Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 526 Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 30/06/2020]

Impugnazione per violenza o dolo

Dispositivo dell'art. 526 Codice Civile

(1)(2)La rinunzia all'eredità si può impugnare solo se è l'effetto di violenza o di dolo [482, 483, 1324, 1434, 1435, 1439 c.c.](3).

L'azione si prescrive in cinque anni dal giorno in cui è cessata la violenza o è stato scoperto il dolo [1442, 2934 c.c.].

Note

(1) Legittimati attivi alla proposizione dell'impugnazione sono il rinunziante, i suoi erede e i suoi creditori ai sensi dell'art. 2900 del c.c..
(2) Parte della dottrina ritiene che la proposizione della predetta impugnazione costituisca manifestazione tacita della volontà di accettare l'eredità.
(3) Irrilevante è l'errore del rinunziate, ad eccezione dell'errore ostativo, quello cioè che determina una divergenza tra la volontà, che si è esattamente formata, e la dichiarazione a causa di una svista materiale o di un errore nel linguaggio giuridico (es. si vuole rinunziare all'eredità di Tizio, ma per errore nell'espressione si rinunzia all'eredità di Caio).

Ratio Legis

Si vuole tutelare la libertà del chiamato di accettare o rinunziare all'eredità, predisponendo degli strumenti di tutela esperibili laddove questi sia stato vittima di dolo o violenza.

Spiegazione dell'art. 526 Codice Civile

Questo articolo considera l’altro requisito di validità della rinuncia, cioè l’assenza di vizi nella volontà.
Il codice lo menziona espressamente, a differenza del vecchio codice 1865, che non stabiliva - mentre lo faceva per l’accettazione - se e quali vizi potevano legittimare una impugnativa della rinuncia; tuttavia, nel suo silenzio, la dottrina era concorde nel ritenere che - al pari dell’accettazione - la rinuncia poteva essere attaccata solo se viziata da dolo o violenza e non pure da errore; questa teoria è stata oggi legislativamente accolta dall’articolo in esame.

Ma qual è il motivo dell'esclusione dell’errore come causa di annullabilità della rinuncia? Se si riflette a quel che dice l’art. 1429 - l’errore di diritto produce la nullità del contratto solo quando è stato la ragione unica o principale del contratto - si comprende facilmente come tale ipotesi sia irrealizzabile in materia di rinuncia all'eredità poiché nessuno ripudia ritenendovisi obbligato. Ma neppure può ammettersi un errore sulla sostanza, o, meglio, sul contenuto dell’eredità (errore di fatto) perché non si tratta di una sostanza determinata, ma di un universum ius che comprende cose e diritti diversi.
Se si volesse attribuire l’errore all’apprezzamento dell’entità economica dell’eredità (cioè si è rinunciato ritenendo l’asse passivo, anziché attivo, come in realtà si è poi rivelato), allora è proprio per tal caso che la legge ha escluso l’errore, perché questo, se ammesso come causa di impugnativa, avrebbe pregiudicato la sicurezza dei rapporti giuridici consolidatisi per effetto della rinuncia. D’altra parte, la legge dà un rimedio al chiamato che non conosce la consistenza patrimoniale dell'asse e sia perciò incerto se accettare o rinunciare: il beneficio d’inventario. È il caso di porre in rilievo che parlando di errore si fa riferimento all’errore vizio, essendo ovvio che nel caso di errore ostativo si avrebbe senz’altro nullità e non annullabilità della rinuncia.

Questa può, quindi, essere impugnata solo se è effetto di violenza o di dolo; entrambi tali vizi rappresentano atti illeciti che vanno repressi nelle loro conseguenze. Per la determinazione dei loro elementi costitutivi valgono le comuni regole.
La violenza (si intende quella morale) sarà, quindi, una coartazione tale da fare impressione ad una persona sensata e da poterle incutere ragionevole timore di esporre sé e le sue sostanze ad un male notabile (art. 1435) ed il vizio sussisterà anche quando il male minacciato sia diretto a colpire la persona o i beni del coniuge, di un ascendente o discendente di chi ha rinunciato (art. 1436).
Il dolo consisterà in raggiri tali che senza di essi il chiamato non avrebbe accettato l’eredità (art. 1439); ma questi raggiri da chi devono essere compiuti? Si rileva che, se è certo che vi possono essere persone interessate a che il chiamato rinunci all’eredità (ulteriori successibili, ecc.) è anche vero come, in tale materia, sia molto più facile che i raggiri provengano da estranei, longa manus degli interessati. In conclusione: non distinguendo la legge tra interessati e non interessati, si deve ritenere che la rinuncia sia viziata da dolo anche se questo non sia opera dell’interessato.
Accordata l’azione di impugnativa, la legge stabilisce che questa deve esser fatta valere entro il termine - che è di decadenza - di cinque anni dal giorno in cui è cessata la violenza o è stato scoperto il dolo. Ben può verificarsi che l’eredità sia stata, nel frattempo, accettata da altri; anzi questa è l’unica ipotesi da farsi, poiché se l’eredità non è stata ancora adita da altri successibili, il primo chiamato, che ha rinunciato, non ha bisogno di proporre alcuna azione di impugnativa, avendo la facoltà di retrattare la rinuncia ed accettare l’eredità, sempre che questa non sia stata da altri accettata o la prescrizione non abbia colpito il suo diritto di adirla.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 526 Codice Civile

Cass. civ. n. 13735/2009

In tema di successioni ereditarie, benché l'art. 526 c.c. escluda l'impugnazione per errore della rinuncia all'eredità, ciò non impedisce che tale impugnazione sia ammessa in presenza di errore ostativo; detta fattispecie, peraltro, non ricorre quando la rinuncia sia avvenuta in base all'erronea convinzione di essere stato chiamato alla successione in qualità di erede legittimo anziché di erede testamentario, rimanendo tale ipotesi estranea a quella dell'errore sulla dichiarazione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • La rinunzia all'eredità

    Editore: Giuffrè
    Collana: Univ.Roma-Fac. ec. Ist. dir. priv. Atti
    Pagine: 384
    Data di pubblicazione: giugno 2010
    Prezzo: 38,00 -5% 36,10 €

    La rinunzia all'eredità nel procedimento successorio - La struttura della rinunzia all'ereditàSezione I: Perdita e acquisto del potereSezione II: Vicenda modificativo soggettiva del potereSezione III: Struttura dell'atto di rinunziaNatura dell'atto di rinunzia all'ereditàSezione I: Problemi di disciplina e principi di interpretazioneSezione II: Rinunzia all'eredità

    (continua)