Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 581 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Modalità dell'incanto

Dispositivo dell'art. 581 Codice di procedura civile

L'incanto ha luogo davanti al giudice dell'esecuzione, nella sala delle udienze pubbliche.

Le offerte non sono efficaci se non superano il prezzo base o l'offerta precedente nella misura indicata nelle condizioni di vendita (1). Allorché siano trascorsi tre minuti dall'ultima offerta senza che ne segua un'altra maggiore, l'immobile è aggiudicato all'ultimo offerente. Ogni offerente cessa di essere tenuto per la sua offerta quando essa è superata da un'altra, anche se poi questa è dichiarata nulla.

Note

(1) Il giudice dell'esecuzione verifica la regolarità delle istanze di partecipazione e il compimento degli adempimenti pubblicitari disposti con l'ordinanza di vendita. Il cancelliere quindi dichiara aperto l'incanto per la cui validità non è necessaria la pluralità di offerenti, in quanto l'aggiudicazione può avvenire anche a favore di un unico offerente. Invece, se non viene presentata nessuna offerta la conseguenza è quella dell'asta deserta.
(3) L'ordinanza di aggiudicazione ha carattere provvisorio e quindi non produce il trasferimento della proprietà del bene pignorato in favore dell'acquirente, poichè tale trasferimento si verifica solamente con il decreto di di cui all'art. 586 del c.p.c.. Infatti, l'aggiudicazione può venir meno in caso di nuove offerte che possono essere ritenute ancora efficaci (si cfr. 584), di mancato pagamento del prezzo da parte dell'aggiudicatario (si cfr. art. 585 del c.p.c.) o l'avvenuto pagamento dei creditori da parte del debitore esecutato.

Massime relative all'art. 581 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 5604/2017

Nel processo di espropriazione immobiliare, in caso di rinuncia dei creditori manifestata dopo l’aggiudicazione provvisoria, quest’ultima resta ferma, nei confronti dell’aggiudicatario, senza necessità di interlocuzione o di apposita istanza, ed i provvedimenti di estinzione del processo esecutivo ed aggiudicazione definitiva dell’immobile possono essere adottati anche nel contesto o a seguito di un’udienza fissata davanti al giudice dell’esecuzione per la trattazione della fase sommaria di un incidente oppositivo, fermo che conservano la loro natura e funzione di atti esecutivi, distinte da quelle dei provvedimenti che definiscono la fase sommaria del giudizio di opposizione, pure se contestualmente adottati.

Cass. civ. n. 18185/2013

In tema di espropriazione forzata immobiliare, l'assenza del creditore procedente e dei creditori intervenuti all'udienza di vendita con incanto non impedisce né invalida lo svolgimento delle attività del giudice dell'esecuzione o del professionista da questo delegato.

Cass. civ. n. 20814/2009

In tema di espropriazione immobiliare, la regolarità formale della vendita non dipende dall'intestazione del verbale che, a rigore, nemmeno costituisce atto di esecuzione, ma dalle modalità con cui essa si svolge; ne consegue che un errore materiale contenuto nella predetta intestazione - nella specie, recante la dicitura "vendita di beni con incanto", mentre il giudice aveva proceduto con il sistema delle offerte a buste chiuse, (e, dunque, senza incanto) - non rappresenta un vizio che inficia un atto presupposto dell'aggiudicazione, né comunque configura una violazione della procedura di vendita suscettibile di censura con l'opposizione ex art. 617 c.p.c.

Cass. civ. n. 11328/2009

In tema di espropriazione forzata, il sistema della vendita all'incanto postula che il prezzo di aggiudicazione sia determinato oggettivamente dalla gara, e quindi che le offerte siano formulate nel corso della stessa: pertanto, nel caso in cui l'offerta formulata in udienza dall'unico partecipante alla gara superi il prezzo base di un importo pari almeno all'aumento minimo prescritto dalle condizioni di vendita, è irrilevante, ai fini della sua efficacia, la circostanza che nell'istanza di partecipazione sia stato erroneamente indicato un prezzo base inferiore; l'offerta precedente, al cui superamento nella misura indicata dalle condizioni di vendita l'art. 581, secondo comma, c.p.c. subordina l'efficacia di ulteriori offerte, è infatti quella formulata da altro offerente nel corso di una gara alla quale abbiano partecipato più concorrenti; laddove invece sia stata presentata un'unica offerta, il parametro di riferimento ai fini dell'aumento è costituito dal prezzo base fissato nelle condizioni di vendita.

