Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 675 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Termine d'efficacia del provvedimento

Dispositivo dell'art. 675 Codice di procedura civile

Il provvedimento che autorizza il sequestro perde efficacia, se non è eseguito entro il termine di trenta giorni dalla pronuncia (1) (2) (3).

Note

(1) In dottrina manca un'opinione unanime sul momento a partire dal quale far decorrere il termine dei trenta giorni di cui alla norma in esame. Secondo alcuni autori, tale termine decorre dall'emissione del provvedimento e cioè dal suo deposito in cancelleria, secondo altri invece, decorre dalla data della comunicazione nel caso in cui il provvedimento autorizzativo sia stato pronunciato fuori udienza, o dal momento della sua pronuncia se questa sia avvenuta in udienza. Ad ogni modo, si precisa che, al fine di evitare la perdita di efficacia del provvedimento di sequestro, è necessario avviare l'esecuzione del provvedimento entro trenta giorni, rimanendo ferma la possibilità di compiere in un momento successivo gli ulteriori atti di esecuzione anche dopo lo scadere del predetto termine.
(2) Entro il termine dei trenta giorni deve essere compiuto il primo atto di esecuzione che coincide nel sequestro giudiziario sui beni mobili e immobili con l'accesso il loco da parte dell'ufficiale giudiziario e con la redazione del verbale di sequestro, anche se negativo. Diversamente, nel sequestro conservativo sui beni immobili, l'inizio dell'esecuzione si fa coincidere con la trascrizione del provvedimento autorizzativo presso la Conservatorìa dei Registri Immobiliari del luogo in cui l'immobile è situato. Nel sequestro conservativo sui beni mobili, con l'ingiunzione che l'ufficiale giudiziario rivolge al sequestrato di astenersi dal compiere qualunque atto diretto a sottrarre alla garanzia del credito i beni sottoposti a sequestro, nel caso di sequestro conservativo su mobili.
(3) Si precisa che, ai sensi dell'art. 669 novies del c.p.c., l'inefficacia del sequestro deve essere dichiarata dallo stesso giudice che lo ha concesso, previo ricorso della parte interessata. La pronuncia del giudice assume la forma dell'ordinanza avente efficacia immediatamente esecutiva nel caso in cui manchino contestazioni. Diversamente, assume la forma della sentenza nell'ipotesi in cui siano sorte contestazioni riguardo alla legittimità della emanata pronuncia di inefficacia.

Massime relative all'art. 675 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 4187/2004

Al provvedimento di sequestro giudiziario emesso dal commissario liquidatore degli usi civici devono considerarsi applicabili, non dettando le norme in tema di esercizio di funzioni giurisdizionali da parte di tale organo (artt. 29, 30, 31 legge n. 1766 del 1927) una disciplina specifica delle misure cautelari, le disposizioni al riguardo poste dal c.p.c.. Ne consegue che, ove il provvedimento di sequestro giudiziario non sia stato attuato entro i 30 giorni dalla pronunzia, l'interessato può chiedere al Commissario di emettere (con decreto) declaratoria di relativa perdita di efficacia, venendo a tale stregua meno l'ostacolo all'esecuzione forzata della sentenza di condanna al rilascio del medesimo immobile, costituito dal detto provvedimento di sequestro giudiziario (in ragione del conflitto che si instaura tra la situazione determinata dal sequestro, con affidamento del bene ad un custode, e lo spossessamento del detentore - nel caso coincidente con il custode - cui tende l'esercizio di rilascio avente ad oggetto il medesimo bene), atteso che l'affermata prevalenza dell'applicazione ne postula l'effettiva e concreta attuazione; con possibilità di farsi quindi luogo all'esecuzione forzata prima impedita.

La precedente sottoposizione a sequestro giudiziario di un immobile costituisce impedimento all'esecuzione forzata della sentenza di condanna al rilascio del medesimo immobile, in ragione del conflitto che si instaura tra la situazione determinata dal detto provvedimento cautelare — con affidamento del bene ad un custode — e lo spossessamento del detentore (nel caso coincidente con il custode) cui tende l'esercizio di rilascio avente ad oggetto il medesimo bene. Tale ostacolo viene peraltro meno a seguito di declaratoria giudiziale (su istanza dell'interessato e da adottarsi con decreto) di perdita di efficacia del sequestro per non essere stato esso attuato nei 30 giorni dalla pronunzia ai sensi dell'art. 675 c.p.c., atteso che l'affermata prevalenza dell'applicazione ne postula l'effettiva e concreta attuazione; con conseguente possibilità di farsi quindi luogo all'esecuzione forzata prima impedita.

Cass. civ. n. 8679/1990

L'art. 3 della L. 7 ottobre 1969, n. 742 esclude dalla disciplina della sospensione dei termini processuali nel periodo feriale i procedimenti indicati nell'art. 92 dell'ordinamento giudiziario (R.D. 30 gennaio 1941, n. 12), tra i quali sono compresi i procedimenti cautelari nella fase sommaria ed esecutiva. L'anzidetta sospensione non si applica, pertanto, al termine di efficacia del sequestro di trenta giorni (decorrenti dalla pronuncia del provvedimento) di cui all'art. 675 c.p.c.

Cass. civ. n. 2672/1983

Al fine di evitare l'inefficacia del sequestro, sancita dall'art. 675 c.p.c. ove esso non sia eseguito nel termine di trenta giorni dalla pronuncia, il sequestrante deve, nel termine suddetto, dare inizio all'esecuzione del sequestro, ma non necessariamente esaurirla, essendogli consentito di completare le operazioni intraprese, o di compiere nuovi e distinti atti di esecuzione volti a realizzare appieno la cautela, anche successivamente, fino al momento della chiusura dell'istruttoria del giudizio di convalida; ad escludere l'inefficacia è idoneo anche un atto esecutivo infruttuoso, nel caso in cui il sequestrante, pur avendo fatto quanto necessario per mandare ad attuazione il provvedimento, non vi sia riuscito perché non è stato materialmente possibile apprendere alcun bene, dovendo la convalida essere negata, (per mancanza dell'oggetto materiale della cautela e non per l'inefficacia del provvedimento autorizzatorio) soltanto se tale situazione permanga anche alla data della chiusura dell'istruttoria.

Cass. civ. n. 1998/1976

Ai sensi dell'art. 675 c.p.c., il provvedimento che autorizza il sequestro perde efficacia se non viene eseguito entro il termine di trenta giorni dalla pronuncia. Per indagare sul rispetto o meno di detto termine, nel caso di sequestro giudiziario di bene immobile, deve prendersi in considerazione il giorno dell'accesso «in loco» dell'ufficiale giudiziario procedente, quale momento iniziale delle operazioni esecutive, anche se l'immissione in possesso del custode si verifichi in epoca successiva. Al fine indicato, non può darsi rilievo alla data di notificazione di un eventuale preavviso di rilascio, perché l'art. 677 c.p.c., nel richiamare per l'esecuzione del sequestro giudiziario le norme dettate per l'esecuzione per consegna di rilascio, esclude l'obbligo di preavviso di cui all'art. 608 primo comma c.p.c., e perché comunque, anche nell'ordinaria esecuzione per rilascio, il predetto preavviso non costituisce il primo atto di esecuzione.

Cass. civ. n. 710/1971

Il termine di trenta giorni, previsto dall'art. 675 c.p.c., per la esecuzione del sequestro decorre dalla emissione del provvedimento (decreto o ordinanza) col quale il sequestro medesimo è stato autorizzato e non già dalla sua comunicazione alla parte interessata.

