattere interno, che non incide sulla validità dell'atto e non è causa di nullità del giudizio o della sentenza.
(Cassazione civile, Sez. Lavoro, sentenza n. 14006 del 12 novembre 2001)

Cass. civ. n. 6964/2001

Non costituisce motivo di nullità del procedimento e della sentenza la trattazione della causa da parte di un giudice diverso da quello individuato secondo le tabelle, determinata da esigenze di organizzazione interna al medesimo ufficio giudiziario, pur in mancanza di un formale provvedimento di sostituzione da parte del Presidente del Tribunale, perché, ai sensi del primo comma dell'art. 156 c.p.c. la nullità di un atto per inosservanza di forme non può esser pronunciata se non è comminata dalla legge e pertanto è configurabile una mera irregolarità, inidonea a produrre alcuna conseguenza negativa sugli atti processuali o sulla sentenza.
(Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 6964 del 22 maggio 2001)

Cass. civ. n. 8737/2000

Il vizio di costituzione del giudice ex art. 158 c.p.c. è ravvisabile quando gli atti giudiziali siano posti in essere da persona estranea all'ufficio del giudice, non investita della funzione da detto ufficio esercitata. Ne consegue che il vizio anzidetto non ricorre quando, non essendo stato all'inizio del trimestre predisposto ai sensi degli artt. 113 e 114 att. c.p.c. il decreto di composizione dei collegi giudicanti, questi siano volta a volta formati, secondo le concrete esigenze dell'ufficio.
(Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 8737 del 27 giugno 2000)

Cass. civ. n. 4085/2000

In presenza di un atto di nomina a giudice di pace formalmente regolare la pronuncia resa da detto giudice non è impugnabile per vizi attinenti alla nomina medesima fino a quando quest'ultima non sia annullata o revocata.
(Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 4085 del 4 aprile 2000)

Cass. civ. n. 1643/2000

Non danno luogo a nullità della sentenza per vizio di costituzione del giudice le violazioni delle disposizioni relative alla destinazione del giudice alle sezioni e quelle relative alla formazione dei collegi.
(Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 1643 del 14 febbraio 2000)

Cass. civ. n. 1508/1980

Qualora una causa sia stata erroneamente iscritta a ruolo due volte, in relazione alle distinte iniziative dell'attore e del convenuto, con la nomina di due diversi magistrati istruttori appartenenti al medesimo ufficio giudiziario, e davanti ad uno di questi risulti regolarmente trattata, nel rispetto del principio del contraddittorio, la sentenza resa a conclusione del relativo procedimento non può ritenersi affetta da nullità assoluta, né sotto il profilo del vizio di costituzione del giudice, tenuto conto che detti magistrati sono muniti di pari funzioni ed attribuzioni, né sotto il profilo della violazione dell'obbligo di riunione dei procedimenti previsto dall'art. 273 c.p.c., il quale non è sanzionato da alcun effetto invalidante, né in relazione alla sopravvenuta pronuncia di una seconda sentenza sulla stessa causa, per effetto dell'altra iscrizione a ruolo, trattandosi di circostanza che non incide sulla prima sentenza, ma può solo costituire eventuale motivo d'impugnazione della seconda.
(Cassazione civile, Sez. I, sentenza n. 1508 del 6 marzo 1980)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Commentario al codice di procedura civile. Artt. 75-162
    Parti e difensori. Esercizio dell'azione. Poteri del giudice. Atti proc.

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: maggio 2012
    Prezzo: 210,00 -10% 189,00 €

    La trattazione di ogni articolo si apre con una breve descrizione degli istituti coinvolti per poi delineare l'importanza operativa della norma e delle relative fonti, le questioni principali e le sue applicazioni, anche alla luce delle pronunce giurisprudenziali più significative. Questo strumento associa alla versione cartacea una consultazione online arricchita da un archivio di formule. In particolare, il volume è aggiornato alle più recenti novità... (continua)