Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 134 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Forma, contenuto e comunicazione dell'ordinanza

Dispositivo dell'art. 134 Codice di procedura civile

L'ordinanza è succintamente motivata (1). Se è pronunciata in udienza, è inserita nel processo verbale; se è pronunciata fuori dell'udienza, è scritta in calce al processo verbale oppure in foglio separato, munito della data e della sottoscrizione del giudice o, quando questo è collegiale, del presidente.

Il cancelliere comunica alle parti l'ordinanza pronunciata fuori dell'udienza, salvo che la legge ne prescriva la notificazione (2).

[L'avviso di cui al secondo comma può essere effettuato a mezzo telefax o a mezzo di posta elettronica nel rispetto della normativa, anche regolamentare, concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici e teletrasmessi. A tal fine il difensore indica nel primo scritto difensivo utile il numero di fax o l'indirizzo di posta elettronica presso cui dichiara di voler ricevere l'avviso](3).

Note

(1) L'ordinanza si caratterizza per la succinta motivazione a distinguendosi in tal modo dalla sentenza che deve essere costituzionalmente motivata (art.111 Cost.) e dal decreto, che, normalmente non necessita di motivazione pur avendo anch'esso funzione ordinatoria-interna al processo. In ogni caso, la succinta motivazione garantisce un controllo sull'iter logico seguito dal giudice per arrivare alla sua pronuncia e la sua totale mancanza comporta la nullità dell'ordinanza, eccetto il caso delle ordinanze di mero rinvio, in cui non è necessario l'obbligo della motivazione.
(2) La norma specifica che l'ordinanza può essere pronunciata in udienza o fuori udienza e, in questo caso, deve essere redatta in calce al verbale dell'udienza o su un foglio separato, in ogni caso sottoscritto dal giudice. Inoltre, l'ordinanza fuori udienza deve essere comunicata alle parti a cura del cancelliere in modo tale che queste siano rese edotte del contenuto del provvedimento nonchè della nuova udienza in cui il giudizio deve proseguire. La mancanza di tale comunicazione determina la nullità del provvedimento e degli atti successivi, quindi anche della sentenza eventualmente emessa.
Diversamente, l'ordinanza che viene pronunciata in udienza dal giudice ed inserita nel verbale si presume conosciuta sia dalle parti presenti, sia da quelle che avrebbero dovuto partecipare e quindi non va comunicata a queste ultime. Inoltre, ci sono dei casi, tassativamente previsti dalla legge, in cui l'ordinanza deve essere portata a conoscenza, non tramite comunicazione, ma per mezzo di vera e propria notificazione. Ad esempio le ordinanze di condanna a pene pecuniarie (art.179, II comma) oppure all'ordinanza del collegio che ammette il giuramento (art.237, II comma).
(3) Comma inserito dall'art. 2, D.L. 14 marzo 2005, n. 35, come modificato dall'allegato alla L. 14 maggio 2005, n. 80, con decorrenza dal 15 maggio 2005, successivamente abrogato dall'art. 25, comma 1, L. 12 novembre 2011, n. 183 (Legge di stabilità), con decorrenza dal 01 gennaio 2012 ed applicazione dal 31 gennaio 2012.