Cass. civ. n. 4615/1985

Nell'esecuzione per espropriazione forzata immobiliare, le irregolarità, che si verifichino in sede di vendita con incanto, o di gara conseguente ad offerta in aumento del sesto, a causa della commissione, con la partecipazione dell'aggiudicatario definitivo, dei reati di turbata libertà degli incanti o di astensione dagli incanti (artt. 353 e 354 c.p.), configurano vizi sostanziali di negozi processuali inerenti ad una fase del procedimento esecutivo che si chiude con l'ordinanza di aggiudicazione definitiva, e, quindi, vizi di legittimità di tale ultimo atto esecutivo, come tali deducibili solo con il rimedio dell'opposizione avverso il medesimo atto esecutivo, a norma dell'art. 617 c.p.c., non anche con autonoma azione di accertamento, né con opposizione avverso l'esecuzione per rilascio che venga intrapresa da detto aggiudicatario definitivo dopo il decreto di trasferimento in suo favore dell'immobile pignorato.

Cass. civ. n. 3771/1984

La violazione dell'art. 34 del D.P.R. 15 dicembre 1959, n. 1229 (ordinamento degli ufficiali giudiziari e degli aiutanti ufficiali giudiziari), che attribuisce la delegabilità ai messi di conciliazione del solo potere di compiere atti di notificazione ma non di atti esecutivi, comporta che l'atto di esecuzione, come «l'esperimento di asta pubblica, compiuto dal messo di conciliazione su delega del pretore, non è affetto da inesistenza, postulante la mancanza di uno degli elementi costitutivi indispensabili per l'inquadramento dell'atto di cui trattasi in uno dei tipi previsti dall'ordinamento, bensì da nullità (per violazione di una precisa norma di legge) deducibile con opposizione agli atti esecutivi nelle forme e nei modi stabiliti dall'art. 617 c.p.c.

Cass. civ. n. 2910/1980

La vendita con incanto, pur essendo predisposta al fine di ottenere la gara fra più concorrenti all'acquisto del bene pignorato, per conseguire il prezzo più vantaggioso, non può considerarsi invalida sol perché in concreto non si sia realizzata la pluralità degli offerenti. Infatti, la presentazione di un solo acquirente — mentre non dà luogo all'ipotesi di asta deserta, che presuppone la totale mancanza delle offerte — è prevista dal secondo comma dell'art. 581 c.p.c., che, stabilendo l'inefficacia delle offerte non superiori al prezzo base o alle offerte precedenti, implicitamente ammette, con la prima di tale alternativa, la possibilità di un solo partecipante.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 581 Codice di procedura civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Francesco M. chiede
mercoledì 09/02/2011 - Puglia

“In una vendita con incanto, mi dice il notaio che, anche in caso di unico offerente, devo comunque fare un rilancio rispetto al prezzo base.
In pratica anche in caso io fossi l'unico offerente, dovrei rilanciare contro me stesso.
E' vera questa prassi ? In base a quale articolo?”

Consulenza legale i 11/02/2011

La vendita con incanto è valida anche se in concreto non si sia realizzata la pluralità degli offerenti. Il secondo comma dell'art. 581 del c.p.c. stabilisce l'inefficacia delle offerte non superiori al prezzo base o alle offerte precedenti. Pertanto, l'unico offerente deve effettuare il rilancio minimo obbligatorio stabilito nell'ordinanza di vendita.


luca chiede
giovedì 25/11/2010

“Buona sera. Avrei una domanda: se ad un asta all'incanto per un immobile, è presente un solo offerente, se lo aggiudica a prezzo base?”

