Cassazione civile Sez. I sentenza n. 17255 del 12 luglio 2013

(1 massima)

(massima n. 1)

Il consenso dei soci che rappresentino la maggioranza del capitale, richiesto dall'art. 2322 c.c. per il trasferimento della quota sociale di una societā in accomandita semplice, non incide sul perfezionamento e sulla validitā del contratto traslativo ad effetti reali, operando come una "condicio iuris" per l'opponibilitā del trasferimento della quota sociale alla societā e potendo esso intervenire, con effetti retroattiv,i anche dopo il fallimento del socio uscente.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.