Ratio Legis

L'articolo in commento disciplina l'ordinanza quale provvedimento del giudice rivolto a regolare lo svolgimento del processo e a risolvere le questioni procedurali che possono insorgere tra le parti. Ad esempio rivestono la forma dell'ordinanza i provvedimenti che anticipano, in corso di causa, gli effetti della pronuncia definitiva di condanna. In particolare, il giudice istruttore, su istanza di parte, dispone con ordinanza: il pagamento di somme non contestate dalle parti costituite [v. 186bis] oppure un ingiunzione di pagamento o di consegna ad una delle parti [v. 186ter] ovvero la condanna, esaurita l'istruzione e nei limiti in cui ritiene raggiunta la prova, al pagamento di somme o alla consegna o rilascio di beni [v. 186quater]. Inoltre, la legge prevede dei casi in cui l'ordinanza può svolgere una funzione decisoria. In particolare, nel procedimento speciale per convalida di sfratto, il giudice può emanare un'ordinanza di convalida [v. 663] oppure un'ordinanza di rilascio dell'immobile [v. 665] che sono provvedimenti di tutela giurisdizionale irrevocabili e con valore di cosa giudicata per la risoluzione del rapporto di locazione e per la condanna a rilascio.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 134 Codice di procedura civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Ilaria S. chiede
venerdì 21/07/2017 - Umbria
“Salve,
Richiedo una consulenza riguardo ad una provvisoria esecuzione di un decreto ingiuntivo:
l'atto è stato emesso il giorno 28.06.17 ma ci è stato notificato, tramite il nostro avvocato, solo ieri, 20.07.17.
Ci è pervenuta una notifica molto scarna, priva di qualsiasi riferimento (numero di protocollo o registro, nome del depositario, nome dell'ingiunto, cifra da corrispondere, motivazione estesa della concessione). Chiedo a tal proposito:
- se tale documento debba ritenersi comunque valido ai fini dell'esigibilità del credito
faccio presente inoltre che il ricorrente NON ha prodotto alcuna prova scritta del proprio credito tale da giustificare la concessione della provvisoria esecuzione (cambiale, assegno o altro titolo) nè atto pubblico ricevuto da notaio, nè tantomeno può provare il pericolo di grave pregiudizio in caso di ritardato pagamento.
Qual è il vostro consiglio?
Grazie

Consulenza legale i 01/08/2017
Gli artt. 633 c.p.c. e seguenti disciplinano un procedimento speciale, e particolarmente rapido, tramite il quale, chi è creditore di una somma di denaro ovvero di cose fungibili oppure chi è creditore di una cosa determinata, può ottenere un provvedimento del giudice, in breve tempo e senza il contraddittorio con la controparte, purché del diritto vantato ne offra prova scritta (ex art. 634 c.p.c.).

L’art. 642 c.p.c. prevede poi che “se il credito è fondato su cambiale, assegno bancario, assegno circolare, certificato di liquidazione di borsa, o su atto ricevuto da notaio o da altro pubblico ufficiale autorizzato”, ovvero “se vi è fondato pericolo di grave pregiudizio nel ritardo, ovvero il ricorrente produce documentazione sottoscritta” il Giudice può concedere la provvisoria esecuzione del decreto ingiuntivo.

Se il debitore propone opposizione avverso il suddetto decreto ingiuntivo, si apre un ordinario giudizio a cognizione piena volto a indagare la fondatezza della domanda del creditore.
Tuttavia questo giudizio ha ancora delle particolarità: l’onere della prova si inverte e ricade in capo al debitore che, alla prima udienza, deve dare una prova altrettanto forte dell’inesistenza del diritto di credito.

Qualora la provvisoria esecutività non sia stata concessa al momento dell’emissione del decreto ingiuntivo, gli artt. 647 e 648 c.p.c. prevedono infatti che, all’udienza, se il Giudice ritiene l’opposizione non fondata su prova scritta oppure di pronta soluzione, deve concedere la provvisoria esecuzione del decreto.

Sembrerebbe che, nel caso de quo, il decreto ingiuntivo, originariamente non esecutivo, sia stato. dopo la prima udienza, ordinato provvisoriamente esecutivo, poiché le prove addotte dal debitore a sostegno dell’infondatezza della pretesa creditoria non erano di pronta soluzione, né è stata offerta prova scritta contraria.
Stando così le cose, l’operato del Giudice è corretto.

Se invece il Giudice avesse concesso la provvisoria esecuzione del decreto ingiuntivo, già al momento dell’emissione del provvedimento nonostante, stando a quanto esposto, il credito non era fondato su cambiale, assegno né sulle altre scritture di cui all’art. 642 c.p.c., allora il provvedimento è effettivamente viziato, così come tutti gli atti conseguenti e presupposti.
Tuttavia l’art. 648 c.p.c. prevede espressamente che tale ordinanza è “non impugnabile”, e dunque l’opponente è paralizzato rispetto ad eventuali azioni esecutive che si fondano sulla medesima.

