Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 160 Codice di procedura penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

[Aggiornato al 28/02/2020]

Efficacia del decreto di irreperibilità

Dispositivo dell'art. 160 Codice di procedura penale

1. Il decreto di irreperibilità emesso dal giudice o dal pubblico ministero nel corso delle indagini preliminari cessa di avere efficacia con la pronuncia del provvedimento che definisce l'udienza preliminare [425, 429] ovvero, quando questa manchi, con la chiusura delle indagini preliminari [405].

2. Il decreto di irreperibilità emesso dal giudice per la notificazione degli atti introduttivi dell'udienza preliminare [419] nonché il decreto di irreperibilità emesso dal giudice o dal pubblico ministero per la notificazione del provvedimento che dispone il giudizio cessano di avere efficacia con la pronuncia della sentenza di primo grado [525 ss., 544 ss.].

3. Il decreto di irreperibilità emesso dal giudice di secondo grado [593 ss.] e da quello di rinvio [627] cessa di avere efficacia con la pronuncia della sentenza.

4. Ogni decreto di irreperibilità deve essere preceduto da nuove ricerche nei luoghi indicati nell'articolo 159(1).

Note

(1) Siffatti limiti possono non esplicare per intero i loro effetti in quanto il decreto di irreperibilità resta pur sempre atto sottoposto alla clausola rebus sic tantibus, essendo meramente dichiarativo di uno stato preesistente.

Ratio Legis

La disposizione in esame, che appositamente disciplina l'efficacia del decreto di irreperibilità, si spiega in quanto questa è una situazione di fatto che può sempre modificarsi e i cui limiti temporali non a volte non coincidono con la chiusura della fase in cui il decreto è stato emesso.

Spiegazione dell'art. 160 Codice di procedura penale

Abbiamo già visto leggendo l'articolo 159 come la conseguenza principale dell'emissione del decreto di irreperibilità è che le notificazioni di cui normalmente è destinatario l'imputato, si considerano valide se fatte al suo difensore (nominata prima di rendersi irreperibile o nominato d'ufficio).

Per quanto concerne l'efficacia del decreto, la norma in esame elenca una serie di limiti temporali che a volte non coincidono con la chiusura della fase in cui il decreto stesso viene emesso. Difatti, l'irreperibilità dichiarata dal giudice o dal pubblico ministero nel corso delle indagini preliminari perde efficacia in seguito alla pronuncia del provvedimento che definisce l'udienza preliminare oppure, se questa manchi, con la chiusura delle indagini preliminari.

Va innanzitutto rilevato che ogni decreto di irreperibilità deve essere preceduto da nuove ricerche ex art. 159.

In relazione alla conservazione di efficacia del decreto di irreperibilità emesso dal pubblico ministero per la notifica dell'avviso di conclusione delle indagini preliminari (art. 415 bis), la Corte d Cassazione ha statuito che conserva efficacia anche ai fini della notifica del decreto di citazione a giudizio emesso dal medesimo pubblico ministero nel procedimento davanti al tribunale in composizione monocratica, ma non quando il pubblico ministero svolga ulteriori indagini dopo la notifica dell'avviso di cui all'art. 415 bis.

Proseguendo con l'analisi, il decreto di irreperibilità emesso dal giudice per la notificazione degli atti introduttivi dell'udienza preliminare, nonché il decreto di irreperibilità emesso sia dal giudice che dal p.m. per la notifica del provvedimento che dispone il giudizio cessa di avere efficacia con la pronuncia della sentenza di primo grado.

I decreti emessi dal giudice di secondo grado e da quello del rinvio cessano invece di avere efficacia con la pronuncia delle relativa sentenza.

Massime relative all'art. 160 Codice di procedura penale

Cass. pen. n. 16708/2018

Ai fini della validità del decreto d'irreperibilità, la completezza delle ricerche va valutata con riferimento agli elementi, conosciuti o conoscibili, risultanti dagli atti al momento in cui vengono eseguite, senza che eventuali notizie successive possano avere incidenza "ex post" sulla legittimità della procedura. (Nella specie, la S.C. ha ritenuto immune da vizi l'ordinanza con cui è stato valutato irrilevante, ai fini della richiesta di rimessione in termini per impugnare l'ordinanza di carcerazione, il fatto, successivamente emerso, che il condannato, dopo due anni dalle ricerche, fosse divenuto reperibile e che, al momento dell'emissione del decreto di irreperibilità, fosse verosimilmente detenuto all'estero).

Cass. pen. n. 13560/2015

La notifica del decreto di fissazione del giudizio di appello all'imputato già dichiarato irreperibile deve essere preceduta, a pena di nullità assoluta, dalla emissione di un nuovo decreto di irreperibilità anche quando la persistenza dello stato di irreperibilità è stata accertata - con la emissione di un nuovo decreto- in occasione della notifica dell'estratto della sentenza contumaciale, in applicazione del principio pe il quale le ricerche devono essere rinnovate ad ogni mutamento di fase.

Cass. pen. n. 5641/2015

Nel momento in cui si ha notizia del domicilio dell'imputato dichiarato irreperibile, le notificazioni devono essere effettuate nelle forme ordinarie, senza che sussista la necessità di una revoca formale del decreto di irreperibilità, che ha natura meramente dichiarativa.

