Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 636 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Parcella delle spese e prestazioni

Dispositivo dell'art. 636 Codice di procedura civile

Nei casi previsti nei nn. 2 e 3 dell'articolo 633, la domanda deve essere accompagnata dalla parcella delle spese e prestazioni (1), munita della sottoscrizione del ricorrente e corredata dal parere della competente associazione professionale (2). Il parere non occorre se l'ammontare delle spese e delle prestazioni è determinato in base a tariffe obbligatorie.

Il giudice, se non rigetta il ricorso a norma dell'articolo 640, deve attenersi al parere nei limiti della somma domandata, salva la correzione degli errori materiali.

Note

(1) La norma è stato oggetto di un acceso dibattito in seguito all'abolizione del tariffario forense ad opera del D.M. n.140/2012. Si discute sul potere di opinamento del consiglio dell'ordine (per attivare il procedimento di ingiunzione ai sensi del numero 3 del 633 cpc, ad esempio). Secondo il consiglio nazionale forense deve escludersi che l’abrogazione delle tariffe determini il venir meno del potere del COA di esprimersi sulla congruità della parcella (cd potere di opinamento delle parcelle). L’art. 9 del D.L. n. 1/12, come convertito dalla legge n.27/12 dispone, ai commi 1 e 5, unicamente l’abrogazione di ogni riferimento alle tariffe per la determinazione del compenso. Ora, in alcuna delle disposizioni che istituiscono o presuppongono il potere di opinamento parcelle da parte dei COA si fa riferimento alle tariffe come parametro di valutazione: di conseguenza, né l’art. 2233 c.c., né l’art. 636 c.p.c., né soprattutto l’art. 14, lett. d) del R.D.L. n. 1578/33 – che tale potere istituisce - devono ritenersi abrogati. La funzione di
opinamento è mantenuta, così come restano ferme le previsioni che a tale funzione fanno
riferimento come fattore ausiliario nel procedimento di liquidazione giudiziale del compenso.
(2) Nonostante la norma in analisi faccia riferimento alle "associazioni professionali" è bene precisare che queste sono state soppresse con d.lgs.lgt. 23 novembre 1944, n. 369 e che le loro funzioni sono esercitate dai Consigli degli ordini ai sensi del d.lgs.lgt. 23 novembre 1944, n. 382. Pertanto, il professionista deve richiedere il parere al Consiglio dell'Ordine presso il quale risulta iscritto.

Ratio Legis

La norma è stata dettata al fine di realizzare una funzione di garanzia del credito dei professionisti come notai, avvocati, ingegneri, architetti, il cui ammontare viene liquidato in decreto, se accolto il ricorso, munito di forza esecutiva.

Massime relative all'art. 636 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 21675/2013

Ai sensi della legge 13 giugno 1942, n. 794 (applicabile "ratione temporis"), l'opposizione al decreto ingiuntivo ottenuto dall'avvocato per prestazioni giudiziali in materia civile deve proporsi con atto di citazione, sicché, qualora l'opponente abbia introdotto il corrispondente giudizio con ricorso, la sanatoria del vizio procedurale - operante quando, con la regolare instaurazione del contraddittorio, conseguente alla costituzione della controparte in assenza di eccezione alcuna, sia stato raggiunto lo scopo dell'atto, in virtù del principio di conversione degli atti processuali nulli di cui all'art. 156 c.p.c. - sussiste alla condizione che il ricorso venga notificato nel termine indicato nel decreto, analogamente a come si sarebbe dovuto procedere con l'atto di citazione.

Cass. civ. n. 22655/2011

In base al combinato disposto degli artt. 633 e 636 c.p.c., la domanda monitoria relativa a crediti per prestazioni professionali deve essere accompagnata dalla parcella delle spese e prestazioni, munita della sottoscrizione del ricorrente e corredata dal parere della competente associazione professionale, mentre non possono ritenersi idonee prove scritte, in relazione a tali crediti, la fattura e la copia autentica del registro IVA, ai sensi dell'art. 634 c.p.c., riferendosi tale ultima norma alle diverse ipotesi dei crediti per somministrazione di merci e di denaro ovvero per prestazioni di servizi.

