Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2335 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 30/06/2020]

Assemblea dei sottoscrittori

Dispositivo dell'art. 2335 Codice civile

L'assemblea dei sottoscrittori [2334, 2339]:

  1. 1) accerta l'esistenza delle condizioni richieste per la costituzione della società [2329];
  2. 2) delibera sul contenuto dell'atto costitutivo [2328] e dello statuto;
  3. 3) delibera sulla riserva di partecipazione agli utili fatta a proprio favore dai promotori [2328, n. 8, 2333, 2340, 2341];
  4. 4) nomina gli amministratori [2383] ed i sindaci ovvero i componenti del consiglio di sorveglianza [2380 bis, 2397] e, quando previsto, il soggetto incaricato di effettuare la revisione legale dei conti(1).

L'assemblea è validamente costituita con la presenza della metà dei sottoscrittori.

Ciascun sottoscrittore ha diritto a un voto, qualunque sia il numero delle azioni sottoscritte [2351], e per la validità delle deliberazioni si richiede il voto favorevole della maggioranza dei presenti.

Tuttavia per modificare le condizioni stabilite nel programma è necessario il consenso di tutti i sottoscrittori.

Note

(1) Il D. Lgs 27 gennaio 2010, n. 39, ha sostituito le parole "cui è demandato il controllo contabile" con le seguenti: "incaricato di effettuare la revisione legale dei conti".

Ratio Legis

La norma aggiunge due nuove competenze in capo all'assemblea dei sottoscrittori: delibera del contenuto dello statuto e nomina dei soggetti ai quali è demandata la revisione legale dei conti.

Spiegazione dell'art. 2335 Codice civile

All'adesione al programma segue l'integrazione del contratto da parte dell'assemblea dei sottoscrittori, detta anche assemblea costituente, alla quale si applicano in via analogica le disposizioni di ordine procedurale relative all'assemblea dei soci. L'articolo distingue fra:
- deliberazioni di integrazione dell'atto costitutivo e dello statuto, per le quali è richiesta la maggioranza dei presenti;
- deliberazioni di modificazione del programma, per le quali è richiesta l'unanimità.
La previsione del "voto per teste" ed il necessario consenso unanime per la modifica del programma, sono giustificati dal fatto che la società non è ancora costituita. Si applicheranno i principi che regolano la stipulazione del contratto.
La dottrina ritiene applicabili per analogia le norme che regolano il funzionamento dell'assemblea dei soci in tema di designazione del presidente dell'assemblea e del segretario [2371] e di rappresentanza [2372].
Per l'impugnazione delle delibere dell'assemblea dei sottoscrittori si applica il regime dell'invalidità del contratto.
Dal n. 4) della norma si ricava che la nomina degli amministratori, dei sindaci e del soggetto incaricato di effettuare la revisione legale, non è ammissibile nel programma, ma tale nomina è di competenza dell'assemblea dei sottoscrittori.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Art. 2397-2409 septies. Società per azioni

    Editore: Zanichelli
    Collana: Commentario del codice civile
    Pagine: 448
    Data di pubblicazione: maggio 2015
    Prezzo: 89,00 -5% 84,55 €
    Categorie: Spa

    La figura dei sindaci è stata particolarmente toccata dalla riforma del 2003. Un primo aspetto di portata sistematica vede il collegio sindacale come l'organo di riferimento del sistema dei controlli, tanto nelle società quotate, quanto nelle società chiuse. Un secondo aspetto vede i sindaci dotati di strumenti più efficaci nel garantire la effettività del controllo. Si pensi, ad esempio, alla possibilità dei sindaci di denunciare al tribunale gli... (continua)