Cass. pen. n. 1863/2015

Il decreto di irreperibilità, previo espletamento delle prescritte ricerche, deve essere nuovamente emesso prima della notifica del decreto di fissazione del giudizio di appello, in ossequio al principio in base al quale le ricerche devono essere rinnovate ad ogni mutamento di fase, determinandosi, in difetto, una nullità di ordine generale ex art. 178 lett. c) cod. proc. pen.

Cass. pen. n. 35241/2013

L'irregolare emissione del decreto di irreperibilità dell'imputato ai fini della notifica dell'estratto della sentenza contumaciale determina una nullità generale a regime intermedio dell'atto, da ritenersi sanata laddove l'imputato abbia, impugnando la sentenza di merito, censurato il contenuto della stessa.

Cass. pen. n. 24527/2012

Il decreto di irreperibilità emesso dal P.M. ai fini della notifica dell'avviso di conclusione delle indagini preliminari è efficace anche ai fini della notifica del decreto di citazione a giudizio, salvo che il P.M. effettui ulteriori indagini dopo la notifica di detto avviso.

Cass. pen. n. 181/2008

La mancata emissione di decreto di irreperibilità dell'imputato ai fini della notifica dell'estratto della sentenza contumaciale determina una nullità generale a regime intermedio dell'atto, da ritenersi sanata laddove l'imputato abbia, impugnando la sentenza di merito, censurato il contenuto della stessa.

Cass. pen. n. 19029/2007

L'efficacia del decreto di irreperibilità, emesso nel corso delle indagini preliminari, permane sino alla pronuncia della sentenza di primo grado, risultando irrilevante il sopravvenuto stato di detenzione dell'imputato per altra causa.

Cass. pen. n. 16000/2007

Il decreto di irreperibilità emesso nel corso delle indagini preliminari non vale ai fini della notificazione del decreto di citazione a giudizio, poiché la chiusura delle indagini (articolo 160, comma 1, del c.p.p.), che segna il limite di efficacia del decreto di irreperibilità emesso nel corso di esse, coincide non già con la notificazione del decreto di citazione a giudizio, ma con la sua emissione da parte del pubblico ministero. Ne deriva che si verifica una nullità assoluta e insanabile del decreto di citazione (che comporta l'annullamento della sentenza sia di primo che di secondo grado) nel caso in cui la notificazione del decreto di citazione a giudizio venga fatta mediante notifica con il rito degli irreperibili in base al decreto di irreperibilità emesso dal pubblico ministero ai fini della notificazione dell'avviso di cui all'articolo 415 bis del codice di procedura penale.

Cass. pen. n. 5698/2003

Il decreto di irreperibilità dell'imputato emesso nel corso delle indagini preliminari non spiega efficacia ai fini della notificazione del decreto di citazione a giudizio disposta dal pubblico ministero ai sensi dell'art. 552 c.p.p., in quanto la chiusura delle indagini di cui all'art. 160, comma 1, stesso codice ha luogo con l'emissione di quest'ultimo decreto, sicché, ai fini della vocatio in iudicium, che segna l'inizio della fase dibattimentale e si realizza con la notificazione del provvedimento, è necessario un nuovo decreto di irreperibilità. (Fattispecie nella quale, avendo il giudice del merito ritenuto operante il primo decreto di irreperibilità anche per la notificazione della citazione a giudizio, la Corte ha annullato sia la sentenza di primo grado, sia quella di appello, con rinvio al tribunale perché rinnovasse la citazione per l'ulteriore giudizio).

Cass. pen. n. 3410/1994

Il decreto di irreperibilità emesso nella fase delle indagini preliminari ha efficacia anche ai fini dei procedimenti di riesame che si collochi in detta fase.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

Testi per approfondire questo articolo

  • Le notificazioni. Dottrina e giurisprudenza

    Editore: Ipsoa
    Collana: Manuali professionali
    Data di pubblicazione: giugno 2016
    Prezzo: 98,00 -5% 93,10 €

    Il Manuale fornisce il quadro completo e aggiornato delle articolate procedure concernenti le notificazioni nel processo civile, amministrativo, tributario e penale.

    Il tema delle 'Notificazioni' è di estremo interesse, fondamentale nell'ambito dell'attività processuale, diretta a conseguire la certezza legale della conoscenza di un atto da parte del destinatario.

    L'opera è aggiornata dalle più recenti novità legislative riguardanti in... (continua)

  • Manuale pratico delle notifiche in Italia e all'estero. Con CD-ROM
    La notifica civile, fallimentare, penale, amministrativa, tributaria e internazionale

    Autore: Merz Sandro
    Editore: CEDAM
    Pagine: 1212
    Data di pubblicazione: giugno 2013
    Prezzo: 85,00 -5% 80,75 €

    A sei anni dalla precedente edizione, il volume tiene conto delle vaste riforme legislative, nazionali ed europee, e della giurisprudenza vivace e innovativa che ha interessato la materia.

    Di fronte ad una simile complessa normativa, articolata in centinaia di leggi, si avverte la necessità di avere un quadro preciso e chiaro delle disposizioni legislative vigenti.

    Per agevolare una consultazione rapida e puntuale, l’opera è strutturata in cinque parti... (continua)