Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 237 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Risoluzione delle contestazioni

Dispositivo dell'art. 237 Codice di procedura civile

Le contestazioni (1) sorte tra le parti circa l'ammissione del giuramento decisorio sono decise dal collegio.

L'ordinanza del collegio che ammette il giuramento (2) deve essere notificata personalmente alla parte (3) (4).

Note

(1) Le contestazioni delle parti possono attenere, ad esempio, alla decisorietà del giuramento, alla possibilità di riferirlo, alla variazione della formula, all'eventuale revoca, ai fatti posti ad oggetto del giuramento.
(2) Si tratta di ordinanza istruttoria, revocabile secondo le regole ordinarie (ad esempio, se il giudice rilevi che i fatti dedotti nel giuramento non abbiano carattere decisorio, oppure quando egli si avveda che le modifiche apportate alla formula abbiano comportato variazioni sostanziali, violando il principio dispositivo).
Nella medesima ordinanza che ammette il giuramento decisorio, il collegio o il giudice monocratico fissa altresì l'udienza di comparizione delle parti innanzi al g.i. per la sua assunzione ed anche il termine per la notifica del provvedimento alla parte invitata a giurare.
(3) La notificazione dell'ordinanza deve essere effettuata dalla parte deferente entro il termine fissato dal collegio o giudice monocratico; in mancanza, dal giudice istruttore.
In giurisprudenza è discussa la natura ordinatoria o perentoria di tale termine. Una parte della giurisprudenza ritiene che l'omessa notifica comporti nullità del giuramento, sanabile però laddove la parte si presenti all'udienza stabilita per il giuramento e giuri regolarmente. Aderendo alla tesi della perentorietà, invece, l'omessa o intempestiva notificazione comporterebbe la decadenza automatica del deferente dal diritto di far assumere il giuramento.
(4) Se l'ordinanza di ammissione del giuramento viene pronunciata fuori udienza, essa va comunicata alle parti costituite mediante biglietto di cancelleria, ai sensi del secondo comma dell'art. 176.

Ratio Legis

La norma riserva la decisione delle contestazioni relative all'ammissione del giuramento decisorio al solo collegio, ma nelle cause davanti al tribunale in composizione monocratica è logico ritenere che la competenza spetti al giudice istruttore in funzione di giudice unico.
La rimessione di tali questiono al giudice (collegiale o monocratico) preposto alla decisione della causa è giustificata dal carattere decisorio del giuramento.

Massime relative all'art. 237 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 20777/2012

Anche nel rito del lavoro, la mancata notifica dell'ordinanza ammissiva del giuramento decisorio nei termini fissati dal provvedimento comporta l'impossibilità di considerare soccombenti le parti alle quali il giuramento è stato deferito e non presentatesi a prestarlo, secondo il disposto dell'art. 239 c.p.c., ma non determina la decadenza del deferente dalla facoltà di farlo assumere, dovendo considerarsi solo ordinatori i termini di cui all'art. 237 c.p.c., in difetto di un'espressa disposizione che li dichiari perentori.

Cass. civ. n. 6182/1990

Il principio secondo cui in analogia a quanto dispone il secondo comma dell'art. 237 c.p.c. per la notifica del giuramento decisorio disposto dal collegio, anche l'ordinanza del giudice istruttore che abbia ammesso, in difetto di contestazione, il giuramento decisorio deve essere notificata personalmente alla parte chiamata a giurare, salvo che non sia stata presente in udienza, non trova applicazione — nel rito del lavoro — nel caso dell'ordinanza ammissiva del riferimento del giuramento atteso che la parte deferente ben conosce i termini del giuramento (per averlo essa stessa formulato), mentre per la conoscenza dell'avvenuto riferimento del giuramento è sufficiente il normale meccanismo della rappresentanza processuale.

Cass. civ. n. 5622/1990

Qualora il collegio, ammettendo il giuramento decisorio, anziché limitarsi a rinviare la causa davanti all'istruttore per un'udienza nella quale quest'ultimo, sentite le parti, fisserà il giorno in cui assumere la prova ed il termine per la notifica dell'ordinanza relativa, provveda, invece, d'ufficio alla fissazione dell'udienza di assunzione, la mancata indicazione da parte del collegio di un termine entro cui la parte deferente debba provvedere alla notifica personale dell'ordinanza alla parte che deve prestare il giuramento, comporta che questo deve essere fissato dall'istruttore, con la conseguenza che il deferente, il quale non abbia provveduto alla notificazione dell'ordinanza collegiale, non può essere dichiarato decaduto dal diritto di far assumere il giuramento medesimo.

