Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2417 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Rappresentante comune

Dispositivo dell'art. 2417 Codice civile

Il rappresentante comune può essere scelto al di fuori degli obbligazionisti [2380 bis] e possono essere nominate anche le persone giuridiche autorizzate all’esercizio dei servizi di investimento nonché le società fiduciarie. Non possono essere nominati rappresentanti comuni degli obbligazionisti e, se nominati, decadono dall’ufficio, gli amministratori, i sindaci, i dipendenti della società debitrice e coloro che si trovano nelle condizioni indicate nell’articolo 2399 [2380 bis].

Se non è nominato dall’assemblea a norma dell’articolo 2451, il rappresentante comune è nominato con decreto dal tribunale su domanda di uno o più obbligazionisti o dagli amministratori della società [2831, 2845].

Il rappresentante comune dura in carica per un periodo non superiore a tre esercizi sociali e può essere rieletto. L’assemblea degli obbligazionisti ne fissa il compenso. Entro trenta giorni dalla notizia della sua nomina il rappresentante comune deve richiederne l’iscrizione nel registro delle imprese (1).

Note

(1) Alle istanze di cui al presente articolo si applicano le norme della Sez. I (Procedimento in confronto di una parte sola), Capo II, d.lgs. 17-1-2003, n. 5, ex art. 29, c. 1, d.lgs. cit.

Ratio Legis

Il rappresentante comune è la figura che rappresenta gli obbligazionisti di un determinato prestito obbligazionario nei confronti della società.

Spiegazione dell'art. 2417 Codice civile

L'opinione prevalente ritiene che il rappresentante comune vada configurato come organo in senso tecnico. Può anche essere una società fiduciaria.
Possono essere nominate anche le persone giuridiche autorizzate all'esercizio dei servizi di investimento (società di intermediazione mobiliare, banche, società di gestione del risparmio ed intermediari finanziari).
La nomina del rappresentante comune non è né automatica ex lege né necessaria, ma è rimessa alla valutazione discrezionale degli obbligazionisti.
Il compenso del rappresentante comune deve ritenersi a carico della stessa organizzazione degli obbligazionisti e non della società.
Il rappresentante comune è tale rispetto agli obbligazionisti di una determinata emissione. Pertanto è possibile che si abbiano più rappresentanti comuni nella stessa società, tanti quanti sono i prestiti obbligazionari emessi.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Azioni, obbligazioni e strumenti finanziaria

    Editore: Giappichelli
    Collana: Diritto e professione
    Data di pubblicazione: novembre 2011
    Prezzo: 38,00 -5% 36,10 €

    La struttura finanziaria della società per azioni, e cioè il complesso di quei meccanismi giuridici attraverso cui essa può raccogliere capitale di rischio e di credito incorporandolo in titoli di credito, riveste, un rilievo assolutamente centrale, visto che tale figura si pone come la forma propria della grande impresa quotata o comunque dell'impresa che, per il rilievo delle operazioni economiche poste in essere, ha la necessità di ricorrere ad una... (continua)