Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 346 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 10/06/2019]

Nomina del tutore e del protutore

Dispositivo dell'art. 346 Codice civile

Il giudice tutelare [344], appena avuta notizia del fatto da cui deriva l'apertura della tutela [345], procede alla nomina(1) del tutore e del protutore.

Note

(1) Il provvedimento di nomina del tutore ha funzione costitutiva, riveste la forma del decreto motivato, revocabile e modificabile anche d'ufficio, e sarà reclamabile presso il tribunale per i minorenni (art. 45 disp. att.).
L'assunzione delle funzioni è obbligatoria e non è pertanto necessaria l'accettazione.

Brocardi

Datus tutor, ad universum patrimonium datus esse creditur

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

179 E' stata soppressa nell'art. 346 del c.c. la menzione, che si faceva nel progetto, del provvedimento, col quale il giudice nomina il tutore e il protutore, perché è sembrato preferibile stabilire in via generale, nelle disposizioni di attuazione del codice, la forma dei provvedimenti che il giudice tutelare può adottare. Analogamente è stato fatto in tutti gli altri casi in cui nel progetto era indicato che il giudice tutelare provvedeva con decreto.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 346 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Francesco chiede
venerdì 08/07/2011 - Calabria

Con la morte del tutore, il protutore può riscuotere la pensione dell'interdetto?”

Consulenza legale i 22/07/2011

Il protutore nominato dallo stesso Giudice Tutelare che ha nominato il tutore non è un generico sostituto del tutore ma ha due funzioni specifiche: rappresenta l’interesse del minore quando il suo interesse è in conflitto con l’interesse del tutore (art. 379 del c.c.art. 380 del c.c. – [[386]]) e sostituisce il tutore quando questi viene definitivamente a mancare (art. 360 del c.c.) con l’obbligo in tale caso di promuovere subito la nomina di un nuovo tutore.

Per quanto riguarda, nel caso specifico, la riscossione della pensione, certamente sarà stata fatta un’apposita delega al tutore (oggi deceduto), si crede, pertanto, conveniente informare simultaneamente il Giudice tutelare e la Direzione Inps competente, per ottenere una delega provvisoria rilasciata in base all’attestazione da parte dell’autorità giudiziaria che il protutore si trova in una delle ipotesi per cui è legalmente abilitato a fare le veci del tutore a vantaggio dell’interdetto e per poter, quindi, legittimamente riscuotere la pensione.


Testi per approfondire questo articolo

  • Amministrazione di sostegno, interdizione, inabilitazione

    Editore: CEDAM
    Collana: Il diritto applicato
    Pagine: 1498
    Data di pubblicazione: marzo 2013
    Prezzo: 99,00 -5% 94,05 €

    Amministrazione di sostegno, interdizione, inabilitazione: queste le declinazioni degli strumenti di protezione dell’incapace, all’indomani dell’entrata in vigore, nel nostro ordinamento, della legge n. 6/2004.

    Questi gli istituti sui quali – all’interno di un trattato unico per la completezza e per l’attenzione riservata all’analisi dottrinale e giurisprudenziale – si confrontano giuristi dalle diverse professionalità... (continua)