Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 602 Codice di procedura penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

[Aggiornato al 30/10/2020]

Dibattimento di appello

Dispositivo dell'art. 602 Codice di procedura penale

1. Nell'udienza, il presidente o il consigliere da lui delegato fa la relazione della causa(1).

1-bis. Se le parti richiedono concordemente l'accoglimento, in tutto o in parte, dei motivi di appello a norma dell'art. 599-bis, il giudice, quando ritiene che la richiesta deve essere accolta, provvede immediatamente; altrimenti dispone la prosecuzione del dibattimento. La richiesta e la rinuncia ai motivi non hanno effetto se il giudice decide in modo difforme dall'accordo(2).

2. [Se le parti richiedono concordemente l'accoglimento, in tutto o in parte, dei motivi di appello a norma dell'articolo 599, comma 4, il giudice, quando ritiene che la richiesta deve essere accolta, provvede immediatamente; altrimenti dispone per la prosecuzione del dibattimento. La richiesta e la rinuncia ai motivi non hanno effetto se il giudice decide in modo difforme dall'accordo.](3)

3. Nel dibattimento può essere data lettura, anche di ufficio, di atti del giudizio di primo grado nonché, entro i limiti previsti dagli articoli 511 e seguenti, di atti compiuti nelle fasi antecedenti.

4. Per la discussione si osservano le disposizioni dell'articolo 523.

Note

(1) La mancanza di tale relazione non è causa di nullità ed è quindi sanabile effettuando la relazione omessa.
(2) Comma aggiunto dalla L. 23 giugno 2017, n. 103.
(3) Comma abrogato dall'art. 2, comma 1, lett. l) del D.L. 23 maggio 2008, n. 92, convertito nella L. 24 luglio 2008, n. 125.

Ratio Legis

La disposizione in esame risponde all'esigenza di indicare con specifiche previsioni i profili che differenziano il giudizio d'appello da quello di primo grado.

Spiegazione dell'art. 602 Codice di procedura penale

La norma in esame disciplina il dibattimento in appello, per il quale si osservano, in quanto applicabili, le norme relative al giudizio di primo grado.

Innanzitutto, il dibattimento inizia con la relazione della causa a cura del presidente della corte o del consigliere da lui delegato.

Ai sensi del reintrodotto comma 1bis, il giudice, quando ritiene che la richiesta di concordato circa i motivi d'appello di cui all'articolo 599 bis sia accoglibile, provvede in tal senso, definendo in pratica il processo d0appello allo stadio preliminare, essendo inutile un successivo dibattimento. Per contro, se non ritiene vi siano i presupposti per accogliere il concordato, prosegue con il dibattimento.

Ai sensi dell'articolo 599 bis, quando le parti ne fanno richiesta nella forma di cui all'art. 589, che appunto regola la rinuncia all'impugnazione, la corte d'appello provvede in camera di consiglio ex art. 599, se le parti stesse dichiarano di concordare sull'accoglimento in tutto o in parte dei motivi d'appello, con rinuncia agli altri eventuali motivi (su cui invece vi è disaccordo). Ovviamente il giudice deve compiere un vaglio in merito alla richiesta di cui sopra, e se non la accoglie ordina la citazione a comparire a dibattimento, che proseguirà nelle forme ordinaria. Dato che il giudice può accogliere anche successivamente il concordato, ecco che la norma ne disciplina l'andamento nella fase dibattimentale.

Nel dibattimento può essere data lettura anche d'ufficio degli atti del primo giudizio e di atti compiuti nelle fasi antecedenti. Tuttavia tale ultima ipotesi si verifica solamente se vengono rispettati i requisiti di cui all'articolo 511, che regola la lettura degli atti consentita in dibattimento. Essi sono essenzialmente gli atti già inseriti nel fascicolo per il dibattimento, quelli inseriti dopo per via della lettura, oppure ancora gli atti inseriti nel fascicolo del pubblico ministero ai sensi degli articolo 512, 512 bis e 513. In sostanza nel dibattimento d'appello non può entrare attraverso il meccanismo delle letture materiale probatorio che già non sia stato utilizzato per la decisione di primo grado. L'acquisizione di prove non utilizzate in primo grado può avvenire, ricorrendo determinati presupposti, solo in caso di rinnovazione dell'istruzione dibattimentale ex art. 603.

