Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1022

Codice Civile

Abitazione

Dispositivo dell'art. 1022 Codice Civile

Chi ha il diritto di abitazione di una casa può abitarla limitatamente ai bisogni suoi e della sua famiglia [540 2, 1023] (1).

Note

(1) Tale istituto, può essere considerato alla stregua di uso (art. 1021 del c.c.) avente ad oggetto un immobile adibito a finalità abitative oppure lo si può considerare come figura giuridica avente caratteri diversi da quelli propri del diritto in esame.
L'abitazione, in particolare, non dà al titolare alcun diritto sui frutti, dato che le facoltà allo stesso attribuite si riferiscono soltanto ai bisogni suoi e della sua famiglia, mentre nell'uso questo limite riguarda solo i frutti (c.d. modica perceptio).
Nell'ipotesi esemplificativa di uso su di una casa, ha non solo il diritto di abitarla, ma anche di adibirla a negozio, a laboratorio, a magazzino, ..., escludendo del tutto dal godimento il proprietario.
Nell'ipotesi di abitazione, il titolare ha, invece, l'obbligo di godere e limitare l'abitazione a quella porzione dell'immobile bastevole al soddisfacimento dei bisogni abitativi suoi e della sua famiglia, avendo il proprietario la possibilità di persistere nell'uso della rimanente porzione di casa.

Ratio Legis

Importante la differenza tra diritto d'abitazione e contratto di locazione (artt. 1571 ss. c.c.). Quest'ultimo è, infatti, regolato dalla c.d. legge sull'equo canone (legge del 1978, n. 392 così come modificata dalla legge n. 359, del 1992 e dalla legge n. 431 del 1998), la quale mira a proteggere il conduttore, quale parte debole del rapporto. Al fine di evitare il rischio di elusione della normativa in esame tramite l'occultamento della locazione con un contestuale palesarsi di un diritto di abitazione, la dottrina procede ad un'attenta analisi dei casi pratici.

Brocardi

Habitatio
Iura in re aliena

Spiegazione dell'Articolo 1022 del Codice Civile

L 'uso e l'abitazione nei confronti dell'usufrutto

La disciplina di quei due diritti reali minori che sono l'uso e l'abitazione è rimasta pressoché immutata rispetto al codice del 1865. La differenza tra l'usufrutto da un lato e l'uso e l'abitazione dall'altro è sempre imperniata sulla diversità di contenuto, dato che il primo importa il diritto al godimento della cosa nella sua piena capacità produttiva, mentre i secondi attribuiscono un godimento limitato ai bisogni del titolare e della sua famiglia. Pertanto, mentre l'usufruttuario ha diritto a tutti i frutti che la cosa produce e può anche fare di quelli e di questa una utilizzazione indiretta, il titolare del diritto di uso e di abitazione invece deve servirsi della cosa solo direttamente e nei limiti in cui la sua utilizzazione serva a soddisfare direttamente i bisogni del titolare e della sua famiglia.

La distinzione fra uso e abitazione è quasi puramente nominale: l'uso è la categoria pia generale dalla quale l'abitazione si differenzia non solo perché ha per oggetto un edificio ma perché ha riguardo alla soddisfazione di un particolare bisogno, ossia quello dell'alloggio (infatti l'uso di un edificio darebbe la possibilità di utilizzazione della cosa per un bisogno diverso, come ad es. quello di tenervi un ufficio, una bottega ecc.). Ma a parte ciò l'identità concettuale fra uso e abitazione è innegabile.


Il godimento dell'usuario e del titolare dell'abitazione

Poiché la caratteristica di questi due diritti e data dalla limitazione del godimento che essi attribuiscono, in funzione dei bisogni del titolare, si deve escludere non solo la possibilità del godimento indiretto ma anche quella di servirsi dei frutti naturali della cosa come mezzo di scambio per conseguire altri beni idonei alla soddisfazione di bisogni del titolare del diritto. I frutti quindi devono essere prelevati solo nella misura in cui sono sufficienti a soddisfare direttamente, e non come beni strumentali, i bisogni dell'usuario e della sua famiglia: se essi eccedono tale limite, il proprietario fa sua l'eccedenza acquistando direttamente la proprietà dei frutti. Si fa luogo cosi a una vera e propria comunione di godimento tra proprietario e usuario.

Quanto al diritto di abitazione, il limite in oggetto serve a determinare la parte dell'edificio che il titolare del diritto può abitare: come egli non può locare la casa, così non può servirsene per un bisogno diverso da quello dell'alloggio. È escluso quindi che se ne possa servire per i bisogni della sua attività professionale, industriale, commerciale e cosi via. Quanto al diritto di uso, esso comprende, secondo la chiara formula dell'art. 1021, che ha reso più evidente il concetto insito nell'art. 521 del vecchio codice, sia l' uso (utilizzazione della cosa in sè) sia il fructus (possibilità di percepire i frutti naturali), nel caso che la cosa sia fruttifera, ma entrambe le forme di godimento soggiacciono al limite intrinseco che si è visto, per cui sono possibili in quanto sono necessarie e idonee a soddisfare direttamente i bisogni dell'usuario.

Si intende che il bisogno dell'usuario o del titolare del diritto di abitazione, se costituisce il limite del contenuto del diritto, non è affatto una condizione per il suo esercizio. Non interessa quindi vedere se i bisogni del titolare possono essere da lui soddisfatti attraverso una via diversa da quella della utilizzazione della cosa oggetto dell'uso e dell'abitazione (come sarebbe invece importante se si trattasse di un diritto alimentare), basta vedere se l'utilizzazione diretta della cosa o i suoi frutti possono soddisfare direttamente un bisogno dell'usuario e se il godimento e limitato in funzione di questo scopo.

Quanto alla valutazione del bisogno essa deve esser fatta con riguardo alle condizioni del titolare e dei membri della sua famiglia, all’età, alla condizione sociale, al sesso e cosi via. Appunto per ciò l’ art. 1021 stabilisce che i bisogni si devono valutare secondo la condizione sociale del titolare del diritto. Questo criterio di valutazione che la legge detta per l'uso è evidentemente applicabile anche per il diritto di abitazione (per i1 quale anzi lo dettava esclusivamente l'art. 524 del codice del 1865): il criterio del bisogno, come limite del godimento, è un criterio elastico ed e suscettibile, secondo le circostanze, di una certa latitudine di apprezzamento.


Il titolo costitutivo dell'uso e dell'abitazione

I caratteri essenziali dell'uso e dell'abitazione che abbiamo sinora delineati portano senz'altro a ritenere che non tutte le cose ne possono formare oggetto. A prescindere dall'abitazione che ha sempre per oggetto un edificio, è chiaro che non si può costituire il diritto di uso su una somma di denaro o su altro bene strumentale o comunque su un bene che direttamente non è idoneo alla soddisfazione di un bisogno (es. un'azienda commerciale o industriale).

Il diritto di uso e quello di abitazione possono derivare dal contratto (ipotesi però assai rara, che troverà riscontro solo quando sia emerso che le parti vollero un comodato o una locazione), e vi è qualche caso di diritto di abitazione che può avere una fonte legale ((art. 540 comma 2 c.c.).

Come s'intende, il titolo costitutivo può regolare il diritto di uso e di abitazione in maniera diversa da quanto è stabilito negli articoli 930 e segg., che contengono norme indubbiamente dispositive. Cosi può essere esteso o ridotto il godimento, e può essere determinata con precisione la misura ecc. Quel che si deve sottolineare è che, se dal titolo risulta che il limite del bisogno non opera (per es. se il titolo ammette la cedibilità del diritto), allora bisognerà concludere che non si può parlare di uso o di abitazione e che si dovrà invece ritenere che le parti o il testatore hanno voluto costituire un usufrutto

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Sentenze relative a questo articolo

Cass. n. 14687/2014

In tema di diritto di abitazione, il limite sancito dall'art. 1022 cod. civ. riguardo ai bisogni del titolare e della sua famiglia non deve essere inteso in senso quantitativo, che imporrebbe l'ardua determinazione della parte di casa necessaria a soddisfare tali bisogni, ma solo come divieto di utilizzo della casa in altro modo che per l'abitazione diretta dell'"habitator" e dei suoi familiari.

Cass. n. 4562/1990

Il diritto di abitazione, che ha le sue origini nell'usus domus del diritto romano classico, ha natura reale e quindi può essere costituito me­diante testamento, usucapione o contratto, per il quale è richiesta ad substantiam la forma dell'atto pubblico o della scrittura privata (art. 1350, n. 4, c.c.).

Cass. n. 3974/1984

Il diritto di abitazione, a differenza dell'usu­frutto e del diritto di uso, ha carattere talmente particolare e personale da non potere né essere ceduto ad altri, nemmeno quanto all'esercizio, né avere attuazione diversa da quella dell'abitazione personale dell'immobile da parte del relativo tito­lare.

Cass. n. 3342/1984

L'art. 84 della L. 27 luglio 1978, n. 392 — in forza del quale sono abrogate tutte le disposizioni incompatibili con la legge stessa — non ha inciso sull'art. 1022 c.c., non riguardando tale norma la materia disciplinata dalla richiamata legge — e cioè la locazione degli immobili urbani — bensì il diritto di abitazione, che costituisce un diritto reale immo­biliare.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica.
N.B.: è possibile inviare documenti o altro materiale allegandolo ad una email da inviare all'indirizzo info@brocardi.it indicando nell'oggetto il nome con il quale si è richiesto il servizio di consulenza

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Quesiti degli utenti
relativi all'articolo 1022 del c.c.

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Fabio M. chiede
mercoledì 05/07/2017 - Emilia-Romagna
“buongiorno, a giugno del 2016, ho costituito a favore di mia moglie un diritto di abitazione. premetto che sono titolare e amministratore di una società che attualmente si trova in grave stato d'insolvenza e che ho prestato alcune fidejussioni personali ad istituti bancari. i creditori della società a cui ho prestato la mia garanzia personale, possono ottenere la revocatoria? preciso che l'impegno a garantire è stato sottoscritto prima dell'atto di cessione del diritto di abitazione. Grazie”
Consulenza legale i 12/07/2017
La risposta è, purtroppo, positiva.
La responsabilità patrimoniale del debitore poggia sul disposto dell’art. 2740 c.c, a mente del quale “il debitore risponde delle sue obbligazioni con tutti i suoi beni, presenti e futuri”.
Questo significa che i creditori, dal momento che ha prestato fideiussioni personali, possono rivalersi anche sui suoi beni personali e non solo su quelli della società.

L’art. 2901 c.c. prevede che il creditore possa chiedere in giudizio che siano dichiarati inefficaci nei suoi confronti gli atti di disposizione patrimoniale, posti in essere dal debitore, che costituiscono pregiudizio alle sue ragioni.

Presupposti dell’azione revocatoria sono dunque 1) l’esistenza di un credito; 2) un atto dispositivo che mira a far uscire uno o più beni fuori dal patrimonio del debitore; 3) la consapevolezza del debitore di pregiudicare il soddisfacimento delle ragioni creditorie se trattasi di atto a titolo gratuito, come in questo caso ove a fronte del godimento del diritto di abitazione non è stato previsto alcun corrispettivo.

L’azione revocatoria si prescrive in 5 anni decorrenti dalla trascrizione dell’atto dispositivo nei pubblici registri (art. 2903 c.c.).

La Cassazione in precedenti casi ha sempre riconosciuto che la costituzione del diritto d’abitazione da parte del debitore ed in favore di soggetti terzi, costituisce atto dispositivo pregiudizievole delle ragioni creditorie e dunque è suscettibile di essere dichiarato inefficace a seguito dell’esperimento dell’azione revocatoria (Cass. 8516/2006).

L'unico caso in cui non dovrebbe essere ammessa la possibilità di esperire l’azione revocatoria è il caso della separazione giudiziale, conclusasi dunque con sentenza e non con l’accordo dei coniugi omologato, con la quale l’immobile viene assegnato dal Giudice al coniuge non proprietario, in quanto trattandosi di provvedimento dell'autorità giudiziaria e quindi deciso e voluto dal Giudice, non si sarebbe in presenza di un atto dispositivo.

Merita poi precisare che al di là dell’esperimento dell’azione revocatoria, il creditore potrà sempre espropriare il bene anche se sullo stesso sussiste un altrui diritto personale di godimento.

Infatti una cosa è la proprietà del bene, il diritto di disporne, altra cosa sono i diritti di godimento altrui esistenti sul medesimo e la loro opponibilità ai terzi acquirenti (in questo caso ai terzi esproprianti), cioè la loro efficacia nei confronti dei terzi che ad esempio ne acquistino la proprietà.
Stante il disposto dell'art. 2915 c.c. la costituzione del diritto di abitazione se non revocata, è opponibile (ovverosia è efficace nei confronti dei terzi e dei creditori) se l'atto costitutivo è stato trascritto nei registri immobiliari prima del pignoramento.

Se il diritto d’abitazione fosse opponibile ed i creditori non esperissero l’azione revocatoria, la proprietà del bene verrebbe trasferita comunque ai terzi acquirenti, ma unitamente al diritto d’abitazione che il terzo acquirente, a questo punto, sarebbe tenuto a rispettare anche se nuovo proprietario. Dunque se ha trascritto l'atto prima del pignoramento ed i creditori non volessero proporre azione revocatoria, sua moglie e la sua famiglia potrebbero continuare ad abitare la casa, anche se di proprietà altrui.

Tuttavia, dal momento che l’esistenza del diritto di godimento altrui diminuisce il valore dell’immobile e quindi il ricavato della vendita, i creditori hanno probabilmente tutto l’interesse di agire ex art. 2901 c.c. .

Cesira A. chiede
lunedì 27/04/2015 - Liguria
“Premetto:
Mio marito ha contratto con Equitalia per Irpef e multe (dei vigili urbani e della polizia stradale) non pagate un debito di circa 45.000 Euro (comprensivo dell' importo delle tasse,
degli interessi e della mora); mio marito non possiede nulla e riscuote, attualmente, una pensione di 980 Euro; la casa dove abitiamo è intestata a me così come i terreni (che ho ereditato dai miei genitori e su cui sorge la casa); al momento del matrimonio è stata
scelta la separazione dei beni (anche il conto corrente è separato)
Chiedo:
a) Equitalia può imporre che il suddetto debito sia saldato facendo riferimento al "reddito familiare" e, quindi, coinvolgendomi nel pagamento, oppure mio marito deve provvedere al
pagamento di un debito che è esclusivamente suo visto che è lui a non aver pagato, a tempo debito, quanto dovuto?
b) Ho una figlia a favore della quale ho fatto testamento quale erede universale; nel testamento ho scritto che mio marito ha esclusivamente "il diritto di abitazione" è sufficiente per escluderlo dalla quota di legittima?
Vi ringrazio anticipatamente”
Consulenza legale i 13/05/2015
a) Costituisce principio generale del nostro ordinamento che i debiti devono essere pagati dal debitore, cioè da colui che li ha contratti. Ciò implica che i debiti assunti da un soggetto non devono essere pagati da altri, anche se si tratta di suoi parenti o del coniuge, a meno che queste persone abbiano contratto il debito assieme al debitore o si siano offerti come garanti (es. fideiussori).
In particolare, con riferimento al caso di specie, il mancato pagamento di imposte sul reddito e di multe costituisce certamente debito personale del marito.
Ciò significa che i beni della moglie sono al riparo da qualsiasi azione esecutiva dei creditori del marito, salvo che vi siano state simulazione di vendita dal marito alla moglie, ma non ci pare che ciò sia avvenuto nel caso di specie.
I creditori potranno rivalersi solo sulla pensione del marito, pignorandola nei limiti previsti dalla legge e meglio chiariti dalla giurisprudenza: in particolare, la Cassazione ha sottolineato che al pensionato vanno garantiti i mezzi adeguati alle sue esigenze di vita e che, di conseguenza, si possono pignorare solo le somme che eccedono tale limite di sopravvivenza.

b) La quota di legittima che spetta al coniuge nel caso in cui ci sia anche un figlio è stabilita dall'art. 542 del c.c.: al figlio è riservato un terzo del patrimonio ed un altro terzo spetta al coniuge.
Per poter rispondere alla domanda si dovrebbe calcolare il valore del patrimonio della moglie ed evincere quale sia la quota di 1/3.
Il diritto di abitazione è quel diritto reale di godimento su una cosa altrui, per il quale il titolare ha facoltà di abitare una casa limitatamente ai bisogni suoi e della sua famiglia (art. 1022 del c.c.): esso può sorgere per atto tra vivi (un contratto) o per atto mortis causa (testamento).

Come si calcola il valore del diritto di abitazione?
Dal punto di vista fiscale, il valore economico del diritto di abitazione va determinato applicando i criteri previsti dall'art. 15 legge n. 179 del 17.2.1992 e nella tabella allegata al D.P.R. 131 del 26.4.1986 (T.U. in materia di imposta di registro) come modificata dalla legge n. 408/1990. Tali criteri dettati con riferimento al diritto di usufrutto vanno applicati anche al fine di valutare il diritto di abitazione.

Dal punto di vista civile, invece, non opera questa equiparazione con il diritto di usufrutto, quindi non vi sono principi universalmente applicati. Alcuni tecnici calcolano il diritto di abitazione in proporzione, come quota del diritto di usufrutto.

Ciò che è certo è che il valore di un immobile diminuisce in presenza di un diritto di abitazione. Ciò è stato chiarito dalla giurisprudenza nel caso di diritto di abitazione spettante al coniuge superstite, ma può trovare applicazione anche per il diritto di abitazione costituito con testamento: "Qualora il diritto di abitazione spettante al coniuge superstite cada sulla residenza familiare del de cuius sita in un immobile in comproprietà lo stesso deve convertirsi nel suo equivalente monetario. Il diritto di abitazione in questione, infatti, trova limite e attuazione in ragione della quota di proprietà del defunto, cosicché ove per l'indivisibilità dell'immobile non possa attuarsi il materiale distacco della porzione dell'immobile spettante e l'immobile venga assegnato per intero ad altro condividente, deve farsi luogo all'attribuzione dell'equivalente monetario del diritto di abitazione" (Cass. civile 14594/2004).

Per essere certi che il valore del diritto di abitazione nella fattispecie concreta costituisca un terzo del valore del futuro compendio ereditario si dovrebbe affidare ad un tecnico l'incarico di verificare la consistenza economica del patrimonio della signora. Non è purtroppo possibile determinarlo senza una indagine tecnica.

In conclusione, una precisazione: i debiti contratti dal marito possono ricadere sulla moglie e sulla figlia alla morte dell'uomo, se queste non rinunciano espressamente all'eredità. Si dovrà, quindi, nel momento in cui il marito deceda, prestare attenzione a non compiere atti che possano implicare l'accettazione dell'eredità, ma procedere subito a rinunciarvi in modo formale (notaio).

Ivana B. chiede
venerdì 19/10/2012 - Valle d'Aosta
“Il diritto di abitazione si estende anche al giardino della casa?”
Consulenza legale i 19/10/2012

Sì, il diritto si estende a tutto ciò che concorre ad integrare la casa che ne è oggetto (Cass., sez. II, 17 aprile 1981 n. 2335).


Testi per approfondire questo articolo

  • Rapporti familiari ed esigenze abitative. (Le risposte in uno studio comparato)

    Pagine: 262
    Data di pubblicazione: luglio 2012
    Prezzo: 15,00 -10% 13,50 €

    La casa di abitazione familiare è al centro in questa indagine, finanziata in parte dal MIUR, volta a ricostruire e rendere conoscibili la normativa vigente in materia in vari paesi dell'area europea, e a verificare il più possibile la sua attuazione nella realtà concreta. Il gruppo di ricerca modenese (C.Æ.DI.C Centro Æmilia di Diritto Comparato) ha approntato un questionario su argomenti di particolare interesse giuridico, statistico e sociologico,... (continua)

  • I diritti reali
    [volume 3] Usufrutto, uso, abitazione, superficie

    Collana: Trattato di diritto civile
    Pagine: 256
    Data di pubblicazione: ottobre 2009
    Prezzo: 35,00 -10% 31,50 €

    Un’opera approfondita e completa della materia che fornisce una lettura teorico-pratica della normativa contenuta nel codice e l’analisi di tutta la casistica più significativa.

    PIANO DELL’OPERA

    I diritti sulle cose limitati nel tempo
    I problemi
    La costituzione dell’usufrutto
    Il contenuto dell’usufrutto
    I poteri di disposizione
    La conservazione della cosa e i carichi di godimento
    L’estinzione(continua)

  • Usufrutto, uso, abitazione

    Editore: CEDAM
    Data di pubblicazione: luglio 2010
    Prezzo: 85,00 -10% 76,50 €

    Il volume attualizza il tradizionale ambito dei diritti reali di usufrutto, uso ed abitazione, alla luce dei nuovi orientamenti offerti dalla giurisprudenza.
    In particolare, ampio risalto è concesso alle “nuove” figure del diritto reale d'uso, “ope legis”, sulle aree a parcheggio e dei diritti d'uso e d'abitazione a favore del coniuge superstite.
    Completa l'opera la disamina della nuova disciplina della mediazione civile (D.lgs. n. 28 del 4.3.2010),... (continua)

  • Il diritto all'abitazione nella prospettiva dell'housing sociale

    Collana: Quaderni della Rassegna di dirit. civile
    Pagine: 208
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 24 €
    Categorie: Uso e abitazione
    Le migrazioni, le emergenze legate al nomadismo, e più in generale la domanda diffusa e delusa di case, suggeriscono una rimodulazione del diritto all'abitazione, declinato come diritto all'alloggio e come diritto all'ospitalità. Ne consegue una apertura del predicato della normatività a nuove modalità espressive, a misura di emergenti profili di rilevanza della persona. L'housing sociale è, allo stato, un insieme eterogeneo di esperienze, dalla prima accoglienza all'alloggio, situate... (continua)
  • Uso, abitazione e servitù irregolari

    Editore: Zanichelli
    Collana: Strumenti del diritto
    Pagine: 632
    Data di pubblicazione: dicembre 2012
    Prezzo: 95,00 -10% 85,50 €

    I diritti di uso e di abitazione si rivelano strumenti utili per i privati, nonché per il legislatore e per la giurisprudenza che ne hanno ampliato notevolmente l'ambito di applicazione: si è risposto così non solo a questioni di diritto immobiliare (si pensi al diritto di uso delle aree a parcheggio), ma anche di diritto di famiglia e delle successioni (come nel caso dei diritti di uso e abitazione in capo al coniuge superstite e per alcuni dell'assegnazione della... (continua)

  • Manuale pratico e Formulario di Servitù - Usufrutto - Superficie - Uso - Abitazione - Enfiteusi
    Profili civili, amministrativi, processuali, internazionali, penali e fiscali. Schemi e consigli pratici. Volume+CD-Rom

    Editore: CEDAM
    Data di pubblicazione: maggio 2010
    Prezzo: 66,00 -10% 59,40 €

    Il volume tratta la materia dei diritti reali che rivestono grande importanza sul piano giuridico e su quello economico. Si pensi, ad esempio, alle rilevantissime implicazioni pratiche della deductio usufructus attraverso cui si può addivenire ad opportuni trasferimenti di ricchezza.Il volume, come è nella tradizione dei manuali pratici che il lettore apprezza da anni, rappresenta uno strumento di lavoro per risolvere il caso concreto ed offre altresì un ricco... (continua)

  • Il «consumatore» acquirente di immobili da costruire fra diritto al risparmio e diritto all'abitazione

    Collana: Consumatori oggi
    Pagine: 264
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 28 €
    In un momento storico in cui l'attenzione del legislatore per chi si trova a rivestire il ruolo di contraente debole e/o di consumatore è particolarmente sentita, anche la tutela dell'acquirente di beni immobili segna traguardi importanti. La rilevanza sociale del fenomeno è vasta - come è testimoniato dal numero delle famiglie vittime, in circa dieci anni, dei fallimenti di costruttori immobiliari, superiore a 200.000 unità - mentre i rimedi specifici esistenti sino a poco tempo fa nel... (continua)