Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 50 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Immissione nel possesso temporaneo dei beni

Dispositivo dell'art. 50 Codice civile

Divenuta eseguibile la sentenza che dichiara l'assenza [730 c.p.c.], il tribunale, su istanza di chiunque vi abbia interesse o del pubblico ministero, ordina l'apertura degli atti di ultima volontà dell'assente [587], se vi sono.

Coloro che sarebbero eredi testamentari [592 c.c.] o legittimi [587, 565], se l'assente fosse morto nel giorno a cui risale l'ultima notizia di lui, o i loro rispettivi eredi [479] possono domandare l'immissione nel possessotemporaneo dei beni [52 ss.] .

I legatari [588], i donatari [769] e tutti quelli ai quali spetterebbero diritti dipendenti dalla morte dell'assente possono domandare di essere ammessi all'esercizio temporaneo di questi diritti [63 co. II, 64].

Coloro che per effetto della morte dell'assente sarebbero liberati da obbligazioni possono essere temporaneamente esonerati dall'adempimento di esse, salvo che si tratti delle obbligazioni alimentari previste dall'articolo 434 [51, 63 co. III, 448].

Per ottenere l'immissione nel possesso, l'esercizio temporaneo dei diritti o la liberazione temporanea dalle obbligazioni si deve dare cauzione nella somma determinata dal tribunale [119 c.p.c.]; se taluno non sia in grado di darla, il tribunale può stabilire altre cautele, avuto riguardo alla qualità delle persone e alla loro parentela con l'assente.

Spiegazione dell'art. 50 Codice civile

Come per la dichiarazione giudiziale di assenza, saranno interessati a chiedere l'apertura degli atti di ultima volontà dell'assente coloro che vantino un credito od abbiano contratto obbligazioni con l'assente.
Oltre all'apertura del testamento dell'assente, con la dichiarazione di assenza può far seguito l'immissione nel possesso temporaneo dei beni, su domanda di coloro che sarebbero eredi testamentari o legittimi. Essa determina effetti simili a quelli della successione a causa di morte (v. Libro II, Titolo I), ma è pur sempre un istituto diretto a tutelare l'aspettativa di fatto alla successione (per questo, gli immessi nel possesso acquistano solo un diritto di godimento sui beni altrui, e la proprietà piena passerà con l'accertamento della morte dell'assente).
In ogni caso (salvo che il Tribunale ritenga diversamente, ma sia comunque redatto l'inventario) dovrà essere prestata idonea cauzione a carico di coloro che vengono temporaneamente immessi nel possesso.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

70 Si è ritenuto inutile precisare, come era stato suggerito, che l'istanza degli eredi testamentari per l'immissione nel possesso temporaneo debba essere proposta in contraddittorio con gli eredi legittimi, poiché ciò emerge dalle norme processuali. E' sembrata, invece, opportuna la proposta fatta relativamente alla disposizione del quarto comma dell'art. 54 del progetto. Questa prevede l'esonero temporaneo dall'adempimento delle obbligazioni che sarebbero estinte per effetto della morte dell'assente. La proposta è stata determinata dalla preoccupazione di eccettuare dalla possibilità dell'esonero temporaneo l'obbligazione alimentare tra suocero e suocera, genero e nuora, che cessa quando il coniuge, da cui deriva l'affinità, e i figli e i loro discendenti siano morti. Senonché la formula suggerita eccettuerebbe dall'esonero le obbligazioni alimentari in genere. Per contenere la norma entro i limiti anzicennati, si è fatto esplicito richiamo all'art. 434 del c.c. che prevede tale obbligazione alimentare.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Benessere e regole dei rapporti civili. Atti del 9º Convegno nazionale

    Collana: Soc. ital. studiosi del diritto civile
    Pagine: 524
    Data di pubblicazione: maggio 2015
    Prezzo: 76 €

    Il 9° Convegno nazionale ha offerto una riflessione congiunta e interdisciplinare sulla prospettiva futura di regole in grado di conservare risorse e beni che contribuiscono a trattenere l'habitat dei luoghi, naturali ed artificiali. Il volume racconta con fedele realismo le giornate nelle quali relatori di rilievo internazionale hanno guardato alle regole privatistiche della società inclusiva, alla ricomposizione dei rapporti tra autorità statuale e competenza... (continua)

  • Codice commentato di famiglia, minori e soggetti deboli

    Data di pubblicazione: settembre 2014
    Prezzo: 230,00 -5% 218,50 €

    Il Codice, curato dai più autorevoli esperti della materia, è un'indispensabile guida per l'approfondimento delle tematiche sulla famiglia e l'interpretazione delle riforme in materia di filiazione, situazioni di violenza familiare, pedofilia e pornografia minorile e da ultimo le recentissime sentenze in tema di fecondazione (Corte cost., 10 giugno 2014, n. 162) e nullità del matrimonio (Cass., S.U., 17 luglio 2014, n. 16379). L'opera risponde ai bisogni di... (continua)

  • Le persone fisiche

    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: aprile 2016
    Prezzo: 18,00 -5% 17,10 €
    Con l'espressione "persone fisiche" si indicano, nel linguaggio giuridico italiano, gli esseri umani. Nel nostro ordinamento, qualunque persona fisica acquista, al momento della nascita, la capacità giuridica (art. 1 c.c.): con "capacità giuridica" si intende l'attitudine a essere titolari di diritti e doveri. Gli enti che hanno capacità giuridica sono qualificati come soggetti di diritto, o soggetti giuridici (sono soggetti di diritto coloro che possono essere titolari... (continua)
  • Persone fisiche. Capacità, status, diritti

    Editore: Giappichelli
    Collana: Trattato di diritto privato
    Data di pubblicazione: luglio 2014
    Prezzo: 59,00 -5% 56,05 €

    Il volume analizza la nozione di capacità, nella sua evoluzione storica e nelle sue diverse attuali implicazioni, tra principi costituzionali e diritti umani, con particolare attenzione all'inizio e alla fine della vita, nonché alla condizione minorile e ai diritti di tutti gli "incapaci". Affronta ulteriori tematiche, in genere poco considerate nella prospettiva privilegiata dell'autore: gli status e la loro distinzione della capacità (cittadinanza; rapporti di... (continua)