Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 357 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Funzioni del tutore

Dispositivo dell'art. 357 Codice civile

Il tutore ha la cura della persona del minore [371] (1), lo rappresenta in tutti gli atti civili [1387] (2) e ne amministra i beni (3).

Note

(1) Il tutore ha la cura della persona del minore alla pari dei genitori, ma è soggetto ad un profondo controllo da parte del giudice tutelare (su autorizzazione del tribunale (art. 375 del c.c.). Sul tutore gravano gli obblighi di istruzione e di educazione, per la soddisfazione di ogni esigenza personale, spirituale e di salute (secondo il dettato dell'art. 147 del c.c.).
(2) L'incarico ricoperto dal tutore è strettamente personale e non può essere conferito ad altri mediante mandato generale, essendo una funzione particolarmente delicata; potrà al limite essere conferita una gestione particolare di singoli atti giuridici senza la sostituzione soggettiva nell'amministrazione dei beni.
(3) Il tutore potrà, in particolare, compiere tutti gli atti che reputa necessari per la conservazione del patrimonio od al fine di garantire la produttività dello stesso, nell'interesse esclusivo del minore.

Brocardi

Impuberes sine tutore agentes nihil posse scire intelliguntur
Iudicium infantis suppletur auctoritate tutoris
Pupillus omnia, tutore auctore, agere potest
Pupillus sine tutoris auctoritate non obligatur iure civili
Si tutor pupillo nolet auctori fieri, non debet eum praetor cogere
Tutor ad utilitatem pupilli, et novare, et rem in iudicium deducere potest
Tutor non rebus dumtaxat, sed et moribus pupilli praeponitur
Tutor personae, non rei vel causae datur
Tutoris praecipuum officium est ne indefensum pupillum relinquat

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 357 Codice civile

Cass. civ. n. 9582/2000

In mancanza di una specifica disposizione normativa che preveda il relativo potere, il tutore dell'interdetto per infermità di mente non può proporre domanda di divorzio per lo stesso; in applicazione analogica dell'articolo 4, quinto comma della L. n. 898 del 1970 - che regola l'ipotesi in cui l'interdetto infermo di mente sia convenuto in un giudizio di divorzio - in relazione agli articoli 78 e 79 c.p.c., legittimato a proporre la domanda di divorzio per l'interdetto è un curatore speciale, la cui nomina può esser richiesta dal tutore.

Cass. civ. n. 1540/1966

Il tutore non può conferire ad altri, spogliandosi del proprio ufficio, un mandato generale relativo all'intera gestione tutelare, in quanto il mandato generale importerebbe la sostituzione radicale di un'altra persona al tutore. Egli può, però, conferire a terzi mandati relativi al compimento di singoli atti, in quanto, conferendo ad altri l'incarico di compiere singoli atti giuridici, non opera, contro il divieto della legge, alcuna sostituzione soggettiva nell'amministrazione dei beni - intesa come autonoma e unitaria gestione del patrimonio dell'incapace - ma si avvale, volta per volta, dell'opera altrui secondo un criterio di opportunità e di convenienza, che può coincidere con la più oculata salvaguardia degli interessi del suo rappresentato. Il che naturalmente non lo esime dalla responsabilità sancita dall'art. 382 c.c., essendo, in ogni caso, fermo il suo obbligo di amministrare il patrimonio dell'incapace con la diligenza del buon padre di famiglia.

Notizie giuridiche correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 357 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Amalia M. L. chiede
sabato 26/02/2011 - Sardegna
“Salve,
vorrei sapere se l'amministratore di sostegno di un disabile psichico, maggiorenne, può decidere l'inserimento in una struttura sanitaria, del beneficiario.
Grazie.”
Consulenza legale i 02/03/2011

Ai sensi dell’art. 407 del c.c. è senz'altro possibile chiedere con ricorso al Giudice Tutelare un ampliamento dei poteri dell’amministratore di sostegno per far sottoporre il beneficiario a cure mediche necessarie al proprio stato di salute.

Il Giudice Tutelare, infatti, può integrare le decisioni assunte nel precedente decreto di nomina ed autorizzare espressamente l’Amministratore di sostegno a decidere l’inserimento in una struttura sanitaria, con attribuzione del potere-dovere di agire - in nome e per conto della persona - esercitabile, però, data la delicatezza della questione, con modalità coerenti alla dignità personale, in nome del diritto alla salute previsto dall’art. 32 Cost. e alla libertà di circolazione dell’art. 16 Cost. del beneficiario.

Potrebbe darsi che il Giudice Tutelare verifichi se nel caso di specie sia da adottare la misura di protezione costituita dall'interdizione, in sostituzione di quella della amministrazione di sostegno, con revoca d’ufficio dell’amministratore di sostegno ai sensi dell’art. 413 del c.c..


Testi per approfondire questo articolo

  • L'amministrazione di sostegno nell'interpretazione della giurisprudenza

    Editore: La Tribuna
    Collana: Tribuna Juris
    Pagine: 416
    Data di pubblicazione: gennaio 2015
    Prezzo: 25 €

    Il volume si segnala ai giuristi, ma anche agli amministratori di sostegno nominati ed a quelli che aspirano alla nomina nonché agli operatori dei servizi socio-sanitari, per essere una guida pratica, chiara, ma giuridicamente informata, assai aggiornata e puntuale, sulla figura e sui compiti dell'amministratore di sostegno. Peculiare rilievo viene riservato, fra gli altri, ai seguenti argomenti: le fasi del procedimento di nomina dell'amministratore di sostegno; l'attività... (continua)