Per la successiva fase di discussione si applica quanto disposto dall'articolo 523.

Massime relative all'art. 602 Codice di procedura penale

Cass. pen. n. 46426/2018

In tema di concordato con rinunzia agli altri motivi di appello, ai sensi dell'art. 599 bis, cod. proc. pen., la richiesta avanzata direttamente nel corso del dibattimento, se rigettata, non può essere riproposta dalle parti, dovendo il giudice disporre la prosecuzione del giudizio ai sensi dell'art. 602 comma 1 – bis, cod. proc. pen. (In applicazione del principio la Corte ha ritenuto che il giudice di appello, rigettata la richiesta concordata delle parti sulla misura della pena, aveva correttamente disposto la prosecuzione del giudizio, precludendo alle parti la possibilità di riproporre la domanda, essendo ciò possibile solo in caso di presentazione dell'istanza prima del dibattimento, ai sensi dell'art. 599 bis comma 1, cod. proc. pen.).

Cass. pen. n. 207/2018

In tema di appello, la relazione della causa prevista dall'art. 602, comma 1, cod. proc. pen. ha una funzione meramente espositiva, non incidendo il suo svolgimento sulla regolarità del contraddittorio e non determinando la sua mancanza una nullità della successiva sentenza.

Cass. pen. n. 16672/2013

La rinuncia dell'imputato appellante ai motivi di impugnazione in punto di responsabilità, con limitazione del gravame al solo trattamento sanzionatorio, se sopravvenuta nel corso del giudizio di appello, non comporta la trasformazione del dibattimento già introdotto ai sensi dell'art. 602 c.p.p. in rito camerale, sicché non è dovuta all'imputato alcuna notifica dell'avviso di deposito della motivazione della sentenza.

Cass. pen. n. 847/2012

È legittimo, da parte del giudice di appello, nel caso in cui il giudizio di primo grado sia stato erroneamente pretermesso, lo svolgimento dell'intera gamma delle attività processuali non espletate in prime cure.

Cass. pen. n. 868/1996

La procedura di cui all'art. 599, comma 4, c.p.p., comportando rinuncia a tutti i motivi di appello sulle questioni di merito, ad eccezione di quello relativo alla pena, patteggiata fra le parti e conformemente applicata dal giudice di appello, preclude la riproposizione e il riesame in sede di legittimità di ogni questione relativa a motivi oggetto di rinuncia e alla misura della pena inflitta, fatte da quelle relative all'applicabilità dell'art. 129 c.p.p. o rilevabili in ogni stato e grado del giudizio, ovvero riguardanti invalidità afferenti il medesimo procedimento camerale d'appello. Ne consegue che, qualora venga riproposta una delle questioni già investite con il motivo d'appello oggetto di rinuncia, il relativo ricorso deve essere dichiarato inammissibile.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

Testi per approfondire questo articolo

  • La prova nel giudizio di appello

    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: ottobre 2018
    Prezzo: 13,00 -5% 12,35 €
    Categorie: Prove atipiche, Appello
    Raccolta di scritti ad uso didattico, da utilizzare come parte speciale per il corso di Diritto processuale penale, da studenti iscritti al corso di laurea Magistrale in Giurisprudenza e in Giurisprudenza d'Impresa, e per il modulo di lezioni di Diritto processuale penale nell'ambito della Scuola di Specializzazione per le Professioni legali. Il testo offre approfondimenti in tema di impugnazioni, giudizio di appello nel rito ordinario e nel rito abbreviato, rinnovazione dell'istruttoria... (continua)