Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 676 Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 30/06/2020]

Effetti dell'accrescimento

Dispositivo dell'art. 676 Codice Civile

L'acquisto per accrescimento ha luogo di diritto(1).

I coeredi o i legatari(2), a favore dei quali si verifica l'accrescimento(3), subentrano negli obblighi a cui era sottoposto l'erede o il legatario mancante(4), salvo che si tratti di obblighi di carattere personale [572, 677 c.c.].

Note

(1) L'istituto dell'accrescimento opera automaticamente a favore dei coeredi che abbiano accettato l'eredità. Non è necessaria una nuova accettazione nè è possibile una rinuncia della quota attribuita in seguito all'accrescimento, poichè sarebbe una rinunzia parziale, vietata dall'art. 520 del c.c..
(2) In caso di alienazione della quota di eredità si ritiene che, stante il riferimento dell'art. 1543 c. 2 del c.c. a tutti i diritti compresi nell'eredità, operi in favore dell'acquirente il diritto all'accrescimento.
(3) Al pari dell'accettazione dell'eredità, l'accrescimento opera retroattivamente a partire dal momento dell'apertura della successione (v. art. 459 del c.c.).
(4) Quindi gli eredi rispondono, in proporzione alla propria quota, anche ultra vires; i legatari intra vires, cioè solo nei limiti del valore delle cose legate.

Ratio Legis

Dall'accrescimento conseguono i medesimi effetti che derivano dall'accettazione dell'eredità o del legato.

Spiegazione dell'art. 676 Codice Civile

Quanto agli effetti del diritto di accrescimento, l’art. 676 risolve espressamente la questione che, sotto la vigenza della legislazione precedente, la dottrina risolveva traendo appiglio dalle diverse disposizioni positive, e specialmente dalle espressioni adoperate dagli articoli #879#, #883#, #885# e #887# del codice del 1865. L’acquisto per accrescimento, dunque, ha luogo di diritto, senza che il beneficiario si dia pensiero di compiere un qualsiasi atto; anzi, anche a sua insaputa e senza o contro la sua volontà.
Quelli che subentrano al posto del coerede o collegatario mancante ne acquistano i diritti, ma anche gli obblighi e gli oneri: l’art. 676, comma 2 risolve espressamente un’altra questione, dibattuta sotto la vigenza del codice del 1865, stabilendo che solo gli obblighi di carattere personale non trapassano.
Rimane insoluta la questione relativa alle sorti del diritto di accrescimento in caso di cessione, a qualsiasi titolo, per atto tra vivi, della quota ereditaria. Parrebbe che essa debba risolversi in base all’art. 676, comma 1. Se, infatti, l’acquisto per accrescimento ha luogo di diritto, esso è conseguenza indeclinabile dell’acquisto della quota ereditaria: dunque, si verifica a favore dell’erede istituito indipendentemente dalla sua volontà e dalla sua attività. Ma se costui può trasferire per atto tra vivi la quota ereditaria, ne deriva: a) che può venire a mancare, rispetto a lui, la condizione dell’acquisto per accrescimento; b) che tale condizione può sussistere rispetto all’acquirente della quota. Ne consegue ancora che quest'ultimo sarà legittimato all’acquisto per accrescimento.
Si capisce, però, che le parti possono diversamente regolare i loro rapporti, e quindi limitare la cessione al diritto ereditario esistente al momento della cessione, escludendo il diritto all’accrescimento.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Del diritto di accrescimento. Art. 674-678

    Editore: Giuffrè
    Collana: Il codice civile. Commentario
    Data di pubblicazione: maggio 2013
    Prezzo: 48,00 -5% 45,60 €

    L'accrescimento, o diritto di accrescimento, è un istituto giuridico che, come disciplinato dal legislatore italiano, ha sempre presentato - e continua a presentare - tutta una serie di problematiche giuridiche così complesse che, nonostante gli sforzi degli interpreti, non hanno ancora trovato una loro definitiva sistemazione ermeneutica convincente. È, tuttavia, opportuno sottolineare, sin da subito, che qualunque studio sull'accrescimento deve fare necessariamente i... (continua)