Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 762 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Termine

Dispositivo dell'art. 762 Codice di procedura civile

I sigilli non possono essere rimossi e l'inventario non può essere eseguito (1) se non dopo tre giorni dall'apposizione, salvo che il giudice (2) per cause urgenti stabilisca altrimenti con decreto motivato.

Se alcuno degli eredi è minore non emancipato [2, 390 c.c. e ss.] (3), non si può procedere alla rimozione dei sigilli finché non gli sia stato nominato un tutore [346 c.c.] o un curatore speciale [78] (4).

Note

(1) L'apposizione dei sigilli è un provvedimento temporaneo che comporta la totale immobilizzazione dei beni colpiti a cui fa seguito la loro rimozione. La norma in esame infatti precisa che i sigilli non possono essere rimossi prima che siano trascorsi tre giorni dalla loro apposizione. Infatti, l'inventario viene generalmente effettuato successivamente all'apposizione dei sigilli e per effettuarlo è necessario occorre rimuovere i sigilli per evitare di incorrere nel reato di violazione dei sigilli ai sensi dell'art. 349 del c.p..
(2) La parola «pretore» è stata sostituita dalla parola «giudice» ai sensi dell'art. 105, d.lgs. 19-2-1998, n. 51, recante l'istituzione del giudice unico e a decorrere dal 2-6-1999.
(3) Ai sensi del precedente art. 754 del c.p.c., n. 2, la sigillazione viene disposta d'ufficio nel caso in cui tra gli eredi vi siano minori o interdetti e manchi il tutore o il curatore. In tal caso, la rimozione dei sigilli non può avvenire fino al momento in cui il giudice tutelare non abbia nominato il tutore o il curatore speciale del minore.
Si precisa inoltre, che il comma in commento non si applica nel caso in cui i sigilli siano stati apposti ai sensi dell'art. 754 del c.p.c. n. 3, agli atti di depositari pubblici come i notaio ad esempio. In questa ipotesi, mancando la necessità di proteggere gli eredi incapaci, i sigilli potranno essere rimossi anche prima della nomina del nuovo rappresentante legale.
(4) Nel caso in cui i sigilli vengano apposti sui beni del fallito il curatore, rimossi i sigilli, deve procedere a redigere l'inventario nel più breve tempo possibile formando con l'apporto del cancelliere il verbale delle attività compiute.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Il patto di famiglia. L'accordo di famiglia. La fondazione di famiglia

    Autore: Busani Angelo
    Editore: CEDAM
    Data di pubblicazione: ottobre 2019
    Prezzo: 70,00 -5% 66,50 €
    "Il patto di famiglia" analizza ogni aspetto civilistico e fiscale del patto di famiglia e offre approfondimento e soluzioni su tutti gli aspetti controversi dell'argomento, in particolare: se il patto di famiglia possa essere stipulato in assenza di taluno dei legittimari del disponente; se possa avere a oggetto qualsiasi quota di partecipazione a qualunque tipo di società; se possa essere il disponente a "liquidare" il legittimario non assegnatario; quale tutela abbiano i legittimari... (continua)