Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 526 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Facoltà dei creditori intervenuti

Dispositivo dell'art. 526 Codice di procedura civile

I creditori intervenuti a norma dell'art. 525 (1) (2) partecipano alla espropriazione dei mobili pignorati e, se muniti di titolo esecutivo, possono provocarne i singoli atti. [500, 505, 529, 538 2, 551] (3).

Note

(1) Ovvero non oltre l'udienza fissata per l'autorizzazione della vendita o per l'assegnazione.
(2) Ovvero non oltre la presentazione del ricorso ex art. 529.
(3) Nell'ambito dei benefici derivanti dall'intervento, è necessario distinguere tra creditori intervenuti tempestivamente e muniti di titolo, coloro che sono intervenuti tempestivamente ma non sono muniti di titolo esecutivo ed, infine, coloro che sono intervenuti tardivamente. Solo i primi possono proporre istanza di vendita, istanza di assegnazione (v. 529) e istanza di estensione del pignoramento. Mentre, non è necessaria l'esistenza del titolo per proporre osservazioni (v. 530), presentare l'istanza di assegnazione (v. 538) e per ricevere l'invito previsto dall'art. 527. Infine, tutti i creditori intervenuti possono partecipare alla distribuzione della somma ricavata con le differenze connesse alla tempestività o meno dell'intervento. Infatti, in caso di intervento tardivo i creditori potranno soddisfarsi solo sull'eventuale residuo del ricavato.

Massime relative all'art. 526 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 1508/1977

I creditori intervenuti nell'esecuzione che siano muniti di titolo esecutivo hanno facoltà di promuovere i singoli atti di esecuzione, come si desume dalla disposizione contenuta nell'art. 629 c.p.c. secondo cui l'estinzione del processo esecutivo consegue alla rinuncia agli atti non solo da parte del creditore pignorante, ma anche da parte dei creditori intervenuti muniti di titolo esecutivo.

Cass. civ. n. 1098/1963

Nella procedura esecutiva ciascun creditore che sia tempestivamente intervenuto e sia munito di titolo esecutivo, può — senza che sia necessaria la surroga al creditore precedentemente dimostratosi negligente, richiesta dal sistema processuale abrogato — provocare i singoli atti di espropriazione (artt. 526 e 564 c.p.c.); può esercitare, cioè l'azione esecutiva, nei vari atti in cui si concreta, indipendentemente dagli altri creditori, e non ha alcuna influenza, nei suoi confronti, l'avvenuto soddisfacimento del diritto del creditore pignorante.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • La cognizione penale in fase esecutiva

    Editore: Giappichelli
    Collana: Processo penale e politica criminale
    Data di pubblicazione: dicembre 2018
    Prezzo: 24,00 -5% 22,80 €
    La cognizione penale in fase esecutiva è una monografia scientifica che approfondisce il tema, delicatissimo in chiave sistematica, dei rinnovati equilibri interni alle due fasi, di cognizione e di esecuzione, del processo. Negli ultimi tempi, sempre di più, la vicenda sanzionatoria sta, infatti, assumendo il ruolo di veicolo procedimentale di ulteriori acquisizioni conoscitive suscettibili di alterare anche fortemente il risultato dell'accertamento racchiuso nel dictum... (continua)