Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2322 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Trasferimento della quota

Dispositivo dell'art. 2322 Codice civile

La quota di partecipazione del socio accomandante è trasmissibile per causa di morte [2284] (1).

Salvo diversa disposizione dell'atto costitutivo, la quota può essere ceduta (2), con effetto verso la società, con il consenso dei soci che rappresentano la maggioranza del capitale [24, 2479].

Note

(1) Posta la marginale influenza nella vita della società del socio accomandante, la sua quota è liberamente trasmissibile mortis causa: l'erede dell'accomandante subentra ipso iure nella posizione di quest'ultimo (successione ex lege nella posizione contrattuale).
Nel caso di morte dell'accomandatario, invece, si applicano le limitazioni sancite per la trasferibilità delle quote di tutti i soci illimitatamente responsabili (v. 2284): gli altri soci devono liquidare la quota agli eredi, salvo preferiscano sciogliere la società ovvero continuarla con gli eredi stessi e questi vi acconsentano.
(2) Il trasferimento inter vivos (v. Libro IV, Titolo II) della quota dell'accomandante è ammissibile purché vi sia l'approvazione di tanti soci che rappresentino la maggioranza del capitale sociale sottoscritto. La mancata approvazione rende il trasferimento inefficace nei confronti della società.
Il trasferimento della quota di accomandatario per atto tra vivi importa, invece, modificazione del contratto sociale, con applicazione dell'art. 2252 (richiamato dagli artt. 2315 e 2293): pertanto, se l'atto costitutivo non preveda diversamente, la cessione della quota dell'accomandatario deve ottenere il consenso unanime dei soci.

Spiegazione dell'art. 2322 Codice civile

Mentre per la trasmissione della quota del socio accomandatario si applica la disciplina di cui all'art. 2252 ed è quindi indispensabile il consenso unanime di tutti i soci, per la quota dell'accomandante non vi è necessità di approntare tali cautele, in quanto il rapporto fiduciario (connesso al potere di gestione tipico degli accomandatari) è meno pregnante.
Difatti, la quota è liberamente trasmissibile agli eredi dell'accomandante, in deroga a quanto previsto dall'art. [n2284cc]] per la società semplice, mentre, per il trasferimento inter vivos è sufficiente la maggioranza dei soci calcolata tramite le quote di partecipazione.


Massime relative all'art. 2322 Codice civile

Cass. civ. n. 20893/2008

In tema di cessione di quote di società, la successione nella titolarità della partecipazione si perfeziona, in base al principio consensualistico, alla data della stipulazione del contratto, sulla cui valididtà ed efficacia inter partes incidono eventuali successive modificazioni dell'oggetto conseguenti alla trasformazione della società in un altro dei tipi previsti dalla legge, avuto riguardo alla continuità del rapporto sociale sancita dall'art. 2498 c.c. (nel testo vigente ratione temporis), il cui unico limite è rappresentato dalla compatibilità dell'ente trasformato con il bene-quota trasferito. Pertanto, in caso di cessione della quota di una società in accomandita semplice successivamente trasformatasi in società a responsabilità limitata, quest'ultima è tenuta a provvedere all'iscrizione del trasferimento nel libro dei soci, non trovando più applicazione l'art. 2322 c.c., e non potendo la società far valere i limiti derivanti dall'introduzione di una clausola di gradimento, i quali diventano opponibili ai terzi solo dalla data di pubblicazione nel B.U.S.A.R.L., senza che assuma alcun rilievo, a tal fine, la circostanza che l'accertamento dell'obbligo di provvedere all'iscrizione sia intervenuto successivamente alla pubblicazione.

Cass. civ. n. 21803/2006

Nella società in accomandita semplice, soltanto la quota di partecipazione del socio accomandante è trasmissibile per causa di morte, ai sensi dell'art. 2322 c.c., mentre in caso di morte del socio accomandatario trova applicazione l'art. 2284 c.c., in virtù del quale gli eredi non subentrano nella posizione del defunto nell'ambito della società, e non assumono quindi la qualità di soci accomandatari a titolo di successione mortis causa ma hanno diritto soltanto alla liquidazione della quota del loro dante causa, salvo diverso accordo con gli altri soci in ordine alla continuazione della società, e fermo restando che in tal caso l'acquisto della qualifica di socio accomandatario non deriva dalla posizione di erede del socio accomandatario defunto, ma dal contenuto del predetto accordo.

Cass. civ. n. 2059/2000

In tema di cessione di quote di una società di persone (nella specie, sas) il cui oggetto sociale risulti l'esercizio di un'attività commerciale (nella specie, bar tabaccheria), allorché l'acquisto delle quote sia chiaramente finalizzato, secondo correttezza e buona fede, non all'acquisto di un generico status socii, bensì al conseguimento della disponibilità dell'azienda al fine di utilizzarla secondo la sua destinazione economica onde trarne adeguato reddito, deve distinguersi tra un oggetto «immediato» della compravendita, costituito dalle partecipazioni sociali alienate, ed un oggetto «mediato», costituito invece dal patrimonio sociale (e cioè dall'esercizio commerciale funzionalmente destinato alla produzione di reddito). Ne consegue che la funzionalità dell'azienda — che rappresenta il contenuto essenziale del contratto — è esclusa dalla mancanza di una valida autorizzazione amministrativa all'esercizio del commercio (requisito fondamentale de) negozio di cessione), mancanza che integra senz'altro gli estremi dell'inosservanza, da parte del cedente, del principio di adempimento del contratto secondo buona fede. (Nell'affermare il principio di diritto che precede la S.C. ha ulteriormente precisato che il titolo di responsabilità del cedente va individuato nel disposto dell'art. 1218 c.c., con conseguente obbligazione risarcitoria da inesatto inadempimento, e non anche in quello di cui all'art. 1497 c.c. — mancanza di qualità essenziali della cosa venduta —).

Cass. civ. n. 12906/1995

La clausola cosiddetta di continuazione automatica prevista nell'atto costitutivo di società in accomandita semplice — in forza della quale gli eredi del socio accomandante defunto subentrano, per intero, nella posizione giuridica del loro dante causa entro la compagine sociale, a prescindere da ogni loro manifestazione di volontà — non contrasta né con la regola stabilita dall'art. 2322, primo comma, c.c., che espressamente prevede la trasmissibilità per causa di morte della quota di partecipazione del socio accomandante, né con l'art. 458 c.c., che con norma eccezionale non suscettibile di applicazione analogica vieta i patti successori, per non esseae essa riconducibile allo schema tipico del patto successorio.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 2322 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Paolo S. chiede
domenica 06/11/2016 - Lazio
“Mio figlio è l'Amministratore (socio accomandatario) di una sas familiare con mia moglie socio accomandante. La sas è proprietaria della sede acquistata con un leasing. Il leasing è terminato regolarmente da 3 anni e l'immobile è ora di proprietà della società iscritto a bilancio con la quota di riscatto che ammonta a 100.000 Euro. Il valore dell'immobile, ubicato incentro storico è di circa 2 milioni. Volendo vendere l'immobile sappiamo che la sas si troverebbe a pagare una tassazione di circa il 50% sul plusvalore che ammonterebbe a 1.900.000 euro, cosa ovviamente da evitare. Volevamo sapere: 1)- Se esistono metodi diversi alla luce di speciali leggi temporanee che ogni tanto vengono emanate. 2) - Se vendessimo l' intera sas (con cessione del 100% delle quote) che tassazione verrebbe applicata alle parti?”
Consulenza legale i 09/11/2016
E’ opportuno sin da subito mettere in evidenza come il quesito posto riguardi la materia strettamente fiscale e, quindi, sia più che altro di competenza delle figura professionale del commercialista.

Ciò premesso, in merito quantomeno alla prima domanda, possiamo genericamente riferire il contenuto della disciplina fiscale di riferimento.
Sotto il profilo fiscale, la cosiddetta “plusvalenza” rappresenta il guadagno che il proprietario ottiene al momento della vendita di un immobile con riferimento all’aumento di valore avvenuto tra l’acquisto e la rivendita dell’immobile medesimo. Per il soggetto che la realizza, la plusvalenza da cessione di immobili è soggetta a tassazione, secondo quanto previsto dagli articoli 67 e 68 del “Tuir” (DPR n. 917/86).
In particolare, il citato Testo Unico delle Imposte sui Redditi prescrive che sono soggette a tassazione “le plusvalenze realizzate mediante cessione a titolo oneroso di beni immobili acquistati o costruiti da non più di cinque anni, esclusi quelli acquisiti per successione e le unità immobiliari urbane che per la maggior parte del periodo intercorso tra l’acquisto o la costruzione e la cessione sono state adibite ad abitazione principale del cedente o dei suoi familiari, nonché, in ogni caso, le plusvalenze realizzate a seguito di cessioni a titolo oneroso di terreni suscettibili di utilizzazione edificatoria secondo gli strumenti urbanistici vigenti al momento della cessione. (…)”.

In pratica, secondo la normativa fiscale, la plusvalenza da cessione di immobili è tassata solo se derivante da un mero fine speculativo. Per stabilire il fine speculativo, il legislatore ha individuato alcuni parametri. Infatti la plusvalenza è tassata solo in queste ipotesi:
- se il fabbricato venduto è stato acquistato (o costruito) da meno di cinque anni;
- se non è pervenuto a seguito di successione;
- se non è l’abitazione in cui il proprietario ha avuto la propria residenza (o quella di un suo familiare) per la maggior parte del tempo che è passato tra l’acquisto (o la costruzione) e la rivendita.

L’articolo 68 del DPR n. 917/86 specifica inoltre che la plusvalenza da cessione di immobili è costituita dalla differenza tra i corrispettivi percepiti nel periodo di imposta e il prezzo di acquisto o il costo di costruzione del bene ceduto, aumentato di ogni altro costo inerente al bene medesimo.