Consulenza legale i 26/11/2010

Per la validità dell'incanto non sembra indispensabile che vi siano più offerenti e che si crei una vera e propria gara, potendosi avere l'aggiudicazione anche a favore di un unico offerente. Taluno afferma che la concorrenza è solo un risultato auspicabile, ma l'eventualità che vi sia una sola offerta ridotta al prezzo minimo è non solo immaginabile ma anche avvertita dallo stesso legislatore, il quale ha introdotto il meccanismo delle offerte dopo l'incanto.
Pertanto, la presentazione di un solo acquirente, da un lato non dà luogo ad un'ipotesi di asta deserta (che presuppone la totale mancanza delle offerte), dall'altro è prevista dallo stesso secondo comma dell'art. 581 del c.p.c., il quale, stabilendo l'inefficacia delle offerte superiori al prezzo base o alle offerte precedenti, implicitamente ammette, con la prima di tali alternative, la possibilità di un solo partecipante.
Qualora l'unico offerente non dichiari di rinunciare, rimane aggiudicatario per il prezzo che superi quello base, nella misura indicata nelle condizioni di vendita.


Testi per approfondire questo articolo

  • La nuova espropriazione forzata

    Editore: Zanichelli
    Collana: Le riforme del diritto italiano
    Pagine: 400
    Data di pubblicazione: aprile 2017
    Prezzo: 160,00 -5% 152,00 €

    Il volume illustra l’espropriazione forzata alla luce delle modifiche normative e degli orientamenti di legittimità che, nell’ultimo decennio, ne hanno mutato il volto sotto il costante imperativo della semplificazione e accelerazione, al servizio della «competitività » del sistema giustizia italiano. L’opera è aggiornata, da ultimo, al d.l. 3 maggio 2016, n. 59 (conv. dalla l. 30 giugno 2016, n. 119) che – oltre ad aver previsto... (continua)

  • Espropriazione mobiliare presso il debitore e prezzo terzi

    Pagine: 361
    Data di pubblicazione: maggio 2018
    Prezzo: 40,00 -5% 38,00 €
    Questo volume tratta di una parte significativa del processo esecutivo rappresentata dalle procedure di espropriazione forzata mobiliare presso il debitore e presso terzi. L’opera è divisa in due parti: – la prima dedicata all’espropriazione mobiliare “diretta” (presso il debitore): procedimento esecutivo giudiziario che ha ad oggetto i beni mobili di proprietà del debitore, sottratti coattivamente al possessore con il pignoramento al fine di... (continua)
  • Esecuzione forzata e autonomia privata

    Editore: Giappichelli
    Collana: Univ. Brescia-Dip. di giurisprudenza
    Data di pubblicazione: ottobre 2016
    Prezzo: 38,00 -5% 36,10 €
    L'indagine scruta ed esplora quella ideale zona grigia che si colloca tra inadempimento dell'obbligazione ed esecuzione forzata (individuale o concorsuale), con il proposito di verificare se in essa vi sia spazio per l'utile esercizio di poteri di autonomia privata e - in particolare - se debitore e creditore possano accordarsi per limitare o escludere l'operatività delle norme in materia di esecuzione coattiva, regolando con modalità alternative la fase di soddisfazione... (continua)
  • Processo civile. Formulario commentato. Il Processo di esecuzione

    Editore: Ipsoa
    Data di pubblicazione: giugno 2018
    Prezzo: 160,00 -5% 152,00 €

    L'opera, inserita nella trilogia di formulario dedicati al processo civile raccoglie tutte le formule relative agli atti e ai provvedimenti relativi al processo di esecuzione, corredate da un ampio e utile commento d’autore:


    - espropriazione forzata in generale
    - espropriazione presso terzi
    - espropriazione immobiliare
    - espropriazione di beni indivisi
    - espropriazione contro il terzo proprietario
    - esecuzione per consegna o rilascio
    -... (continua)