Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 421 Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 31/08/2021]

Decorrenza degli effetti dell'interdizione e dell'inabilitazione

Dispositivo dell'art. 421 Codice Civile

L'interdizione [414] e l'inabilitazione [415] producono i loro effetti(1) dal giorno della pubblicazione della sentenza(2), salvo il caso previsto dall'articolo 416(3).

Note

(1) Con la sentenza di interdizione si determina l'incapacità totale di agire del soggetto, sottoponendosi a cura l'amministrazione del patrimonio e la rappresentanza legale dell'incapace per tutti gli atti (richiamando l'art. 357 del c.c.). Con la sentenza di inabilitazione, invece, si determina l'incapacità parziale in capo al soggetto (similmente all'emancipazione di cui all'art. 390 del c.c.) residuando in capo allo stesso la possibilità di compiere atti di ordinaria amministrazione.
(2) Fino al momento della pubblicazione della sentenza, la sentenza di interdizione non avrà la portata di giudicato costitutivo o dichiarativo dell'incapacità legale o naturale dell'interdicendo con effetti retroattivi; sino a questo momento insomma opera una generale presunzione di normale capacità dell'interdicendo (così come dell'inabilitando), dovendosi considerare i suoi atti come validi.
(3) Cui si rimanda per una più completa analisi; si ricorda che la ratio della norma citata consiste nell'impedire il compimento di atti a sé pregiudizievoli nel periodo intercorrente tra il raggiungimento della maggiore età e la pronuncia.

Spiegazione dell'art. 421 Codice Civile

Anche qui vengono opportunamente risolute e troncate molte dispute, svoltesi precedentemente, sul momento in cui acquistano efficacia le sentenze di interdizione e di inabilitazione, specie di fronte alla tendenza (affiorante pur nei lavori preparatori del presente codice) di assicurare maggiori garanzie ai terzi, col dare valore essenziale all'annotazione che della sentenza fosse fatta nell'apposito registro istituito presso la cancelleria del tribunale. Sono notevoli in proposito le considerazioni del Guardasigilli. "Ho considerato", egli osserva "come la protezione, che in questo modo si voleva dare ai terzi, fosse in realtà effimera: in pratica è assai difficile che i terzi possano identificare il tribunale davanti al quale si è svolto il giudizio e quando lo identifichino, è agevole venir a conoscenza della sentenza indipendentemente dalla sua annotazione. D'altra parte, è evidente l'opportunità di non subordinare l'attuazione della tutela dell'incapace, che risponde ad esigenze di pubblico interesse, all'adempimento di formalità estrinseche". Giova, a tal riguardo, notare che l'accolta soluzione antiformalistica si riannoda alla generale tendenza odierna, anche legislativa, di non frapporre ostacoli di adempimenti estrinseci preliminari all'esperimento dell'azione in giudizio.
I dubbi che sotto il sistema del vecchio codice tormentavano, su questo punto, la dottrina e la giurisprudenza sono stati, quindi, opportunamente risolti "nel senso che l'effetto dell'interdizione o della inabilitazione si produce nel giorno della pubblicazione della sentenza", pur senza disconoscere il rendimento pubblicitario ed attestatorio dell'annotazione nei registri dello stato civile. "Riconoscendo", aggiunge il Ministro, "la importanza di una pronta pubblicità, specialmente mediante l'annotazione nei registri dello stato civile, ho fatto obbligo (art. 423) al cancelliere di provvedere immediatamente all'annotazione nel registro e subito dopo alla comunicazione della decisione all'ufficiale dello stato civile. La pubblicità è limitata alle sole sentenze che dichiarino la interdizione o la inabilitazione, non anche a quelle che non vi fanno luogo, giacché non sembra che per queste la pubblicità stessa abbia ragione d'essere.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 421 Codice Civile

Cass. civ. n. 7477/2011

L'incapacitā legale derivante dalla sentenza di interdizione decorre soltanto dal giorno della sua pubblicazione (art. 421 c.c.), con la conseguenza dell'operativitā, fino a tale momento, della generale presunzione di normale capacitā dell'interdicendo e dell'irretroattivitā degli effetti della suddetta decisione. (Nella specie, in applicazione dell'enunciato principio, la S.C. ha confermato la sentenza di merito la quale, considerando operante la menzionata presunzione, aveva stabilito che l'incapacitā naturale della testatrice e donante, in relazione agli atti di formazione pregressa, avrebbe dovuto essere provata dall'interessato in modo univoco e rigoroso, e con riguardo ad ogni singolo atto specificamente impugnato).

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Idee regalo per avvocati e cultori del diritto