Cass. civ. n. 6017/1987

L'ordinanza del collegio ammissiva del giuramento decisorio, ai sensi dell'art. 237, secondo comma, c.p.c., deve essere personalmente notificata, nei confronti della parte chiamata a rendere il giuramento stesso, a cura della parte che l'ha deferito, non del cancelliere. Peraltro, nel caso di ordinanza pronunciata fuori udienza, l'insorgenza di tale onere, anche al fine dell'eventuale decadenza dal mezzo istruttorio in caso di omessa notificazione, postula che la cancelleria provveda alla previa comunicazione del provvedimento, a norma dell'art. 176, secondo comma, c.p.c.

Cass. civ. n. 90/1980

La notifica degli atti, che, in deroga al principio sancito dal primo comma dell'art. 170 c.p.c. — come, a termini dell'art. 237 c.p.c., l'ordinanza ammissiva del giuramento — debbono essere notificati personalmente alla parte, va effettuata secondo le norme degli artt. 138 e seguenti c.p.c., non escluse quelle relative alla notifica presso il domiciliatario, e, poiché anche a questa ultima sono applicabili le disposizioni dell'art. 139 c.p.c., la consegna dell'atto ad una delle persone che si trovano con il domiciliatario in uno dei rapporti indicati da quest'ultimo articolo (persona di famiglia, addetto alla casa, portiere o vicino di casa) vale come consegna al domiciliatario medesimo, ai sensi e per gli effetti dell'art. 141 c.p.c.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Trattazione e istruzione nel processo civile

    Collana: Quaderni de «Il giusto processo civile»
    Pagine: 268
    Data di pubblicazione: ottobre 2010
    Prezzo: 28 €

    Il volume raccoglie gli scritti dell'autore pubblicati nell'arco degli ultimi otto anni sui temi contigui della preparazione e dell'istruzione della causa. Il più ampio di essi - quello che apre la raccolta - è dedicato a ricostruire la disciplina della fase preparatoria del processo, a partire dal codice di rito del 1940 sino ai giorni nostri. Completano la parte prima del libro i saggi sulla non contestazione, che destano particolare interesse per il fatto che offrono una... (continua)

  • Presunzioni giurisprudenziali e riparto dell'onere probatorio

    Autore: Benigni Elena
    Editore: Giappichelli
    Pagine: 240
    Data di pubblicazione: marzo 2014
    Prezzo: 25 €
    Categorie: Istruzione

    Sommario

    Introduzione. – I. Il diritto alla rappresentazione dei fatti nel processo. – II. Dal diritto alla prova all’onere della prova quale regola di giudizio. – III. La distribuzione dell’onere probatorio nel processo. Il dato normativo e la tutela del diritto alla prova. – IV. Le convenzioni sull’onere della prova . – V. La presunzione giurisprudenziale e la “difficoltà a provare” nel processo.... (continua)

  • L'esperto del giudice. Manuale operativo del consulente tecnico d'ufficio

    Pagine: 432
    Data di pubblicazione: febbraio 2011
    Prezzo: 30 €

    Il presente volume ha lo scopo è fornire una guida ai tecnici agli inizi della carriera e un supporto di confronto, analisi e verifica ai professionisti più esperti. In questa seconda edizione - profondamente rinnovata - il lavoro si arricchisce di nuovi e diversi contenuti. Il volume non si limita a trattare le attività rituali in cui è coinvolto il CTU ma va oltre, dedicando un completo ed ampio spazio al tentativo di conciliazione della controversia che, dopo... (continua)

  • Le prove nel processo civile e del lavoro

    Autore: Mormile Paolo
    Editore: Aracne
    Pagine: 76
    Data di pubblicazione: febbraio 2015
    Prezzo: 8 €

    L'opera affronta in modo accurato e analitico la disamina dei fondamentali istituti che caratterizzano la fase dell'istruzione probatoria nel processo civile ordinario di cognizione, nonché nel rito speciale del lavoro e previdenziale. Essa è il frutto della trentennale esperienza dell'autore come giudice civile e del lavoro, dapprima presso la Pretura/Tribunale di Napoli e poi presso la Sezione Lavoro del Tribunale di Roma. Tutti i mezzi di prova, messi a disposizione delle... (continua)