L’unica strada per far valere l’erroneità e l’ingiustizia dell’ordinanza è chiederne la revoca alla prossima udienza, anche se chiaramente sarà difficile far cambiare idea al Giudice in ordine alla correttezza del proprio operato.

Ai sensi dell’art. 134 c.p.c. “l'ordinanza è succintamente motivata. Se è pronunciata in udienza, è inserita nel processo verbale; se è pronunciata fuori dell'udienza, è scritta in calce al processo verbale oppure in foglio separato, munito della data e della sottoscrizione del giudice o, quando questo è collegiale, del presidente”.

In base al dettato dell’art. 134 c.p.c., dunque, le ordinanze devono essere motivate sinteticamente, ed attesa la stringente disciplina in materia di provvisoria esecutività di cui all’art. 648, l’ordinanza de qua potrebbe essere ritenuta sufficientemente motivata stante il riferimento all’assenza di prova scritta da parte di parte opponente.

Con riguardo alla correttezza formale dell’ordinanza, va specificato che, sempre in base al dettato dell’art.134 c.p.c., l’ordinanza emessa a seguito dell’udienza ed a scioglimento della riserva assunta, può essere redatta in calce al verbale d’udienza ed, in questo caso, i riferimenti alle parti ed al procedimento sono contenuti nel verbale stesso, di solito subito dopo l’intestazione.

Se, invece, l’ordinanza viene redatta su di un foglio separato, allora sì questo dovrebbe necessariamente riportare tutti gli estremi idonei ad individuare i soggetti ed il procedimento nel quale si producono gli effetti, pena la nullità/inesistenza del provvedimento.
In questo caso non è dato sapere se il foglio sia separato oppure faccia parte del verbale dell’udienza, magari in quanto spillato materialmente allo stesso.

Il cancelliere è tenuto ad informare le parti che si sono verificati determinati fatti rilevanti per il processo, onere che però non implica la trasmissione completa e puntuale del provvedimento, che potrebbe essere stato scansionato in maniera parziale.
Dunque prima di valutare se l’opposizione all’esecuzione possa essere ragionevolmente accolta, sarebbe opportuno verificare se l’ordinanza è tutt’uno con il verbale di causa oppure è stata emessa così come inviata ai difensori.

In quest’ultimo caso, come suggerito dal suo difensore, la strada da seguire sarebbe quella di proporre opposizione all’esecuzione, in cui si farà valere l’inesistenza ovvero la nullità del titolo in base al quale si procede.

Non ha alcuna rilevanza, invece, la circostanza che l’ordinanza è stata trasmessa da un ausiliario, che magari agisce in forza di delega interna del Cancelliere, né tantomeno che manca il riferimento alla cifra ingiunta dal momento che, se l’ordinanza fa parte del verbale, il quantum debeatur è direttamente evincibile dal decreto ingiuntivo.

Testi per approfondire questo articolo

  • Contributo allo studio degli atti processuali tra forma e linguaggio giuridico

    Autore: Querzola Lea
    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: giugno 2018
    Prezzo: 33,00 -5% 31,35 €
    Il volume "Contributo allo studio degli atti processuali tra forma e linguaggio giuridico" è una monografia scientifica rivolta specificamente agli studiosi dei temi trattati e alla comunità accademica. La prima parte dell'opera è dedicata alla materia degli atti processuali, con particolare riguardo alla disciplina delle sanzioni (nullità, inesistenza, inammissibilità, improcedibilità). La seconda parte approfondisce il tema della lingua giuridica e... (continua)
  • Commentario del codice di procedura civile
    Articoli 99-162

    Data di pubblicazione: luglio 2012
    Prezzo: 130,00 -5% 123,50 €

    Il volume è un commentario articolo per articolo o per gruppi di articoli alle norme del codice, alle principali leggi collegate e alla normativa speciale. Il testo di ogni articolo è scomposto in "frammenti" numerati e ad ogni numero corrisponde un paragrafo del commento in cui gli autori analizzano la norma nel dettaglio. Questa impostazione consente una lettura veloce, per individuare rapidamente le informazioni necessarie per affrontare un caso concreto, ma non preclude... (continua)