Cass. civ. n. 12685/2011

In tema di competenza per territorio, ove un avvocato abbia agito, con il procedimento di ingiunzione, al fine di ottenere dal proprio cliente il pagamento di competenze professionali avvalendosi del foro speciale di cui all'art. 637, terzo comma, c.p.c., il rapporto tra quest'ultimo ed il foro speciale della residenza o del domicilio del consumatore previsto dall'art. 33, comma 2, lettera u), del d.l.vo 6 settembre 2005, n. 206 va risolto nel senso della prevalenza del foro del consumatore, sia perché esso è esclusivo sia perché, trattandosi di due previsioni "speciali", la norma successiva ha una portata limitatrice di quella precedente.

Cass. civ. n. 236/2011

In tema di compenso spettante all'avvocato, l'acquisizione del parere dell'ordine professionale è obbligatoria soltanto nel procedimento d'ingiunzione, secondo quanto prescritto dall'art. 636, primo comma, c.p.c., quando l'ammontare del relativo credito non sia determinato in base a tariffe fisse. Al di fuori del predetto ambito, la necessità del parere non è in funzione del procedimento giudiziale adottato, camerale o a cognizione piena, né dipende dal fatto che il credito sia azionato dal professionista stesso o dai suoi eredi, ma è dettata dalla tipologia del corrispettivo, nel senso che è indispensabile soltanto se esso non possa essere determinato in base a tariffe, ovvero queste, pur esistenti, non siano vincolanti. Ne consegue che il predetto parere è necessario solo quando oggetto di liquidazione siano attività non rientranti nelle previsioni della tariffa professionale, per le quali la liquidazione debba avvenire opera del giudice.

Cass. civ. n. 1505/1998

In tema di onorari dovuti ad esercente la professione forense la mancanza del parere dell'ordine professionale (non necessario peraltro quando il compenso sia predeterminato sulla base di una tariffa obbligatoria quale quella riguardante i diritti di procuratore stabiliti ex lege in misura fissa) e della parcella contenente l'esposizione delle spese e dei diritti, secondo quanto dispone l'art. 636 c.p.c. ai fini dell'emissione del decreto ingiuntivo, può essere eventualmente rilevante sotto il solo profilo del regolamento delle spese processuali ma non impedisce al giudice nel giudizio di opposizione di valutare la fondatezza della pretesa creditoria sulla base di ogni elemento versato in atti.

Cass. civ. n. 3972/1997

Il parere espresso dal Consiglio dell'ordine degli Avvocati e Procuratori in ordine alla liquidazione degli onorari è vincolante per il giudice soltanto ai fini della pronuncia dell'ingiunzione (artt. 633, 636 c.p.c.) e non anche nel successivo giudizio in contraddittorio in cui il cliente contesti le ragioni di credito invocate dall'avvocato e/o procuratore.

Cass. civ. n. 932/1997

La parcella dell'avvocato costituisce una dichiarazione unilaterale assistita da una presunzione di veridicità, in quanto l'iscrizione all'albo del professionista è una garanzia della sua personalità; ciò tuttavia non lo esime, in caso di contestazione, dall'onere di provare l'effettiva esecuzione delle prestazioni e l'esborso delle spese indicate in parcella.

Poiché il parere espresso sulla parcella dell'avvocato dal competente organo professionale costituisce un mero controllo sulla rispondenza delle voci indicate in parcella a quelle previste dalla tariffa, esso non avvalora in alcun modo i criteri assunti dal professionista per individuare il valore della controversia e determinarne l'importanza.

Cass. civ. n. 1889/1995

La parcella delle spese e delle prestazioni dell'esercente una professione per la quale sia prevista una tariffa legalmente approvata, costituisce, se corredata del parere del competente ordine professionale, titolo idoneo per l'emissione del decreto ingiuntivo a carico del cliente ma non ha valore probatorio, nel successivo giudizio di opposizione da quest'ultimo eventualmente proposto, della effettiva esecuzione della prestazione in essa indicata né è vincolante, per il giudice, in ordine alla liquidazione degli onorari.

Cass. civ. n. 7504/1994

Il parere della competente associazione professionale che, ai sensi dell'art. 636, comma 2, c.p.c., deve accompagnare la domanda di ingiunzione al pagamento dei crediti per le prestazioni di cui ai nn. 2 e 3 dell'art. 633 c.p.c., è vincolante solo per la pronuncia del decreto ingiuntivo e non anche nel giudizio di opposizione al decreto ingiuntivo eventualmente promosso dal soggetto contro il quale il decreto è stato emesso, ove il professionista che si assume creditore ha l'onere di provare, in caso di contestazione, le prestazioni indicate nella parcella ed al giudice è riservato il potere di stabilire quali siano le voci della tariffa da applicare alle prestazioni effettivamente eseguite.

Cass. civ. n. 2034/1994

Con riguardo al procedimento per ingiunzione promosso da avvocato per il pagamento della parcella, in ordine all'applicabilità del procedimento speciale introdotto dalla L. n. 794 del 1942, le prestazioni stragiudiziali che siano strettamente dipendenti dal mandato relativo alla difesa, sì da potersi considerare attività strumentale o complementare di quella propriamente processuale, hanno, anche esse, natura di prestazioni giudiziali, come la preventiva richiesta di risarcimento del danno all'assicuratore ai sensi della L. n. 990 del 1969, che integra esercizio di attività stragiudiziale puramente strumentale a quella giudiziale, essendo condizione per la proponibilità dell'azione risarcitoria.

Cass. civ. n. 6214/1992

In tema di compensi professionali di avvocati e procuratori non possono essere considerate come stragiudiziali, ed essere perciò compensate separatamente da quelle giudiziali, quelle attività professionali che seppure non esplicate davanti al giudice siano con quelle giudiziali strettamente connesse e complementari sì da costituire di esse il naturale completamento. Tale connessione poi, e quindi la natura giudiziale della prestazione, deriva dallo stesso tenore della tariffa giudiziale professionale ogni volta che la prestazione stessa sia in essa esplicitamente prevista, come nel caso delle informazioni scritte o telefoniche del professionista al cliente circa l'andamento del giudizio e lo svolgimento delle udienze, previste nella tabella delle prestazioni giudiziali sotto la voce «consultazioni e corrispondenza con il cliente».

Cass. civ. n. 4036/1977

In sede di opposizione al decreto ingiuntivo, emesso per il pagamento di prestazioni professionali, incombe al professionista l'onere di provare il conferimento dell'incarico, nonché di avere effettivamente eseguito le prestazioni indicate nella parcella. Il parere dell'organo professionale serve al mero controllo della corrispondenza tra le voci elencate e quelle previste nella tariffa.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 636 Codice di procedura civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Carlo T. chiede
lunedì 06/06/2016 - Calabria
“nell'agosto 2015 mi sono rivolto ad un ingegnere per un permesso di costruire in sanatoria di un piccolo balcone ,pertinenza di un mio appartamento.Ho chiesto al tecnico più di una volta ,anche se in maniera non perentoria di fornirmi un preventivo sul costo complessivo della pratica,ricevendo sempre un "rassicurante" poi vediamo ,non si preoccupi.Alla fine della procedura,conclusasi positivamente con l'ottenimento del permesso ,il tecnico mi ha chiesto l'onorario per la sua prestazione,solo in maniera verbale,ammontante a circa 5000 euro,di cui 1269 dietro fattura ed il resto in maniera diciamo non tracciabile.Io ho subito pagato con assegno la somma di 1270 euro,rifiutandomi di pagare il resto,sia per la forma equivoca di pagamento,sia giudicandola particolamente onerosa per l'entità del lavoro svolto.Aconferma di ciò ho inviato un mail al tecnico ,informale,offrendo unaulteriore somma a saldo,tracciabile,per un totale di 1800 euro,che sec me andava aldila di molto dai prezzi di mercato per quel tipo di prestazioni.Pensi che invalore dell'opera condonata,preesistente alla procedura non supera i 5000 euro prudenzialmente valutata.Iltecnico ,sempre e solo tramite mail, ha rifiutato.A ciò non è seguito nulla.Non mi è stata recapitata nessuna notula di pagamento,nessun preavviso di pagamento.Nell'aprile us mi è stato notificato invece un D.I. emesso dal giudice di pace di cz,su richiesta del tecnico,sulla base di una parcella liquidata dall'ordine professionale competente come conforme alla tariffa professionale e nient'altro,non esistendo nessun contratto ne tantomeno preventivo scritto ,né come ho detto prima notule o preavvisi di parcella.In altri termini l'ingegnere non mi ha mai notificato nulla in maniera tracciabile,senza contare la mancanza di contratto o preventivo scritto.Naturalmente io ho fatto opposizione al D.I.Ora io vi domando:può essere portata come prova scritta per l'emanazione di un D.I.unicamente una parcella liquidata come conforme alla tariffa professionale quando le tariffe professionali sono state abolite?E' legale che un ordine professionale si riferisca ancora alle abrogate tariffe professionali nel rilasciare pareri di congruità,sapendo che questi verranno usati per l'emanazione diD.I? Non è il rilascio di un parere di congruità un atto amministrativo soggetto pertanto a determinate regole,come per esempio l'invio di un avviso al committente di inizio procedimento per permtettere a quest'ultimo di partecipare alla formazione del parere.?
Vi ringrazio se vorrete confortarmi del vostro illuminato parere
Carlo T.”
Consulenza legale i 13/06/2016
Come correttamente osservato nel quesito, la professione dell’ingegnere rientra nel novero delle “professioni regolamentate nel sistema ordinistico”, con riferimento alle quali l’art. 9, comma 1, del D.L. n. 1/2012 ha abrogato le tariffe professionali obbligatorie per legge: “Sono abrogate le tariffe delle professioni regolamentate nel sistema ordinistico” e, ai sensi del successivo comma 4 “il compenso per le prestazioni professionali è pattuito, nelle forme previste dall'ordinamento, al momento del conferimento dell'incarico professionale. Il professionista deve rendere noto al cliente il grado di complessità dell'incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento fino alla conclusione dell'incarico e deve altresì indicare i dati della polizza assicurativa per i danni provocati nell'esercizio dell'attività professionale. In ogni caso la misura del compenso è previamente resa nota al cliente con un preventivo di massima, deve essere adeguata all'importanza dell'opera e va pattuita indicando per le singole prestazioni tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi”.

Il professionista è tenuto quindi a fornire un preventivo di massima al cliente all’inizio dell’incarico, ed è fatto evidentemente divieto agli Ordini professionali di indicare dei parametri per la determinazione dei compensi professionali perché ciò equivarrebbe – nella sostanza – a reintrodurre le tariffe abrogate.

Certamente non è escluso che il cliente ed il professionista, nella loro libertà contrattuale, possano prendere come punto di riferimento le vecchie tariffe, che costituiranno quindi un parametro di riferimento utile; ma evidentemente la scelta non può che essere rimessa alle parti, appunto, ed alla loro volontà negoziale.

Nel caso di specie, quindi, certamente è censurabile sotto il profilo quantomeno deontologico l’operato del professionista il quale, tra le altre cose, non ha – in ottemperanza al dettato normativo – fornito, all’inizio della pratica, un preventivo di massima delle spese da sostenere. Preventivo da sottoporre e discutere con il cliente, il quale avrebbe in tal modo potuto valutare con maggiore cognizione di causa se conferire o meno l’incarico.

Ciò detto, non è illegittimo il decreto emesso sulla base del parere rilasciato dall’Ordine professionale di appartenenza, dal momento che l’art. 636 c.p.c. recita al suo primo comma: “Nei casi previsti nei numeri 2 e 3 dell'articolo 633, la domanda deve essere accompagnata dalla parcella delle spese e prestazioni, munita della sottoscrizione del ricorrente e corredata dal parere della competente associazione professionale. Il parere non occorre se l'ammontare delle spese e delle prestazioni è determinato in base a tariffe obbligatorie.

Come si vede, pertanto, il parere è vincolante (o, più correttamente, “era” vincolante, per effetto della parziale abrogazione dell’articolo in commento da parte del citato D.L. n.1/2012) per il Giudice solamente in caso di tariffe obbligatorie, mentre rimane comunque un presupposto valido e sufficiente all’emissione del provvedimento la parcella corredata dal parere dell’Ordine professionale di appartenenza.

Tuttavia, va ricordato che il giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo è un giudizio a cosiddetta “cognizione piena”: significa cioè che il Giudice non può limitarsi a decidere sulla base dei documenti offerti in prova dal ricorrente e delle dichiarazioni unilaterali di quest’ultimo ma dovrà procedere – come in un ordinario giudizio – ad una adeguata ed approfondita istruttoria per verificare la fondatezza degli assunti dell’affermato creditore. Creditore che, nonostante formalmente sia convenuto in causa, manterrà nella sostanza la veste di attore (è lui, infatti, che ha richiesto l’ingiunzione di pagamento), con tutti gli oneri probatori che ne conseguono.

Afferma in proposito la giurisprudenza: “La parcella correlata dal parere espresso dal competente Consiglio dell'Ordine d'appartenenza del professionista ha - per il combinato disposto degli artt. 633, comma 1, n. 2 e 636, comma 1, c.p.c. - valore di prova privilegiata e carattere vincolante per il giudice esclusivamente ai fini della pronunzia dell'ingiunzione. Per contro, non ha tale valore e carattere, costituendo semplice dichiarazione unilaterale del professionista (sulla quale l'organo associativo esprime un mero parere di congruità, senza effettuare controllo alcuno di effettività e di consistenza della prestazione), nel successivo giudizio in contraddittorio, introdotto dall'ingiunto con l'opposizione ex art. 645 c.p.c. . Nell'ordinario giudizio di cognizione, il creditore, in favore del quale l'ingiunzione è stata emessa, assume la veste sostanziale di attore e su di lui incombono i relativi oneri probatori ex art. 2697 c.c., ove vi sia stata contestazione da parte dell'opponente in ordine all'effettività e alla consistenza delle prestazioni eseguite, ovvero della tariffa pertinente ed alla rispondenza ad essa delle somme richieste, circostanza la cui valutazione è poi rimessa al libero apprezzamento del giudice” (Cassazione civile, sez. II, 11 gennaio 2016, n. 230).

Sull’abrogazione delle tariffe si riporta poi una significativa pronuncia di merito: “L'abrogazione da parte dell'art. 9 l. 24 marzo 2012, n. 27 delle tariffe delle professioni regolamentate ha comportato l'abrogazione anche dell'art. 2233 comma 1 c.c., nella parte in cui prevedeva, ai fini della determinazione del compenso del professionista, l'acquisizione giudiziale del parere dell'associazione professionale nonché dell'art. 636 c.p.c. Da ciò consegue che, nel nuovo regime dei parametri, integrano la prova scritta, richiesta dall'art. 633 comma 1, n. 1, c.p.c. per l'emissione del decreto ingiuntivo in favore del professionista intellettuale, l'accordo scritto con il cliente e il preventivo scritto, previsti dall'art. 9 comma 5 l. 24 marzo 2012, n.27.” (Tribunale Varese, sez. I, 11 ottobre 2012).
Documenti, questi ultimi, che, nel caso in esame, mancano completamente (e ciò costituisce circostanza sfavorevole al professionista).

In merito, infine, all’ultima domanda posta, correttamente si evidenzia come il parere dell’Ordine professionale – che ha natura di ente pubblico non economico - costituisca a tutti gli effetti atto amministrativo: “Il soggetto che si ritenga pregiudicato dal parere espresso dal Consiglio dell’Ordine forense in ordine alla congruità di una richiesta di onorari è portatore di un interesse legittimo - connesso ad un interesse pubblico, garantito da norme di azione - da far valere dinanzi al giudice amministrativo. Il parere del consiglio, infatti, è atto amministrativo sotto il profilo sia soggettivo che oggettivo, attesane la provenienza da un Organo preposto a funzione pubblicistica - svolta nell'interesse della categoria, intesa in senso unitario, e dei suoi singoli componenti nonché a protezione del cliente del professionista - e, d'altro lato, il fatto per cui tale parere integra un apprezzamento tecnico espresso da Autorità, al riguardo, istituzionalmente competente” (T.A.R., (Toscana), sez. I, 02 luglio 1996, n. 596: la pronuncia riguarda un ordine forense, ma il principio vale per qualsiasi ordine professionale).

Conseguentemente l’Ordine soggiace pienamente alle regole del procedimento amministrativo, per cui: “Premessa la natura oggettivamente e soggettivamente amministrativa dei pareri di congruità in materia civile reso dall'Ordine Avvocati, la relativa procedura di adozione deve essere soggetta alle norme generali che governano l'azione amministrativa e, in particolare, tenuto conto della specifica funzione istituzionale attribuita all'organo professionale e della natura degli interessi coinvolti, all'art. 7 della legge n. 241 del 1990, che impone l'obbligo della comunicazione dell’avvio del procedimento amministrativo ai soggetti nei confronti dei quali il provvedimento finale è destinato a produrre effetti diretti” (T.A.R. Venezia, (Veneto), sez. I, 13 febbraio 2014, n. 183).

La portata generale della citata disposizione normativa (art. 7, L 241/1990) non tollera eccezioni alla sua applicazione, che non siano espressamente contemplate dalla legge, con la duplice conseguenza che, da una parte, i procedimenti sottratti alle regole sulla partecipazione al procedimento amministrativo sono solo quelli specificamente individuati in via normativa, e, dall’altra, vi è l'obbligo, per l’ente pubblico, di dare comunicazione di avvio in ordine a qualsiasi procedimento non espressamente contemplato tra quelli esclusi dall'art. 13 della legge legge 7 agosto 1990 n. 241.

Tonino C. chiede
domenica 29/01/2012 - Lazio
“il mio ex legale ottiene decreti ingiuntivi e provvisorie escuzioni senza il parere del consiglio dell'ordine qualcuno mi puo spiegare come e' possibile”
Consulenza legale i 06/02/2012

L'art. 636 del c.p.c. sul punto è chiaro e precisa che, per la riscossione dei crediti di cui ai n. 2 e 3 dell'art. 633 del c.p.c., è prova scritta sufficiente la parcella relativa alle spese e prestazioni fornite, sottoscritta dal professionista e corredata dal parere dell'associazione professionale competente, qualora l'ammontare delle spese non sia determinato da tariffe obbligatorie.

L'avvocato deve munirsi del parere dell'ordine di appartenenza per poter chiedere il decreto ingiuntivo ex art. 633 c.p.c., tanto che il giudice è tenuto ad uniformarvisi. Il parere non si esaurisce in una mera certificazione del credito esposto alla tariffa professionale essendo esso esposizione di un motivato giudizio critico e non di una mera operazione contabile. Detto parere corrisponde ad una funzione istituzionale dell'organo professionale in vista degli interessi degli iscritti e della dignità della professione, nonchè dei diritti degli stessi clienti, ed è volto ad impedire richieste di onorari sproporzionati (così anche Cass. Civ. SS.UU. 2008/6534).


Testi per approfondire questo articolo

  • Il decreto ingiuntivo. Con CD-ROM

    Collana: Legale
    Pagine: 758
    Data di pubblicazione: febbraio 2014
    Prezzo: 78,00 -5% 74,10 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    L'opera, con formulario e giurisprudenza su cd-rom, è aggiornata al cosiddetto Decreto del fare (L. 98-2013). Il testo, ricco di riferimenti dottrinali e giurisprudenziali, approfondisce le varie fasi del procedimento d'ingiunzione fino ad arrivare al procedimento di opposizione al decreto ingiuntivo. Numerose sono le pronunce della giurisprudenza di legittimità e di merito, nonché della Corte Costituzionale, che hanno via via precisato e confermato l'ambito di... (continua)

  • Decreto ingiuntivo

    Editore: Ipsoa
    Collana: Manuali professionali
    Pagine: 480
    Data di pubblicazione: maggio 2017
    Prezzo: 45,00 -5% 42,75 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    Il volume analizza l'istituto del decreto ingiuntivo sotto tutti gli aspetti procedurali: si parte analizzando il decreto ingiuntivo nei suoi elementi essenziali, con particolare riguardo al decreto ingiuntivo quale titolo esecutivo, alle condizioni di ammissibilità, alla notificazione, all'esecutività provvisoria inaudita altera parte e in pendenza di opposizione, al ricorso ed opposizione, all’eventuale sospensione dell'esecuzione provvisoria, fino alla dichiarazione... (continua)

  • Il procedimento d'ingiunzione. Art. 633-656

    Editore: Zanichelli
    Pagine: 528
    Data di pubblicazione: luglio 2012
    Prezzo: 86,00 -5% 81,70 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo
  • Il procedimento d'ingiunzione

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: settembre 2012
    Prezzo: 45,00 -5% 42,75 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    Un tema classico, quello del procedimento d'ingiunzione, ma di grandissima applicazione pratica, è l'oggetto di questa "storica" monografia. A circa vent'anni dalla prima, quest.edizione è totalmente aggiornata alla luce dei vari interventi normativi (il processo civile è radicalmente cambiato), le varie riforme, infatti, hanno inciso in modo diretto o indiretto, sul procedimento monitorio nonché delle vastissima produzione dottrinaria che giurisprudenziale. Dai... (continua)

  • Il decreto ingiuntivo e l'opposizione

    Editore: CEDAM
    Pagine: 534
    Data di pubblicazione: ottobre 2013
    Prezzo: 45 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    “Il decreto ingiuntivo e l’opposizione” è un’opera suddivisa in due parti, la prima redatta da Antonio Valitutti, la seconda da Franco De Stefano, che si pone l’obiettivo di fare il punto, anche con riferimento alla giurisprudenza più recente, sul procedimento monitorio, operandone una complessiva rilettura e sottolineandone le potenzialità deflattive derivanti dalla sua attitudine alla definizione, in tempi rapidi e con efficacia di... (continua)

  • Decreto ingiuntivo
    Manuale con formule. Contiene CD-Rom

    Editore: Giuffrè
    Collana: Manuali con formule
    Data di pubblicazione: gennaio 2013
    Prezzo: 52,00 -5% 49,40 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    Il volume costituisce una guida per il procedimento d'ingiunzione considerato in tutte le sue fasi, da quella a cognizione sommaria sino a quella (eventuale) a cognizione piena che ha luogo con l'inizio del giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo. L'opera oltre a contenere una vasta esposizione aggiornata della produzione giurisprudenziale, nella trattazione sistematica dei singoli argomenti, segue un itinerario improntato ad un percorso ragionato circa le numerose problematiche ed... (continua)

  • Il procedimento monitorio. Decreto ingiuntivo. giudizio di opposizione. Recupero crediti per insoluto su estero

    Editore: CEDAM
    Pagine: 1130
    Data di pubblicazione: marzo 2013
    Prezzo: 90,00 -5% 85,50 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    L’opera ha per oggetto la materia del procedimento monitorio, sviluppata partendo dall’esame del decreto ingiuntivo per giungere alla fase processuale del giudizio di opposizione. Il volume che tratta di una materia di grande interesse pratico ed attualità, si occupa di esaminare in taglio pratico ed operativo tutte le fasi che caratterizzano il procedimento monitorio. Vengono, pertanto, esaminate nel dettaglio aspetti quali la forma della domanda, i provvedimenti... (continua)

  • L'esecutività del decreto ingiuntivo

    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria pratica del diritto. Civ. e proc.
    Data di pubblicazione: gennaio 2016
    Prezzo: 45,00 -5% 42,75 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    Il volume analizza l'esecutività del decreto ingiuntivo in tutte le sue possibili esplicazioni, affrontandone i principali problemi pratici e applicativi. Nell'indagine sviluppata convergono profili concernenti, per un verso, la natura spuria del modello monitorio al quale il codice di rito si ispira e, per altro verso, la stessa idoneità di un provvedimento monitorio a fungere in sé da titolo esecutivo. L'elaborazione si snoda nella dicotomia tra fattispecie di... (continua)

  • Opposizione a decreto ingiuntivo

    Autore: Ianni Giusi
    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria pratica del diritto. Civ. e proc.
    Data di pubblicazione: novembre 2013
    Prezzo: 25,00 -5% 23,75 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    L'opera approfondisce la vasta tematica dell'opposizione a decreto ingiuntivo, con particolare attenzione alle problematiche di ordine pratico destinate a presentarsi nelle aule giudiziarie. Vengono esaminati tutti gli snodi del giudizio di opposizione, dalle modalità di introduzione, all'istruzione, ai possibili esiti definitori. Sono analizzate, inoltre, le principali questioni sottese agli istituti di cui agli artt. 648 e 649 c.p.c., che consentono alle parti del giudizio di... (continua)

  • Il decreto ingiuntivo. Con CD-ROM

    Collana: Serie L. Professionale
    Pagine: 896
    Data di pubblicazione: marzo 2013
    Prezzo: 70,00 -5% 66,50 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    Il procedimento per decreto ingiuntivo rappresenta, come noto, lo strumento più duttile per la definizione rapida ed efficace delle controversie di più semplice decisione. In tempi come gli attuali, in cui le croniche lentezze del processo civile, cui si è cercato, non sembra con fortuna, di ovviare con le numerose riforme del codice di rito poste in essere negli ultimi anni, non consentono di raggiungere la definizione dei procedimenti in tempi rapidi, l'utilizzo del... (continua)