Cass. civ. n. 3054/1962

L'ordinanza di sequestro può essere compresa tra i titoli esecutivi di cui all'art. 474 c.p.c., non va, però, munita di formula esecutiva. Legittimato ad agire per l'esecuzione del sequestro è il custode della cosa sequestrata. L'esecuzione del sequestro, già iniziata entro il termine dell'art. 675 c.p.c., può essere continuata anche dopo la scadenza di detto termine.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 675 Codice di procedura civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Anonimo chiede
venerdì 09/03/2018 - Lazio
“Spett.le Redazione,
Vi pongo il mio quesito che vi prego di NON pubblicare online:
Sono socio al 50% di una srl; in qualità di socio ho promosso azione di responsabilità contro i 2 amministratori che sono anche i soci del restante 50%;
Nelle more ho richiesto ed ottenuto in qualità di socio, un sequestro conservativo per il valore accertato in ATP;
Ho quindi sequestrato entro 10 giorni le quote di proprietà degli amministratori in altre società; purtroppo però L' agenzia di servizi quando ha iscritto L' atto ha indicato come beneficiario la mia persona fisica invece che scrivere il nome della società di quale io sono sostituto processuale;
quindi oggi L' atto trascritto è quello corretto ma il nominativo che appare come beneficiario facendo una visura è il mio nome personale;
I convenuti ora (dopo un anno dal sequestro e dall iscrizione avvenuta subito dopo) chiedono che il sequestro venga annullato perché non è stato eseguito entro 30 giorni perché sebbene sia stato trascritto immediatamente, la trascrizione è nulla e, non essendoci altri beni sequestrati in modo corretto, tutto il sequestro va dichiarato nullo perché è come se non fosse stato eseguito,
Che ne pensate?
Potete inviarmi delle sentenze di cassazione chiare su questo punto?
Molte grazie per L' aiuto che ogni volta mi date”
Consulenza legale i 16/03/2018
Secondo l’art. 675 c.p.c. il provvedimento che autorizza il sequestro perde efficacia, se non è eseguito entro il termine di trenta giorni dalla pronuncia.
Ai sensi dell’art. 678 c.p.c., il sequestro conservativo sui beni mobili e sui crediti si esegue secondo le norme stabilite per il pignoramento presso il debitore o presso terzi.
Il sequestro conservativo sugli immobili, invece, ai sensi dell’art. 679 c.p.c., si esegue con la trascrizione del provvedimento presso l'ufficio del conservatore dei registri immobiliari del luogo in cui i beni sono situati.
Nella fattispecie in esame, trattandosi di sequestro di quote sociali, occorrerà fare riferimento all’art. 2471 c.c., il quale stabilisce che il pignoramento della partecipazione si esegue mediante notificazione al debitore e alla società e successiva iscrizione nel registro delle imprese.
Nel nostro caso il cliente riferisce di aver richiesto ed ottenuto, in qualità di socio di una s.r.l., un sequestro conservativo nei confronti degli amministratori (presumibilmente in corso di causa avendo promosso azione di responsabilità), e di aver quindi tempestivamente provveduto all’esecuzione dello stesso.
Ora, sembra a chi scrive che nel caso in esame la trascrizione del sequestro sia stata correttamente eseguita in favore del socio, il quale riferisce di essere la parte che ha richiesto ed ottenuto il sequestro conservativo. Né si comprende a quale titolo egli sostenga di essere “sostituto processuale” della società.
Non è chiara, pertanto, la riferita motivazione della richiesta, avanzata da controparte, di caducazione del sequestro stesso (va precisato che la mancata esecuzione determina l’inefficacia del sequestro e non la sua nullità o annullabilità).
Tuttavia, solo la lettura dei relativi atti processuali consentirebbe di fornire risposta più dettagliata.

antonella chiede
sabato 13/11/2010

“Non è stato possibile eseguire il sequestro in quanto non si sapeva dove fossero depositati gli assegni da sequestrare. Nel frattempo sono scaduti i trenta giorni per l'esecuzione: è possibile richiedere al giudice la proroga per l'esecuzione del sequestro, ora che si sa dove sono?”

Consulenza legale i 01/12/2010

Ai sensi dell'art. 675 del c.p.c. il sequestro deve essere eseguito nel termine perentorio di trenta giorni dalla pronuncia, a pena di inefficacia.
La norma, tuttavia, non richiede che entro il termine sia conclusa l'esecuzione, bensì che essa sia avviata, ottenendo che l'ufficiale giudiziario compia e verbalizzi un primo accesso, con esito positivo o anche negativo, sul luogo in cui dovrebbe trovarsi il bene da sequestrare (Cass. civ. 11789/1993: "Per evitare la perdita di efficacia del sequestro conservativo, ai sensi dell'art. 675 c.p.c., è sufficiente dare inizio all'esecuzione entro il termine di trenta giorni, e ciò anche se l'esito è infruttuoso, e venga quindi redatto un verbale negativo di sequestro. Ferma, dunque, la possibilità di compiere ulteriori atti di esecuzione anche dopo lo scadere del termine, il sequestro non può però essere convalidato, per mancanza dell'oggetto materiale della cautela, qualora al momento della chiusura della fase istruttoria del giudizio di convalida non risulti ancora sequestrato alcun bene").

In ogni caso, è bene ricordare che il termine di cui all'art. 675 c.p.c. rientra nella categoria della perenzione: l'inutile scadenza dei trenta giorni non dà luogo né a prescrizione, né a decadenza, ed è sempre possibile riproporre l'istanza di sequestro (Cass. pen. 2835/2009, ad esempio, ben descrive la natura del termine in esame: "nel sequestro conservativo disciplinato dal c.p.c. la disposizione dell'art. 675 c.p.c., si spiega con il rilievo che la misura cautelare non ha più ragion d'essere se lo stesso creditore dimostra, con la propria inerzia, di non avervi più interesse").


Testi per approfondire questo articolo

  • I provvedimenti d'urgenza ex art. 700 C.P.C.

    Collana: Trattati brevi
    Data di pubblicazione: settembre 2012
    Prezzo: 100,00 -5% 95,00 €

    Il volume è un commento alla materia dei provvedimenti d'urgenza, previsti dall'art. 700 c.p.c. In particolare, gli autori approfondiscono, oltre alle tematiche generali (contenuto e competenza), gli aspetti legati al fallimento, ai diritti assoluti, ai marchi, alla concorrenza sleale al diritto d'autore, alla famiglia, alla tutela del consumo, al diritto alla salute e al condominio. Il volume è aggiornato alla l. 24.3.2012, n. 27, che ha convertito con modifiche il d.l. n.... (continua)

  • Il giudizio cautelare

    Editore: Giuffrè
    Collana: Officina. Amministrativo e processo
    Pagine: 82
    Data di pubblicazione: aprile 2012
    Prezzo: 15,00 -5% 14,25 €
  • Trattato di diritto processuale civile. Vol. XI: Le cautele. Il processo cautelare

    Editore: CEDAM
    Pagine: 1236
    Data di pubblicazione: novembre 2011
    Prezzo: 120,00 -5% 114,00 €

    L'opera in oggetto è il Trattato di diritto processuale civile, seconda edizione, volume XI; il volume si occupa delle cautele in generale e del processo cautelare.

    Il volume è la seconda edizione della pregevole opera già pubblicata qualche anno fa e ripercorre, in questo caso e con una veste ed una struttura completamente rinnovate, la materia del processo cautelare.

    Suddiviso in parti e sezioni, il volume affronta i principi, le cautele ed il processo... (continua)

  • L'attuazione delle misure cautelari

    Data di pubblicazione: ottobre 2012
    Prezzo: 32,00 -5% 30,40 €

    Il volume affronta il tema, da sempre al centro della riflessione scientifica e degli interventi della giurisprudenza (per lo più) di merito, dell’attuazione delle misure cautelari rese dal giudice ordinario.

    Nel volume viene evidenziato il dibattito dottrinale e giurisprudenziale ad oggi ancora aperto ed in particolare seguendone la direzione impressa dai maggiori problemi emersi nella prassi, (a mezzo della ricognizione della parte “emersa” delle pronunce... (continua)

  • Il sequestro cd. liberatorio (art. 687 c.p.c.)

    Editore: Cacucci
    Collana: Univ. Bari-Facoltà giuridica
    Pagine: 296
    Data di pubblicazione: dicembre 2011
    Prezzo: 25,00 -5% 23,75 €

    Sin dalla sua introduzione nel codice di procedura civile del 1940, la disposizione dell'art. 687 è stata al centro di un dibattito mai realmente sopito tra gli studiosi, che ancora oggi non sembrano aver raggiunto una soluzione unitaria in rapporto alle diverse questioni che coinvolgono la misura ivi prevista. L'espressione "sequestro liberatorio", con cui l'istituto è comunemente identificato, suggerisce un certo parallelismo con i rimedi previsti dal codice civile in... (continua)