Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 450 Codice di procedura penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n.477)

Instaurazione del giudizio direttissimo

Dispositivo dell'art. 450 Codice di procedura penale

1. Quando procede a giudizio direttissimo, il pubblico ministero fa condurre direttamente all'udienza l'imputato arrestato in flagranza o in stato di custodia cautelare. (1).
2. Se l'imputato è libero, il pubblico ministero lo cita a comparire all'udienza per il giudizio direttissimo (2). Il termine per comparire non può essere inferiore a tre giorni [174].
3. La citazione contiene i requisiti previsti dall'articolo 429 comma 1 lettere a), b), c), f), con l'indicazione del giudice competente per il giudizio nonché la data e la sottoscrizione. Si applica inoltre la disposizione dell'articolo 429 comma 2.
4. Il decreto, unitamente al fascicolo previsto dall'articolo 431, formato dal pubblico ministero, è trasmesso alla cancelleria del giudice competente per il giudizio (3).
5. Al difensore è notificato senza ritardo a cura del pubblico ministero l'avviso della data fissata per il giudizio.
6. Il difensore ha facoltà di prendere visione e di estrarre copia, nella segreteria del pubblico ministero, della documentazione relativa alle indagini espletate (4).

Note

(1) Il primo comma è stato così modificato dall’art. 2, comma 1, lett. e) del D.L. 23 maggio 2008, n. 92, convertito nella l. 24 luglio 2008, n. 125.
(2) In questi casi l'imputazione non è contestata oralmente, bensì per iscritto, nel decreto di citazione a giudizio.
(3) In tutti i casi di giudizio direttissimo con imputato in stato di arresto o di custodia cautelare, il pubblico ministero forma il fascicolo per il dibattimento a norma dell'articolo 431 del codice. Quando l'imputato è presentato davanti al giudice del dibattimento per la convalida dell'arresto e il contestuale giudizio, il fascicolo medesimo è formato subito dopo il giudizio di convalida dal pubblico ministero presente all'udienza.
(4) Il difensore, nel silenzio della legge, si ritiene vanti un analogo diritto con riguardo agli atti confluiti nel fascicolo le dibattimento, esistenti presso la cancelleria del giudice competente per il giudizio.

Ratio Legis

Tale rito speciale trova la propria ratio nella superfluità di procedere di fronte a situazioni in cui il fondamento dell'accusa è così evidente da rendere non necessaria non solo la verifica dell'udienza preliminare, ma anche la ricerca di mezzi di prova solitamente attuata nell'indagine preliminare.

Massime relative all'art. 450 Codice di procedura penale

Cass. n. 10231/1995

La violazione da parte del P.M. del termine per la presentazione dell'imputato al giudice per il procedimento con il rito direttissimo non comporta una nullità di ordine generale, ma relativa, che, in quanto tale, deve essere denunciata ai sensi e nei termini di cui all'art. 491 comma 1 c.p.p., rientrando fra quelle previste dall'art. 181 stesso codice.

Cass. n. 8314/1994

La disposizione di cui all'art. 468 c.p.p. — che prevede l'onere per le parti di specificare le circostanze sulle quali si intendono escutere i testimoni — non è applicabile nel caso di giudizio direttissimo. Ed invero l'art. 451 c.p.p. — che disciplina lo svolgimento del giudizio direttissimo — non richiama tale disposizione che non è compatibile con la ratio di detto procedimento speciale.

Cass. n. 6155/1994

Ai fini della sussistenza della circostanza attenuante della riparazione del danno, anche nel giudizio direttissimo è necessario che il risarcimento avvenga prima delle formalità di apertura del dibattimento e non con l'offerta di un assegno bancario, che, in quanto costituisce una datio pro solvendo, è privo del carattere della effettività, essendo equiparabile piuttosto ad una promessa di ristoro.

Cass. n. 9479/1993

La mancata comunicazione dell'arresto al professionista indicato dall'imputato come difensore di fiducia e la successiva celebrazione del giudizio direttissimo non preceduta dall'avviso allo stesso difensore determinano una nullità assoluta e insanabile dell'intero procedimento per violazione del diritto di difesa, a nulla rilevando la presenza e l'assistenza, nel giudizio, di un difensore di ufficio (che nella specie aveva accettato la contestazione supplettiva mossa dal P.M. all'imputato e aveva richiesto il patteggiamento della pena).

Cass. n. 5791/1993

Nel giudizio direttissimo le parti non hanno l'onere di specificare le circostanze sulle quali si intendono escutere i testimoni. Invero la specifica formulazione dell'art. 451 c.p.p. che prevede la «presentazione», al dibattimento, senza citazione, di testimoni, ad iniziativa del pubblico ministero, dell'imputato e della parte civile, è indicativa della voluntas legis di assicurare la semplicità e la celerità del giudizio direttissimo, anche attraverso l'eliminazione di formalità prescritte nel giudizio ordinario. Né la mancanza dell'obbligo di specificare le circostanze sulle quali i testimoni «presentati» dovranno essere escussi realizza una lesione del diritto di difesa, posto che le parti si trovano in una posizione «paritaria» assicurata dall'eguale diritto di «presentazione diretta» (e, pertanto, «a sorpresa») dei testimoni.

Cass. n. 1655/1993

Non sussiste nullità del giudizio direttissimo qualora l'avviso dell'udienza venga notificato al difensore dell'imputato nel pomeriggio del giorno precedente. La disposizione del comma quinto dell'art. 450 c.p.p., secondo cui la notifica va effettuata senza ritardo, non indica un termine preciso e va collegata al successivo art. 451, comma sesto c.p.p., il quale prescrive che l'imputato venga avvisato della facoltà di chiedere un termine per preparare la difesa. La concessione di tale termine elide l'eventuale pregiudizio che al prevenuto potrebbe derivare da una notifica non tempestiva.

Cass. n. 8419/1992

L'irrituale instaurazione del giudizio direttissimo di per sé («da sola») comporta non una nullità di origine generale ma soltanto una irregolarità, che viene eliminata a norma dell'art. 452, primo comma, c.p.p., secondo il quale «se il giudizio direttissimo risulta promosso fuori dei casi previsti dall'art. 449, il giudice dispone con ordinanza la restituzione degli atti al P.M.», ma soltanto nel giudizio di primo grado, o anche successivamente purché sia stata sollevata — e riproposta in sede di impugnazione — eccezione ai sensi e nei termini dell'art. 491, primo comma, c.p.p., dovendosi ritenere che la irritualità dell'instaurazione del processo vada equiparata a nullità relativa ai sensi dell'art. 181 del detto codice. (Nell'affermare il principio di cui in massima la Cassazione ha altresì evidenziato, da un lato, che non può ritenersi «violata» l'iniziativa del P.M. nell'esercizio dell'azione penale — art. 178, lettera b), c.p.p. — per il solo fatto che questi abbia scelto il rito direttissimo invece che quello ordinario e, dall'altro, che non può parlarsi neppure di violazione dei diritti della difesa, nei termini indicati dalla lettera c) del succitato art. 178, salvo che la erronea scelta del rito abbia comportato anche la mancanza di un decreto di citazione o di termini a difesa).

Cass. n. 8069/1992

L'eventuale nullità derivante dalla scelta del rito direttissimo al di fuori dei casi previsti dall'art. 449 c.p.p., non potendo essere inquadrata nell'ambito delle nullità assolute, non può essere eccepita per la prima volta nel giudizio di cassazione.

Cass. n. 167/1992

Nel caso in cui la persona arrestata in flagranza sia presentata all'udienza entro le quarantotto ore successive ed il suo arresto sia debitamente convalidato nella medesima udienza così da determinare la regolare costituzione del rapporto processuale e la rituale instaurazione del giudizio direttissimo, il fatto che all'udienza successiva — e cioè a giudizio direttissimo ormai in corso — si sia verificato un mutamento nella composizione del collegio giudicante non vale ad inficiare la legittimità del giudizio ritualmente instaurato. (Nella specie, relativa a rigetto di ricorso, l'imputato aveva dedotto la nullità del giudizio direttissimo per inosservanza del termine di quindici giorni stabilito dall'art. 449, comma quarto, c.p.p. in quanto il giudizio direttissimo, instaurato con la sua presentazione all'udienza, era stato rinviato, per l'assunzione di mezzi istruttori, ad una udienza che, in considerazione del sopravvenuto mutamento della composizione del collegio giudicante, non poteva costituire prosecuzione della precedente e doveva ritenersi tardiva agli effetti della legittimità della nuova instaurazione del giudizio direttissimo, essendo decorso dalla data dell'arresto il citato termine di giorni quindici).

Cass. n. 930/1991

In tema di giudizio direttissimo, il termine previsto dall'art. 449, primo comma, c.p.p. si riferisce unicamente alla condotta del pubblico ministero, tenuto ad assicurare la disponibilità dell'imputato da parte del giudice, e non riguarda il momento in cui ha inizio il dibattimento.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: è possibile inviare documenti o altro materiale allegandolo ad una email da inviare all'indirizzo info@brocardi.it indicando nell'oggetto il nome con il quale si è richiesto il servizio di consulenza

Testi per approfondire questo articolo

  • Il giudizio direttissimo

    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria e pratica del diritto - Penale e Processo
    Data di pubblicazione: gennaio 2013
    Prezzo: 33,00 -10% 29,70 €

    Il giudizio direttissimo è un istituto processuale assai tormentato sotto l'aspetto legislativo, scientifico e giurisprudenziale e molto spesso sottovalutato dagli operatori del diritto, specialmente dagli Avvocati, che vi intravedono angusti spazi difensivi. La scarna disciplina e le tracce di esemplarità che ancora lo caratterizzano ne fanno poi un istituto di complessa decifrazione, che richiede al giurista grandi sforzi interpretativi, talvolta anche evolutivi. Il... (continua)