Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 593 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Rendiconto

Dispositivo dell'art. 593 Codice di procedura civile

L'amministratore (1), nel termine fissato dal giudice dell'esecuzione, e in ogni caso alla fine di ciascun trimestre, deve presentare in cancelleria il conto della sua gestione e depositare le rendite disponibili nei modi stabiliti dal giudice [594].

Al termine della gestione l'amministratore deve presentare il rendiconto finale.

I conti parziali e quello finale debbono essere approvati dal giudice [disp. att. 178] (2). Questi, con ordinanza non impugnabile, risolve le contestazioni che sorgono in merito ad essi applicando le disposizioni degli articoli 263 e seguenti.

Note

(1) L'amministratore giudiziario si può definire sostanzialmente come il custode che compie la propria attività sotto il controllo del giudice dell'esecuzione. Pertanto, egli è tenuto a svolgere il proprio incarico con la diligenza del buon padre di famiglia, rispondendo in proprio nei confronti della massa e potendo essere sostituito dal giudice dell'esecuzione, d'ufficio o su istanza delle parti.
(2) L'amministratore deve presentare il rendiconto, ovvero il documento nel quale vengono indicati nel modo analitico i risultati della gestione, entro il termine fissato dal giudice e, in ogni caso, alla fine di ciascun trimestre. Il rendiconto deve essere approvato dal giudice in seguito all'audizione le parti (485) e alla soluzione di eventuali contestazioni sorte circa lo stesso rendiconto, con apposita ordinanza non impugnabile.

Massime relative all'art. 593 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 18080/2013

L'amministratore giudiziario nominato nel procedimento disciplinato dall'art. 2409 c.c., per la natura stessa dell'attività che gli è demandata dal giudice e che si concreta nella gestione della società, strumentale al ripristino del suo corretto funzionamento, non rientra nella categoria degli ausiliari del giudice, prevista dal d.p.r. 30 maggio 2002, n. 115, con la conseguenza che il rimedio contro il provvedimento che dispone la liquidazione del compenso per l'opera prestata non può consistere nell'opposizione prevista dall'art. 170 del citato d.p.r. n. 115 del 2002, ma deve individuarsi, attesa la natura monitoria del decreto pronunciata ai sensi dell'art. 92, ultimo comma, disp. att. c.p.c., nel rimedio di carattere generale previsto dall'art. 645 c.p.c..

Cass. civ. n. 19652/2005

Il provvedimento con cui il giudice dell'esecuzione risolve contestazioni sul rendiconto presentato dal custode può essere direttamente impugnato con ricorso per cassazione ai sensi dell'art. 111 Cost. se incide su diritti soggettivi, poiché, secondo il disposto dell'art. 593 c.p.c., i provvedimenti che il suddetto giudice adotta in sede di approvazione del conto non sono altrimenti impugnabili.

Cass. civ. n. 3419/2004

Non è ricorribile per cassazione la sentenza attinente al giudizio sulla convalida del sequestro e sul merito, nella parte in cui non abbia disposto, a carico del custode, l'ordine di presentazione del rendiconto e di deposito delle rendite

Cass. civ. n. 5824/1993

Il provvedimento con il quale il giudice dell'esecuzione, a norma degli artt. 560 primo comma e 593 c.p.c., ordina al custode di beni immobili pignorati di rendere il conto entro un termine appositamente fissato, non è suscettibile di ricorso per cassazione ai sensi dell'art. 111, secondo comma, della Costituzione, trattandosi di provvedimento per il quale non ricorrono i requisiti della decisorietà e della definitività.

Cass. civ. n. 1472/1981

Il giudizio di rendiconto nei confronti del custode, promosso dalle parti che abbiano rinunciato agli atti del giudizio nel corso del quale sia stato concesso sequestro giudiziario (nella specie: causa di reintegrazione di legittima e divisione ereditaria), è autonomo rispetto al giudizio estinto, ove sia affermato il diritto ad ottenere direttamente dal custode il rendiconto con la consegna sia delle rendite che dei beni sequestrati per essere venuto meno lo stato di sequestro e la qualità nel custode di ausiliario del giudice; consegue, pertanto, che ad esso non può estendersi l'efficacia della procura conferita al difensore nel giudizio di divisione ereditaria, operando essa con esclusivo riferimento al rapporto processuale per cui è rilasciata e legittimando il difensore stesso ad esercitare i poteri di controllo del giudice sulla gestione del custode e sul rendiconto cui questi è tenuto, ma non ad instaurare l'autonomo giudizio di rendiconto nei confronti di un soggetto diverso.

Cass. civ. n. 4008/1980

L'ordinanza del giudice dell'esecuzione che, ai sensi dell'ultimo comma dell'art. 593 c.p.c., risolve, applicando le disposizioni degli artt. 236 e ss. dello stesso codice, le contestazioni insorte in ordine ai conti parziali e a quello finale presentati dall'amministratore giudiziario ha natura di provvedimento giurisdizionale decisorio e, pertanto, essendo dichiarata espressamente non impugnabile, è ricorribile per cassazione ai sensi dell'art. 111 della Costituzione.

Cass. civ. n. 3969/1975

L'obbligazione di rendiconto è un'obbligazione di fare, il cui valore può sempre valutarsi pecuniariamente, perché riconducibile, in definitiva, ad una somma di danaro. Pertanto, le controversie aventi ad oggetto l'obbligo di rendere il conto debbono farsi rientrare tra quelle regolate dall'art. 14 c.p.c., il quale fa riferimento, ai fini della competenza per valore, alla somma indicata o al valore dichiarato dall'attore, salve le contestazioni che, al riguardo, il convenuto faccia nella sua prima difesa.

Cass. civ. n. 3315/1971

Nelle cause di rendiconto, in mancanza di indicazione o dichiarazione di valore da parte dell'attore, la competenza si presume del giudice adito, ove il convenuto non contesti il valore presunto. Nel caso di contestazione il giudice può ricavare detto valore ai fini della competenza dagli atti di causa ed anche da nozioni di fatto di comune esperienza.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo