Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 762 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Termine

Dispositivo dell'art. 762 Codice di procedura civile

I sigilli non possono essere rimossi e l'inventario non può essere eseguito (1) se non dopo tre giorni dall'apposizione, salvo che il giudice (2) per cause urgenti stabilisca altrimenti con decreto motivato.

Se alcuno degli eredi è minore non emancipato [2, 390 c.c. e ss.] (3), non si può procedere alla rimozione dei sigilli finché non gli sia stato nominato un tutore [346 c.c.] o un curatore speciale [78] (4).

Note

(1) L'apposizione dei sigilli è un provvedimento temporaneo che comporta la totale immobilizzazione dei beni colpiti a cui fa seguito la loro rimozione. La norma in esame infatti precisa che i sigilli non possono essere rimossi prima che siano trascorsi tre giorni dalla loro apposizione. Infatti, l'inventario viene generalmente effettuato successivamente all'apposizione dei sigilli e per effettuarlo è necessario occorre rimuovere i sigilli per evitare di incorrere nel reato di violazione dei sigilli ai sensi dell'art. 349 del c.p..
(2) La parola «pretore» è stata sostituita dalla parola «giudice» ai sensi dell'art. 105, d.lgs. 19-2-1998, n. 51, recante l'istituzione del giudice unico e a decorrere dal 2-6-1999.
(3) Ai sensi del precedente art. 754 del c.p.c., n. 2, la sigillazione viene disposta d'ufficio nel caso in cui tra gli eredi vi siano minori o interdetti e manchi il tutore o il curatore. In tal caso, la rimozione dei sigilli non può avvenire fino al momento in cui il giudice tutelare non abbia nominato il tutore o il curatore speciale del minore.
Si precisa inoltre, che il comma in commento non si applica nel caso in cui i sigilli siano stati apposti ai sensi dell'art. 754 del c.p.c. n. 3, agli atti di depositari pubblici come i notaio ad esempio. In questa ipotesi, mancando la necessità di proteggere gli eredi incapaci, i sigilli potranno essere rimossi anche prima della nomina del nuovo rappresentante legale.
(4) Nel caso in cui i sigilli vengano apposti sui beni del fallito il curatore, rimossi i sigilli, deve procedere a redigere l'inventario nel più breve tempo possibile formando con l'apporto del cancelliere il verbale delle attività compiute.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • La trasmissibilità ereditaria della stipulatio

    Collana: Collana della Rivista di Diritto Romano
    Pagine: 160
    Data di pubblicazione: novembre 2018
    Prezzo: 26,00 -5% 24,70 €
    Entro il vasto e articolato panorama della disciplina delle obbligazioni contrattuali, il volume si concentra sulla questione della trasmissibilità agli eredi dei rapporti nascenti da stipulatio. Nel dettaglio, mentre con riguardo alle stipulationes in dando il quadro delle fonti non pone particolari problemi interpretativi, le testimonianze inerenti alle stipulationes in faciendo e in non faciendo sono state oggetto di ipotesi ricostruttive assai audaci in dottrina, sia da parte della... (continua)
  • Fondi patrimoniali trust e patti di famiglia. Con e-book. Con espansione online

    Editore: Fag
    Collana: Contabilità e fisco
    Pagine: 253
    Data di pubblicazione: gennaio 2019
    Prezzo: 28,00 -5% 26,60 €
    Le attività economiche e professionali sono costantemente caratterizzate dal fattore "rischio", da una forte accelerazione dei processi di cambiamento e da un incremento dell'esigenza di salvaguardare il patrimonio personale. Il nostro panorama normativo offre una serie di istituti che si dimostrano validi strumenti di tutela del patrimonio. Occorre però valutare le peculiarità di ciascuno e prestare molta attenzione nell'utilizzo: un uso non corretto, o elusivo, ne... (continua)
  • Revoca del legato mediante alienazione e interpretazione della volontà

    Collana: Quaderni della Rassegna di dirit. civile
    Pagine: 112
    Data di pubblicazione: giugno 2014
    Prezzo: 15 €
    Categorie: Il legato

    Il contributo analizza la revoca testamentaria nella più ampia prospettiva della diffusa, quanto discutibile, tassonomia tra atti mortis causa e atti inter vivos, altresì indagando i profili dell'oggetto della sua operatività (ribadendo la definitività e la precettività del testamento e gli equivoci concettuali troppo spesso non denunciati), le modalità di produzione degli effetti e la qualificazione in termini di negozialità, provvedendosi... (continua)

  • Il divieto di patti successori nella prospettiva di un diritto europeo delle succesioni

    Collana: Univ. Molise-Dipartimento giuridico
    Pagine: 408
    Data di pubblicazione: ottobre 2014
    Prezzo: 40 €
    Categorie: Patti successori

    Il divieto di patti successori contenuto nell'art. 458 del Codice Civile rappresenta tuttora uno dei cardini del nostro sistema successorio. La lettera di questa norma pare purtroppo offrire la base giuridica per censurare qualsiasi forma di accordo sulla trasmissione mortis causa del patrimonio di un soggetto ancora in vita e rappresenta un serio ostacolo ad una efficace pianificazione del fenomeno successorio. Si tratta, questa, di una peculiarità del nostro ordinamento, atteso... (continua)