Una volta determinata la plusvalenza da cessione di immobili, è necessario individuare quale sia la modalità di tassazione più conveniente. La plusvalenza da cessione di immobili rappresenta, per il venditore, un reddito tassabile appartenente alla categoria “redditi diversi” (di cui all’articolo 67 del DPR n. 917/86). Il contribuente può quindi optare, in questi casi, per due tipi di tassazione:
- tassazione ordinaria: la plusvalenza da cessione di immobili confluisce nel reddito complessivo e si cumula agli altri redditi imponibili Irpef, e sarà poi tassata secondo le aliquote previste per i vari scaglioni di reddito a partire dall’aliquota dello scaglione più basso, che è del 23%;
- tassazione separata: al momento della cessione, in sede di atto notarile, alla plusvalenza da cessione di immobili può essere applicata un’imposta sostitutiva del 20%. Sarà il notaio stesso che effettuerà da sostituto d’imposta ed incasserà l’imposta sostitutiva per il cliente e provvederà a versarla all’Erario.
Quindi, se l’aliquota minima per la tassazione ad Irpef della plusvalenza è del 23%, è sempre conveniente chiedere al notaio che stipula l’atto di vendita l’applicazione dell’imposta sostitutiva del 20%. Infatti, in caso di cessione a titolo oneroso di fabbricati e terreni non edificabili, acquistati o costruiti da non più di cinque anni, all’atto della cessione e su richiesta della parte cedente resa al notaio, in deroga alla disciplina di cui all’articolo 67, sulle plusvalenze realizzate si applica un’imposta del 20% sostitutiva dell’imposta sul reddito.
Tale opzione rappresenta un duplice vantaggio per il contribuente, che oltre a conseguire l’applicazione dell’aliquota “secca” del 20%, in luogo dell’aliquota Irpef normalmente applicabile in caso di inserimento della plusvalenza nella dichiarazione dei redditi, è esonerato per legge dai controlli fiscali straordinari e accertamenti induttivi previsti nelle medesime disposizioni.

Questo per quanto riguarda la prima domanda posta nel quesito: si evidenzia, tuttavia, come già detto, che la risposta necessita della conferma di un commercialista competente, il quale dovrà esaminare tutta la documentazione sociale utile allo scopo.

Per quanto concerne, invece, la seconda domanda, trattasi di quesito formulato troppo genericamente e privo di dati, anche documentali, utili alla determinazione dell’esatta percentuale dell’imposizione fiscale.
Si insiste perciò nel consiglio di rivolgersi ad un professionista qualificato nella materia fiscale, che possa essere più preciso ed esauriente nella risposta.

Testi per approfondire questo articolo

  • Le nuove società di persone. Con e-book

    Editore: Zanichelli
    Collana: Dottrina Casi Sistemi
    Pagine: 704
    Data di pubblicazione: luglio 2014
    Prezzo: 124,00 -5% 117,80 €

    Le società di persone, anche dopo la riforma del 2003, continuano a rappresentare una realtà giuridica ed economica di rilievo nel panorama delle imprese collettive. Le innovazioni introdotte nel 2003 concernono, come è noto, le società di capitali e le cooperative: tuttavia, in alcuni casi direttamente, in molte ipotesi in via indiretta, hanno profondamente inciso sulla disciplina della società a base personale e sulla sua interpretazione, tanto da poter... (continua)

  • Le società di persone

    Editore: Zanichelli
    Collana: Le riforme del diritto italiano
    Pagine: 448
    Data di pubblicazione: giugno 2019
    Prezzo: 82,00 -5% 77,90 €
    Più di 80.000 società semplici, 480.000 società in nome collettivo e altrettante in accomandita semplice: in Italia le società di persone rappresentano tuttora poco meno della metà delle società complessivamente esistenti, resistendo oltre ogni previsione al rapido avanzamento delle società a responsabilità limitata, a lungo rilanciate da riforme agevolatrici che ne hanno moltiplicato il numero nell'ambito delle società di... (continua)
  • La società in nome collettivo

    Editore: Giuffrè
    Collana: Trattati
    Data di pubblicazione: maggio 2015
    Prezzo: 90,00 -5% 85,50 €

    La collocazione nel codice civile, al centro tra le società di persone, rende la società in nome collettivo innanzitutto soggetto giuridico, centro di imputazione di situazioni attive e passive, ma non consente di attribuirle natura di persona giuridica, per l'assoluta preminenza delle caratteristiche (e delle facoltà) dei soci che vi partecipano. E rimane l'abilitazione all'esercizio di impresa commerciale, innestata sulla base strutturale dell'art. 2247 c.c.,... (continua)

  • Collegialità e maggioranza nelle società di persone

    Collana: Scuola special. dir. civile-Univ.Camerino
    Pagine: 164
    Data di pubblicazione: gennaio 2016
    Prezzo: 26 €
  • Trattato società di persone

    Pagine: 3520
    Data di pubblicazione: novembre 2015
    Prezzo: 180,00 -5% 171,00 €

    Il Trattato approfondisce le disposizioni del codice civile dedicate alle società di persone e alle loro vicende giuridiche, attraverso un commento autorale di alto profilo che coniuga l'analisi degli aspetti di maggior interesse nell'attività professionale, giuridica e notarile, con l'esame degli orientamenti della giurisprudenza e degli spunti più significativi offerti dalla dottrina. L'opera è arricchita da una selezione delle formule di uso frequente... (continua)