Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2302 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Scritture contabili

Dispositivo dell'art. 2302 Codice civile

Gli amministratori devono tenere i libri e le altre scritture contabili prescritti dall'articolo 2214 [2315, 2421, 2490, 2516].

Ratio Legis

Tutti gli imprenditori commerciali, siano essi imprenditori individuali o società, sono obbligati a tenere i libri e le scritture contabili. L'articolo in esame precisa però che tutte le s.n.c. sono soggette a tale obbligo anche se di fatto non esercitano un'attività commerciale (v. 2249).

Spiegazione dell'art. 2302 Codice civile

Gli amministratori della società hanno obbligo di conservare i libri e le scritture contabili di cui all'art. 2214, con la cura e diligenza necessaria.
L'irregolare tenuta delle scritture e dei libri di cui sopra può avere infatti delle pesanti conseguenze per l'amministratore, come la configurazione dei reati di cui agli artt. 216 e 217 R.D. 267/1942 in caso di fallimento della società.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo